Valdinievole OGGI La Voce di Pistoia
  • Cerca:
  • 11:07 - 15/7/2024
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Già da tempo ho osservato e fatto presente la crescente insicurezza di Ponte Buggianese circa il vivere onesto e civile dei suoi cittadini, mentre invece questa insicurezza stà aumentand0 passando dai .....
IPPICA

Atmosfera delle grandi occasioni nel sabato sera di trotto, di animazione e intrattenimento a bordo pista, all’Ippodromo Snai Sesana di Montecatini Terme.

BASKET

La società cestistica Gema Pallacanestro Montecatini, nata nell’estate 2023, è orgogliosa di annunciare una importante sinergia commerciale e non solo, che va ad implementare di contenuti e significati il percorso di Gema allestimenti veicoli commerciali nel mondo del basket.

PODISMO

Al centro sportivo intitolato al grande presidente della Repubblica Italiana Sandro Pertini ha preso il via l’edizione numero 6 del ‘’Trofeo Festa dell’Unità’’, gara podistica competitiva sulla distanza di km 7,500 

BASKET

Il vicepresidente di A.S. Estra Pistoia Basket 2000 Massimo Capecchi, a tutela della sua onorabilità e dell’operato portato avanti oramai da decenni all’interno del club, ritiene necessario specificare alcuni punti.

BASKET

Fabo Herons Montecatini ha il piacere di annunciare l'ingaggio del giovane play-guardia Giulio Giannozzi, classe 2005, 1,90 cm di altezza che andrà a far parte della rosa della prima squadra allenata da Federico Barsotti.

CALCIO

Gradito ritorno a Larciano per Leonardo Antonelli, esterno mancino classe 2002.

IPPICA

All’Ippodromo Snai Sesana di Montecatini Terme è stato un bel mercoledì di trotto valido per l’8^ giornata stagionale.

PODISMO

Nuova settimana top per gli scatenati podisti della Silvano Fedi, con il sodalizio biancorosso giunto a 80 successi stagionali.

none_o

Orsigna Montagna Maestra, questo il titolo della mostra fotografica di Alexey Pivovarov.

none_o

Al Castello di Cireglio, Pistoia, domenica 14 luglio, dalle ore 17.

Ferragosto nella valle
quanto caldo che mi assale.

La grande .....
ZODIACO
di Sissy Raffaelli

Oroscopo luglio 2024.

IL SEGNO DEL MESE
di Sissy Raffaelli

Segno del mese.

Se avete Perdite occulte sulle vostre tubazioni, abbiamo sempre .....
L'agenzia formativa e per il lavoro Cescot Pistoia ricerca addetto/ .....
none_o
Alia: "Più controlli sui rifiuti, 188mila euro di multe totali"

18/8/2023 - 18:43

Hanno compiti cruciali, ritenuti di fondamentale importanza: educare i cittadini a differenziare i rifiuti, informarli su come effettuare i corretti conferimenti, eseguire controlli attraverso sopralluoghi e pattugliamenti, ma anche con i più moderni mezzi di videosorveglianza mobile e perfino con l’utilizzo di auto-civetta, oltre a sanzionare i comportamenti contrari ai regolamenti, qualora vi si imbattano nel corso della loro capillare attività. Sono gli Ispettori ambientali di Alia Servizi Ambientali, una squadra affiatata e ben organizzata, composta da 35 persone, che fa della difesa dell’ambiente e del rispetto del decoro di molte città toscane la propria missione quotidiana, rappresentando un fondamentale presidio del territorio e un prezioso punto di riferimento per i cittadini.  
Sono attualmente 24 i Comuni, inseriti nel perimetro dell’Ato Centro, in cui sono operativi gli Ispettori ambientali. Tra i loro compiti, verificare il rispetto degli orari di esposizione dei rifiuti raccolti ‘porta a porta’, ma anche ispezionare sacchi e materiali abbandonati così da rintracciare i responsabili e procedere a multarli, oltre a segnalare alla polizia giudiziaria abbandoni di rifiuti speciali compiuti dalle attività produttive, veri e propri reati che hanno risvolti penali. Gli ispettori svolgono inoltre controlli e verifiche a seguito di segnalazioni pervenute dalle amministrazioni comunali. 
In particolare, nel periodo che va da gennaio a giugno 2023, i 35 Ispettori ambientali hanno effettuato 31.242 controlli (una media di oltre 173 controlli al giorno) e ispezionato 33.099 rifiuti. Un’attività che ha portato a elevare 1.432 sanzioni (una media di circa 8 al giorno) per un controvalore di 188.539 euro, oltre a 116 segnalazioni alla polizia giudiziaria su reati penali commessi in materia ambientale. Da sottolineare che questi dati riguardano 22 Comuni e non prendono in considerazione, invece, l’attività svolta a Montecatini Terme e a Poggio a Caiano, dove il servizio è partito solo da poche settimane. 
‘Gli ispettori ambientali agiscono su progetti specifici, definiti ‘su misura’ con le amministrazioni comunali, in modo che il loro impegno risponda alle reali esigenze del territorio in cui operano: dall’abbandono dei rifiuti alla correzione delle cattive abitudini e dei comportamenti sbagliati che creano degrado’, spiegano da Alia. ‘L’ispettore ambientale è diventato, nei Comuni in cui opera, un vero e proprio punto di riferimento, sia per i cittadini che lo incontrano in strada e che all’ispettore chiedono informazioni o inviano segnalazioni, sia per le amministrazioni comunali che se ne dotano per intensificare la lotta al degrado e per ripristinare quel decoro che i cittadini meritano di avere. Non a caso, sempre più persone incoraggiano gli ispettori ad agire contro quella piccola parte di incivili che deturpano gli spazi comuni’.
Nella provincia di Firenze, area dove più numerosi sono i Comuni che hanno attivato il servizio degli Ispettori ambientali, i controlli sono stati 20.070, con l’ispezione di 19.213 rifiuti e 819 sanzioni. Nella provincia di Prato i controlli sono stati invece 7.430 con l’ispezione di 9.728 rifiuti e 348 sanzioni elevate. Infine, nella provincia di Pistoia gli ispettori hanno svolto 3.742 controlli su 4.158 rifiuti, con 265 sanzioni comminate. Fra le irregolarità riscontrate più di frequente: l’errato conferimento dei rifiuti, l’abbandono fuori dai contenitori, l’esposizione di altre tipologie di rifiuti alle postazioni interrate di carta e cartone, la mancata differenziazione dei rifiuti, l’utilizzo improprio dei cestini e l’abbandono di materiali ingombranti per i quali non è stato richiesto il ritiro gratuito domiciliare o non sono state rispettate le modalità indicate in merito al giorno di ritiro.
‘Gli ottimi risultati ottenuti in questi anni di attività ci dicono che il lavoro svolto dagli ispettori ambientali si è rivelato fondamentale per la crescita della raccolta differenziata e per una sempre migliore gestione dei conferimenti, non solo attraverso lo strumento dei controlli e delle sanzioni ma anche grazie alla capillare opera di informazione svolta sul territorio’, commenta Nicola Ciolini, vicepresidente di Alia. ‘Quello che auspichiamo è che il progetto, viste le grandi potenzialità mostrate, possa ulteriormente crescere e rafforzarsi e in quest’ottica possiamo immaginare un maggiore coinvolgimento delle Province che, utilizzando anche lo strumento delle polizie provinciali, potrebbero svolgere un prezioso ruolo di impulso e coordinamento dell’opera degli ispettori ambientali, soprattutto a supporto dei Comuni più piccoli. Più realtà riusciremo a coinvolgere, maggiore sarà l’efficacia delle azioni che metteremo in campo’.

 
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




31/8/2023 - 15:17

AUTORE:
Opata

Perché qualcuno li ospita al nero .
Vedere sempre il male ...

E seguitare a sventolare questi controlli e disinteressarsi del dietro delle cappelle mortuarie dell' ospedale e diritto il territorio da lì a Ponte Nuovo ??
Nessuno ricorda il Fornacione in cui addirittura venivano abbandonati i rifiuti ospedalieri .
E poi si cercano quelli che appoggiano un sacchetto accanto ai cassonetti anziché abbandonarlo in un boschetto o lungo una strada ., Sei mitico

30/8/2023 - 19:50

AUTORE:
Renzo

Vero Alia costa cara e il servizio lascia a desiderare,giusto che ci siano gli ispettori e che venga punito il cittadino che sbaglia , deve anche pagare chi trova i sacchi buttati e quando passano facciano finta di non vedere.....

30/8/2023 - 9:35

AUTORE:
Pietro

Come premessa bisogna dire che chi getta sacchi della spazzatura è indefinibile e che son gesti che non sono giustificabili. Può essere che anche Alia qualche volta si mostri problematica nel ritirare certa roba ? Talvolta se trova qualcosa fuori posto non ritira , qualche volta rompe anche i bidoni , il cittadino poi deve rompersi per andare a sostituire il bidone rotto e rompersi le scatole, in questo caso ci dovrebbe essere la sostituzione in automatico senza fare perdere tempo alla gente. Insomma anche Alia deve migliorare visto quello che costa.

23/8/2023 - 13:16

AUTORE:
Heinlein

Io continuo a non capire il vantaggio, per chi sia regolarmente iscritto negli elenchi dei residenti in un comune (quindi dei paganti il servizio), nel buttare i sacchi in giro invece di aspettare che li venga a prendere Alia.

Non sarà mica perché tanti non appartengono a quegli elenchi?
E chissà perché...

23/8/2023 - 9:21

AUTORE:
Non importa

Giustamente ci saranno gli ispettori che ci controlleranno ,un consiglio , quando vanno in giro se trovano lungo le strade rifiuti non facciano finta di non vedere e raccattino e puliscano così come dovrebbero fare gli addetti alla raccolta. Va comunque nel conto salato che paghiamo.

21/8/2023 - 20:47

AUTORE:
Contribuente

Non mettetevi a fare gli sceriffi perché non funziona,dovreste educare la gente in modo che la gente non porti i sacchi neri in giro anche in padule.