Valdinievole OGGI La Voce di Pistoia
  • Cerca:
  • 21:06 - 16/6/2024
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

E non è finita ancora manca via Del Gallo e rotonda vigili ed anche via dei Colombi soldi Esselunga speriamo bene. . . . ormai dopo le elezioni?
Spetterà alla nuova amministrazione. . . .
GOLF

Sabato 15 e domenica 16 giugno, presso il circolo La Pievaccia del Montecatini Golf, Bonvicini Fashion Gallery & Stores organizza grazie al main sponsor Peuterey la gara di golf più attesa di tutta la stagione.

CICLISMO

Domenica 16 giugno si svolgerà la manifestazione ciclistica “14° edizione Gran Fondo Edita Pucinskaite”. Per permettere l’iniziativa sono previste alcune modifiche alla viabilità.

CALCIO

Si è conclusa con la vittoria ai tempi supplementari il torneo dei Rioni di Ponte Buggianese che ha visto trionfare il rione Anchione Ponte di Mingo e Vione sul Centro Nord per 2-0.

TAEKWONDO

Primo campionato internazionale di combattimento per la categoria Kids cinture rosso/nere al Kim e Liu’ 2024 di Roma con l’Europeo Italy Open e straordinario podio per Sofia Palomba, pluricampionessa Italiana di taekwondo.

PODISMO

I biancorossi della Silvano Fedi, con le gare di questa settimana, sono arrivati alla ragguardevole cifra di 60 successi stagionali.

BASKET

Nella giornata di lunedì 10 giugno, il presidente di Estra Pistoia Basket Ron Rowan, ha fatto visita al governatore della Regione Toscana, Eugenio Giani.

BASKET

Resoconto della stagione del settore giovanile della Nico Basket.

none_o

Mostra collettiva Foreigners in Venice. Inaugurazione sabato 15 alle 17,30.

none_o

Sarà inaugurata venerdì 14 giugno alle 17 nella biblioteca San Giorgio.

Ferragosto nella valle
quanto caldo che mi assale.

La grande .....
IL MONDO IN TAVOLA
di Sissy Raffaelli

Teste di mazzancolle in pasta

ZODIACO
di Sissy Raffaelli

Oroscopo giugno 2024

Se avete Perdite occulte sulle vostre tubazioni, abbiamo sempre .....
L'agenzia formativa e per il lavoro Cescot Pistoia ricerca addetto/ .....
none_o
La vita ritrovata dopo l’incidente in moto, parla 23enne operato d'urgenza

27/11/2023 - 9:47

PISTOIA - E’ tornato a casa dopo 45 giorni di ricovero trascorsi prima in Terapia Intensiva e poi nel setting chirurgico dell’ospedale San Jacopo, il ventitreenne, pistoiese, operato d’urgenza dopo un grave trauma al fegato a seguito di un incidente in moto. L’intervento è durato un’intera notte ma lui non ricorda nulla. 
 
Racconta il paziente: “Il manubrio della moto mi si era conficcato nell’addome, all’inizio ero cosciente, carico di adrenalina, non percepivo nessun dolore, ma, poco dopo, un dolore fortissimo mi ha pervaso e subito deve essere iniziata l’emorragia. L’ultima scena in memoria è quella sull’ambulanza e quando mi sono risvegliato, dopo dieci giorni, ero in terapia intensiva e non respiravo più autonomamente, avevo vari drenaggi,  non parlavo e facevo anche la dialisi. Ho capito che venivo tenuto in vita dalle macchine e che non avevo speranza. Intorno a me, però, si avvicendavano i medici e gli infermieri e proprio grazie a loro ho trovato la forza di combattere. Ma anche grazie ai miei familiari: quando ho riacquistato la voce le prime parole che ho detto e che amavo la mia ragazza e la mia famiglia. Il recupero è stato lungo e faticoso, ma le équipe infermieristiche sono state grandiose e anche i medici: il dottor Michelagnoli ha fatto di tutto per farmi uscire dal suo reparto di terapia intensiva e per restituirmi, soprattutto, l’autonomia respiratoria e il dottor Fedi, che mi ha operato, trovava anche il tempo per portarmi a passeggiare in carrozzina nei corridoi dell’ospedale. Per tutte queste persone la mia gratitudine è immensa: mi hanno salvato la vita”.
 
Le condizioni del paziente erano gravissime con valori al limite della compatibilità con la vita. Il giovane era giunto in pronto soccorso (diretto da Mirco Donati con il coordinamento infermieristico di Cristina Cascini) instabile e portato immediatamente in sala operatoria per riscontro di un emoperitoneo.


E’ stato operato più volte eseguendo un packing epatico (praticamente il fegato è stato compresso con delle garze) che è stato rimosso dopo tre giorni e, successivamente, raggiunta una stabilità emodinamica, è stata eseguita una resezione epatica sull’area ischemica.


Il decorso post-operatorio in terapia intensiva è stato lungo e complesso (quasi 1 mese) e caratterizzato da numerose insufficienze d’organo che hanno richiesto diversi interventi specialistici dei medici della Terapia Intensiva, sia per l’insufficienza respiratoria, che per quella epatica, che per quella renale (tra cui tracheotomia temporanea ed emofiltrazione ad alto cut-off).    
 
L’integrazione delle competenze chirurgiche e di terapia intensiva hanno consentito di trattare il giovane come in un trauma center (il centro specialistico per la cura del trauma maggiore è a Careggi). La terapia intensiva dell’ospedale San Jacopo è diretta dal da Giuliano Michelagnoli (coordinatrice infermieristica dottoressa Nadia Cunti), e afferisce all’area anestesia e rianimazione (diretta da Guglielmo Consales) nell’ambito del dipartimento di emergenza e area critica diretto da Simone Magazzini.

Al San Jacopo sono centralizzati gli interventi di chirurgia epatobiliare; la struttura è a carattere dipartimentale, diretta da Massimo Fedi; il Centro ultraspecialistico di riferimento dispone di risorse umane, strumentali e posti letto dedicati per un migliore percorso assistenziale dei pazienti che provengono da tutti gli ospedali. La struttura è stata designata dal dipartimento delle specialistiche chirurgiche, diretto da Stefano Michelagnoli, unitamente all'area chirurgica diretta da Sandro Giannessi.
 
Le équipe della sala operatoria e della terapia intensiva sono formate per trattare anche i casi ad alta complessità come quello del giovane centauro.


I team infermieristici di sala operatoria, e del setting chirurgico A, sono rispettivamente coordinati da Tania Fioravanti e Raffaella Marovelli. 
 
Il dottor Giannessi, che è anche il direttore della chirurgia generale del San Jacopo, si è complimentato con l’équipe chirurgica “questo ulteriore intervento di eccellenza – ha dichiarato- testimonia che il Centro di chirurgia epatobiliare oltre a trattare patologie ad alta complessità, come quelle oncologiche, come avviene nei maggiori centri ultraspecialistici, è in grado di intervenire efficacemente anche sulle urgenze”.
 
In pratica la struttura ospedaliera pistoiese, nel caso specifico, ha reagito come garantendo il più alto livello di gestione e cura offrendo al paziente prestazioni di terzo livello. 
 
“Il trasferimento gli sarebbe stato fatale, viste le condizioni cliniche di grave instabilità. Le componenti della medicina d’urgenza, chirurgica e di terapia intensiva hanno dimostrato una elevata competenza con un risultato di cui siamo tutti orgogliosi”, ha commentato il direttore della rete ospedaliera, Lucilla Di Renzo.
 
Il paziente attualmente continua a essere seguito settimanalmente per i controlli nell’ambulatorio dedicato di chirurgia epatobiliare sempre all’ospedale di Pistoia.

Fonte: Asl
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: