Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 23:11 - 29/11/2020
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Il Consiglio comunale che si è svolto venerdì scorso, è stato di gran lunga il più significativo degli ultimi tempi.
Innanzitutto, ha mostrato il sindaco Baroncini sulla difensiva. Tanto sulla .....
PISTOIA

Mister Riolfo riesce ad invertire il trand negativo della Pistoiese, che nelle ultime cinque partite aveva racimolato appena un punto.Adesso, i tre punti ottenuti grazie ad un 2-0 che rispecchia perfettamente i valori in campo, consentono alla Pistoiese di guardare al futuro con un briciolo di ottimismo in più. 

CALCIO

Con soli 9 punti e reduci in settimana da un avvicendamento alla guida tecnica (via il mite Frustalupi e dentro il grintoso Riolfo), gli arancioni non possono commettere altri passi falsi, se vogliono evitare le secche della bassa classifica.

CALCIO

Che la sorte di Frustalupi fosse fortemente in bilico, era la classifica stessa a dirlo.

CALCIO

Una cosa ci teniamo a dirla: noi di Valdinievole Oggi non siamo osservatori imparziali. Siamo sportivi, ci mancherebbe altro. Ma siamo tifosi della Pistoiese e soffriamo tantissimo quando vediamo la nostra squadra arrancare in questo modo.

RALLY

Si è conclusa sull’ultima pedana d’arrivo del Campionato Italiano Rally la stagione sportiva di Simone Baroncelli e Donato Bartilucci, portacolori della scuderia Jolly Racing Team impegnati sulle strade dell’ultimo appuntamento del Tricolore 2020.

CALCIO

I campionati non si vincono né si perdono a novembre. Ma per la Pistoiese non è più tempo di lasciare punti preziosi agli avversari. Come, purtroppo, è accaduto nella scorsa gara di campionato con l' Olbia che, con tutto il rispetto per la formazione sarda, non è certo un fulmine di guerra.

RALLY

Novantadue chilometri di prove speciali, le più attese della stagione, quelle che incoroneranno i campioni nazionali.

RALLY

Ha confermato il ruolo di assoluta protagonista, la scuderia Jolly Racing Team. Il sodalizio di Larciano si è infatti congedato dall’asfalto del Rally di Pomarance con il primato conquistato nel confronto tra le scuderie partecipanti.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Donato Carrisi.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Valerio Massimo Manfredi.

Vivevo la vita,
che non è infinita,
senza l’offesa
del .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti

Un argomento 'scomodo' e per certi aspetti 'scabroso' per la memoria collettiva.

FILIATELIA
di Giancarlo Fioretti

Dal 10 novembre è possibile acquistare il francobollo.

SCUOLA di BALLO e DANZA ACCADEMICA MARGINE COPERTA

asd " ENERGY .....
Smarrita chiavetta usb marca Lexar bianca con tappo arancione. .....
MONTECATINI
Il Motogiro d'Italia fa tappa a Montecatini: moto e piloti che hanno fatto la storia

27/6/2014 - 0:05

Arriva venerdì 27 a Montecatini Terme, proveniente da Rapallo, la quinta tappa delle sei in programma della rievocazione Storia del Motogiro d’Italia, organizzato come di consueto dal Moto Club Terni  Libero Liberati – Paolo Pileri in collaborazione con la Federazione Motociclistica Italiana e con il supporto di Eicma, Misano Word Circuit, MV Agusta, Serafini logistica e Avis.


La tappa si snoda attraverso le provincie di Genova, La Spezia, Massa Carrara, Lucca e Pistoia.  La partenza di questa quinta frazione lunga quasi 300 chilometri è prevista alle ore 9,30 dai Giardini Giuseppe Verdi di Rapallo, dove l’intera carovana formata da 180 moto e una quarantina di mezzi d’assistenza, arriverà proveniente da Genova. Da Rapallo proseguirà per Lavagna, dove alle ore 10 è in programma un controllo tecnico e un punto ristoro, altro controllo orario con riordino è previsto a Mattarana, mentre una sosta con punto ristoro e assistenza è programmata in località San Terenzo, subito dopo l’attraversamento della città di La Spezia.

 

Lasciata la Liguria, la colorita carovana entrerà in terra Toscana a Sarzana dove in Piazza Matteotti alle 12,30 ci sarà una particolare accoglienza organizzata dal Vespa Club La Fortezza. Mentre la coda dei concorrenti lascerà Sarzana la testa del gruppo arriverà a Massa nel piazzale antistante la caserma della Polizia Stradale, qui è prevista la sosta per il pranzo e il controllo orario. Due appuntamenti anche in provincia di Lucca, in particolare a Barga con sosta in piazza del Fosso alle 14,30 e poco dopo a Bagni di Lucca in piazza del Circolo dei Forestieri. Poco dopo l’ingresso nel territorio di Pistoia all’altezza di Piteglio, qui la Pro Loco ha organizzato una vera e propria festa per accogliere i “Motogirini” in piazza Fratelli Guermani. Quindi l’arrivo a Montecatini Terme davanti alle Terme Tettuccio, dove l’arrivo dei primi concorrenti è previsto per le 16,30. 


Il “Motogiro del centenario”, questa la denominazione che ha assunto quest’anno la gran fondo riservata alle moto d’epoca, ormai considerata universalmente la manifestazione  più importante al mondo riservata alle due ruote storiche, praticamente una vera e propria “Mille Miglia” per le moto, divisa in sei tappe per un totale di circa 1600 chilometri. Il programma si è aperto domenica 22 giugno con le operazioni preliminari presso il World Circuit Marco Simoncelli di Misano,. La prima tappa si è svolta lunedì e ha portato i partecipanti da Misano a Salsomaggiore, il giorno successivo è giunta ad Alba dove ha sostato due giorni, con una escursione a Pinerolo, prima di riprendere la via del ritorno verso la Liguria, con l’arrivo a Genova. dopo aver percorso 277 chilometri, l’indomani partenza da Rapallo e arrivo a Montecatini, il famoso centro termale toscano, per fare poi, il 28 giugno, il balzo finale dal Tirreno all’Adriatico e chiudere con la speciale conclusiva sul lungomare di Misano, quindi la passerella finale con il giro della pista e la cena di gala, presso il ristorante Autodromo dove si terrà anche la cerimonia delle premiazioni.


I PARECIPANTI - Sono 180 gli iscritti a questa edizione, con un notevole incremento rispetto allo scorso anno, ma soprattutto con un aumento notevole della presenza straniera, tanto che ormai possiamo parlare di evento mondiale a tutti gli effetti, visto che i due terzi dei partecipanti provengono da tutto il pianeta, in particolare gruppi organizzati arrivano da Inghilterra, Francia, Olanda, Spagna, Germania, Belgio, Norvegia, Stati Uniti, Cile, Argentina, Australia e Hong Kong. Fra gli iscritti figurano nomi che hanno segnato la storia del motociclismo, come il vincitore dell’ultima edizione agonistica del 1957 Remo Venturi che si aggiudicò la classifica assoluta e Giuliano Maoggi che vinse la classe fino a 125 cc. e due vincitori di tappa sempre dello stesso anno, Rinaldo Brambilla in gara con una Alpino, la stessa moto con cui partecipò a quell’edizione e Gino Carena con la Ducati Marianna 100 cc. Venendo a tempi più recenti troviamo l’ex iridato Virginio Ferrari, alla prima esperienza in una gran fondo d’epoca. Fra gli stranieri uno dei più grandi collezionisti al mondo, lo spagnolo Francisco Javier Fernandez Caballero che parteciperà in sella a un gioiello unico una Vincent Comet 500 del 1914, la moto che vinse la prima edizione del Motogiro. Da segnalare poi anche la presenza degli ultimi vincitori delle recenti edizioni della Rievocazione Storica, in particolare Marco Tomassini, Gaetano Traversi e l’olandese Erik Willelmens, tutti in sella alle Gilera Sport 175 cc.


MOTO E CATEGORIE – La Rievocazione Storica del Moto Giro ‘Italia è diviso in quattro categorie principali: Rievocazione riservato alle moto sino 175 cc costruite fino il 1958, Vintage moto e scooter di tutte le cilindrate costruite dal 1959 al 1969, Classiche moto di tutte le cilindrate costruite dal 1970 al 1979, Motogiro d'Italia  moto di tutte le cilindrate costruite dal 1979 ad oggi e la Turistica aperta a tutte le moto e gli scooter anche attuali.


Fra  le moto della prima categoria, la più prestigiosa, troviamo tante Gilera Sport 175 del 1956, Ducati SS 175, Moto Bi Imperiale 175, MV Agusta CSTL, meglio conosciuta come “Disco Volante”, Mondial Sprint, molti modelli di Moto Morini in particolare la Tre  Sette, il Settebello e la GT. Nella cilindrata fino a 125 cc. spiccano una Rumi bicilindrica Tourist Trophy e una Garelli Juinior di 65 cc. Nella classe Vintage abbiamo una vera e propria rappresentanza di tutte le cilindrate dalla piccola Bianchi Orsetto di 80 cc, passando per la Ducati Monza 250 e la Ducati Silver Shot Gun fino alla potente Norton Dominator  Racer 850. Da segnalare due team entrambi formati da dieci piloti, uno spagnolo in sella alle Lambretta Innocenti e l’altro olandese con le Vespa Piaggio, tutti modelli costruiti prima del 1969.

 
Fra le classiche spiccano tutte le cilindrate della Ducati Scrambler, alcune Benelli 650 bicilindriche del 1968, la Vincent Egli a telaio cromato e la Laverda Montiuc.

Fonte: Motogiro d'Italia
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: