Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 09:09 - 23/9/2017
  • 519 utenti online
  • 21950 visite ieri
  • [protetta]

Visto che ad oggi non è iniziato nessun lavoro alla palestra Fanciullacci di Pieve a NIevole mi chiedo cosa si inventano questa volta l'assessore Bettarini o Parrillo, le scuole sono iniziate e se tutto .....
VOLLEY

Quarto volto nuovo per la prima squadra femminile regionale Montebianco di Ambra Russo e del vice Giacomo Romano. Il reparto interessato è quello di posto tre dove, ad affiancare Alessia Amadei e Camilla Petrini, si registra l'importante arrivo di una nuova atleta: Giulia Niccolai.

VOLLEY

I più sentiti complimenti del Montebianco Pieve Volley al suo atleta Federico Arena, convocato nell'ambito del progetto di qualificazione regionale previsto per domenica 24 settembre alla palestra di Castelfiorentino.

VOLLEY

Scende in campo finalmente la Serie C/M del Montebianco Volley di Andrea Francesconi. Tanta curiosità attorno al roster capitanato da Daniele Magni, il quale, dopo due settimane e mezzo abbondanti di allenamenti, inizia a sentire l'odore del parquet.

VOLLEY

La stagione è ormai iniziata anche per le piccole aspiranti pallavoliste. Sono ripartiti infatti i corsi della scuola di Pallavolo Monsummano, che come ogni anno coinvolgono un numero sempre crescente di giovanissime atlete.

CICLISMO

Michela Balducci regala al team Giusfredi Bianchi un altro importante piazzamento classificandosi seconda alle spalle di Marta Cavalli.

BASKET

Brutta sconfitta quella rimediata dalla Gioielleria Mancini a Agliana. E' vero che i monsummanesi avevano di fronte una squadra di due categorie superiori ma il secondo tempo è stato veramente da dimenticare.

TIRO A SEGNO

La terz’ultima fase del campionato Giovanissimi, ovvero la fase provinciale, ha avuto luogo lo scorso fine settimana, al poligono Tsn Pescia e sarà ancora il Tiro a Segno di Pescia, la prima domenica di ottobre, a organizzare anche la successiva fase regionale.

CALCIO

E' partito ufficialmente il programma leve di calcio, la serie di allenamenti gratuiti organizzati dal Montecatinimurialdo.

none_o

Il centro d'arte Martenot presenta una mostra degli allievi dell'atelier di Montecatini.

none_o

E' in corso una mostra fotografica “My enchanted Tuscany” della molisana Giovanna Di Lauro.

Comunque

Chissà se saprò
trovare le note
poste nell'ombra .....
PERSONAGGI DELLA VALDINIEVOLE
di Giovanni Torre

Pietro Baragiola fu un grande industriale brianzolo venuto da noi nel lontano 1883.

PERSONAGGI DELLA VALDINIEVOLE
di Giovanni Torre

Innocenti nacque a Pescia (allora provincia di Lucca) il 1°settembre 1891.

Marcella Bertocci Masso fisioterapista, Insegnante Master Yoga, .....
SCUOLA di BALLO e DANZA ACCADEMICA asd
" ENERGY LATIN DANCE .....
PONTE BUGGIANESE
Padule, l'assessore regionale Fratoni spiega situazione, ritardi e interventi da fare

13/9/2017 - 9:26

"Terra nostra unita" interviene sul Padule di Fucecchio.

 

"Lunedi’ si e’ tenuta presso la Dogana del Capannone un'affollata assemblea dell’associazione Proprietari Pistoiesi “Terra Nostra Unita”, avente per oggetto le ultime vicende legate al progetto di rinaturalizzazione del Padule di Fucecchio, e ai relativi lavori purtroppo mai iniziati. Presenti l’assessore regionale all’ambiente Federica Fratoni, che ringraziamo della presenza anche alla luce dei molteplici impegni di questi giorni legati alla tragedia che ha colpito Livorno, i sindaci di Ponte Buggianese, Larciano, Monsummano Terme e il vicepresidente del Consorzio 4 Basso Valdarno.


Proprio l’assessore Fratoni ha dettagliatamente illustrato al pubblico i motivi che hanno impedito l’effettivo inizio dei lavori previsti per agosto 2017, legato a problematiche di gestione di terre di scavo, e ha comunicato come la Regione Toscana e il Consorzio Basso Valdarno intendano affrontare per tempo queste problematiche affinche’ i lavori possano dopo 10 anni, realmente partire nell’estate 2018.


L’associazione ha presentato un report fotografico che ha evidenziato il pessimo stato di salute dei corsi d’acqua principali del cratere palustre e dei fiumi della Valdinievole che si riversano, dovuta alla mancata manutenzione degli stessi corsi d’acqua che ormai da anni e’ inesistente, quindi e’ stato evidenziato a tutti gli amministratori che il progetto denominato Padulandia (che doveva essere iniziato ribadiamo 10 anni fa) si rende necessario ora piu’ che mai non solo per una salvaguardia idrica del Padule nei periodi di siccita’ estiva, ma anche nel far tornare il Padule ad assolvere il suo ruolo determinante di cassa di espansione delle acque piovane di tutta l’area della Valdinievole, oggi piu’ che mai necessario, visti i fenomeni climatici estremi che stanno caratterizzando sempre di piu’ la nostra vita, mettendo a rischio l’incolumita’ di persone e cose.

Temi che verranno riaffrontati anche prossimamente con nuovi incontri di confronto, oltre al tavolo tecnico del Padule “Consulta” che sta continuando regolarmente a riunirsi, per approfondire ulteriormente e verificare nel tempo gli step di avanzamento come promesso in chiusura di assemblea dall’assessore Fratoni".

Fonte: Terra nostra unita
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




15/9/2017 - 10:11

AUTORE:
Roberto Ferroni

Leggo le ragioni addotte dall'assessore Fratoni sulle cause che hanno rimandato i lavori in padule. Non posso che meravigliarmi (eufemismo) nel constatare come si proceda a varare iniziative senza che i vari tasselli siano stati previsti e predisposti. Immagino che i nodi provengano dai nodi burocratici, per cui ad un'azione, qualsiasi, corrisponda un veto. Se questo è poco scusabile nel privato cittadino, nella pubblica amministrazione che emana ed è depositaria di ogni provvedimento, non è assolutamente ammissibile. Visto che l'ignoranza della legge non è ammessa, i legislatori che hanno costruito e varato la disposizione dovevano essere al corrente delle tante pastoie che limitano, in forma perfettamente legale, anche lo smaltimento di un secchio di terra o calcinacci ? E se non lo sapevano, allora quel mestiere non fa per loro, sia a livello dirigenziale che esecutivo. Questo a prescindere dalla colorazione politica degli amministratori i quali, comunque, si devono riferire sempre ai soliti subalterni, inamovibili, accada quel che accada.

14/9/2017 - 11:12

AUTORE:
alessandro

Una affollatissima assemblea su lavori mai iniziati, come diceva Sora Lella: Annamo bene, Annamo proprio bene! però ovviamente si sono permessi di aumentare la tassa a fronte di non interventi.
Cioè capiamoci attendiamo una alluvione per dar via ad interventi improcastinabili?!