Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 08:10 - 16/10/2018
  • 1967 utenti online
  • 60856 visite ieri
  • [protetta]

Cara Europa non si capisce perché Sei contraria al governo italiano eletto democraticamente dal popolo, se porta il defifit al 2, 4% quando anche la Francia a annunciato che lo porterà al 2, 8%. .....
BOCCE

Colpaccio al debutto per la Montecatini AVIS nella trasferta di Scandicci dove si impone con il punteggio di 3-0 e che oltre a  conquistare  tre punti pesanti,  hanno dato prova di un  ottima prestazioni di gioco,e  ha messo in evidenza grande compattezza di gruppo. 

BASKET

I ciabattini impegnati nel primo derby stagionale di campionato contro un Chiesina che si presenta alla sfida scottato dall’ultima bruciante sconfitta subita a Capannoli contro Valdera.

CALCIO

La Toscana inciampa col Vaud nella seconda gara del girone di qualificazione della UEFA Regions Cup complicando non di poco i piani di qualificazione alla fase finale del torneo.

VOLLEY

Sabato 13 ottobre alle 18, sul parquet del palazzetto dello sport di piazza Pertini, il Centro tecnico territoriale Monsummano inizia l'avventura nel campionato regionale di Serie D di volley. 

TIRO A SEGNO

Si è svolta presso la sezione del Tiro a Segno di Cascina (PI) la Fase Regionale del Campionato Giovanissimi, rivolta a ragazzi e ragazze nati negli anni 2007 e 2008.

BOCCE

Grande affermazioni di Matteo Franci in coppia con il giovanissimo  Niccolò Lambertini a Villafranca di Verona

Podismo
PODISMO
none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Rebecca West.

none_o

La mostra, dal titolo “Le carrozze a Montecatini…la tradizione continua”, è a cura di Roberto Pinochi e Bruno Fortina.

MONTAGNA PISTOIESE

L’animo nevoso che d’inverno
dipinge .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Altopascio, 16.000 abitanti, è da considerare parte integrante della Valdinievole.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Ricordi dell'associazione dilettantistica calcio Montecatini.

Sono aperte le iscrizioni al corso di pittura metodo MARTENOT, .....
Il gruppo ametista Ringrazia l'amministrazione in quanto è stata .....
IPPICA
Sesana, debutto da star per Alexandra Lux

20/7/2018 - 9:28

All’Ippodromo Snai Sesana consueto appuntamento del giovedì in notturna con sette corse al trotto. I “giovani” avevano a disposizione la moneta piu’ ricca del convegno, il Premio O’Donnel Ok, e la favorita Alessandra Lux non si e’ fatta sfuggire l’occasione: ladebuttante di Riccardo Pezzatini ha fatto tutto bene, perche’ si e’ “sorbita” la puntata in avvio di Always OnMy Mind (poi falloso sulla prima curva), quindi il tentativo di contropiede di Anastasia Grif (poi adeguatasiall’esterno), e nel mezzo giro finale e’ stata capace di allungare sicura e salutare i rivali in retta, imponendosi a media di 1.20.2. La figlia di Adrian Chip e Male Lux e’ apparsa gia’ molto “professionale”confermando anche in pista piccola (e sotto i riflettori) la buona impressione destata in qualifica a Follonica. Athos dei Greppi e’ migliorato per varchi interni nel mezzo giro finale e ha colto il secondo posto su AlwaysOn My Mind, tornata bene dopo l’incertezza iniziale, senza la quale avrebbe sicuramente lottato per la vittoria. Anche Aston Vik ha di che recriminare: il puledro di Gennaro Casillo ha mosso al mezzo giro finale in anticipo su Albina Bieffe, ha percorso in terza ruota la curva finale ma appena in retta si e’improvvisamente gettato di galoppo quando sembrava poter venire su ancora bene. In errore in rettaanche l’animatrice Anastasia Grif, che pero’ sembrava in calo, mentre gli alleati Anouk Grad e Albadorata Grad si sono gettati contemporaneamente di galoppo allo stacco dell’autostart.

Ad aprire le danze i gentleman impegnati nel Premio Micron Hanover, con cavalli di 4 anni sui 1640 metri: confermando una sgambatura poco convincente, il netto favorito Verdi Prav si e’ estromesso sulla prima curva nel tentativo di contenere Vitesse Ferm, a sua volta di galoppo: Vico del Ronco e’ cosi’ sfilato senzacolpo ferire sull’accondiscendente Victor Polet Si, ha potuto completare meta’ gara in un tranquillissimo 1.02.5 ma quando e’ stato il momento di fare sul serio, il cavallo di Paolo Pantarotto si e’ ritrovato a corto di argomenti. Vulcaniano ha spostato dalla terza posizione a meta’ gara, e’ andato in pressing sul battistrada ed e’ passato gia’ sul penultimo rettilineo, allungando facile fino al traguardo per imporsi a media di 1.15.6 e regalare a Lorenzo Alessi il terzo successo del 2018: niente male davvero, considerato che il gentlemandal rientro dopo il lungo stop ha corso soltanto nove volte e, tranne in una occasione, e’ sempre finito tra i primi tre. Victor Polet Si si e’ lanciato all’inseguimento dell’allievo di Gennaro Casillo ai 300 finali ma non e’riuscito ad avvicinarsi, anzi in retta ha dovuto badare a contenere Venus Bonest, che pero’ ha sbagliato in zona traguardo gettando al vento almeno il terzo posto: da seguire in futuro, visto che era reduce da breve errore sulla prima curva. Nettamente al di sotto delle attese Vico del Ronco, terzo per mancanza di rivali e ben lontano dal cavallo ammirato di recente a Follonica.

Nel Premio Gil del Lupo, una prova sui 1640 metri per cavalli di cat. G, Socrate Font e’ sfilato dopo 400 metri sulla veloce Udue Effe e, dosato alla perfezione da Marco Stefani, ha tenuto in scacco i rivali sino in fondo, salvandosi a media di 1.16.5. Per il favorito Nando Fly Ac, saltato al via da Udue Effe, la corsa si e’messa in salita: il cavallo di Antonio Velotti si è presto scoperto al largo ma non ha trovato scie da sfruttare, e’ rimasto cosi’ a galleggiare in seconda corsia provando a farsi sotto sull’ultima curva, ma il battistrada diLucio Colletti ha tenuto bene e alla fine Udue Effe gli e’ rientrato svettando per il secondo posto (e mettendo qualche brivido anche al vincitore). Tops Holz, in seconda pariglia all’esterno, si e’ gettato di galoppo sulla penultima curva e ha poi inseguito brillantemente da squalificato, ma del cavallo di Casillo si conoscono ormai pregi e difetti: poco incisivo Pinerolo nella risalita da fondo gruppo.

Da favorito, Ulisse Grif ha imposto la legge del piu’ forte nel Premio Gambusia, prova sui 1640 metri per cavalli di cat. F, anche se in realta’ ha qualcosa da recriminare Polpettine, che al comando non e’ stato libero di graduare come avrebbe voluto causa il pressing di Right Leader Lf: proprio la scia di quest’ultima e’ stata sfruttata a dovere dall’allievo di Gennaro Casillo (che oggi lo interpretava in sostituzione di EnricoBellei) che poi ha mosso all’attacco ai 400 finali e in retta e’ passato di forza, a media di 1.15.1. Polpettine ha corso con onore e ha poco da rimproverarsi, mentre Rabat dei Greppi ha seguito nella risalita il vincitore e nel finale ha avuto ragione per il terzo posto di una stanca Right Leader Lf.

Tre anni a caccia della prima vittoria nel Premio Ippogrifo, sui 1640 metri, dove a centrare la prima vittoria della carriera e’ stato Zauber Ferm, un allievo di Matteo Restelli che Cesare Ferranti ha interpretato con estrema fiducia: dal via ai lati del battistrada Zeri Dr, il figlio di Zinzan Brooke Tur non si e’ fatto minimamente scoraggiare dal percorso esterno, al chilometro ha sferrato l’attacco passando in breve alcomando e con un bell’allungo si e’ sottratto chiaramente al tentativo di rincorsa del favorito ZoncolanHolz: quest’ultimo, subito in seconda pariglia in schiena al vincitore, ha avuto schema ideale ma non e’riuscito a farsi pericoloso in retta, anzi nel finale ha dovuto badare a difendere il piazzamento dall’affondodi Zarkava Ans.

Il Premio Fandango segnava il ritorno del trotto montato al Sesana: Tuono Amg e Antonio Monteriso si sono confermati ottimi interpreti della specialita’ e aggiungendo un’altra vittoria a quelle firmate in primavera a Capannelle. Con la favorita Tina Tuner che non ne ha voluto sapere di avviarsi, il cavallo di Raffaele Chiaro si e’ mantenuto nelle ultime posizioni mentre davanti Skroce D’Aghi imponeva buon ritmofacendo pesare il percorso esterno a Ultimatum Indal, che difatti sul penultimo rettilineo alzava bandiera bianca. Tuono Amg, intanto, aveva iniziato la sua risalita superando un paio di rivali sul penultimo rettilineo,poi sull’ultima curva si e’ gettato per linee interne e in retta, trovato il varco tra lo stanco Skroce D’Aghi e l’attaccante Reims del Greppi, e’ passato facile imponendosi a media di 1.15.9 sui 2060 metri. Reims deiGreppi e Maryo Natynki dopo l’ottimo avvio ci hanno creduto, ma la cavalla di El Mouloudi Taldaoui non ha saputo cambiare marcia e alla fine si e’ dovuta arrendere allo speed nettamente piu’ incisivo del vincitore.

Dopo aver faticato tanto per trovare la prima vittoria, Velatri Lung ha subito concesso il bis nel Premio Denise del Ronco, prova di chiusura nella quale rivestiva ruolo di chiaro favorito. Un successo pero’ arrivato“col fiatone”: saltato netto al via da Va Vivi, il cavallo di Manuele Matteini ha giocoforza dovuto attendere il mezzo giro finale per sferrare l’attacco, ma sulla risposta della battistrada ha fatto fatica a guadagnare terreno: negli ultimi metri Velatri e’ passato e si e’ salvato di misura da uno strepitoso Vento da Barco, che si e’ messo in moto al chilometro e ha guadagnato tanto terreno sui primi, giungendo quasi in linea con il vincitore. Va Vivi e’ calata in retta chiudendo al terzo posto, mentre Virginia Lux si e’ gettata di galoppo ai 70 finali quando era appostata subito dietro ai primi.

Fonte: Snaitech
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: