Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 01:08 - 14/8/2020
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Zorrino parlaci della Chiesa.
Dai preti trovati con la droga a quelli pedofili. Idem Vescovi, cardinali con il Rolex al polso e l'attico come residenza.
E il prete vestito di bianco che prende a .....
BASKET

Il Pistoia Basket 2000 è lieto di comunicare che il roster della prima squadra targata Giorgio Tesi Group in vista della prossima stagione di Serie A2 sarà completato dai giovani atleti Lorenzo Querci, Angelo Del Chiaro e Joonas Riismaa. Tutti e tre sono cresciuti nel vivaio del Pistoia Basket Academy.

IPPICA

La modalità per accedere all'ippodromo Snai Sesana nella serata di sabato 15 agosto, in occasione del Gran Premio Città di Montecatini, dovrà avvenire mediante una richiesta di prenotazione.

CALCIO

Tutto pronto in casa Montecatinimurialdo per la stagione 2020/21.

CALCIO

Altri acquisti di grande qualità in casa Bioacqua Av Le Case. arrivato  dalla Meridien il forte centrocampista Alessandro Piscitelli, classe 1987. Alessandro vanta con esperienze al Cecina 2000, Monsummano e, appunto Meridien in 1^ Categoria porterà classe ed esperienza nel centrocampo della Bioacqua.

IPPICA

All’Ippodromo Snai Sesana di Montecatini Terme è iniziata la settimana più calda della stagione del trotto nazionale.

IPPICA

Grande attesa per la notturna di sabato 15 agosto all’Ippodromo Snai Sesana di Montecatini Terme con la 68^ edizione del Gran Premio Città di Montecatini.

BASKET

Il Pistoia Basket 2000 è lieto di comunicare che Giorgio Tesi Group sarà il nuovo title sponsor della prima squadra, che parteciperà al prossimo campionato di Serie A2.

IPPICA

L’Ippodromo Snai Sesana di Montecatini Terme entra nella fase più importante della stagione.

none_o

La recensione di questa settimana della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Erin Morgenstern.

none_o

Il libro racconta l’esperienza di Vicofaro.

Oggi è un giorno d’agosto.
Alla buon’ora della mattina
siamo .....
FILATELIA
di Giancarlo Fioretti

Tutto cominciò con il manuale "La scienza in cucina e l'arte del mangiar bene".

VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti

Scorza ebbe strettissimi legami con la Valdinievole e con Montecatini in particolare.

Smarrita chiavetta usb marca Lexar bianca con tappo arancione. .....
cerco qualsiasi mansione x impegno mia giornata sono dinamico .....
VALDINIEVOLE
Padule di Fucecchio e caccia ai cinghiali, la Lipu alza la voce: "Scelta indegna e dannosa, valutiamo il ricorso"

21/8/2019 - 12:38

"Gli abbattimenti di cinghiale nel Padule di Fucecchio sono illegittimi e dannosi e presto si dimostreranno anche inefficaci. La Regione Toscana ci ripensi, per il bene della biodiversità dell'area".

Lo afferma la Lipu a proposito del provvedimento che ha autorizzato la caccia al cinghiale all'interno della Riserva naturale del  Padule di Fucecchio per il contenimento della specie nell'area.


"Al di là della sua dubbia legittimità - dichiara Marco Dinetti, responsabile Ecologia urbana della Lipu - fondata peraltro su assenza di veri censimenti e di precise stime qualitative e quantitative dei danni, il provvedimento è pernicioso e inopportuno, portando disturbo e danni concreti nell’area più importante della Toscana per l’avifauna acquatica, che in tarda estate vive momenti biologicamente fondamentali. Molti giovani nati di uccelli, ad esempio, si trovano ancora in piena fase di dipendenza e soffriranno non poco l'impatto che le azioni di controllo andranno a produrre".

"Non solo: presto il provvedimento - aggiunge Dinetti - si dimostrerà ampiamente inefficace, come accade ogni volta che l'emergenza cinghiali viene affrontata con il metodo del piombo e dei fucili. Il più semplice e scontato di tutti ma anche quello dalla più bassa efficacia. Anni di caccia massiva al cinghiale in Italia dimostrano che questo sistema non funziona e talvolta peggiora le cose, stimolando una maggiore fertilità nelle femmine della specie".

"C'è infine - conclude Marco Dinetti - il senso di mancanza di rispetto per un'area che meriterebbe ben altra attenzione sotto il profilo delle politiche di tutela e gestione naturalistica, come dimostrato anche dal passaggio del provvedimento che prevede le sanzioni per i contadini che non provvederanno alla "pulitura" del terreno, ovvero al taglio dell'utilissima vegetazione. Da questa cultura di scarsa sensibilità ambientale, e purtroppo anche di di sudditanza venatoria, l'amministrazione regionale non sembra più sapersi liberare. Lo vediamo con il provvedimento sul  Padule  e lo vediamo con il pessimo calendario venatorio , il che spinge la Lipu, in questi giorni, a valutare il ricorso alla magistratura amministrativa per ristabilire modalità più consone, corrette e rispettose di gestione del territorio".

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




27/8/2019 - 10:24

AUTORE:
valerio

Per prima cosa deve essere sottolineato che di contenimento appunto si tratta, cosa altra dal normale svolgimento dell’attività venatoria – in questo periodo ancora chiusa, compresa quella al cinghiale – ed è quindi sbagliato oltre che fuorviante e pretestuoso parlare di “caccia” e “cacciatori” che frequenterebbero il Padule.

Le operazioni di prelievo e contenimento delle specie selvatiche opportuniste o invasive avvengono sempre dietro esplicita autorizzazione delle autorità competenti in base a piani stesi dai tecnici faunistici della Regione validati da ISPRA, l’Istituto superiore per l’ambiente; vi prende parte solo personale appositamente formato e che ha superato appositi esami e si tratta di un vero e proprio pubblico servizio, svolto gratuitamente a favore della pubblica amministrazione, ovvero in buona sostanza a costo 0 per i cittadini, quindi con nessun impiego di soldi pubblici.

Trattandosi di operazioni programmate e strettamente regolamentate che avvengono alla presenza di agenti della polizia provinciale, la tesi sostenuta ad esempio da Legambiente che le battute svolte dopo Ferragosto si siano svolte con modalità non consone – viene citata l’assenza di altane, ma nessun regolamento ne prescrive l’obbligatorietà – e addirittura “operando “in condizioni di scarsa sicurezza” non sta in piedi e mira solo a creare inutile apprensione nella cittadinanza, legittimamente poco informata su una materia indubbiamente non comune.

Stesso dicasi per il paventato disturbo arrecato all’avifauna acquatica, cui poco si cura in effetti della presenza limitata nel tempo di qualche decina di persone e che ben maggiori danni subisce proprio dai cinghiali, così come dalla abnorme presenza di corvidi, volpi e altre specie che si nutrono di uova e piccoli nei nidi o della mancata esecuzione dei necessari lavori di sfalcio e regolazione del livello delle acque. Tutte cose che la richiamata da Legambiente gestione del centro di Ricerca al contrario di quanto da loro sostenuto non si è mai preoccupata di fare.

Nessun Luna Park da parte della Regione e della Provincia dunque, ma solo interventi necessari e svolti con principi di correttezza scientifica e normativa, con buona pace di chi vede qualsiasi intervento come un peccato mortale dimenticando che se il Padule rappresenta ancora oggi quella risorsa ambientale che è lo si deve proprio a secoli di gestione da parte di agricoltori, pescatori e cacciatori".

23/8/2019 - 12:40

AUTORE:
Lorenzo

Finalmente vi fate sentire,condivido che per questi politici final-cacciatori ci vuole la magistratura.