Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 16:02 - 06/2/2023
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

La legge che prevede un regime carcerario &particolare" per certi condannati che dall' interno del carcere potrebbero continuare la loro attività criminale, viene spicciativamente detta del 41 bis
. .....
ATLETICA

Remo Marchioni, presidente dell’Atletica Pistoia, classe di ferro 1935, e i suoi compagni Azzurri non finiscono di mietere allori.

GINNASTICA

Il 2023 non sarà un anno qualunque per la Ferrucci Libertas.

VOLLEY

Un risultato che sposta l’asticella degli obiettivi prefissati per questa stagione sportiva.

BASKET

Ennesima sfida fra Gioielleria Mancini e Fides Livorno che nelle ultime due stagioni hanno incrociato la loro strada per ben sette volte. Sfida che riporta i monsummanesi ai dolci ricordi della cavalcata promozione dello scorso anno.

BASKET

Ancora una trasferta di quelle da "quartieri alti" per Gema dopo quella di Livorno sponda Pielle di 15 giorni fa: domenica alle 18 i rossoblu saranno di scena al Pala Tenda di Piombino per sfidare una delle pretendenti ai primi quattro posti in classifica, una battaglia che offre la possibilità di giocarsi i playoff per la promozione in A2.

RALLY

Sarà ancora una stagione sportiva di ampio respiro, quella messa in programma da Dimensione Corse.

KARATE

Domenica scorsa a Calenzano si è disputata la coppa toscana di karate Fijlkam dedicata interamente alle categorie giovanili.

RALLY

Saranno le strade del Campionato italiano assoluto rally ad ambientare la programmazione sportiva di Gianandrea Pisani, pilota portacolori della scuderia pistoiese Jolly Racing Team.

none_o

La mostra è all'Oratorio della Vergine Assunta di Serravalle.

none_o

"Raccontami un libro", di Ilaria Cecchi.

La mamma albergava nella casa che cura,
aveva le doglie, non .....
ZODIACO
di Sissy Raffaelli

Oroscopo di febbraio. 

IL SEGNO DEL MESE
di Sissy Raffaelli

Il segno del mese.

Abbiamo aperto il 2023 con la selezione di due nuovi posti di .....
Buonasera. Cerchiamo addetto al ricevimento con buona conoscenza .....
SERRAVALLE
Pd replica a Giula Romani: "Elettori sapranno distinguere tra chi unisce e chi vuole dividere, avversario è la destra"

15/4/2022 - 11:21

Il Partito Democratico (unione comunale) replica alle dichiarazioni di Giulia Romani, candidata sindaco di Rifondazione e Comunisti.
 
"Non era nostra intenzione polemizzare con Giulia Romani, candidata sindaco di Rifondazione e Partito Comunista: per noi, l’avversario da battere non è lei ma la destra. Tuttavia, le sue dichiarazioni, riportate su “Il Giornale di Pistoia” dell’8 aprile, ci obbligano a intervenire per consentire agli elettori di valutare sulla base dei fatti.
 
Il confronto con Rifondazione è iniziato il 3 luglio dello scorso anno quando gli abbiamo esposto i “capisaldi politici e programmatici” che intendevamo proporre a loro e a tutte le forze di centrosinistra. Il confronto è andato avanti fino a gennaio producendo, con il contributo di tutti, un programma per Serravalle condiviso anche da Rifondazione, fatta eccezione per alcune questioni, non chiaramente definite dal livello regionale dei partiti, tra cui l’ipotesi di far confluire in un’unica società la gestione dei servizi pubblici in Toscana, (multiutility rifiuti, acqua, gas ecc.).
 
Riguardo al candidato a sindaco lo scorso gennaio, a precisa domanda del Pd, il segretario locale di Rifondazione rispose che non c’erano riserve nè su Silvano Barbasso, nè su Sandro Cioni allora candidati alle “primare del Pd” indette dopo che Rifondazione e gli altri partiti presenti al tavolo di trattativa, ci dissero di non avere candidati da presentare ad eventuali “primarie di coalizione” e di non condividere quel metodo per decidere la candidatura a sindaco. 
 
Qundi, sul programma e il candidato a sindaco, nessun problema, l’unica vera difficoltà per Rifondazione, era la presenza di Italia Viva che a livello nazionale, su alcune questioni, aveva posizioni diverse dal resto del centrosinistra. 

 

Il 3 febbraio, per superare lo stallo, sottoponemmo alla firma dei partiti un “accordo di coalizione” nel quale, tra l’altro, si legge : “...pur essendoci tra noi, a livello nazionale idee diverse su vari temi, nell’esclusivo interesse dei cittadini di Serravalle, intendiamo collaborare, su un piano di pari dignità, per definire il programma ed una lista qualificata e in discontinuità con le giunte del passato; i nostri partiti condividono i valori della democrazia nata dalla Resistenza e affermati nei primi 12 articoli della Costituzione e per questo, si impegnano una volta eletti, a revocare la cittadinanza onoraria a Mussolini e a promuovere la memoria degli avvenimenti e di quanti contribuirono alla Resistenza e alla liberazione; i nostri partiti si impegnano per uno sviluppo ambientalmente e socialmente sostenibile, efficiente e produttivo ma nel rispetto dei diritti dei lavoratori e con l’obbiettivo del superamento della precarietà, per la sicurezza del lavoro e nel posto di lavoro”. 

 

Insomma impegni chiari e di sinistra ma, nonostante questo, alla vigilia della firma, i vertici di Rifondazione Comunista ci informarono che forse avrebbero
sottoscritto l’accordo superando “il problema Italia Viva”, a condizione che il Pd gli garantisse un posto da assessore. La risposta scontata fu che in caso di vittoria, il sindaco, nella scelta degli assessori avrebbe considerato gli eletti di Rifondazione sullo stesso piano di tutti gli altri, tenendo conto della competenza e delle preferenze ottenute. 

 

Questi sono i fatti, documentabili. Il resto è noto: Rifondazione ha deciso di “uscire” e presentare una propria lista, mentre Partito Democratico, Articolo1, Europa Verde-Verdi, Partito Socialista Italiano, Italia Viva e Movimento 5 Stelle hanno scelto di formare la coalizione “Insieme Centrosinistra per Serravalle” con Sandro Cioni candidato sindaco.
 
A nostro avviso, ma a giudicare saranno gli elettori di sinistra, c’erano le condizioni per restare tutti uniti, ma Rifondazione ha, legittimamente, fatto un’altra scelta. Quello che non è accettabile è il voler motivare quella decisione travisando i fatti e perfino entrando nel merito della vita interna del nostro partito parlando di “vergogna” ed emarginazioni inesistenti.


Il Partito Democratico ha fatto un percorso partecipato, lineare e trasparente di cui andiamo orgogliosi, dalla stesura del programma, alle “primarie” per scegliere il candidato a sindaco alle quali, per Statuto, possono concorrere tutti, iscritti  ed elettori. Siamo quindi un partito aperto, che “include” e non “emargina”, nè i giovani, (il 20% dei nostri candidati ha meno di 35 anni e 1 su 3 ne ha meno di 45), nè nessun altro. Ci fa piacere che Giulia Romani apprezzi Simona Querci, una nostra iscritta che è ai vertici del Pd provinciale e regionale, che poco più di un anno fa è stata candidata a consigliera regionale risultando la prima dei non eletti e se, come ci auguriamo, Federica Fratoni vincerà le elezioni comunali di Pistoia, tra pochi mesi sarà la prima serravallina a sedersi in Consiglio regionale. Una compagna che ha avuto il privilegio di rappresentarci per molti anni in ruoli istituzionali importanti e che per noi è e rimane una risorsa importante.
 
In conclusione il  Pd,  per la scelta di Rifondazione, è dispiaciuto ma non preoccupato, perchè ha fiducia nella capacità degli elettori di sinistra di saper distinguere tra chi vuole unire e chi dividere in un Comune dove si vota a turno secco senza ballottaggio, tra chi, come la Romani, ora è candidata con Rifondazione mentre nel 2017 era candidata con Lunardi e noti esponenti di Fratelli d’Italia e Forza Italia e chi come Cioni si è candidato sempre col centrosinistra, tra chi ha la possibilità di vincere riportando il Comune al centrosinistra e chi non ne ha".

Fonte: Pd
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




15/4/2022 - 15:22

AUTORE:
ivano bechini

Lo scrivo da segretario provinciale di Rifondazione Comunista: non abbiamo chiesto un posto da assessore; ma abbiamo chiesto di discutere gli assetti della Giunta; cosa normale e logica che viene sempre fatta tra forze politiche diverse. E la risposta è stata " si vedrà dopo le elezioni ma dovete accettare Italia Viva". L'assemblea del Circolo di Rifondazione Comunista di Serravalle ha deciso che il problema non sono eventuali riconoscimenti in Giunta ma le politiche e le alleanze proposte dal PD. Da lì abbiamo avviato un percorso che ci ha visti confluire nella lista unitaria dei Comunisti per Serravalle. Una domanda però la devo porre: ma davvero pensate di essere gli unici in grado di esprimere persone capaci di un impegno nelle amministrazioni pubbliche? Perché allora, segue un'altra domanda: che avete fatto per contrastare gli aumenti delle bollette di tutti i generi e tipi? Niente!

15/4/2022 - 15:12

AUTORE:
ivano bechini

Se non volete polemizzare, abbozzatela lì! O altrimenti spiegateci che c'entrate voi che dite di essere di centrosinistra con Italia Viva? Vogliamo parlare di qualche Vs. candidato?
datevi una calmata, Se dite che vi servono i nostri voti, perché non ci avete trattato da pari ma avete cercato di trattarci come pezzenti? Se perdete ANCHE queste elezioni è perché VOI non siete capaci di ascoltare gli altri. Dov'è finita la grande esperienza dell'egemonia di gramsciana memoria? Per quanto vi riguarda solo in una grande arroganza.