Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 14:10 - 17/10/2019
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Penso alla macchinetta dei denti ? A codesta età ? Penso anche ad un appiattimento di reciproco incensamento che pervade questo mefitico sito .
Il pensiero di "zorro" che ribatte colpo su colpo e la .....
BOCCE

Archiviata la 1^ giornata del campionato di serie A2, dove i risultati ci hanno fatto capire “la potenze nei bracci” delle 8 società partecipanti al girone n°4.

CALCIO

Non poteva iniziare con una notizia più bella la nuova stagione del Montecatinimurialdo. A seguito dell’attività svolta nella stagione 2018/2019, il comitato regionale Toscana della Figc ha confermato alla società biancoceleste il riconoscimento di scuola calcio Élite.

BOCCE

Una brutta partenza per la Montecatini Avis guidata dal presidente Moreno Zinanni tornata (diciamo così) sconfitta sui campi degli amici pievarini all’esordio in campionato per 5 set a 3 dalla formazione pesarese del Corbordolo.

BOXE

Il pugile Miguel Bachi ha partecipato ai campionati toscani lo scorso settembre passando direttamente il turno non avendo avversari in Toscana. Egli passa diretto agli interregionali dove ha combattuto sabato 12/10.

BASKET

La Gioielleria Mancini gioca l’anticipo della terza giornata di campionato in trasferta a Lucca contro quella Libertas affrontata e battuta in Coppa Toscana fra le mura amiche.

NUOTO

Ottimi risultati e record personali per 4 atleti dell'Asd Nuoto Valdinievole al campionato europeo juniores (under 18) di Salvamento per club, svolto a fine settembre a Riccione, al quale hanno partecipato 53 società (19 italiane) in rappresentanza di 9 nazioni. 

BOCCE

E’ iniziata la stagione agonistica 2019-2020 e alla Montecatini Avis non sfugge la prima vittoria.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Valentina Dallari.

none_o

Si apre venerdi 4 ottobre, alle ore 17,  a Pescia,  la mostra di Giorgio Adochi, noto artista di fama internazionale.

Soffioni

Impalpabili infiorescenze di sambuco
soavi di luce .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Altopascio, 16.000 abitanti, è da considerare parte integrante della Valdinievole.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Ricordi dell'associazione dilettantistica calcio Montecatini.

Sono aperte le iscrizioni per il corso di pittura per adulti .....
BUONASERA sono in possesso di diploma di adb e oss sono attualmente .....
none_o
Raddoppio ferroviario, Ceccarelli bacchetta Rosellini: "Per Regione conta bene territorio"

19/10/2016 - 16:40

MONTECATINI - "E' inaccettabile anche solo l'idea, suggerita oggi sulla stampa dal consigliere comunale Pietro Rosellini, che io cerchi di creare malumori e rivalità tra i Comuni di Montecatini Terme e Pieve a Nievole riguardo al modo in cui potrà essere realizzato il raddoppio della ferrovia Pistoia-Lucca nei due territori"; a dirlo è l'assessore regionale alle infrastrutture Vincenzo Ceccarelli.

 

"Rosellini - prosegue l'assessore - ha già avuto modo di incontrare due volte Rfi e in quegli incontri ha fatto bene a chiedere chiarimenti e approfondimenti progettuali, però non può certo pretendere di dettare tempi e modi in cui la questione debba essere gestita. Tra l'altro sta dimostrando a più riprese di non capire due cose fondamentali: che la Regione Toscana non ha un ruolo diretto, per il momento, in questa partita e che l'azione di mediazione che stiamo svolgendo è finalizzata a creare un confronto franco e costruttivo tra Rfi e i territori interessati, che non sono soltanto Montecatini e Pieve a Nievole, ma varie altre località. E' per questo, infatti, che la Regione ha chiesto a Rfi di rapportarsi con tutte le realtà nelle quali possono emergere criticità. Inoltre Rosellini tralascia sempre un aspetto essenziale in politica, cioè guardare al bene della comunità nel suo complesso, all'interesse di tutta l'area compresa tra Firenze e Lucca, non solo a un beneficio specifico".

 

"Stia tranquillo il consigliere Rosellini - conclude Ceccarelli - la Regione sa bene quali sono le sue competenze e il suo ruolo nelle decisioni che riguardano la costruzione di grandi opere in Toscana. Quando sarà il nostro momento, faremo quello che ci spetta. Ma ora la partita è un'altra e affrontarla con un pò più di spirito di squadra aiuterebbe a non rischiare di perdere un'occasione storica per un territorio che alla Regione sta cuore nel suo complesso".  

Fonte: Toscana Notizie
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




21/10/2016 - 12:14

AUTORE:
Giancarlo

Consigliere Rosellini, stia tranquillo, ne ha ragione e, non si faccia intimidire da interventi “mordi e fuggi” della Casta Regionale Toscana. E’ un vizietto che hanno da sempre (in verità con Martini era un po’ diverso). Tirano il sasso e poi ritirano la mano. In realtà non sono dei “Riccardo cuor di Leone” e pontificano, criticano, fanno del loro potere uno strumento di prevaricazione dell’uomo sull’uomo ma, non scendono mai a parlare con le persone che abitano il territorio a cui secondo Ceccarelli che guarda al bene della comunità nel suo complesso, mentre invece dovrebbe dedicare un po’ del suo preziosissimo tempo per il dialogo “costruttivo e sereno”. Molto meglio l’atto di imperio per dimostrare quanto è bravo, furbo e forte.
Caro Rosellini, non sono contento di questa Amministrazione Comunale ma, quello che è giusto è giusto e le va riconosciuto che non è stato succube del potere Regionale. Lei con i cittadini ha parlato, è venuto alla Misericordia di Montecatini a prendersi anche le rimostranze dei cittadini, non è scappato come l’Assessore Ceccarelli. Lui ci mette la penna ma non la faccia. Veda lui, c’è chi spera che sia “trombato” alle prossime elezioni. Mi associo!
Giancarlo

21/10/2016 - 9:31

AUTORE:
Filippo

Condivido in pieno quanto affermato da Angelo e Marco. Rosellini che come persona mi da fiducia, come appartenente a questa Amministrazione purtroppo no ma, nel caso di specie ha ragioni da vendere anzi, è stato sin troppo moderato. Il problema è che se qualcuno “osa” alzare il dito sulle cose che non funzionano, viene subito “bacchettato” dalla solita casta politica che gestisce il potere in Toscana. Sarebbe meglio che Ceccarelli si occupasse di far funzionare i treni che vanno da Lucca a Firenze, quelli in orario sono pochi, e alcune volte, manco arrivano. Lui ha l’auto della Regione ma noi pendolari come dovremmo fare visto che ci vengono decurtate ore di lavoro per colpa dell’inefficienza del trasporto ferroviario In verità, devo fare dei distinguo, Rossi è sempre stato per il raddoppio a raso e ha dichiarato che questa è la soluzione migliore per i cittadini ma, non ha mai spiegato perché ma, l’onorevole Fanucci, che prima era per il raso ed adesso sta cercando di capire da che parte tira il vento per salire in corsa sulla decisione vincente e assumersene anche gli onori è veramente “pietoso”. La cosa che mi stupisce è che questi personaggi non hanno limite. I cittadini sicuramente si ricorderanno di loro. Per quanto riguarda Rossi, speriamo che scompaia nel limbo o trovi un lavoro, uno vero questa volta, magari in linea di montaggio in Piaggio. Ceccarelli, voglio augurarmi che venga solennemente “trombato” alle prossime elezioni e che non faccia il Presidente della Regione perché altrimenti, non avremo speranza alcuna di risolvere i problemi della Toscana. Mi auguro che a “trombarlo” sia la Saccardi che in questa compagine è quella che, a me sembra, la più preparata, la più disponibile e la più capace. Sig.ri, forse non ve ne rendete conto o forse si ma, state facendo una vera figura di “cacca”. Vi aspetteremo alle prossime elezioni. Li, conteremo i noccioli ed……..voi pure.
Filippo

21/10/2016 - 8:49

AUTORE:
Pietro Rosellini, Consigliere Comunale PD

Io per me stesso sono tranquillissimo, ma so due cose:
- che se non ci muovevamo per tempo a Montecatini Terme facevamo la stessa fine di Pieve: soluzione a raso e "tutti zitti!"
- che la Regione Toscana, per legge e per competenza di materia e territoriale, ha la rsponsabilità di governare le decisioni infrastrutturali del caso specifico (raddoppio ferroviario) e quindi non si può tirare indietro; deve fare subito tutto quello che è necessario per arrivare a una soluzione ottimale, sostenibile e in maniera partecipata e trasparente; i Toscani hanno delegato al Presidente e ai consiglieri comunali (non in bianco) tale responsabilità, che deve essere assunta senza sconti, per intero e tutti i giorni dell'anno; ne va della loro credibilità.

21/10/2016 - 8:34

AUTORE:
Marco

Secondo me anche questa volta Ceccarelli ha perso una buona occasione per stare zitto!
Rosellini, di cui non condivido tante iniziative, questa volta ha ragione da vendere...
Lei Sig. Ceccarelli, Sig.Rossi, Sig. Fanucci state giocando con noi cittadini! Ma fate attenzione, noi siamo quelli che dovranno ritornare a votare.
La vicenda del raddoppio è stata gestita politicamente in modo grottesco, con una mancanza di rispetto nei confronti dei cittadini oltremodo offensiva.
Per non parlare di RFI che ha prodotto un progetto superficiale, sempliciotto, pieno di lacune, un progetto che ha messo in luce tutta l'incompetenza dei cosidetti progettisti non appena è stato portato all'attenzione. Già, perchè ricordiamocelo, anche se il progetto era definitivo dal 2010, fino allo sblocca Italia, esso dormiva beatamente nelle segrete dei palazzi comunali dei comuni interessati.
Se volete salvarvi tutti quanti da questa vicenda fate alla svelta a portarci questo progetto di soprelevata in Valdinievole e fate che sia una progetto degno del significato di questa opere storica! Smettetela di giocare!

20/10/2016 - 13:45

AUTORE:
Angelo

Leggo le dichiarazioni dell’assessore Ceccarelli e, sento il “dovere” di intervenire. L’idea suggerita dal Consigliere Comunale Rosellini, a cui va tutta la mia vicinanza, è tutto meno che inaccettabile. Anch’io che non sono nessuno, la penso come Rosellini. E’ vero, Rosellini e non solo lui, hanno incontrato più volte RFI ed ha/hanno chiesto chiarimenti, nell’interesse della città e dei cittadini che hanno votato dando fiducia e bene ha fatto a pretendere di dettare tempi e modi in cui la questione debba essere gestita. Ricordo a chi legge le dichiarazioni, che RFI si era impegnata in un primo incontro con il Sindaco Bellandi ed altri ,a consegnare l’ipotesi del raddoppio in sopraelevata entro la fine di Aprile. Non sono bastati tali incontri a ottenere dei risultati. Ad oggi 20 ottobre 2016 non c’è ancora NIENTE di NIENTE, solo chiacchere e quelle come si sa non fan farina. Anche se RFI si sente padrona, il comportamento non solo è disdicevole ma, non rispettoso della cittadinanza. Questo ovviamente l’Assessore Ceccarelli non lo dice e, io credo, non lo pensa. Certo, il problema è di tutto il territorio e non solo di Montecatini e Pieve ma, cosa si può fare se gli altri comuni sono silenti. Il giochino di RFI dello “spezzatino” cioè di dividere in tanti progetti un progetto che doveva essere unico per ora ha dato i suoi frutti ma, non è detta l’ultima parola. L’assessore Ceccarelli dice a Rosellini che deve stare tranquillo e sono certo che Rosellini è tranquillo chi non dovrebbe esserlo è Ceccarelli. Molti dicono che sia il futuro Presidente della Regione, Dio ce ne scampi e liberi, questa Regione ha già tante disgrazie e calamità naturali senza aggiungere quella di Ceccarelli Presidente. L’Assessore dice: “ Quando sarà il nostro momento, faremo quello che ci spetta. “ Se ben ricordo, visto che questo non è il momento che, lo stesso Assessore Ceccarelli, pochi mesi or sono, ebbe a dichiarare ad un quotidiano: “L’intervento relativo alla tratta ferroviaria Montecatini-Lucca prevede il raddoppio in affiancamento della linea esistente di circa 30 Km. Così ha risposto l’Assessore Regionale ai trasporti, all’interrogazione presentata da Stefano Mugnai , capogruppo di FI a Palazzo Panciatichi”. Senza voler fare inutile polemica, vorrei solo far notare che l’Assessore non può una volta dare dictac come quello sopra riportato e poi dire che la Regione farà quanto di sua competenza quando sarà il suo momento. Ho l’impressione che l’Assessore Ceccarelli giochi con il raddoppio come se fosse un telecomando. Ora è il momento…..ora non è il momento…..ora è il momento….. a discrezione di lui stesso e quando gli torna comodo. Giusto per ricordare, l’assessore non è stato eletto democraticamente dal popolo ma imposto dall’attuale Presidente ma, queste sono le regole del gioco e quindi mi taccio. Una domanda vorrei porre all’Assessore che so per certo resterà inevasa: Quali sono le competenze della Regione e il suo ruolo nelle decisioni, Rossellini ci dice Ceccarelli conosce il responso, io no e credo che con me siano ignari una moltitudine di cittadini. Ce lo dica quindi, in parole povere mi raccomando, noi “un’abbiamo studiato da Assessore” e quindi occorre pazienza e dialettica terra terra per farci comprendere. Noi ce la metteremo tutta ……se Ceccarelli risponde. Diversamente……Lo spirito di squadra. Vero, sarebbe no auspicabile ma, obbligatorio. Cominci l’Assessore Ceccarelli a darci qualche dimostrazione. Forse il raddoppio ferroviario gli offre degli spunti inimmaginabili. Io non so cosa sta a cuore della Regione ne tantomeno a quello dell’Assessore Ceccarelli, ho l’impressione che non sia quello del territorio Regionale nel suo complesso ma…..Andreotti diceva sempre che a pensar male si fa peccato ma a volte ci si prende. Credo che l’Assessore Ceccarelli avrebbe fatto cosa utile a se stesso ed all’Amministrazione di cui fa parte osservando un religioso silenzio. Gentile Assessore, faccia un’assemblea pubblica, si confronti, in maniera costruttiva e serena con i cittadini, con le Amministrazioni, con le categorie, con i comitati ed i gruppi che si sono formati e moltiplicati a dispetto di quanto esplicitato dal Presidente Rossi all’inaugurazione dei lavori al Serravalle. La Regione ci prende per fessi ma, potrebbe sbagliarsi.
Angelo

19/10/2016 - 23:03

AUTORE:
Franco

La regione in questa occasione - come in molte altre - si sta dimostrando completamente incapace di gestire la situazione e rapportarsi con Rfi.

Le comunità locali si sentono trascurate e completamente abbandonate.

Però loro pensano "all'interesse di tutta l'area compresa tra Firenze e Lucca"... beh se lo dicono loro.

Se le cantano da soli, insomma!