Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 03:08 - 17/8/2018
  • 685 utenti online
  • 77139 visite ieri
  • [protetta]

Abbiamo letto in questi giorni che una parte dei quotidiani ha riportato All'attenzione dell'opinione pubblica il fatto che per quanto riguarda il ponte di Genova Ci furono dei comitati del MoVimento 5 .....
CICLISMO

Fu un campione delle due ruote. Toscano doc, nato nella città del Giglio e dei Medici, Pietro Linari era di quelli che con la bicicletta alzavano la polvere. 

BASKET

La famiglia di Andrea Cardelli, con l'organizzazione dell'amico Matteo Zamboni, è riuscita a organizzare il 2° Torneo di Basket 3 vs 3 all'area verde attrezzata Riani, detto il "campino" anche quest'anno.

BOCCE

La Federazione ha pubblicato le regole che saranno adottate nei Campionati di Serie A e A2 a partire dal 13 ottobre 2018 data di inizio.

IPPICA

All’Ippodromo SNAI Sesana serata dedicata alla solidarieta’ per il Comune di Amandola, colpito dal terremoto nell’agosto 2016, e per l’atleta 13enne paraolimpico specialità Dressage Denis Coku. A cornice tante attivita’ collaterali per tutte le eta’, mentre in pista le Pariglie e il Trotto montato hanno dato spettacolo.

IPPICA

Un lungo giovedì per l’ippodromo Snai Sesana, iniziato la mattina alle Terme Tettuccio.

PODISMO
BASKET

Torna anche quest’anno a Ponte Buggianese il Basketball Summer festival, otto giorni di partite tra una selezione di squadre universitarie Statunitensi che disputeranno gli incontri presso il Palapertini, struttura apprezzata già negli anni scorsi dalla kermesse sportiva.

BASKET

Sarà una stagione impegnativa quella che andranno ad affrontare i ciabattini con il proprio settore giovanile. Infatti per la prima volta gli Shoemakers schiereranno una formazione in ogni campionato giovanile.

none_o

La mostra, dal titolo “Le carrozze a Montecatini…la tradizione continua”, è a cura di Roberto Pinochi e Bruno Fortina.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mndadori di Montecatini è dedicata all'ultimo libro di Nicholas Sparks.

MONTAGNA PISTOIESE

L’animo nevoso che d’inverno
dipinge .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Altopascio, 16.000 abitanti, è da considerare parte integrante della Valdinievole.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Ricordi dell'associazione dilettantistica calcio Montecatini.

Offresi uomo di 64 anni tuttofare , per piccoli lavori in casa, .....
Marcella Bertocci Masso fisioterapista, Insegnante Master Yoga, .....
none_o
Mancano soldi e mezzi adeguati: la Provincia taglierà l'erba solo in alcune strade

19/7/2018 - 12:04

La Provincia di Pistoia non ha approvato il bilancio di previsione 2018/2020 entro il 31 marzo 2018, termine ultimo previsto dal decreto 9/2/2018 e pertanto è consentita esclusivamente una gestione provvisoria ai sensi dell'art. 163, comma 2, del D.lgs 267/2000; questa situazione non ha consentito di  procedere alle gare per il servizio di taglio dell'erba lungo le strade provinciali.


Le uniche possibilità, a oggi, per ottemperare a una parte delle necessità di taglio dell'erba è l'utilizzo esclusivo di personale e mezzi della Provincia di Pistoia.

 

"Preme precisare - spiega la Provincia - che i mezzi di che trattasi sono due trattori vetusti e soggetti a numerosi guasti di natura meccanica. Dalla data odierna sono entrambi in officina per problemi meccanici. Confidiamo in un tempestivo intervento e di poterli di nuovo avere a disposizione da mercoledì prossimo. 


Per quanto attiene, invece, al personale adibito alle operazioni di taglio dell'erba, si ricorda che per l'espletamento del servizio rispettando la sicurezza e l'incolumità dei lavoratori e degli utenti della strada, si rende necessario organizzare squadre nel numero di quattro per garantire la presenza di movieri".


Tutto quanto sopra, a seguito di un'attenta analisi delle strade, del loro volume di traffico, dei km interessati, e di quelli già eseguiti si rende possibile l'espletamento del servizio di taglio dell'erba sulle strade seguenti: Sp17 Pistoia Femminamorta, Sp49 Castagno Casore, Sp19 Quarrata Casalguidi, Sp9 Montalbano, Sp30 di Campo, Sp50 dei Fiori. A seguire, se possibile, le altre viabilità mancanti.


"Ovviamente l'elenco delle strade o dei tratti di strade indicato nella presente potrà essere modificato a seguito delle esigenze di chi legge, restando però come limite i chilometri dell'elenco sopra indicato che risulta, a oggi, il massimo sostenibile con i mezzi a disposizione di questa amministrazione".

Fonte: Provincia di Pistoia
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




22/7/2018 - 11:34

AUTORE:
roberto ferroni

Alcuni lo hanno scritto, in maniera più o meno diretta, altri hanno affrontato il problema da altro angolo. Ma il quesito è, le Province esistono - operativamente - o no, oppure sono solo centri di potere per mantenere sotto controllo un apparato di percettori di reddito che, forse proprio loro i primi frustrati, non sanno cosa fare per soddisfare l'oggetto del loro impegno. Se il "rignanese", (non fiorentino, perbacco !) come giustamente scrive altro commentatore, ha saputo fare solo operazioni demogogiche, sperperando fondi pubblici, i successori cosa fanno per eliminare gli errori, le storture, le baggianate che quel supponente buono solo a se stesso ha combinato, con il valido aiuto dei suoi collaboratori ? Le province sono abolite, pace alle province; che si passino le incombenze ai comuni, alla regione o allo stato e che si mandino a casa i sedicenti amministratori nominati, situazione che grida vendetta proprio a fronte di quella logica di buon lavoro, di onestà e di volontà democratica, tante volte sbandierata, a parole, proprio da coloro che poi la calpestano.

20/7/2018 - 19:43

AUTORE:
Stefano Innocenti Paolini

Essendo un uomo di sinistra, ormai non commento quasi più niente, mi permetto solo di riflettere sulla miseria di questa situazione: mi sembra che un genio abolì prematuramente, "sua sponte", le provincie, poi il referendum andò male e allora ...mettendo il carro davanti ai buoi ... i soldi sono stati in larga parte utilizzati per pagare, direi lautamente, i politicanti amici eletti dalla cricca. Il Popolo? Fate voi. Che pena! In tutto questo la "vecchia" Sinistra è sempre stata assente (si nota dal consenso elettorale).
Certo PD, che, confermo, non ha niente di sinistra, almeno a mio modesto parere, ha arrogantemente dominato la scena. Ma cosa è allora il PD? Nel frattempo vince la destra. Bravo Rignanese & C.!

20/7/2018 - 19:31

AUTORE:
Armando

Sperperate solo soldi , chiudere la porta e tutti a casa , tanto non vi voterà più nessuno , tutti hanno Caputo le vostra i capacità.

20/7/2018 - 13:58

AUTORE:
franco

"Spiega la provincia...." eh no... troppo vago.

Questi signori hanno nomi e cognomi (ben noti tra l'altro nella provincia).

Si chiede che vengano messi nero su bianco.

20/7/2018 - 10:36

AUTORE:
Marco

...al mi' Babbo gl'hanno fatto la multa perché non aveva ripulito il ciglio del su' orto che dava sulla strada... La legge è uguale per tutti... o no?

20/7/2018 - 8:48

AUTORE:
Luciano

Si dovrebbero solo dimettere se non sono in grado di fare quello per cui sono pagati.
Allora anche noi cittadini potremmo adottare lo stesso sistema, mancano i soldi, non pago le tasse provinciali....

19/7/2018 - 19:11

AUTORE:
Altiero Spinelli

Eccoci. Di nuovo all'esercizio provvisorio. Di nuovo con problemi di fondi.
Mi domando, ancora una volta, fino a che livello volete distruggere l'Italia!

19/7/2018 - 15:04

AUTORE:
mario di nanni

Sinceramente lascia basiti questo comunicato! Il tempo e i soldi per fare il PTC (che non sta negli atti obbligatori per legge per le competenze della Provincia riformata) che libera i vivaisti da tutti i vincoli lo trovano, lo stesso dirigente però non trova tempo né maniera di organizzare gli operai della Provincia per fare una cosa prevista per legge. E non trova neanche il tempo per una convenzione con l'Unione dei Comuni Montagna Pistoiese che di operai ne ha oltre 30 (!!) e potrebbe - su base di una convenzione - fare lo stesso lavoro, partendo dalle zone montane. Strano, davvero strano. Poi domandatevi perché la gente non vi vota più!