Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 06:11 - 28/11/2020
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Io a queste considerazioni metafisiche sulla condotta umana degli eletti , ci ho sempre creduto poco .

Se la Costituzione prevede che il rappresentante eletto rappresenti l'elettore pur non essendone .....
CALCIO

Che la sorte di Frustalupi fosse fortemente in bilico, era la classifica stessa a dirlo.

CALCIO

Una cosa ci teniamo a dirla: noi di Valdinievole Oggi non siamo osservatori imparziali. Siamo sportivi, ci mancherebbe altro. Ma siamo tifosi della Pistoiese e soffriamo tantissimo quando vediamo la nostra squadra arrancare in questo modo.

RALLY

Si è conclusa sull’ultima pedana d’arrivo del Campionato Italiano Rally la stagione sportiva di Simone Baroncelli e Donato Bartilucci, portacolori della scuderia Jolly Racing Team impegnati sulle strade dell’ultimo appuntamento del Tricolore 2020.

CALCIO

I campionati non si vincono né si perdono a novembre. Ma per la Pistoiese non è più tempo di lasciare punti preziosi agli avversari. Come, purtroppo, è accaduto nella scorsa gara di campionato con l' Olbia che, con tutto il rispetto per la formazione sarda, non è certo un fulmine di guerra.

RALLY

Novantadue chilometri di prove speciali, le più attese della stagione, quelle che incoroneranno i campioni nazionali.

RALLY

Ha confermato il ruolo di assoluta protagonista, la scuderia Jolly Racing Team. Il sodalizio di Larciano si è infatti congedato dall’asfalto del Rally di Pomarance con il primato conquistato nel confronto tra le scuderie partecipanti.

SPORT

Autodemolizioni Dolfi, azienda leader del settore di demolizione e smaltimento dei veicoli a motore, entra nel calcio maschile e nella pallavolo femminile, supportando Sporting Casini e Progetto Volley Bottegone.

BASKET

Durante la settimana sono state riscontrate alcune positività al Covid-19. Pertanto la gara interna contro il Jolly Livorno, che si sarebbe dovuta disputare sabato 14 novembre, è stata rinviata a data da destinarsi.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Valerio Massimo Manfredi.

none_o

Il libro «Videomodeling e autismo. Descrizione di un intervento educativo», è stato pubblicato da Erickson Live.

Vivevo la vita,
che non è infinita,
senza l’offesa
del .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti

Un argomento 'scomodo' e per certi aspetti 'scabroso' per la memoria collettiva.

FILIATELIA
di Giancarlo Fioretti

Dal 10 novembre è possibile acquistare il francobollo.

SCUOLA di BALLO e DANZA ACCADEMICA MARGINE COPERTA

asd " ENERGY .....
Smarrita chiavetta usb marca Lexar bianca con tappo arancione. .....
VALDINIEVOLE
Niccolai (Pd): "Su Covid-19 situazione in provincia difficile ma ancora sotto controllo"

7/11/2020 - 15:37

"Dai contatti che ho avuto questi giorni, si legge sul post, mi sono reso conto che varie persone hanno forse frainteso che essere situati in zona gialla non significa che “siamo fuori dal tunnel” ma che la situazione è difficile ma ad ora sotto controllo. Sta ad ognuno di noi fare in modo che vi rimanga.

Come forse saprete, il San Jacopo di Pistoia, l’ospedale della Valdinievole ed il Pacini di San Marcello sono complementari ed essenziali l’uno per l’altro: quindi solo l’ospedale San Jacopo accoglie tutti i pazienti Covid della provincia per dare modo all’ospedale della Valdinievole di dare una risposta adeguata alle altre necessità di salute che ovviamente permangono anche in tempo di pandemia.

Il Pacini di San Marcello accoglie, nel reparto di medicina (circa 20 posti), i pazienti Covid meno gravi che si stanno avviando alla dimissione.

Veniamo dunque ai numeri: solo per Covid al San Jacopo ad oggi ci sono 99 posti per ricoveri ordinari e 18 posti in terapia intensiva.

Vista la mole dei contagi e dei ricoveri l’Asl ha dovuto attivare presso l’ex Ceppo altri 18 letti per malati Covid meno gravi e, nei giorni scorsi, ne ha attivati ulteriori 18.

Insomma, solo nella nostra provincia, si parla attualmente di circa 170 posti letto dedicati al Covid19.

Chiaramente non basta solo approntare i letti, servono unità di personale.

Proprio in questi giorni, nei miei quotidiani confronti con l’Asl sulla situazione, ho appreso che, in questo mese, saranno immessi in servizio ulteriori 20 infermieri e più di 30 OSS.

L'Asl sta potenziando anche le USCA, ovvero i team che assicurano le cure ai malati Covid presso la loro abitazione: prima erano 3, adesso sono 7 i team operanti sulla nostra provincia ma l'Asl sta lavorando ad un ulteriore aumento.

Per potenziare i servizi occorre nuovo personale e poi occorre mettere in conto che anche i sanitari sono soggetti, come tutti, al rischio di contagio e dunque occorre anche avere il personale in grado di far fronte alle sostituzioni, oltre che ai nuovi servizi.

Nel mentre, come dicevo, occorre che il nostro sistema sanitario assicuri le urgenze e le terapie oncologiche. Inoltre occorre dare risposte ai malati cronici che hanno bisogno di risposte anche durante la pandemia.

Per fare questo vengono meno anche tante prestazioni già programmate non urgenti, con grande disappunto di tanti cittadini che magari avevano programmato un intervento e devono rinviarlo.

Cosa ne deriva da questo quadro? Che il nostro sistema sanitario è sottoposto ad un grandissimo stress e che, ovviamente, non è infinito.

Se la tendenza di aumento dei contagi Covid continua inalterata, si arriva ad un punto in cui non ci saranno anestesisti, medici, infermieri e OSS sufficienti a dare risposte adeguate ai malati Covid, alle malattie come infarti ed ictus, alle patologie che devono essere “prese in tempo”.

Questo scenario non è apocalittico perchè appunto, se non si ferma la catena dei contagi, visto che dobbiamo affrontare i mesi più freddi in cui i virus respiratori si diffondono di più, può realizzarsi.

 

Tutti noi dobbiamo fare in modo che questo scenario non si avveri; spetta ai cittadini con i loro comportamenti, ai politici con scelte coraggiose e forse impopolari ma necessarie.

Se salta il sistema sanitario salta la nostra sicurezza e la nostra società, perché la vita è il primo bene che deve difendere lo Stato. La vita passa dalla salute, la salute passa anche da un sistema sanitario efficiente e adeguato.

Fino a quando non avremo una terapia farmacologica adeguata o un vaccino dobbiamo convivere con questo maledetto virus: per farlo dobbiamo, prima di tutto, avere un sistema sanitario in grado di dare risposte.

Bloccare la catena dei contagi è l’unico modo per difendere la qualità delle cure ai malati, qualunque sia la loro patologia.

Lo Stato deve difendere i più deboli ed chi è malato lo è sempre.

Questa pandemia ci insegna quanto il sistema sanitario sia essenziale: mi piacerebbe che, alle prossime elezioni politiche, la sanità fosse al centro del dibattito e delle richieste dei cittadini a chi si candiderà. Significherebbe che abbiamo fatto tesoro di questa terribile esperienza e che siamo consapevoli di quanto sia prezioso quel sistema sanitario pubblico ed universalistico che in Italia esiste dal 1978.

In chiusura Niccolai scrive che “tutti siamo al lavoro per la tenuta del nostro sistema sanitario ma che, la vera priorità, è fermare la spirale di imponente aumento dei contagi. In questo ognuno di noi è protagonista con i suoi comportamenti individuali."

 
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: