Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 06:12 - 07/12/2021
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Partiamo dal fatto che ogni bipede può infettarsi ed infettare un suo simile.

Consideriamo che in ospedale i ricoverati privi di vaccino rappresentano il 70 . . 80 % compreso intensiva.

Ora se .....
BOCCE

Volti noti e meno noti nel Trofeo di Natale organizzato dalla Polisportiva Colonna di Ravenna nel­ fine settimana, Paolo Balboni è stato ancora una volta protagonista di una gara della specialità individuale.

BASKET

Lunedì 6 dicembre entra in vigore il Super Green pass, la certificazione "rafforzata" rilasciata solo a vaccinati e guariti dal Covid-19, che durerà fino al 15 gennaio 2022, con possibilità di proroga.

CALCIO A 5

La giornata numero sette non porta fortuna ai pistoiesi. Ospiti della società Timec, l'Atletico si presenta in modo impalbabile ed è solo grazie a Montaleni che il primo tempo si chiude sullo 0-0.

BASKET

E una Gema a tratti simile a un rullo compressore quella che nel secondo e terzo quarto ha messo in chiaro il discorso vittoria contro una Virtus Siena partita sicuramente meglio nei primi dieci minuti.

BASKET

AGLIANA: Zita 8, Nesi 4, Chiti, Cei, Malevolti F., Razzoli 8, Natalini, Zeneli 23, Neri 7, Covino, Malevolti S. Tommei 16. All. Mannelli. HERONS; Di Nezza 4, Paunovic 4, Laffitte 4, Galli 4, Lupi 6, Giancarli 9, Dell’Uomo 18, Lepori, Incitti 13, Bechini, Casoni 24, Puccioni. All.: Barsotti.

BASKET

Niente da fare per la Nico Basket, targata Giorgio Tesi Group, che ha subito una sconfitta piuttosto netta ad opera del Cus Cagliari (60-44). Solo Bacchini (13), decisamente la migliore delle sue, e Mattera (10) in doppia cifra in una serata poco produttiva in termini di punti.

BASKET

Sfida al vertice al PalaCardelli dove la Gioielleria Mancini affronta la corazzata San Vincenzo.

RALLY

L’Automobile Club Pistoia, congiuntamente agli organizzatori dei rallies pistoiesi, quindi Jolly Racing Team, Abeti Racing e Pistoia Corse, ha premiato i propri campioni provinciali.

none_o

Consigli di lettura di Ilaria.

none_o

Le opere di nove artisti sono protagoniste della mostra Paesaggi personali.

Sono dieci,
l’un dell’altra è più bella:
son chiamate .....
LA TOSCANA IN TAVOLA
di Sissy Raffaelli

Liason (primo autunnale by Sissy)

LA TOSCANA IN TAVOLA
di Sissy Raffaelli

Un piatto delle montagne lucchesi.

E'stato scritto e pubblicato un libro sulla presenza del grande .....
cerco bilocale affitto 300 o 350 euro zona Pescia, grazie arredato. .....
PROVINCIA
Fiscat Cisl: "Maggiore attenzione e più prevenzione per tutti quei lavoratori che svolgono servizi essenziali"

5/4/2020 - 10:22

Berniccchi (Fiscat Cisl Toscana Nord): "In questa fase della nostra esistenza dove ci viene richiesto di rimanere a casa per il bene di tutti, essendo l’isolamento sociale l’unico deterrente che al momento riesce a contenere il diffondersi del Coronavirus, sono comunque molti i lavoratori che devono affrontare quotidianamente il rischio contagio, nella nostra categoria possiamo citare ad esempio i lavoratori e lavoratrici della Sanità unitamente alle addette delle pulizie negli ospedali, chi opera presso le mense ospedaliere, nelle case di riposo, le assistenti domiciliari,oppure nel commercio come e servizi i commessi dei supermercatie gli operatori della vigilanza privata, tutti questi lavoratori e lavoratrici inevitabilmente si trovano a dover convivere con situazioni di potenziale rischio, dovuto sia al contatto con i propri  colleghi ma soprattutto con malati, anziani, clienti o come per le guardie giurate anche semplici passanti che devono andare inbanca alla posta oppure al supermercato.
Per questo la nostra organizzazione sindacale chiede con forza che ci sia per tutti la massima attenzione, devono essere forniti gli strumenti necessari per una adeguata protezione, così come deve essere posta la massima cura e precisione nelle corrette modalità di lavoro che inevitabilmente non possono essere le stesse di due mesi fa, per cui formazione ed informazione specifiche per chi oggi lavora a contatto con il pubblico, in particolare emerge forte la necessità del ricorso ai tamponi (nelle case di riposo) in forma preventiva, senza aspettare che ci siano episodi conclamati.
Quanto sopra dovrebbe avere una valenza primaria per chi opera presso ospedali o strutture sanitarie, inclusi i servizi di assistenza domiciliare, senza dimenticare anche gli addetti alla grande distribuzione che in virtù della connotazione che i supermercati hanno assunto,sono ormai una delle categorie a rischio contagio, lo conferma il fatto anche nella nostra provincia si sono registrati diversi casi di positività al Covid 19, pertantochiediamo la massima attenzione, quanto messo in atto ad oggi, mascherine, clienti contingentati, barriere di plexiglass alle casse, osservanza delle distanze di sicurezza interne,orari dei negozi ridotti, deve essere accompagnato da ulteriori forme di prevenzione evitando di prolungare l'orario di apertura al pubblico, attivando la misurazione della temperatura ai clienti, evitando gli spostamenti dei lavoratori da un punto vendita ad un altro e in caso di contagio appurare quanti effettivamente sono stati a contatto con il soggetto positivo per l’assunzione delle necessarie misure di quarantena.
E specificando come alcuni negozi che hanno fatto marcia indietro con l'allungamento degli oari apertura e non hanno attivato ancora il termo scanner all'ingresso.
Meritano a pieno titolo di essere citati anche i dipendenti da Istituti divigilanza, le guardie giurate, lavoratori che spesso non vengono valutati perché svolgono un lavoro poco visibile, ma non per questomeno importante, che li vede impegnati ad operare a contatto con le persone, anche per loro devono essere messe in campo le necessarie iniziative di tutela e prevenzione utili ad evitare rischi per loro stessi e per le loro famiglie.
In questo difficile momento coloro che sono chiamati a prestare la propria opera lavorativa stanno garantendo la regolare fruizione di servizi necessari, le aziende non devono considerare l’opera di prevenzione alla stregua di un mero costo bensì dovranno mettere incampo tutti gli strumenti utili per la tutela dei loro dipendenti, perché la salute non ha prezzo.
Infine una parola per i lavoratori che causa rischio epidemiologico econ l'introdzione del decreto cura italia non possono lavorare e parlo di un settore come quello del Turismo Pubblici Esercizi, questi hanno si la copertura degli ammortizzatori sociali che sono stati attivati fin da subito ma Per coloro che , purtroppo per queilavoratori stagionali assunti dopo il 23 febbraio 2020 c’èl’esclusione da ogni forma di sostegno al reddito, sarebbeopportuno uno sforzo da parte del governo ed un ripensamento per faresi che anche questa tipologia di lavoratori possa beneficiare di unaforma di sostentamento economico.
Riteniamo opportuno ci sia una maggiore attenzione da parte di tutte le aziende e cooperative interessate, alla prevenzione e alla tutela della salute dei propri diepndenti, chiediamo inoltre alle istituzioni locali maggiori controlli a supporto di chi in questo momento sta rischiando molto".

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: