Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 22:12 - 07/12/2022
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Notizia fresca fresca :
Due anziani, pensione sociale , che procedevano con fare sospetto, sono stati fermati dalla GDF .
Alle varie domande , fra l'altro hanno dichiarato di andare a comprare le .....
HOCKEY

La prima fase dei campionati nazionali indoor non arride alle formazioni dell'Hockey Club Pistoia impegnati nei vari tornei.

BASKET

La Gioielleria Mancini impegnata in trasferta ancora con una sfida inedita contro l’Audax Carrara di Francesco Tealdi. Nelle fila monsummanesi da segnalare il ritorno di Gabriele Bellini dopo quasi due mesi di assenza.

RALLY

È un resoconto soddisfacente, quello analizzato da Jolly Racing Team a conclusione del Rally della fettunta, appuntamento svoltosi nel fine settimana sulle strade della provincia di Firenze.

BASKET

Trasferta amara per la Over Nico Basket, che dopo tre quarti giocati in equilibrio, cedono negli ultimi 10 minuti sotto i colpi di una Pielle Livorno in serata di grazia.

BASKET

Fabo Herons annuncia la fine del rapporto di lavoro con Federico Casoni.

CALCIO

Domenica alle ore 14:30 lo stadio "Idilio Cei" di Larciano ospiterà il sessantunesimo derby della storia in campionato tra viola ed azzurri.

BASKET

La Fabo Herons ha un assetto totalmente nuovo, dopo aver preso in A2 Adrian Chiera, dalla serie superiore arriva anche l’ultimo inserimento rossoblù, Marco Arrigoni, milanese, 31 anni, 3 promozioni dalla B alla A2, l’ultima qualche mese fa con Rimini, di cui era capitano.

RALLY

Due stagioni su asfalto e, al termine della seconda per la GR Yaris Rally Cup, arriva il debutto su fondo sterrato. Avrà luogo nel fine settimana prossimo, 10 e 11 dicembre, in occasione del Rally del Brunello, sesto e conclusivo atto del Campionato Italiano Rally Terra, a Montalcino, Siena.

none_o

A dicembre e gennaio le sedi di Pistoia Musei restano sempre aperte.

none_o

Venerdì 9 dicembre alle ore 17,45 sarà inaugurato, presso il foyer del teatro Pacini, il nuovo allestimento.

Per te, che sei per me una fiammella,
che generasti il figlio .....
IL SEGNO DEL MESE
di Sissy Raffaelli

Il segno del mese.

IL MONDO IN TAVOLA
di Sissy Raffaelli

Fritole veneziane.

Sales and Didactic Consultant

Descrizione della posizione

SI .....
E'stato scritto e pubblicato un libro sulla presenza del grande .....
 3
Sono disponibili 3294 articoli in archivio:
 [1]  ...  [108]   [109]   [110]   [111]   [112]   [113]   [114]  ...  [132] 
AVVERTENZA: In caso di risposta a un articolo già presente nel forum, si invita i lettori ad usare il comando RISPONDI. Usando questo comando la risposta dell'utente ottiene una maggiore visibilità, perchè viene collocata automaticamente in due spazi diversi. Viene inserita infatti 1) nella prima pagina del forum in successione temporale, come tutti gli altri interventi; 2) viene inserita anche nel riquadro dei DIBATTITI IN CORSO, dove gli articoli rimangono un tempo maggiore.
Il primo lettore che risponde a un tema già presente nel forum e adopera il comando RISPONDI attiva automaticamente un dibattito. Il comando RISPONDI consente di sviluppare dibattiti su temi specifici.
In risposta a: del
revoca delle deleghe a Volpe
AUTORE: idv monsummano terme
email: [protetta]

6/8/2012 - 23:46

La segreteria dell’IDV di Monsummano ha preso atto della decisione del sindaco di una variazione della giunta con revoca delle deleghe al nostro assessore IDV Gianluca Volpe e new entry del rappresentante della lista civica Giampaolo Balcarini che riceve le deleghe in precedenza attribuite a Giacomo Pasqui esponente di Rifondazione per l’assessorato ai lavori pubblici. Siamo profondamente delusi dalla decisione del sindaco di fare la scelta di un team che non rappresenta l’espressione del voto dei cittadini alle ultime elezioni ma solo una componente numerica per portare a termine il mandato. Particolarmente ipocrita ci è sembrata la dichiarazione in conferenza stampa secondo la quale il sindaco ha dovuto insistere per fare accettare al consigliere Balcarini le deleghe di assessore mentre tutti sappiamo che è stato tartassato da mesi per l’avvicendamento delle deleghe tra IDV E Lista civica. Come componenti della coalizione di maggioranza possiamo solo ricordare che siamo stati alleati fedeli, onesti e leali nel buongoverno della città, siamo perfettamente tranquilli che i nostri elettori ci sosterranno comunque anche senza la rappresentanza in giunta. Le nostre battaglie da portare avanti sono ben altre che il rifacimento di un marciapiede o un’esternalizzazione dei servizi, c’è una profonda crisi economica che grava sui cittadini e che sta causando gravi disagi nella vita delle famiglie. La perdita del lavoro, i tagli alla sanità e ai servizi, il raddoppio delle tasse scolastiche sono solo una parte dello scollamento tra vita reale e la classe politica che ci governa ed è per questo che intendiamo portare avanti le nostre battaglie sull’acqua pubblica, sulla tutela del lavoro e l’abolizione dei privilegi della casta. Caro sindaco, lei ha preferito saziare la fame di poltrone e l’arrivismo sfrenato di alcuni navigati della politica che da anni imperversano nell’amministrazione di Monsummano e vorrei ricordarle che il sig. Balcarini ora assessore, ha recuperato alle ultime elezioni solo una quarantina circa di voti, magro bilancio per una persona che fa politica da quarantanni nello stesso posto. Comunque poiché siamo persone perbene le facciamo i nostri migliori auguri pensando che le prossime elezioni sono a un giro di boa.
----------------  RISPONDI





In risposta a: del
accorpamento comuni
AUTORE: sara
email: [protetta]

6/8/2012 - 13:17

in tempi di spending review bisognerebbe pensare oltre all'eliminazione delle regioni a statuto speciale che non hanno più ragione di esistere (lo erano dopo l'unificazione per le problematiche varie) in quanto se esistono sempre delle difficoltà per queste regioni significa che non si è fatto niente o che c'è ora solo una convenienza economica a tenerle in vita, anche all'accorpamento dei piccoli comuni che comunque per vicinanza territoriale devono accordarsi con i territori limitrofi onde evitare di approvare politiche molte diverse in territori attigui (vedi la raccolta differenziata per coloro che buttano i rifiuti nei paesi limitrofi, o altro ancora, come i vincoli paesaggistici, ecc.)
spero pertanto che i politici locali prendano iniziative serie in questo senso e si rimbocchino le maniche per costruire delle alleanze comunali e ridurremo in questo modo i costi della politica
----------------  RISPONDI





In risposta a: del
Il campanile
AUTORE: Gianluca Errot
email: [protetta]

2/8/2012 - 17:14

Ho visto il nuovo tempio di S.Lucia e mi è piaciuto. C'era pace la dentro, mi ha ricordato un'altra bella chiesa finlandese che tempo fa avevo visitato. In quest'ultima visita eravamo da soli, io e mia moglie…ampie scalinate esterne, splendide vetrate, e silenzio, silenzio e raccoglimento. Poi il campanile a vela mi ha ricordato mia nonna Clementina che a me bambino mostrava una fotografia scattata non so quando ma so l'occasione: Era durante la "fondazione" del campanile di mattoni a faccia vista cui la popolazione partecipava in folta schiera.. pensate che c'era anche chi gettava monete nel calcestruzzo.. e mia nonna scorrendo l'indice sulla foto mi diceva: Questa è la Silvana, questa è la Lina, questo è Umberto che ora è morto, questo è….questa è (pareva li conoscesse proprio tutti) ed io non faticavo a riconoscere quelle persone che spesso incontravo o andando a scuola oppure a messa o li vedevo lavorar nei campi.
Erano quelle persone che sentendo suonare le campane "a morto" si raccoglievano in breve silenzio levandosi il cappello, ed eran pronte ad accorrere in situazioni di difficoltà. Queste persone - anche se quasi tutte sono ormai passate a "miglior vita" - sono state deluse…. gli hanno ammutolito il campanile, e fra l'indifferenza dei nuovi cittadini la sua voce se n'è andata più lontano… quel campanile che avevano ammirato per l'altezza, lo slancio, l'eleganza, oggi sarà rifugio per rapaci notturni e la croce che lo sovrasta posatoio per piccioni Gianluca Errot 3 Agosto 2012
----------------  RISPONDI





In risposta a: puliamo... del 30/7/2012 - 13:57
ci pulisco da me...
AUTORE: Zona Sud
email: -

2/8/2012 - 14:02

Ok,allora se chi abita sottoverga nella zona sud deve accettare di vivere nello sporco perchè è una zona di serie B VOGLIO PAGARE MENO TASSE di chi abita sopraverga.
----------------  RISPONDI





In risposta a: Cristo si è fermato in via del salsero del 29/7/2012 - 12:01
Via Cadorna: dei lavori attesi da anni
AUTORE: Rocky
email: -

31/7/2012 - 13:51

Desidero ringraziare il Sindaco Bellandi per l'attenzione dimostrata alla zona sud ed in particolare per i lavori, che stanno procedendo per il meglio, in via Cadorna dove abito da sempre con la mia famiglia.
Rocky
----------------  RISPONDI





In risposta a: STOP ALL'AMIANTO del 26/7/2012 - 14:27
solo per completezza
AUTORE: eternit
email: -

30/7/2012 - 16:36

L'amianto nell'eternit, è pericoloso solo quando è talmente usurato che il materiale si sfarina, riempendo l'aria di polviscolo, quindi non sempre è necessario la sua immediata rimozione. Certo meglio che non ci sia ma ... La causa della di della morte di tante persone è quasi esclusivamente riconducibile al fatto che hanno lavorato il materiale, come alla BREDA che veniva spruzzato sulle pareti e sui tetti delle carrozze, e veniva continuamente respirato dagli operai.
----------------  RISPONDI





In risposta a: Cristo si è fermato in via del salsero del 29/7/2012 - 12:01
puliamo...
AUTORE: Spazzino
email: -

30/7/2012 - 13:57

lei ha ragione,ma purtroppo fate parte della zona Sud(non me ne vogliano i Meridionali)sottoverga ed è la verità...,in centro o al viale Verdi sede Palazzo Comunale è sempre pulito.
----------------  RISPONDI





AUTORE: Ecologico
email: -

29/7/2012 - 12:01

Provate a camminare sul marciapiede che si trova tra via Friuli e via Pienonte(lato comando vigili)e troverete tanti escrementi di bestie che rimangono a lungo in questo luogo.

La colpa non è degli animali(cani) ma dei padroni,non ho mai visto i proprietari armati del famoso sacchetto raccoglitore,perchè ignorano il regolamento comunale che li obbligherebbe al ritiro di questi escrementi.

Morale restano in essere sul posto fino alla tostatura del sole in attesa di una pioggia provvidenziale che sostituirà
l'opera degli spazzini,figure viste raramente da queste parti.
----------------  RISPONDI





In risposta a: E il progetto per la Torretta? del 25/7/2012 - 18:27
STOP ALL'AMIANTO
AUTORE: Marco Forno
email: [protetta]

26/7/2012 - 14:27

i Comuni della Valdinievole DEVONO obbligare le aziende e le case che hanno coperture e tetti in amianto a smantellare TUTTO. La Regione Toscana dovrebbe mettere risorse economiche per incentivare ciò. Lo stato dovrebbe favorire il fotovoltaico per sostituire eternit e amianto con pannelli fotovoltaici incentivati dal ministero all'ambiente e dall'europa.
è notizia di questi giorni di nuove morti riconosciute a causa di amianto ed eternit. dobbiamo AGIRE
----------------  RISPONDI





In risposta a: del
E il progetto per la Torretta?
AUTORE: Marcello
email: -

25/7/2012 - 18:27

Un pò di tempo fa venne sbandierato sulla stampa lucale il bel mega progetto del centro benessere da costruire alla Torretta. Ora, dopo qualche tempo, noto che di tale progetto non si è vsita neppure l'ombra e che il "capofila" dell'operazione ha costruito il suo centro al confine tra Pieve a Monsummano; per cui mi viene da pensare che è caduto definitivamente nel dimenticatoio e non se ne farà di niente, ritrovandoci con la Torretta chiusa invece che il "paradiso" preventivato. Fermo restando che a parere del sottoscritto la città abbia perso un'altra ottima possibilità di sviluppo, sono a chiedere il perchè non se ne è fatto piu' niente, dato che non ricordo di aver letto nulla sulla stampa in proposito. Questo, oltre che essere una curiosità personale, può aiutare a far comprendere le motivazioni su questa situazione e anche di altre ... per cui invito chi è a conoscenza di come è andata la mancata realizzazione del centro benessere a renderla pubblica .....
Marcello
----------------  RISPONDI





In risposta a: Questo forno puzza di bruciato del 23/7/2012 - 18:26
la speculazione edilizia puzza di bruciato
AUTORE: Marco Forno
email: [protetta]

24/7/2012 - 13:11

NO ALLA SPECULAZIONE EDILIZIA E A GRUPPI DI INTERESSE PRIVATI CHE VOGLIONO MANGIARE SULLA CITTA'

La richiesta che ci apprestiamo a formalizzare a tutte le istituzioni competenti è una proposta semplice e coerente con quanto dichiarato dal sindaco Bellandi in campagna elettorale: no a una palazzina nel terrenno sito in via redi laddove un tempo sorgeva un autolavaggio. Stiamo facendo sorgere un comitato. Legambiente ci sostiene. Adesso ci rivolgeremo ai partiti. Non abbiamo colore politico, è il buon senso a guidarci.
Il mio nome è Marco Forno, chiunque lo desideri mi può trovare su facebook e mi può scrivere all'indirizzo di posta forno_marco@virgilio.it
PS Il puzzo di bruciato? spaventa solo chi ha la coda di paglia!
----------------  RISPONDI





In risposta a: Nessun palazzo nell'area ex Slam in via Redi del 23/7/2012 - 8:52
Questo forno puzza di bruciato
AUTORE: Carletto Ventilato
email: -

23/7/2012 - 18:26

O come mai viene fuori questo forno proprio oggi che è più fresco e tira vento? Mah, mi sembra strano.
Comunque io che sono residente li' vicino davvero, a circa 80 metri da quello schifo, vorrei vedere l'appezzamento rimesso a nuovo. Mi risulta che nel piano predisposto dagli uffici comunali ci sia anche un giardino di 200/300 metri oltre alla palazzina. Sicchè sarebbe senz'altro meglio di com'è ora. Non ci saranno mica invece degli altri interessi diversi?
----------------  RISPONDI





AUTORE: Maro Forno
email: -

23/7/2012 - 8:52

Nessun palazzo deve sorgere nell’area ex-Slam di via Redi: vogliamo un parco pubblico con giochi per bambini.

In città si parla di un "cambio" con il recupero del complesso ex-Kartos; mi sento di rappresentare molti cittadini che vivono nella zona dell'area in oggetto di intervento, vorrei che tutti gli impegni presi in campagna elettorale dal sindaco Giuseppe Bellandi fossero rispettati: vogliamo che sia realizzato uno spazio verde come promessoci in campagna elettorale.
Quest’area dove una volta sorgeva un’attività di autolavaggio NON ACCETTEREMO MAI CHE venga trasformata nella sede di un palazzo alto dieci metri, come prospettato dal Sindaco Severi.
I problemi della Kartos non devono entrare nella nostra zona residenziale, un quartiere già troppo costruito.
Sulla vicenda Kartos, oltretutto, rimangono alcuni importanti aspetti da chiarire: quando verrà rimosso l'eternit? a settembre quando comincerà l'attività scolastica alle scuole de amicis non ci sarà pericolo per famiglie, docenti e studenti?
Marco Forno
----------------  RISPONDI





In risposta a: del
Criteri d'accorpamento
AUTORE: Province
email: -

20/7/2012 - 18:33

Il consiglio dei ministri ha dato il via libera ai criteri per l'accorpamento delle province italiane.
I requisiti per rendere possibile questi nuovi enti hanno due paletti da rispettare,un minimo di 350.000 abitanti ed inoltre un'estensione territoriale di almeno 2.500 Km.quadrati.
Per la nostra Pistoia,in un'eventuale accorpamento con Prato, si avrebbero circa 550.000 abitanti(OK) ma ,per la questione grandezza, avremmo un territorio quasi metà di quello richiesto (1.329 contro i 2.500 stabiliti.
La logica sarebbe di rimettere tutto a posto con l'adesione di Firenze ,l'unica in Toscana ad essere in regola con i parametri richiesti.
Sembrerebbe facile,ma c'è il nodo dell'area metropolitana ,se questa città possa o meno rientrare nei criteri dell'accorpamento dato che non avrà più una propria provincia.
Lucca, probabilmente, si accorperà con Massa e Carrara(abitanti 600.00 e Km.quadrati OK)Pisa con Livorno(760.000 abitanti e Km.quadrati OK)ma Pistoia che fine farà?Tra breve ne sapremo di più.
----------------  RISPONDI





In risposta a: sbagliato... del 18/7/2012 - 16:35
Precisazione
AUTORE: Giovanni torre
email: -

18/7/2012 - 19:39

Capisco il messaggio ma il mio intervento si riferiva a certi personaggi che rispondono ad altri con la stizza di dover imporre obbligatoriamente agli altri un nome e ciognome e,nello stesso tempo, non forniscono il proprio.Tutto lì.
----------------  RISPONDI





In risposta a: anonymous del 18/7/2012 - 9:20
sbagliato...
AUTORE: Massimo Cappelli (o anche pinco pallino)
email: [protetta]

18/7/2012 - 16:35

Mi spiace contraddirti Giovanni, ma con siti come, per esempio, yopmail.com (ma ne esistono centinaia), si possono creare indirizzi mail di qualsiasi tipo. Vuoi provare a scrivermi a pincopallino@yopmail.com? Oppure a giovannitorre@yopmail.com?
Quando lo hai fatto avvertimi, così vado a risponderti...
Tutto questo solo per dirti che, in rete, non esiste un metodo sicuro per sapere con chi si stia parlando... nemmeno con una registrazione al sito, che potrebbe essere fatta sempre col solito metodo della mail di cui sopra...
----------------  RISPONDI





In risposta a: del
anonymous
AUTORE: Giovanni Torre
email: -

18/7/2012 - 9:20

Mi sento di esprimere un mio giudizio circa il pensiero comune che nella rubrica dei commenti si possa essere arroganti con gli altri perchè hanno fornito un nome di fantasia o nemmeno quello.per me anche colui che fornisce il solo nome di battesimo è uguale e, sottolineo uguale, a tutti coloro che sono anonimi.
Anche lui ,non dando il cognome ,è sulla stessa barca e quindi non può permettersi di salire in cattedra per queste cose.
Di Luca,Andrea,e via dicendo ce ne sono a migliaia e quindi chi è l'interlocutore?
Nota alla redazione sarebbe auspicabile che avessero spazio tutti,di tutte le tendenze politiche ma che scrivessero il proprio nome e cognome,magari con l'indirizzo e.mail.Questo sarebbe uscire allo scoperto altrimenti è troppo facile commentare nell'anonimato totale.Saluti
----------------  RISPONDI





In risposta a: del
E meno male che Silvio c'è
AUTORE: Giuliano Profili
email: [protetta]

16/7/2012 - 13:39

Sarebbe importante conoscere l’opinione dei lettori sul fatto politico che ha riempito i giornali della settimana,il possibile ritorno di Berlusconi sulla scena politica italiana nonostante la fuga del Novembre scorso da Palazzo Chigi lasciando nel paese un cumulo di macerie. Nella stessa circostanza,con una originale decisione monarchica che poco si addice alla democrazia, decise di nominare Alfano coordinatore del partito,annunciando il suo ritiro dalla politica,oggi con un'altra decisione poco democratica, senza nessun passaggio nel partito durante una apparizione televisiva, nel salotto del suo instancabile innamorato Vespa, annuncia il suo ritorno. Da qui nasce la domanda di un normale cittadino, possiamo pensare a un depistaggio politico? A necessità sue, delle sue aziende? Od a una inutile perdita di tempo per rinviare ogni riforma? Credo che la maggioranza degli italiani come mostrano l’ultima consultazione elettorale e gli ultimi sondaggi, si aspettino dalla politica, dai politici, in questo momento ben altro, iniziando dalla riforma elettorale che impedisca la nomina dei parlamentari come avviene oggi, la riforma Costituzionale che riduca il numero degli eletti,snellendo il sistema parlamentare italiano avvicinandolo agli altri paesi europei, seguito dalla riduzione degli stipendi dei parlamentari non del 10% ma del 200%, sarebbe ancora un dignitoso stipendio, rispetto a chi deve sopravvivere con pensioni da fame, o a chi è senza lavoro e perchè in un sistema democratico ci si dovrebbe impegnare per dare e non per ricevere. Come si può ancora pensare che chi è stato tre anni in parlamento, riceva un vitalizio, pari a sette volte una pensione al minimo. In questo momento credo che non basti parlare solo di riduzioni di Province, ma occorre uno sforzo a 360 gradi, occorre che la politica sappia dare non solo al paese, ma a se stessa, una prova di coraggio,come è avvenuto in altri tristi periodi della nostra storia,deve ritrovare l’idea che questo paese, o lo salviamo tutti assieme,oppure sarà la stessa politica a preparare periodi più duri per gli italiani, occorre pensare allo sviluppo, al lavoro, a fermare la corruzione, a far funzionare la giustizia, non con leggi ad personam , a una seria lotta agli sprechi. Per questo mi domando e domando ai lettori, cosa ne guadagnerebbero dal ritorno sulla scena politica di Berlusconi? Lo abbiamo già conosciuto nel ruolo di premier? Lo abbiamo già sperimentato sulla scena internazionale? Abbiamo visto chi erano gli statisti amici dell’Italia. Mi domando e domando, come un personaggio, dopo 20 anni di impegno politico, con un bilancio disastroso per il paese, possa pensare di riaffacciarsi sulla scena politica? Mi domando e domando, come possa fare uno di 75 anni che a fatto il tifo giustamente per la rottamazione negli altri partiti, possa pensare che questo non vale per lui? Da qui il mio convincimento, che questa idea sia il tentativo di oscurare le giuste preoccupazioni del Presidente della Repubblica, che sta chiedendo al parlamento di accelerare l’iter sulla riforma elettorale,sarebbe un incomprensibile suicidio per il parlamento presentarsi alla scadenza della legislatura, senza una riforma elettorale capace di far rinascere nei cittadini la fiducia per la politica. Queste strane idee dell’ex premier certo non aiutano in questa direzione, ma al contrario alimentano verso la politica ed i politici pericolosi elementi di grillismo dannosi per la democrazia. Io sono convinto, che non siamo più al 1992 quando in piena tangentopoli, avvalendosi del suo potere mediatico,populista,in un paese disorientato dagli scandali che travagliavano i partiti, con la sua discesa in campo, aiutato da una destra che cercava di uscire da 50 anni di isolamento , dalla Lega padano/veneta, che con Bossi,Maroni,Borghezio,Gentilini, stava costruendo fortune politiche sulle tragedie dell’emigrazione, della sicurezza sociale, dai primi segnali di crisi economica,da una timida sinistra riformista che si avvito su se stessa, non fu difficile convincere gli italiani in quel momento di sbandamento, per colui, che aveva costruito un impero finanziario, un impero immobiliare, non sempre in modo trasparente come poi abbiamo visto, che al momento appariva come il volto nuovo della politica, poteva avere anche gli attributi per governare anche il paese. Oggi dopo 20 anni tutti noi siamo memori del fallimento delle sue idee, del suo populismo, dello sfaldamento della destra,della fine di Bossi e della Lega, nonostante in questa legislatura avessero una maggioranza parlamentare bulgara, il salvatore del paese,l’uomo unto dal Signore, ha dovuto abbandonare la nave, fare le valigie e lasciare invocando più poteri,(DATEMI IL 51%) nessun statista italiano ha mai fatto affermazioni del genere. Allora come possono ancora fidarsi gli italiani dei suoi nuovi propositi? Come è possibile che nel centro destra, non si senta nessuna voce dissonante? Dobbiamo davvero rassegnarci che siano tutti iscritti al suo libro paga? Io continuo a sperare che non sia cosi, vedo tanti giovani di destra e di sinistra, impegnati a vari livelli nella vita quotidiana,nella politica,nel sociale,nel volontariato, abbiamo visto anche recentemente in occasione delle alluvioni, nei disastri del terremoto, quanto entusiasmo, quante risorse umane ha ancora questo paese a disposizione. Per questo credo, che un politico dopo venti anni di permanenza sulla scena politica, debba lasciare spazio a questi giovani ritirandosi, se soprattutto, il progetto politico che sosteneva e stato fallimentare, come nel caso di Berlusconi e dei suoi governi. Oggi occorre che questa concezione di rinnovamento della politica, diventi un progetto che appartiene a tutte le forze politiche, solo questo può aiutare il paese a risollevarsi, a creare fiducia nei giovani verso la politica, fermando i pericolosi sentimenti di antipolitica che disgregano la società. Dovremmo tutti domandarci, ma quanto ancora dobbiamo aspettare per avere un Parlamento di eletti e non di nominati? Pensiamo davvero che il ritorno del monarca lo possa garantire? O forse manca ancora il coraggio per indignarsi di fronte a simili notizie.
Giuliano Profili
----------------  RISPONDI





In risposta a: del
000
AUTORE: sss
email: -

16/7/2012 - 12:25

Sul quel travertino questo inverno qualcuno si romperà una gamba a causa dell'alta scivolosità del marmo.
----------------  RISPONDI





In risposta a: Ma quali retaggi del passato? del 10/7/2012 - 13:22
Ne Pistoia ne Lucca
AUTORE: Alberto
email: -

13/7/2012 - 14:22

Caro Maurizio, la parola fine al dibattito in questione che dura da due anni l'ha messa Monti con la spending review togliendo le provincie piccole ed obbligando i singoli comuni ad accorparsi con altri, giusto o sbagliato, cosi è punto e basta. Sono totalmente d'accordo con te sul fatto che Pistoia, dall'avere all'interno della sua provincia i comuni della valdinievole, ci abbia solo guadagnato senza poi dare molto in cambio. Ma chi ti garantisce che la provincia di Lucca possa agire diversamente ? E' vero che per alcuni comuni della Garfagnana è stato fatto molto soprattutto a livello occupazionale favorendo la nascita di stabilimenti industriali importanti(strade, acquedotti, terreni...etc) ma adesso i tempi sono un po cambiati ed anche da quelle parti cominciano ad accusare la crisi, chissà se avranno la possibilità di investire nei "nuovi territori". Il concetto che volevo esprimere è che secondo me sarebbe stato meglio abolire tutte le provincie, dando maggiore autonomia ai singoli comuni che sicuramente conoscono meglio il territorio, visto che le giunte sono composte da gente del posto, raggiungendo così anche l'obbiettivo di "responsabilizzare" alcuni politicanti locali che non troverebbero più scusanti all'evidente incapacità amministrativa palesata in parecchi dei comuni della zona.
Questa è solo la mia opinione, non so se sembreranno chiacchiere da salotto, in effetti ho il pc sul tavolo di sala....
----------------  RISPONDI





In risposta a: Pistoia o Lucca del 11/7/2012 - 13:58
Pistoia o Lucca
AUTORE: antonio
email: -

12/7/2012 - 11:35

Io continuo a preferire Lucca come città, non entro nel merito di chi ha fatto meglio come provincia o chi ha la storia meglio (viviamo nell'oggi ed andiamo nel futuro...spero), semplicemente piacendomi di più, e potendo, preferirei "legarmi" ad essa.
Poi comunque, e per "polemizzare" sulla situazione dicendo la mia, non capisco che senso abbia dimunuire le province per risparmiare:
ma se una cosa la si deve fare allora perchè non farla per bene.. ELIMINIAMOLE TUTTE e lasciamo le regioni a farne le veci eventuallmente potenziandone i poteri e gli organici, mi sembra che sia il "solito giochino" del cambiare nome/forma alle cosa per buttare solo fumo negli occhi ai contribuenti (vedi FI ed altri che si chiameranno aree metropolitane...)
saluti a tutti
----------------  RISPONDI





In risposta a: Ma quali retaggi del passato? del 10/7/2012 - 13:22
Pistoia o Lucca
AUTORE: Giovanni Torre
email: -

11/7/2012 - 13:58

Vorrei intervenire per il semplice fatto che le cose andrebbero ridimensionate nella verità storica ed in prospettiva futura.
Non ci sono dubbi che Pescia è stata per centinaia di anni la favorita dei fiorentini(Medici),i lucchesi erano visti con diffidenza,almeno da Firenze,se lei si riguarda la storia vedrà che Pescia è stata sempre con la parte dei più forti,Castruccio permettendo e stando da quella parte ha ottenuto quello che ha attualmente,lascio a lei dire che cosa.
Quindi codesto feeling con Lucca nasce da considerazioni non supportate dalla storia.per la Valdinievole mi risulta che solo alcuni pesciatini mantengono codesto vittimismo nei confronti del capoluogo ,reo ai primi passaggi di dare tutto a Momtecatini (ora allargato a tutta la Valdinievole) e non a Voi.Mi domando sarà colpa della provincia di Pistoia se Montecatini è in crisi profonda,oppure se Monsummano non è stata ai tempi con la fabbricazione di scarpe più economiche,la verità,caro signore, è che gli imprenditori locali ,di concerto con le proprie amministrazioni,hanno ridotto i vari paesi allo stato attuale.Se le future province non avranno un portafoglio proprio,non ci sarà differenza se restare con Pistoia o ,come lei dice ,con Lucca soluzione che io gradirei egoisticamente ma non servirebbe a niente.
----------------  RISPONDI





In risposta a: Retaggi del passato del 5/7/2012 - 11:50
Ma quali retaggi del passato?
AUTORE: Maurizio Sonnoli
email: [protetta]

10/7/2012 - 13:22

Forse chi ha scritto questo non ha ben seguito il dibattito che in questi quasi due anni si è svolto intorno alla questione in oggetto.
Qui si tratta di attualissimi problemi di vita quotidiana e di continui atti che Pistoia ha esercitato verso la Valdinievole per depauperare sempre di più un territorio delle sue eccellenze a tutto pro di Pistoia con cui da sempre non esiste alcuna affinità logistica, economica, culturale ecc. (es. Viabilità, trasporti ferroviari, floricultura e non vivaismo, Ospedale e sanità, Turismo e Terme, distretti industriali , neppure di diocesi almeno per quanto riguarda Pescia ecc. ne devo mettere ancora?).
Documentatevi invece come Lucca in questi anni ha valorizzato i territori della sua provincia , Garfagnana in testa che non è certo lì a due passi come noi.
Questi sono fatti e non discorsi salottieri sui retaggi.
----------------  RISPONDI





In risposta a: Passato e futuro del 4/7/2012 - 23:22
Retaggi del passato
AUTORE: Alberto
email: [protetta]

5/7/2012 - 11:50

Sinceramente non capisco quali siano i vantaggi nel cambiare provincia passando da Pistoia a Lucca. Probabilmente avrò capito male, ma il taglio delle province credevo che servisse ad eliminare le centinaia di dipendenti pubblici nullafacenti che girano per gli uffici delle province, che siano essi pistoiesi o lucchesi. Personalmente penso che auspicare di stare "sotto" a qualcuno piuttosto che a qualcun'altro sia una gran cavolata, meglio stare "sopra" e spendere i soldi delle nostre tasse nel nostro comune di residenza, magari senza usarli solo per pagare inutili stipendi.
----------------  RISPONDI





In risposta a: montecatini in prov. di lucca???? Subito!!! del 4/7/2012 - 4:21
Passato e futuro
AUTORE: Valdinievolino
email: -

4/7/2012 - 23:22

Cerco di descrivere la storia così come è stata,primo la Valdinievole è stata prima Pistoiese e poi Lucchese.Anno 1848 creazione del compartimento di Pistoia per ordine del Granduca Leopoldo II Lorena(Canapone),il compartimento aveva lo stesso significato che ora hanno le province.
Pistoia si distaccò da Firenze ed ebbe tre distretti,Pistoia-San Marcello e Pescia,quindi tutta la Valdinievole con Altopascio e Montecarlo.
Dopo solo 3 anni(1851) il Granduca ci ripensò e,per punire le tendenze filo Italiane dei pistoiesi,decise di riprendersi come distretti sia Pistoia che San Marcello,ritornati a Firenze,inoltre Pescia fu ceduta al compartimento di Lucca,ducato questo incorporato , nel 1847,dal granducato di Toscana.
Detto questo,all'atto dell'unità d'Italia,il Regio governo lasciò le cose come le aveva trovate e quindi la Valdinievole fu lucchese fino al 1928,anno dell'allargamento della provincia.
Pertanto,facendo un pò di conti, abbiamo avuto 76 anni sotto Lucca e 85 sotto Pistoia(considerando anche i 3 del compartimento Granducale.
Concludo dando un mio giudizio,credo che i giochi siano già stati fatti con questa area metropolitana FI-PO-PT,la Valdinievole è troppo variegata e non univoca,Larciano e Lamporecchio hanno poca dimestichezza con le cose lucchesi,forse solo Pescia avrebbe idee diverse,ma non sò cosa ne pensino gli altri comuni ma,tutto sommato,l'avvenire risentirà fortemente dell'attuale situazione economica Italiana ed entrare o meno a far parte di una provincia o di un'altra è di relativa importanza perchè si dovrà comunque tirare la cinghia.
----------------  RISPONDI





Sono disponibili 3294 articoli in archivio:
 [1]  ...  [108]   [109]   [110]   [111]   [112]   [113]   [114]  ...  [132]