Valdinievole OGGI La Voce di Pistoia
  • Cerca:
  • 10:07 - 15/7/2024
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Già da tempo ho osservato e fatto presente la crescente insicurezza di Ponte Buggianese circa il vivere onesto e civile dei suoi cittadini, mentre invece questa insicurezza stà aumentand0 passando dai .....
IPPICA

Atmosfera delle grandi occasioni nel sabato sera di trotto, di animazione e intrattenimento a bordo pista, all’Ippodromo Snai Sesana di Montecatini Terme.

BASKET

La società cestistica Gema Pallacanestro Montecatini, nata nell’estate 2023, è orgogliosa di annunciare una importante sinergia commerciale e non solo, che va ad implementare di contenuti e significati il percorso di Gema allestimenti veicoli commerciali nel mondo del basket.

PODISMO

Al centro sportivo intitolato al grande presidente della Repubblica Italiana Sandro Pertini ha preso il via l’edizione numero 6 del ‘’Trofeo Festa dell’Unità’’, gara podistica competitiva sulla distanza di km 7,500 

BASKET

Il vicepresidente di A.S. Estra Pistoia Basket 2000 Massimo Capecchi, a tutela della sua onorabilità e dell’operato portato avanti oramai da decenni all’interno del club, ritiene necessario specificare alcuni punti.

BASKET

Fabo Herons Montecatini ha il piacere di annunciare l'ingaggio del giovane play-guardia Giulio Giannozzi, classe 2005, 1,90 cm di altezza che andrà a far parte della rosa della prima squadra allenata da Federico Barsotti.

CALCIO

Gradito ritorno a Larciano per Leonardo Antonelli, esterno mancino classe 2002.

IPPICA

All’Ippodromo Snai Sesana di Montecatini Terme è stato un bel mercoledì di trotto valido per l’8^ giornata stagionale.

PODISMO

Nuova settimana top per gli scatenati podisti della Silvano Fedi, con il sodalizio biancorosso giunto a 80 successi stagionali.

none_o

Orsigna Montagna Maestra, questo il titolo della mostra fotografica di Alexey Pivovarov.

none_o

Al Castello di Cireglio, Pistoia, domenica 14 luglio, dalle ore 17.

Ferragosto nella valle
quanto caldo che mi assale.

La grande .....
ZODIACO
di Sissy Raffaelli

Oroscopo luglio 2024.

IL SEGNO DEL MESE
di Sissy Raffaelli

Segno del mese.

Se avete Perdite occulte sulle vostre tubazioni, abbiamo sempre .....
L'agenzia formativa e per il lavoro Cescot Pistoia ricerca addetto/ .....
none_o
I 209 anni dell'Arma dei carabinieri: negli ultimi 12 mesi 311 arresti in provincia

5/6/2023 - 11:43

Oggi l’Arma dei ìcarabinieri celebra il 209° annuale della fondazione. In realtà, la data della nascita dell’Arma è il 13 luglio 1814, giorno in cui Vittorio Emanuele I emanò le Regie Patenti con cui riorganizzò tutto il settore dell’ordine e della sicurezza pubblica, prevedendo l’istituzione della direzione generale di buon governo che si sarebbe avvalsa dei carabinieri reali per il raggiungimento dei suoi scopi: <<Per ristabilire ed assicurare il buon ordine e la pubblica tranquillità, che le passate disgustose vicende hanno non poco turbato a danno dei buoni e fedeli nostri sudditi, abbiamo riconosciuto che sia necessario mettere in atto tutti quei mezzi che possono essere confacenti per scoprire e sottoporre al rigore della Legge i malviventi ed i male intenzionati, e per prevenire le perniciose conseguenze che da simili soggetti, sempre odiosi alla società, possono derivare a danno dei privati cittadini e dello Stato… Abbiamo… ordinato… la formazione di un corpo di militari, distinti per buona condotta e saggezza, chiamati col nome di Corpo dei carabinieri reali. Essi avranno le speciali prerogative, attribuzioni ed incombenze finalizzate allo scopo di contribuire sempre più alla maggiore prosperità dello Stato, che non può essere disgiunta dalla protezione e difesa dei buoni e fedeli sudditi nostri>>


Nel 1920, con il conferimento alla bandiera dell’Arma della prima Medaglia d’oro al valor militare, concessa per il complesso delle attività svolte nel corso della 1ª Guerra Mondiale, il 5 giugno fu la data scelta, sin dall’anno successivo, per celebrare l'anniversario dell’istituzione.
 
Alle 18, presso la sede del comando provinciale, intitolata alla memoria della Medaglia d’argento al valor militare maresciallo maggiore Torquato Petracchi, si è tenuta la tradizionale cerimonia militare cui ha partecipato il prefetto di Pistoia Licia Donatella Messina, oltre numerose autorità cittadine e della provincia ed una nutrita rappresentanza diappartenenti all’Arma in servizio e in congedo, sempre connessi da un forte vincolo di appartenenza.


All’interno della caserma sono stati esposti i mezzi attualmente in dotazione all’Arma dei Carabinieri e, a sottolineare il legame con il passato, alcuni veicoli e una rapida rivista di uniformi storiche.


La fase strettamente militare della cerimonia ha visto lo schieramento di una compagnia di formazione articolata su:
− 1 plotone dell’Arma territoriale in grande uniforme speciale;

− 1 plotone di comandanti di stazione del comando provinciale e del gruppo forestale;

− 1 plotone di specialità (in uniforme da ordine pubblico, da sciatore e della specialità forestale).

 
Sono stati inoltre inquadrati i Gonfaloni delle città e dei Comuni decorati (Pistoia, Pescia, Montale, Ponte Buggianese, Monsummano Terme, Larciano).
 
Nel corso della celebrazione, dopo la lettura del messaggio del Presidente della Repubblica e dell’ordine del giorno del comandante generale, il comandante provinciale ha commemorato la ricorrenza ripercorrendo l’attività svolta nell’ultimo anno.
 
Il particolare, il Col. Stanislao Nacca ha focalizzato l’attenzione sulle articolazioni dell’Arma presenti sul territorio pistoiese (23 stazioni, 3 compagnie, reparto operativo e comando provinciale), supportate dai qualificati contributi dei comparti di specialità competenti sulla giurisdizione in materia di lavoro e legislazione sociale, sanità, igiene e sofisticazioni alimentari, tutela del patrimonio archeologico, storico, artistico e culturale, tutela forestale, ambientale e agroalimentare.
 
Il carabiniere, da più di due secoli simbolo della presenza dello Stato fin nei comuni più piccoli, è, oltre ciò, punto di riferimento sociale, ma nel suo apporto a creare un clima di fiducia e di collaborazione tra le istituzioni e i cittadini è affiancato da altre figure di rilievo che quotidianamente, ognuna nel proprio ambito, tradizionalmente contribuiscono al benessere della collettività, ed è in questo senso che l’Arma di Pistoia ha inteso dedicare, alla figura del “Maresciallo”, del “Sindaco”, del “Parroco” e del “Farmacista” un piccolo omaggio fotografico che cristallizza la presenza sul territorio di questi pilastri della sicurezza sociale che lavorano spesso in silenzio, lontani dai riflettori, ma sempre per il bene della collettività.


Sono numerose le sfide che l’Arma dei carabinieri deve affrontare ogni giorno, soprattutto in una realtà in rapido mutamento che presenta problematiche complesse e in rapida evoluzione come quella attuale. Ed allora non si può prescindere dai Valori che da sempre caratterizzano la nostra Istituzione quali la disciplina, l’onore, la lealtà, la dignità e la coerenza, seguendo l’esempio dei grandi personaggi che ci hanno preceduto come il gen. Carlo Alberto dalla Chiesa, ma allo stesso tempo proiettandosi verso le sfide future attraverso una solida preparazione tecnico professionale in costante aggiornamento.
 
L’anno appena trascorso ha visto il comando provinciale di Pistoia particolarmente impegnato nella prevenzione e nel contrasto dei fenomeni criminosi.


Negli ultimi 12 mesi sono pervenute circa 21.948 richieste al 112 da cui sono scaturiti 9621 interventi gestiti dagli operatori delle tre centrali operative di Pistoia, Montecatini Terme e San Marcello Piteglio.


Considerevole è stata anche l’attività preventiva svolta sul territorio con 11.916 servizi di pattuglie/perlustrazioni nel corso delle quali sono stati controllati 31.633 mezzi e 48.481 persone ai quali si aggiungono i 624 servizi di ordine pubblico predisposti in occasione di manifestazioni sportive, eventi, culturali e sociali, che hanno visto impegnati 2500 militari.


Un modello operativo che per garantire alla cittadinanza adeguati livelli di sicurezza e legalità opera in stretta sinergia con le altre forze di polizia del territorio e si avvale della collaborazione dei comparti di specialità dell’Arma: il nucleo antisofisticazioni, il nucleo operativo ecologico, l’ispettorato del lavoro e per gli aspetti di competenza la sezione anticrimine di Firenze.


Sul territorio della provincia sono presenti anche il gruppo carabinieri forestale e il reparto carabinieri biodiversità con i quali si opera in stretta sinergia e cui va il ringraziamento per la dedizione e l’impegno costantemente profuso nel preservare l'ambiente e le bellezze naturali del territorio.


I carabinieri della pèrovincia di Pistoia, negli ultimi 12 mesi, hanno tratto in arresto 311 persone, denunciandone in stato di libertà circa 1.955. Su un totale di 9.084 delitti denunciati su tutta la provincia l’Arma ha proceduto per oltre 7.754 (85%) individuando circa 1.739 autori (61%).


L’attività di contrasto ai reati predatori, che più di tutti creano allarme sociale, ha consentito di deferire all’autorità giudiziaria 183 persone per il reato di furto, 21 persone per rapina e 13 per estorsione.


Una consistente attività di contrasto è stata sviluppata nella lotta al traffico di sostanze stupefacenti, mediante l’arresto di 20 persone e al deferimento di ulteriori 64 con il sequestro di circa 20 Kg. di sostanze naturali e sintetiche.


"Sono attività - ha evidenziato il comandante provinciale - che portano i carabinieri talvolta ad affrontare situazioni di rischio ben oltre quelle fisiologiche. Basti pensare che nel solo ambito di questa provincia, sono ben 10 i militari dell’Arma rimasti feriti e due di essi hanno riportato patologie importanti, nel corso di servizi esterni, a causa di incidenti stradali conseguenti in alcuni casi a inseguimenti o in occasione di arresti di malviventi o a seguito di aggressioni di individui in stato di alterazione psicofisica.


Per il futuro l’Arma di Pistoia si impegnerà con sempre maggiore determinazione per quelle categorie criminali che suscitano particolare allarme sociale. Tra queste, sicuramente la violenza domestica “e” contro le donne, sempre al centro delle cronache ma spesso sommersa, sfuggente, invisibile. Non vanno sottovalutati poi i reati informatici in tutte le loro multiformi evoluzioni, che fanno registrare la crescita maggiore e che rappresentano la nuova frontiere del crimine che minaccia la vita quotidiana dei cittadini.

 
Abbiamo conseguito risultati importanti di cui andiamo certamente orgogliosi - ha continuato il col. Nacca - Il nostro impegno è, e deve essere, quello di continuare in questa direzione per incrementare ancora di più il livello di operatività ed efficienza della nostra Istituzione".


Proprio in quest’ottica di vicinanza alla società, alle fasce più deboli, ma anche a chi rappresenta il futuro della nostra Nazione il comando provinciale ha:
− specializzato, nell’ambito del territorio della provincia diversi militari per la trattazione dei reati commessi ai danni delle fasce deboli;
− organizzato incontri con la popolazione per fornire utili consigli per prevenire le truffe agli anziani e a tal riguardo va il ringraziamento a Mons. Tardelli ed a Mons. Filippini, che non solo hanno messo a disposizione le strutture per incontrare queste persone ma hanno coinvolto in questo progetto parroci e volontari;
− incontrato più di 2.100 studenti di diversi Istituti comprensivi e scuole secondarie di II grado ai quali sono state illustrate le tematiche che più da vicino li riguardano come ad esempio la cultura della legalità e il bullismo. Ringrazio dunque i dirigenti e gli insegnanti che ci hanno accompagnato in questo percorso.


L’intervento si è concluso con l’affettuoso saluto rivolto dal col. Stanislao Nacca alle famiglie del personale di tutta la provincia - che quotidianamente ne condividono ansie e preoccupazioni, ma anche gioie e soddisfazioni - esprimendo sentimenti di profonda di stima e gratitudine per tutti i carabinieri che ogni giorno operano sul territorio.
 
A seguire, sono stati premiati per la meritoria attività di servizio i sottonotati militari del comando provinciale:
− Stazione CC di Quarrata:
• Lgt. C.S. Salvatore Maricchiolo, Mar. Ord. Mario Tari, V. Brig. Anthony Forcillo;
− Stazione CC di Montale:
• Lgt. Massimiliano Moncini, Mar. Ca. Ignazio Bozza, V. Brig. Angelo Martini, App. Sc. Angelo Taverna, Car. Sc. Giada Garofalo, App. Sc. in congedo Alfio Robuano.


La cerimonia è terminata con l’”Ammaina bandiera” e la resa degli onori finali.

Fonte: Carabinieri
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: