Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 08:10 - 22/10/2020
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Siamo alla curva che procede con valori esponenziali .

L'economia annaspa , i lavoratori protetti dal divieto di licenziamento che sta per finire , il commercio in bambola e gli ospedali in ambasce .....
TIRO A SEGNO

Si è conclusa al poligono di tiro a segno di Pescia, in contemporanea con il Tsn di Pietrasanta, la seconda gara regionale federale indetta dall’Uits e la prima del  dopo il Covid-19.

HOCKEY

L’Hockey Pistoia impone ancora la legge dell’Hockey Stadium di Montagnana, nel quale fino a ora gli arancioni non sono mai stati sconfitti, subissando di reti il Campagnano.

BASKET

Una sconfitta maturata nell’ultimo quarto quella della Nico Basket Femminile, targata Giorgio Tesi Group, a San Giovanni Valdarno (74-61), dopo tre quarti di grande equilibrio.

TIRO A SEGNO

Il Tsn Pescia sempre presente ai campus indetti sia dal Cip che da Aics ha voluto partecipare con i propri atleti ai rispettivi stage di avviamento e di perfezionamento al tiro paralimpico.

BASKET

Dopo tre quarti in perfetto equilibrio (21-20, 34-35 e 51-51 i parziali), la Nico Basket, targata Giorgio Tesi Group, cede nell'ultima frazione di gioco ad una combattiva San Giovanni Valdarno, che allunga nel finale e si aggiudica meritatamente due punti importanti (74-61).

BASKET

Il Pistoia Basket 2000 è lieto di comunicare il rinnovo della partnership commerciale con OriOra.

BASKET

Il percorso della Nico Basket Femminile, di recente affiliata con Giorgio Tesi Group Pistoia, e del Bruschi Basket Galli San Giovanni Valdarno è stato piuttosto simile, fino a questo momento

HOCKEY

L’Hockey Pistoia viaggia a gonfie vele nelle competizioni nazionali che impegnano le sue varieformazioni: vittoria esterna della prima squadra nelle Marche ed esordio ottimo degli under 14 nel campionato nazionale di categoria.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Alessia Gazzola.

none_o

L’artista carrarino Graziano Guiso si presenta nell’area espositiva “Sala del Grillo” del Parco di Pinocchio.

Oggi è San Michele:
è stagione delle mele
e dei chicchi d’uva .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Nato a Vienna nel 1747 è stato Granduca di Toscana dal 1765 al 1790.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Sono passati 40 anni dalla promozione delle Pistoiese in categoria A.

SCUOLA di BALLO e DANZA ACCADEMICA MARGINE COPERTA

asd " ENERGY .....
Smarrita chiavetta usb marca Lexar bianca con tappo arancione. .....
PESCIA
Romoli (Pd): "Dal partito provinciale e regionale nessun interesse dopo la vicenda Giurlani"

30/3/2018 - 17:30

Elisa Romoli (Pd) interviene sulla situazione politica pesciatina.

 

"Riccardo Trallori nella sua relazione da segretario dimissionario presentata alla direzione provinciale del Partito Democratico fa riferimento alle prossime elezioni amministrative e parla di un partito imbalsamato in attesa di Godot o del nuovo Messia, che, giustamente diciamo anche noi, non ci sarà.

 

Ma a questo punto, visto che siamo tirati in ballo, permettete anche a noi di fare alcune considerazioni sulla condotta provinciale e regionale, sempre in relazione alla situazione di Pescia. Ecco, noi tutta questa “insistenza” dei vertici regionali e provinciali del partito declamata dal Trallori, non siamo riusciti a percepirla e non solo per quanto riguarda il momento contingente delle elezioni, ma fin dallo scorso primo giugno, quando l’allora sindaco Oreste Giurlani, espressione del Partito Democratico, è stato costretto alle dimissioni perché sottoposto alla misura degli arresti domiciliari perché indagato per fatti attinenti alla sua carica di presidente di Uncem Toscana (Unione nazionale comuni comunità enti montani e i cui soci sono la maggior parte se non tutti i Comuni toscani).

 

Si potrebbe dire che in quell’occasione il partito regionale e il partito provinciale anziché prendere una posizione chiara, netta e decisa, in fin dei conti i reati che vengono ascritti all’ex sindaco esponente del partito riguardano un ente regionale i cui soci sono per la maggior parte comuni guidati da sindaci espressione del Partito Democratico, ha “circoscritto” il problema a Pescia lasciando che il partito cittadino si facesse carico di tutte le conseguenze.


E stupisce ancora di più il silenzio di questi giorni che vedono l’annuncio della candidatura dell’ex sindaco. Se veramente vogliamo che il Partito Democratico, a Pescia come nel resto del Paese, riconquisti la fiducia delle persone e una credibilità vera nei confronti dell’elettorato non può prescindere da prendere posizioni nette e decise in relazione a questioni etiche e morali.

 

E ancora ci si chiede come, all’interno del partito locale, provinciale e regionale, i dirigenti politici che hanno chiamato (incoraggiato) Giurlani a intraprendere il suo percorso pesciatino (acclamato, lui sì, quasi come un Messia che dalla montagna lucchese veniva a salvare un comune e un partito), dopo le vicende giudiziarie che hanno portato alle dimissioni e alla perdita del comune e alla annunciata ricandidatura, possano tutt’ora tacere.


E non abbiamo percepito neppure tutta questa “insistenza” quando, dopo la fase congressuale, abbiamo chiesto la condivisione di un percorso che portasse all’individuazione del miglior candidato possibile, un percorso che a molti sembrava il più logico e politicamente coerente per riuscire comunque a dare risposte concrete e credibili ad una città che al momento si trova stretta nella morsa di un candidato di centrodestra sostenuto da una coalizione che ha governato dal 2009 al 2014 con risultati disastrosi e un ex sindaco imputato di reati  gravi contro la pubblica amministrazione.


Il fatto è che sarebbe necessaria, analizzando la situazione di Pescia, un’autocritica sincera e ormai non più rimandabile, che coinvolga tutti i livelli del partito e che non sia più il tempo di considerare Pescia come un “laboratorio” dove parcheggiare ex amministratori che non hanno più una collocazione.


Troviamo riduttiva e parziale, e forse vista l’occasione non poteva essere altrimenti, l’analisi di Trallori. In realtà sembra che nessuno abbia voluto o potuto veramente interessarsi della situazione creatasi a Pescia dopo l’arresto del sindaco, ma abbiamo visto solo posizioni attendiste. Era stata incaricata un’esponente della segreteria regionale ad accompagnare il partito locale nel percorso che lo vede impegnato dal giungo scorso fino alle prossime amministrative, ma anche questo cammino si è interrotto improvvisamente e senza spiegazioni. Il partito regionale non ha più coinvolto la rappresentante della segreteria regionale negli incontri che ci sono stati in federazione e presso l’ufficio del segretario regionale, senza che questo cambiamento di programma (deciso evidentemente a livello regionale e provinciale) sia stato comunicato al partito di Pescia.


La strategia che vedeva un percorso di coinvolgimento di tutti i livelli nella scelta della figura migliore da candidare vi è stata solo a parole, ripetute in più occasioni e mai nei fatti.

 
Il partito a Pescia è vivo e vegeto, come dimostrano anche i risultati delle politiche, una parte consistente di questo si sta adoprando con grande senso di responsabilità per individuare un percorso che possa essere positivo per la città, nonostante il palese disinteresse, o vogliamo chiamarla “non insistenza”, da parte di chi forse alcune responsabilità avrebbe dovuto prendersele più di altri o il troppo attivismo di chi pensa di sfruttare il momento per ottenere un posto al sole. Ci siamo e lo dimostreremo con le nostre scelte e una campagna elettorale basata sul merito dei problemi della città e le risposte da dare.


Ci fa anche sorridere che la preoccupazione di taluni risieda esclusivamente nel fatto che il partito democratico non abbia ancora selezionato un candidato che pur entro pochi giorni sarà annunciato, quando nella città di Pescia stanno accadendo nel disinteresse silenzio generale di tutti i partiti fatti in verità abbastanza sconcertanti: tipo un ex sindaco accusato dalla magistratura di peculato che quasi sicuramente a breve andrà a processo che, cose mai viste nel mondo occidentale, come se nulla fosse si ricandida per governare un ente pubblico dicendo che tutto sommato anche se arrivasse una condanna definitiva questa sarebbe tra più di 5 anni e quindi non ci pericolo di interrompere un nuovo mandato.

 

Ma su una situazione del genere davvero nessuno ha da dire niente? Ma davvero il degrado morale di questo paese è arrivato a un punto che la gente è disponibile ad accettare tutto passivamente vuoi per inerzia, vuoi per interesse?


Noi su questa situazione non siamo più disposti a tacere e proprio la questione morale sarà uno dei capisaldi nella nostra proposta politica-amministrativa, a maggior ragione dopo quello che è successo in questi anni e le scelte sbagliate che abbiamo fatto e che dobbiamo nostro malgrado ammettere".

Fonte: Pd
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




31/3/2018 - 15:39

AUTORE:
Luciano

Prima di scrivere, dovreste pensare a quelli che avete candidato per essere eletti in Parlamento, con rinvii a giudizio e problemi giudiziari. Ma del resto da un partito che ha governato con l'appoggio di Verdini e compagnia, non mi aspetto niente. Venire a fare i moralisti perchè Giurlani si candida mi sempre veramente il massimo !!!! E vale lo stesso per il centro destra ovviamente!

31/3/2018 - 11:19

AUTORE:
Giacomo

Ma come fate a dire che il centro - sinistra a Pescia ha ottenuto un buon risultato? La lega ha quasi pareggiato il PD, la coalizione di centro destra è 12 punti avanti al PD (La Pietra ha preso il 39,69% mentre il centro sinistra ha preso il 28,27%). L'M5S ha preso il 23,84%, risultati mai visti nella storia. Come si fa a dire che il PD è vivo e vegeto, non si sa. Anzi, alle comunali può andare ancora peggio, dato che molti pesciatini, presumibilmente di sinistra, sceglieranno la lista dell'ex sindaco, invece del PD. Per quanto riguarda l'amministrazione di centro destra, ancora con questa storia che è stata disastrosa? Lo sarà stato, ma almeno non si sono fatti arrestare durante il mandato! La sinistra ha gettato Pescia nel discredito! Comunque, contenti voi, contenti tutti.