Valdinievole OGGI La Voce di Pistoia
  • Cerca:
  • 04:03 - 04/3/2024
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Esiste per me una domanda che occorrerebbe fare per sapere chi hai davanti .

A seconda della risposta , puoi confrontarti , o tirar di lungo perché perdi il tuo tempo .

La domanda è :

Quanti .....
SCHERMA

La Scherma Pistoia – Chianti Banca torna sul tetto d’Europa grazie al proprio alfiere Fabio Mastromarino.

ATLETICA

L’Atletica Pistoia si conferma tra le grandi realtà master italiane. Ai Campionati italiani individuali indoor master, tenutisi al Pala Casali di Ancona, la società pistoiese ha conquistato 3 medaglie d’oro, 12 d’argento e 9 di bronzo; quinto posto tra le donne e tredicesimo fra gli uomini.

TIRO A SEGNO

La sezione di Tsn pisana, sprovvista momentaneamente dell’impianto di Bersaglio mobile, ha chiesto e ottenuto solo per questa disciplina la collaborazione del Tiro a segno nazionale di Pescia.

CALCIO

Importante riconoscimento consegnato dal presidente Alessandro Dami ad Andrea Guarisa.

BASKET

Non si ferma la corsa della Butera Clinic Nico Basket, che centra il tredicesimo successo consecutivo in trasferta contro Academy Spezia, con il risultato di 48-73.

RALLY

Era tra i più attesi, al circuito di Pomposa (Ferrara), dopo la performance dello scorso dicembre, per la prima prova del Campionato “Race in Circuit” 2024, disputata nel fine settimana passato ed una volta in gara ha confermato le aspettative.

BASKET

Due vittorie, nello scorso weekend, per le formazioni giovanili della Butera Clinic Nico Basket.

BASKET

Dodicesima vittoria consecutiva per la Butera Clinic Nico Basket, che riesce a espugnare un campo ostico come quello di Prato, con il risultato di 56-62.

none_o

Inaugura sabato 2 marzo, presso la galleria del Centro* Montecatini.

none_o

La mostra “Vecchi posti di provincia" è una raccolta di circa quaranta acquerelli.

Ferragosto nella valle
quanto caldo che mi assale.

La grande .....
ZODIACO
di Sissy Raffaelli

Oroscopo marzo 2024 

IL SEGNO DEL MESE
di Sissy Raffaelli

Il segno del mese.

L'agenzia formativa e per il lavoro Cescot Pistoia ricerca addetto/ .....
Skillman. eu Secretariat offre un contratto di lavoro dipendente .....
none_o
PAOLO MAGLI
L'isola pedonale necessaria al rilancio della città

2/8/2012 - 12:54

PAOLO MAGLI


Da mesi si discute sull'isola pedonale a Montecatini, con un gruppo di commercianti decisamente schierato contro ogni ipotesi di chiusura. I commercianti però sbagliano. Non solo perchè per una città che aspira a diventare un luogo riconosciuto del benessere la chiusura del centro è una questione di immagine e di credibilità, e quindi diventa di vitale importanza (come si fa a vendere benessere in una città rumorosa e assalita dalle auto?). I commercianti sbagliano anche perchè - a mio parere - vanno anche contro i loro stessi interessi. Le zone a traffico limitato infatti attirano visitatori e creano movimento a condzione però che siano permenenti per formare gradualmente nuove abitudini. Gli operatori, più che contrastare queste scelte, dovrebbero semmai chiedere al Comune impegni precisi sugli investimenti per la organizzazione di eventi di richiamo e per un'adeguata sistemazione dell'arredo urbano.

Dico questo sulla base della mia lunga esperienza di cronista. Citerò in proposito due esempi.

Il primo riguarda Pistoia. Una decina di anni fa il centro era un luogo non vissuto. Non appena chiudevano i negozi si trasformava in un deserto e la sera le strade erano frequentare solo da pochi immigrati. I pistoiesi - a seguito di scelte sbagliate - avevano come abbandonato la città e per il relax e il divertimento sceglievano mete vicine, a cominciare da Montecatini o Viareggio.

Quando il Comune decise di fare la Ztl, i commercianti fecero le barricate. Si opposero con ogni mezzo. Chiedevano che prima venissero costruiti i parcheggi, ovviamente confidando sul fatto che i parcheggi non sarebbero mai stati realizzati. Tra le loro richieste c'era anche che la Ztl funzionasse solo fino alle 20, e poi le strade venissero aperte, fino a poter parcheggiare anche in piazza del Duomo.

Il Comune tenne duro e alla fine, i commerciantri decisero di cambiare strategia e cioè di impegnarsi per il rilancio della città in accordo, con lo stesso Comune, ciascuno facendo la sua parte. E' in quel periodo che venne deciso di tenere i negozi aperti la sera d'estate un giorno alla settimana. Agli inizi i visitatori erano pochi, ma anno dopo anno, l'iniziativa ha conosciuto un crescente successo. E' anche grazie a tutto questo che la Sala è rinata, e che adesso il centro viene frequentato da migliaia di persone. Oggi Pistoia è una delle città più vive della Toscana, ed è sorto semmai il problema opposto, e cioè protestano i residenti perchè i frequentatori sono diventati troppi.

Il secondo esempio è ancora più lontano nel tempo. Molti anni fa quando andai a lavorare a Lucca (Il Comune era governato dalla Dc, con l'appoggio di Pri e Psdi) le auto e gli autobus viaggiavano ancora sulle Mura, utilizzate come seconda circonvallazione.

Quando il Comune propose la loro chiusura, successe il finimondo, I commercianti organizzarono serrate dei negozi, più volte invasero il consiglio comunale, organizzarono manifestazioni di protesta, minacciando chiusure e licenziamenti. La maggioranza comincio a vacillare e allora venne deciso di fare un passo alla volta e cioè di chiudere un pezzetto alla volta con una scusa. Per avere l'intero anello libero dalle auto ci sono voluti cinque o sei anni.

 

Anche lì, i primi tempi le mura non erano frequentate da nessuno, perchè i lucchesi non avevano l'abitudine ad utilizzarle. ma poi piano piano sono state riscoperte dalla gente (anche grazie alle iniziative organizzate dal Comune) ed oggi sono diventate un'attrazione turistica e sono frequentatissime La domenica si calcola che ci siano più di diecimila persone a passeggio. Non credo che oggi nessuno dei commercianti vorrebbere ritornare al passato,

Ho citato questi due casi, da me vissuti in prima persona, per dire che l'isola pedonale deve essere intesa solo come il primo passo per rilanciare la città; è la condizione imprenscindibile per poi fare tutto il resto. Per relizzare la città del benessere, ci vuole ben altro, in termini di iniziative e di investimenti. Ma i commercianti dovrebbero battersi con il Comune per andare avanti su questo percorso, non per frenare o tornare indietro. Chi non vuole l'isola pedonale, in realtà non vuole che la città cambi, e se la città non cambia, non ha alcun futuro.

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: