Valdinievole OGGI La Voce di Pistoia
  • Cerca:
  • 09:04 - 14/4/2024
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Sono diversi giorni che mi capita di passare da Corso Matteotti verso le ore 18 e trovarmi fermo in fila . Succede che ogni sera due grandi bus, del prestigioso turismo internazionale che ci onora della .....
MOUNTAIN BIKE

Domenica 14 aprile si svolgerà una competizione di mountain bike denominata “Toscano Enduro Series 2024 Pistoia” organizzata dalla Asd Young Riderz Pistoia Mtb School.

BASKET

Appuntamento consueto di inizio mese nella sala principale del Caffè Valiani Bellagio di via Enrico Fermi a Sant’Agostino per la consegna del “Florence One Mvp”.

BASKET

Green Le Mura Spring Lucca – Butera Clinic Nico Basket  43-62

ATLETICA

Ha avuto un notevole riscontro di presenze e consensi l’organizzazione dei Campionati italiani invernali master di pentathlon lanci da parte dell’Atletica Pistoia, targata ChiantiBanca.

SCHERMA

Grande soddisfazione per i colori della Scherma Pistoia 1894 – Chianti Banca per la convocazione di Fabio Mastromarino ai Campionati mondiali under 20 che prendono il via in questi giorni a Riyad, in Arabia Saudita. 

RALLY

L’Automobile Club Pistoia torna in gara al fianco dei propri soci sportivi e presenta la quarta edizione del Campionato provinciale Aci Pistoia – “Memorial Roberto Misseri”, l’iniziativa che vede coinvolte le tre gare di rally che si svolgono nella provincia.

REDAZIONALE

Entra nel vivo la stagione tennistica 2024 e tutti si aspettano un “Super Sinner”.

PADEL

Le perfette condizioni meteorologiche dell’ultimo weekend hanno regalato un sabato all’insegna del padel di grande spessore sui campi protagonisti della “Coppa dei club” Toscana.

none_o

Dal 13 al 27 aprile alla galleria ArtistikaMente di via Porta al Borgo 18.

none_o

La mostra si terrà dal 14 aprile al 5 maggio.

Ferragosto nella valle
quanto caldo che mi assale.

La grande .....
ZODIACO
di Sissy Raffaelli

Oroscopo di aprile.

IL SEGNO DEL MESE
di Sissy Raffaelli

Segno del mese.

Con l’evento tenutosi oggi 22 marzo presso la filiale di Cascina .....
L'agenzia formativa e per il lavoro Cescot Pistoia ricerca addetto/ .....
none_o
Caccia di notte con mezzi non consentiti e foraggiamento abusivo di cinghiali: 3 denunce

27/2/2024 - 9:42

PROVINCIA - La polizia provinciale di Pistoia, grazie all’intensa attività di presidio del territorio, ha rinvenuto e denunciato, dall’inizio dell’anno 2024, tre illeciti riconducibili all’esercizio della caccia e foraggiamento abusivo di cinghiali.


Per poter cogliere in flagranza gli autori del reato, sono stati effettuati sopralluoghi e organizzato appostamenti anche notturni.


Negli ultimi giorni del mese di gennaio, durante l’attività di vigilanza e controllo del territorio, in un’area boscata molto impervia e scoscesa, sono stati rinvenuti 13 lacci per ungulati (cinghiali, caprioli), tesi e in grado di catturare. I lacci erano costituiti da cordino in acciaio e morsetti a vite ed erano fissati a tronchi delle piante presenti lungo i passaggi degli animali selvatici. A seguito di appostamento, gli agenti della polizia provinciale hanno individuato il responsabile dell’illecito constestandogli l’esercizio di caccia con mezzi non consentiti (lacci) e l’esercizio di caccia in giornata di silenzio venatorio (venerdì).


Un’altra operazione di significativo rilievo è stata effettuata nei primi giorni di febbraio in un’area boscata nella quale la polizia provinciale ha accertato l’esistenza del reato di esercizio di caccia in periodo di divieto generale e in orario notturno denunciando l’autore.


Dopo soltanto pochi giorni, in data 5 febbraio, sono stati notati, all’interno di una zona di ripopolamento e cattura, numerose impronte di cinghiali in un’area circoscritta all’interno di un’oliveta che facevano presumere un’attività di bracconaggio e foraggiamento abusivo. Con un appostamento nelle immediate vicinanze dei luoghi sopra evidenziati gli agenti sono intervenuti identificando l’autore e contestando il reato di foraggiamento abusivo di cinghiali.


Il costante impegno profuso nella propria attività ha portato la polizia provinciale di Pistoia ad individuare e denunciare, in meno di una settimana, i tre reati sopra descritti.


Sul tema è intervenuto il consigliere delegato della polizia provinciale Nicola Tesi il quale ha dichiarato: "Ringrazio la polizia provinciale per l'attenzione rivolta alla pratiche abusive dei mezzi di caccia, in questi anni grazie agli investimenti eseguiti, saremo in grado di contrastare i comportamenti abusivi di pochi cacciatori, che vanno a discapito dei molti che invece si comportano correttamente. Gli investimenti nei beni utili alla prevenzione ed al contrasto degli abusi saranno oggetto di ulteriori implementazioni anche per il 2024".

Senza ombra di dubbio si può parlare di un inizio 2024 all'insegna della prevenzione e della repressione dei reati. La vigilanza venatoria della polizia provinciale resta un’attività di rilievo anche nel periodo di chiusura generale della caccia, al fine di combattere l’attività di bracconaggio ancora presente nella provincia di Pistoia.


Di altrettanto rilievo è l’attività preventiva nei confronti della cittadinanza relativamente al divieto di foraggiamento degli animali selvatici; tale pratica, che sia diretta all’abbattimento dell’animale o messa in atto allo scopo di osservazione ravvicinata della fauna, crea innumerevoli ripercussioni negative. Con il foraggiamento gli animali sono indotti a frequentare abitualmente le aree antropizzate e ad avvicinarsi incautamente a strade e coltivazioni, mettendo in pericolo la sicurezza stradale e danneggiando l’agricoltura.


Il comando della polizia provinciale di Pistoia è a disposizione dei cittadini per raccogliere segnalazioni al numero 0573/374600 oppure tramite mail a provpol.pt@provincia.pistoia.it

Fonte: Provincia di Pistoia
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




6/3/2024 - 15:54

AUTORE:
Nena

Vedi caro bibo , il problema non è che dal regno Unito tu creda e pensi che provengano interventi . Il problema sono i tuoi interventi privi di ogni senso e costrutto .
Non si capisce cosa vuoi dire e balbetti osservazioni sciocche tipo che sei comunista .
Purtroppo dovresti riflettere e commentare gli articoli di riferimento, ma capisco come questo non sia alla tua portata .
Comunque non ti preoccupare sei in buona compagnia .
Anzi perché non fondi una associazione, potresti ambire ad una carica di pregio , se non di presidente , ma almeno di segretario per riconosciuti meriti acquisiti sul campo .
Datti pace che non è cosa .

6/3/2024 - 13:38

AUTORE:
Bibo

Oltre la metà dei commenti provengono da RU ,quando usi uno pseudonimo e quando un altro, impossibile esprimere un pensiero , te sei troppo forte troppo bravo ,hai ragione. Stai sereno.Bai

6/3/2024 - 13:08

AUTORE:
Bibi

Marco Marco , ti arrovelli senza un costrutto al solo scopo di non so che cosa .
Guarda che chi è contrario alla caccia non cade nel tranello dell' anticaccia impreparato .
Chi come me è anticaccia , non è impietosito dalla uccisione del povero passerotto che voleva tranquillo ed ha i suoi piccoli soli che moriranno di fame .
Questi sono gli anticaccia e non concludono niente .
Contro la caccia è perché si tratta di una attività umana divenuta inutile . Il cacciatore sottrae alla natura dei beni che la natura ci dona . Per fare questo non rispetta né la natura e nemmeno chi si muove in essa oltretutto mettendo a rischio la vita di chi si trova contemporaneamente presente sul territorio.
Per le tue convinzioni circa la sofferenza degli animali destinati a cibo , sei sicuro che la stessa sofferenza non la provi una patata che sbarbi da terra , metti a bollire , sbucci e tagliuzzi fino a farle fare un nuovo percorso ed uscire dal tuo buco del culo ? Anche essa , a detta di molti soffre come tutti gli esseri viventi.
Quindi documentati , studia , manifesta ,ma non parlare di caccia che non è il tuo campo .

5/3/2024 - 1:45

AUTORE:
Giangi

Caro bibo .
Ma tu cosa pensi della caccia al cinghiale ?
perché questo è il tema e non te ne frega niente perché niente capisci .
Dici di non voler imparare ma che hai idee . Idee su cosa ? Tu in Regno Unito non ci vorresti vivere ? Guarda che qui di ignoranti non ne abbiamo bisogno , Ce ne sono già tanti .
Resta pure a casa .
Il fatto di definirsi comunista non vedo il nesso .
Certo che esistesse ancora il partito , ti mettetebbero a reggere il secchio della colla con chi attacca manifesti nottetempo . Infatti a te il pennello non te lo farebbe toccare. Con una testa come la tua , al minimo li attaccheresti a testa in giù dicendo che così dovevano andare . Che dire , cerca di stare bene .

5/3/2024 - 0:30

AUTORE:
Marco Marco

Non vedere l'assurdità nel mangiare carne ma essere allo stesso tempo contro la caccia è ipocrisia allo stato puro.
L'animale che nasce libero è equiparato a un essere aristocratico intoccabile mentre quello nato in allevamento ha solo diritto a essere macellato. Il vostro "amore" verso gli animali è quanto di più distorto ci sia, figlio di una società che intende la natura al livello di Disney.

5/3/2024 - 0:08

AUTORE:
Walter

Bibo sei un fenomeno
Alla fine ti interessano solo i commenti di chi argomenta con ragionamenti ed esempi.
Soffri perché non capisci un testo come tre quarti degli italiani .
Se non ti diverti vai più in là.
Offenderti? Perché ?
Ci pensi da solo

4/3/2024 - 17:56

AUTORE:
Bibo

Povero Bibi e Nena , sempre lo stesso che cambia nome, stattene pure nel RU e non ci fare più lezione tanto te sei incapace di insegnare e noi siamo duri e non vogliamo imparare ,perlomeno da te ,infatti i commenti sono tutti in contrapposizione perché la pensiamo completamente in modo diverso , io sono comunista e non me ne vergogno e in RU non ci abiterei mai .

4/3/2024 - 11:44

AUTORE:
Nena

Leggo di nuovo e con maggiore attenzione i tuoi gravi e numerosi interventi fuori tema . Sei confuso e se pensi che il ferro necessario alla nostra buona salute e che è disponibile per la nostra assimilazione al 90% nella carne sia sostituibile da qualche vegetale tipo gli spinaci , sei veramente fuori come un terrazzino .
Il ferro presente nei vegetali , viene utilizzato dal nostro organismo solo al 10%.
L anemia conseguente alla diminuzione di globuli rossi , nuoce alla salute Il vegano stretto che rifiuta tutto ciò che non sia vegetale , ha seri problemi .

Dico poi che le posizioni filosofico alimentari , sono il frutto di paesi ricchi che non conoscono la fame .
Oggi possiamo snobbare la carne (come personalmente ) ma la stessa cosa non potrebbe fare una donna che allatta , o un disperato a Gaza .
Quindi accendiamo il cervello e voliamo basso . La caccia è una str... che dovrebbe scomparire dai paesi che non hanno bisogno per alimentarsi .
Il cibo è un complesso di elementi che per la varietà favoriscono la salute .
Il resto è rischio.
Ti risparmio gli impiegati arancioni scalzi in Regione che non calzavamo scarpe per non uccidere le "formicole" come si si dice a Firenze

4/3/2024 - 11:21

AUTORE:
Bibi

Marco Marco , non ho chiaro se ci sei o ci fai.
Parliamo di uccidere per divertimento come differenza di uccidere per necessità alimentari .

Ti racconto una cosa che ho imparato da quando vado spesso a fare la spesa dai " maomettani" come la gente come te chiamerebbe persone di religione islamica .
Il cibo per questa religione come per altre nate dalla stessa culla , riveste un aspetto religioso
L uccisione di un capretto , ad esempio , è sottoposta ad un rituale che per noi sembra assurdo L animale muore lentamente per dissanguamento in quanto deve essere partecipe che morendo realizza il disegno divino
Esistono leggi nazionali e norme comunitarie che cercano di rendere vita e soppressione di animali destinati a cibo , la più "umana"possibile
,roppo spesso non riuscendoci .
Riconoscere all attività venatoria un mezzo nobile di procurarsi cibo e visione romantica che collide col fatto che quando sono nato in Italia eravamo 40 milioni e nel mondo tre miliardi . E tutti devono mangiare almeno di tanto in tanto .
Uccidere per divertimento dovrebbe essere abortito das ogni persona che si definisce civile .

2/3/2024 - 23:04

AUTORE:
Marco Marco

Bibi per gli animali un allevamento è come un lager per un umano perché il loro fine ultima è la morte.
Di carne non ne hai necessità. Per vivere ti è sufficiente verdura, frutta e carboidrati. Sennò se vuoi la carne vattela a procurare da solo. Altrimenti non appestare continuamente con la tua moralità borghesotta chi vuole andare a cacciarla.

2/3/2024 - 16:04

AUTORE:
Bibi

In particolare , quando pensi di sapere di più su un argomento . prova ad intervenire in concreto .
Offendere persone che intervengono a tuo modo , sarebbe come sparare sulla croce rossa .
L argomento è la caccia . Porta argomenti che aiutino le persone a farsi una idea di cosa sta succedendo . Leggi con attenzione l articolo , fai ricerche , Pensa al cinghiale preso al laccio che spesso scappa con una gamba di menoprrvhr se la mangia per scappare , per poi morire dissanguato . Ragiona e non rompere le balle

2/3/2024 - 15:57

AUTORE:
Bibi

Per non importa ....
Un altro intervento contro chi parla di cose concrete , di territorio diviso per squadre , di chi ha importato illegalmente o cinghiali , di come si svolge una cacciata , di come viene sbranato dai cani un cinghiale che manda grida terribili e il cacciatore che assiste orgoglioso , di caccia i palude con stampi e volantini e tanto altro ,
di come cinghiali di voliera vengono appoggiati a terra e dopo un paio di minuti vengono s ovati ed uccidi dal bravo sparatore con blocchetto degli assegni .
Una forma di caccia di come si sente orgoglioso conquistatore chi va con una prostituta .
Di contro trovo una muta di idioti che non riescono a fare distinzione fra uccidere per cibo e uccidere per gioco .
In circa 40 interventi sulla caccia ho letto solo baggianate di chi voleva intervenire senza nessuna cognizione della caccia in genere e di quella al cinghiale . Nemmeno un cacciatore . Nessuno che abbia una idea di balistica e pericolosità dell' esercizio venatorio .
Quindi di cosa parliamo ?

Altro argomento caldo caldo ...
In settimana a Fornaci di Barga , paese di nascita di mia madre , un signore di mezza età ,ha ucciso a coltellate la moglie da cui si stava separando . Si tratta del decimo episodio de 2024 di uccisione nella modalità impropria in cui si parla di femminicidio .
L ultimo assassino è un garfagnino doc .
Nel frattempo , polemica su un immigrato che picchia la moglie perché sterile .
Gabrielli scherza sul fatto che questi stranieri vengono da noi a picchiare le donne .
Ma noi siamo stati e siamo peggio ?
Allora , caro censore , contesta le mie parole sulla condizione femminile in Italia ...se ci riesci.
Ma quali argomenti porti alle discussioni se non i tuoi commenti vuoti di persona sciocca e supponente .Non sopporto non tanto chi ha idee differenti dalle mie.
ma di chi crede di averne .
Come giustificare un gioielliere che esce di negozio con un arma illegale e rincorre per decine di metri tre ladri e ne uccide due e non riesce col terzo ?
Come non contestare che parlare di legittima difesa è follia .
Come sostenere che è giusto temere la sostituzione etnica e non capire che la inversione di natalità porta al fallimento ?
Potremo andare ancora avanti .
Passo del tempo a scrivere su questo blog sperando di trovare collaborazione , ma trovo solo gentuccia che non è in grado di sostenere alcunché.
Poi ci sono quelli come te che punzecchiano perché difficilmente saprebbero fare altro .

1/3/2024 - 13:23

AUTORE:
Non importa

Bibi abita all estero forse sta' meglio che da noi , smettesse di fare il fenomeno , lui sa tutto è professore in tutti i settori e sa insegnare a tutti in qualsiasi materia in qualsiasi argomento , vogliamo scherzare, lui offende tutti quelli lo contestano ,o la pensi come lui o sei per forza sbagliato e allora daiiiiii, ma vai vai vai

29/2/2024 - 23:49

AUTORE:
Bibi

Marco Marco , sei veramente un giullare inutile .

Se un incidente avviene ?

Meglio un cacciatore che un cercatore di funghi o un contadino o qualcuno che passeggiava nei boschi.

Il cacciatore non è un muratore che cade da un ponteggio , ma uno che mette a rischio chi non partecipa a questo gioco .

Per mangiare carne , l osservazione è veramente demenziale .

Si discute fra uccidere per il piacere di farlo ri spetto quando si deve fare per necessità .

Ma in che dimensione vivi ?.
Ma cosa sai della caccia per parlarne ?

Hai mai visto come funziona una cacciata al cinghiale ?

Quindi cerca di farla finita perché mi hai veramente stancato.

29/2/2024 - 20:08

AUTORE:
Marco Marco

Vai Bibi non fare il modesto. Il tuo portafoglio di offese è senza fondo.
Ti fa anche piacere se un cacciatore muore ["Per fortuna, quando va a ribattere il cinghiale, talvolta viene abbattuto da qualche collega. Uno di meno ma sempre troppi"].
Ma non mi meraviglio visto che preferisci nutrirti della carne proveniente dagli allevamenti. Il lavoro sporco lo fanno gli altri per te.

29/2/2024 - 18:14

AUTORE:
Bibi

Evito di rispondere direttamente ai miei detrattori .

Tengo a fare notare come in due serie di commenti , interventi di cacciatori non si sono letti .
Qualcuno mi accusa di parlare di caccia senza essere cacciatore .
Ho vissuto con accanto i cacciatori per averli avuto vicini a rompere per 25 anni nei pressi di una colonica isolata .
Sono figlio di cacciatore con cui andavo , sul seggiolino della bici , a veder sparare ai passerotti vicino alle case dei contadini .
Uno dei primi regali , un fucilino ad una canna calibro 32 di cui ricordo le cartucce del diametro di una sigaretta .
Ho continuato a seguire mio padre sia ai fagiani in riserva ,alla lepre coi cani degli amici , in padule di cui ricordo ancora il freddo .
Una volta mi ritrovai in botte e chi sa di cosa si tratta capisce quel che dico .Ho visto da vicino anche le cacciate al cinghiale con le poste sulla strada di casa mia .
Ho visto i due buchi neri di una doppietta con gli amici del cacciatore che non avevano visto niente .
Ho litigato con i cacciatori che pretendevano di far la posta alla lepre sul mio uscio di casa .Non solo ho vasta esperienza di caccia , ma per litigare con la gente , occorre avere argomenti e conoscere le regole del gioco meglio di lui le debolezze.
Di tutti gli interventi , salvo uno o forse due per oltre 40 , si tratta di persone che di caccia non ne capiscono niente in quanto parlano per sentito dire o per il gusto degli haters .
Detto questo cercate di affrontare la discussione portando contributi . Di quel che non sapete , lasciate perdere .

29/2/2024 - 14:39

AUTORE:
Roberto

Che prepotenza signor bibi da colodi....

29/2/2024 - 12:33

AUTORE:
Cittadino

Ragazzi, a suo dire non è corretto commentare il commentatore. E poi ormai siamo abituati alle sue “sparate” anche se sparare sotto un articolo del genere sembra fuori luogo.
Bibi onnisapiente sa tutto e argomenta su tutto saccentemente e senza errori… lui è nato già studiato, e poi dall’altezza dei suoi anni e della sua attuale residenza vede tutto. Ovviamente anche non essendo cacciatore si intende molto bene anche di caccia e di cacciatori, ne conosce persino il flusso urinario. Ma la cosa più divertente della faccenda è: i criminali meritano delle scusanti, gli onesti cittadini che pagano e sono in regola per frequentare le attività venatorie meritano la morte …
Se lo dice lui….

29/2/2024 - 12:01

AUTORE:
Bibi

Caro Roberto , sparare in direzione di una abitazione da oltre 150 metri con una doppietta è solo mala educazione .
Sparare con una carabina per caccia al cinghiale oppure con una doppietta caricata a palla , mi pare cosa leggermente differente .
La normativa che lei cita pedissequamente , riflette regole di pubblica sicurezza , quando nessuno sarebbe andato a beccacce con armi proprie della caccia agli ungulati .
Infatti la caccia ai cinghiali autoctoni era una pratica talmente rara che assieme a quella delle regioni alpine , poco interessava considerare .
Se poi lei accende il cervello prima di insegnare agli altri a leggere la legge sulla caccia , sarei grato .
Anche il mio portafoglio di offese , si sta svuotando ed occorre faccia economia . Saluti

29/2/2024 - 11:19

AUTORE:
Bibi

Roberto caro , lei cita le leggi e non legge quel che scrivo e dettaglio con esempi ed esperienze dirette . Parli di quel che sa che le leggi sulla caccia le conosciamo .
Le faccio presente l inadeguatezza della distanza dalle strade con esclusione di quelle poderali .
Dallo spopolamento delle campagne anni 50/60 , via via , lecsde rurali sono divenute ville e le strade che conducevano a queste ville sono ancora poderali ?
Ma non voglio perdere tempo con chi di caccia non ha esperienza e pure ne parla , anzi consigliando di studiare .
Tempo perso .
Quando mi misuro con SPORt ho una persona che capisce e conosce l argomento . Con te solo un presuntuoso che non conosce l argomento ..

29/2/2024 - 10:26

AUTORE:
roberto

A Bibino faccio un ripasso: la caccia è vietata a 50 metri dalle strade comunali e non asfaltate nonchè dalle ferrovie. SPARARE in direzione alle suddette è VIETATO da una distanza inferiore a 150 metri. L esercizio venatorio inoltre è regolamentato dalla legge dell 11 Febbraio 1992 n.157 e NON dal Tulps che parla soltanto della classificazione e regolamento delle armi comuni da sparo, bianche nonchè armi da guerra.
Le consiglio di studiare prima di scrivere

28/2/2024 - 10:55

AUTORE:
Bibi

Sport
La caccia ai cervidi in ambiente alpino , prevedeva armi "da guerra" e seguivano , probabilmente l evoluzione delle medesime .
Il parallelismo con la caccia agli ungulati nel Chianti fiorentino , o a Pontassieve , mi pare abbastanza peregrino .
Per la necessità di fare la guerra al nemico cinghiale , sono perfettamente d accordo e forse è giunto il momento di cambiare la norma partendo dalla abolizione delle squadre e del territorio assegnato .
Per lasciare mano libera abolendo ogni regola , mi pare una boutade che fa effetto, ma non degna di un.psese civile .
Nel 1789 alcuni cittadini incazzati vollero risolvere il problema dello strapotere dei ricchi , ma fecero solo casino perché cambiarono solo padrone .
Far la guerra ordinatamente ai cinghiali è possibile , solo che lo si voglia per primo .
I primi a non volerla fare sono i cacciatori .
Per le armi e la sicurezza ?
Lo sparo a terra ?
Nella cacciata , chi comanda , schiera in linea ed a distanza congrua i cacciatori .
La line di fuoco corrisponde alla direzione in cui i cani rastrellano il territorio e spingono il cinghiale in questa direzione .
In un terreno collinare , se la linea di fuoco è verso l alto , sicuri che venga sparato a un metro ?
Evidentemente avendo vissuto per oltre metà della mia vita in zona di cacciate , ho visto un altro film rispetto al suo .
Una palla a 500 metri ci arriva e fa del male .
Avere la sicurezza la visuale con la carabina , è impossibile in un territorio anche mediamente antropizzato .

Altra notazione da vecchio osservatore : mi ricordo i cacciatori ai valichi , quando il cacciatore accanto a quello cui venivano i volatili , sparava già a tre tiri di distanza .
Il cinghialaio spara comunque ed il buon senso lo lascia a casa , stia tranquillo .
Per fortuna , quando va a ribattere il cinghiale , talvolta viene abbattuto da qualche collega . Uno di meno ma sempre troppi .

27/2/2024 - 18:22

AUTORE:
Sport

Personalmente visto la situazione ungulati, invece di dare la caccia ai cacciatori bracconieri il personale di vigilanza e autorizzati farebbero meglio ad aumentare gli abbattimenti diurni e notturni a caccia chiusa. Per quanto riguarda le armi sono 130 anni che esistono quelle rigate e utilizzate regolarmente da allora nel comprensorio alpino. La differenza tra cartuccia a pallini e a palla è che la prima generalmente viene sparata in aria con ricaduta fino a 200 mt max, la palla normalmente viene sparata verso il terreno ad altezza di 1 metro circa,non esiste una regola diversa da quella a pallini riguardo le distanze di sicurezza considerando che la gittata max può raggiungere i 5 km,vale il buon senso visivo.

27/2/2024 - 10:46

AUTORE:
Bibi

Partendo dal presupposto che detesto l esercizio venatorio , purtuttavia nel complimentarmi con chi ha portato a termine certe operazioni ritengo che non bisogna generalizzare .
I cacciatori che si attengono alle regole , sono convinto siano la maggioranza . Il problema è che le regole , specie in relazione alla sicurezza delle persone durante la battuta al cinghiale sono lacunose .
Il testo di PS che sempre fa parte integrante dellr leggi sulla caccia , ricalca una normativa anteguerra. Quindi si riferisce ad armi e distanze di sicurezza basate su un arma che caricata a pallini , non è pericolosa per le persone oltre 50 metri .
Se parliamo di carabine per caccia al cinghiale , la pericolosità è ad un paio di km e oltre .
Lo stesso "annaffiatoio" a canna liscia caricato a palla asciutta diviene arma letale a piu' di dieci volte la carica a pallini .
Per i lacci ?
In tutti i paesi tutti i cacciatori conoscono le mele marce con le quali prendono il caffè al bar .
Per le sanzioni ? Roba da ridere .