Valdinievole OGGI La Voce di Pistoia
  • Cerca:
  • 18:03 - 04/3/2024
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Quando si legge quel che non c è .
Ognuno è libero di esprimere le proprie idee , ma non di essere giudice di qualcosa . Il giudizio soggettivo con il patetico complesso che rappresenti oggettività .....
JUDO

Una domenica piena di soddisfazioni per il Judo Valdinievole Montecatini. 

BASKET

Dopo quasi un mese di assenza di partite da via Fermi, l’Estra Pistoia Basket riparte alla grande conquistando la vittoria nella 21° giornata di Lba battendo 84-71 la Bertram Derthona Tortona e si prende due punti fondamentali nella lotta per la salvezza.

SCHERMA

La Scherma Pistoia – Chianti Banca torna sul tetto d’Europa grazie al proprio alfiere Fabio Mastromarino.

ATLETICA

L’Atletica Pistoia si conferma tra le grandi realtà master italiane. Ai Campionati italiani individuali indoor master, tenutisi al Pala Casali di Ancona, la società pistoiese ha conquistato 3 medaglie d’oro, 12 d’argento e 9 di bronzo; quinto posto tra le donne e tredicesimo fra gli uomini.

TIRO A SEGNO

La sezione di Tsn pisana, sprovvista momentaneamente dell’impianto di Bersaglio mobile, ha chiesto e ottenuto solo per questa disciplina la collaborazione del Tiro a segno nazionale di Pescia.

CALCIO

Importante riconoscimento consegnato dal presidente Alessandro Dami ad Andrea Guarisa.

BASKET

Non si ferma la corsa della Butera Clinic Nico Basket, che centra il tredicesimo successo consecutivo in trasferta contro Academy Spezia, con il risultato di 48-73.

RALLY

Era tra i più attesi, al circuito di Pomposa (Ferrara), dopo la performance dello scorso dicembre, per la prima prova del Campionato “Race in Circuit” 2024, disputata nel fine settimana passato ed una volta in gara ha confermato le aspettative.

none_o

Inaugura sabato 2 marzo, presso la galleria del Centro* Montecatini.

none_o

La mostra “Vecchi posti di provincia" è una raccolta di circa quaranta acquerelli.

Ferragosto nella valle
quanto caldo che mi assale.

La grande .....
ZODIACO
di Sissy Raffaelli

Oroscopo marzo 2024 

IL SEGNO DEL MESE
di Sissy Raffaelli

Il segno del mese.

L'agenzia formativa e per il lavoro Cescot Pistoia ricerca addetto/ .....
Skillman. eu Secretariat offre un contratto di lavoro dipendente .....
PISTOIA
L’Orchestra Leonore suona al teatro Manzoni

9/2/2024 - 18:03

L’Orchestra Leonore, sotto la guida di Daniele Giorgi, torna domenica 11 febbraio (ore 17) sul palco del Teatro Manzoni di Pistoia per il quinto appuntamento della stagione concertistica promossa da Teatri di Pistoia col sostegno di Fondazione Caript, dopo il grande successo riscosso con l’opera Così fan tutte di Mozart proposta in gennaio in versione semiscenica.


Il concerto, incentrato su Šostakovič e Schumann, offrirà anche l’occasione di applaudire, per la prima volta a Pistoia, Kian Soltani, violoncellista austriaco di origini persiane che la rivista Gramophone ha definito “pura perfezione”, già apprezzato dal pubblico delle maggiori sale da concerto internazionali, da Londra a Salisburgo a Monaco e Lucerna.


Nell’ambito del ciclo “Il Teatro nel carrello”, promosso in collaborazione con Unicoop Firenze, sabato 10 febbraio (ore 12) è in programma anche una prova aperta del concerto, per max 30 partecipanti. Chi volesse partecipare è pregato di inviare un messaggio whatsapp al numero 3476227943 o una mail all’indirizzo sez.pistoia@socicoop.it.


Con la direzione musicale di Giorgi, Leonore – formata prevalentemente da musicisti scelti tra le più importanti orchestre europee ed ensemble cameristici di eccellenza, ma anche tra i migliori talenti emergenti – ha rapidamente esteso la sua attività concertistica a livello nazionale affermandosi per l’originalità delle interpretazioni, l’energia performativa e la grande duttilità stilistica con cui affronta ogni tipo di repertorio.


Dopo il concerto Pistoia, nell’ambito di una breve tournée, Leonore E  Giorgi replicheranno il programma con Kian Soltani a Milano, il 12 febbraio in Sala Verdi, per Serate Musicali. Martedì 13 febbraio sono invece attesi al Teatro Alighieri di Ravenna per un concerto che vedrà la partecipazione, nella prima parte del programma, del pianista Andrea Lucchesini, solista nel Concerto per pianoforte e orchestra n. 2 op. 21 di Chopin. In aprile Leonore, sempre diretta da Giorgi, è attesa per l’importante debutto alla Elbphilharmonie di Amburgo.


Un filo sottile collega la storia artistica di Kian Soltani a quella del Concerto per violoncello n. 1 di Šostakovič (1959), capolavoro di straordinaria intensità in cui sarà solista al fianco dell’Orchestra Leonore diretta da Giorgi: a soli 12 anni, infatti, Soltani entrò all’Accademia musicale di Basilea nella classe di Ivan Monighetti, allievo del grande Mstislav Rostropovich che del Concerto fu dedicatario.


La partitura di Šostakovič si collega ad una serie di suoi lavori degli stessi anni per i tratti fortemente introspettivi e autobiografici; il legame è sottolineato dall’uso di un ‘motto’ ricorrente, una sorta di monogramma sonoro, traduzione in note delle lettere iniziali del nome del compositore. Proprio con questo ‘motto’ di quattro note comincia il Quartetto n. 8 (1960), composizione di dirompente forza drammatica ed espressiva, fra i pezzi più autobiografici dell’autore, nonché fra i più amati ed eseguiti del repertorio cameristico: la Sinfonia da camera che apre il programma ne è il magistrale adattamento per orchestra d’archi realizzato dal famoso direttore d’orchestra Rudolf Baršaj con il permesso speciale dello stesso Šostakovič.


Nella seconda parte, Daniele Giorgi e Leonore proseguono il loro viaggio attraverso l’integrale della produzione sinfonica di Schumann con la Sinfonia n. 2 in do maggiore, il cui carattere inquieto, magneticamente introverso e dai picchi drammatici improvvisi, ben rappresenta la fase di depressione e straniamento attraversata dal compositore a causa della malattia mentale che si era manifestata poco tempo prima e che lo avrebbe condotto lentamente alla prematura morte. Completata nell’ottobre del 1846, la Seconda Sinfonia è frutto di un’elaborazione durata più di un anno: creazione grande e sofferta – la preferita, sia dell’adorata moglie Clara, sia dell’allievo e amico Johannes Brahms – è anche un caleidoscopio di rimandi ai modelli più disparati, in cui è possibile riconoscere le influenze di Bach, Mozart, Haydn, Schubert e Beethoven.

Fonte: Teatri di Pistoia
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: