Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 01:07 - 16/7/2020
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Sei veramente incredibile zorrino riesci a "litigare" anche con la redazione .
Marea nera , razzismo , far sparire le persone . . roba da matti ! Da quanto sei incentrato su te stesso non riesci .....
MOUNTAIN BIKE

È finalmente tornata l’estate all’Abetone dove al Gravity Park i trail builder capitanati da Davide Demin e Graziano “Fabbro” Tisi, dopo il forzato stop dovuto al lockdown, si sono impegnati a dare un profondo rinnovamento di tutte le piste.

RALLY

L’Automobile Club Pistoia comunica iche il Campionato provinciale Aci Pistoia – “Memorial Roberto Misseri”, riservato ai soci, titolari di licenza AciSport, viene rimandato al 2021.

RALLY

E' pronto ad accendere i motori della Skoda Fabia R5, Thomas Paperini. Il pilota pistoiese, atteso al debutto sulla vettura, sarà parte integrante della Coppa Città di Lucca.

IPPICA

All’Ippodromo Snai Sesana di Montecatini Terme sabato in notturna con una riunione di corse interamente riservata ai gentlemen.

IPPICA

All’Ippodromo Snai Sesana di Montecatini Terme giovedì sera molto interessante nonché primo appuntamento della nuova settimana di luglio al Sesana di Montecatini, arricchito dalla presenza dei primi tre driver della classifica nazionale.

BASKET

Il Social Camp, rivolto a ragazzi e ragazze amanti della pallacanestro, si terràdal 13 al 27 luglio e coinvolgerà giocatori professionisti e personalità del mondo della palla a spicchi pronti ad animare un intenso palinsesto online di allenamenti, lezioni pratiche e consigli per migliorare la propria tecnica.

BASKET

La pallacanestro ha ripreso a scaldare i motori anche negli Stati Uniti. Aspettando che riprenda la stagione Nba, a partire dallo scorso 4 luglio è partita la manifestazione “The Basketball Tournament”.

BASKET

Il Pistoia Basket 2000 è lieto di comunicare di aver prolungato l'accordo in essere con l'atleta Carl Anton Delroy Wheatle.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori è dedicata a un libro di Valentina Petri.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un finalista del Premio Strega.

Quando c’è la Luna nel suo quarto
e la campagna avvolta nella .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

La vittoria doveva essere scontata per Firenze, ma non andò così.

FILIATELIA
di Giancarlo Fioretti

Il francobollo in ricordo Amato, il giudice che scoprì le trame eversive dell'estrema destra

Smarrita chiavetta usb marca Lexar bianca con tappo arancione. .....
cerco qualsiasi mansione x impegno mia giornata sono dinamico .....
PISTOIA
A11 chiusa per catturare ungulati, Marchetti (FI): "Presi 16, ne restano 399.984, ma per Regione è stato un successo"

11/11/2019 - 20:45

«Con la chiusura di 25 chilometri di autostrada A11 di domenica mattina per quella che si annunciava come una grande operazione di bonifica della zona dagli ungulati e dal pericolo che generano anche alla viabilità, la Regione ha affermato di aver segnato un successo catturando 16 caprioli. Ecco. Ora restano a zonzo a casaccio tutti gli altri 399.984 censiti sul territorio regionale nel 2018. La verità? Hanno voluto massimizzare il disagio con un’iniziativa che facesse notizia e per far vedere quanto la giunta toscana sia impegnata e attiva sulla materia, ma ditemi voi che incidenza può avere la cattura di 16 caprioli su una popolazione di ungulati di 400.000 capi tra daini, cinghiali, caprioli appunto, cervi, daini e mufloni. E’ ridicolo. Uno spot bello e buono per provare una volta di più a prendere in giro l’opinione pubblica».

 

L’attacco arriva dal capogruppo di Forza Italia in consiglio regionale Maurizio Marchetti che ha in una mano la nota informativa del novembre 2018 elaborata proprio dagli uffici regionali sulla situazione degli ungulati in Toscana, dall’altro la nota stampa emessa ieri dalla giunta regionale circa l’esito dell’operazione di bonifica condotta in A11 Firenze Mare con la chiusura del tratto fra i caselli di Montecatini Terme e Prato Ovest.


«Io sposo l’operazione condotta con metodi incruenti e attraverso la quale gli animali sono stati presi e poi rilasciati fuori dagli spazi antropizzati, in pieno bosco. Non posso sposare la tesi secondo cui 16 caprioli a fronte di 400mila ungulati in Toscana possa definirsi “un successo” come leggo nella nota di giunta regionale di ieri, e di conseguenza sui giornali», incalza Marchetti.


«Ve li ricordo io – prosegue il capogruppo di Forza Italia – i dati sulla situazione in Toscana su fonte proprio Regione: nel nostro territorio abbiamo 400mila ungulati, il che ci rende la regione italiana con maggior concentrazione di ungulati di tutte. Su scala nazionale, leggo, in Toscana sono concentrati il 40% dei caprioli (184.578 capi) e il 30% dei cinghiali (121.952 capi) dell’intero Stivale, con trend dei caprioli in crescita costante dal 2014 in qua. Gli altri sono daini (6.801 capi), cervi (4.666 capi) e mufloni (737 capi)».

«Quanto agli incidenti stradali che hanno coinvolto uno di loro, gli ultimi dati che ho – continua a leggere Marchetti dal report regionale – sono del 2016 con 368 eventi. Sempre del 2016 è l’ultimo totale sui danni: fra il 2010 e il 2016 i danni liquidati all’agricoltura e causati dagli ungulati sono stati pari a 13 milioni e 279.234 euro, ovvero l’85,5% dei danni totali».

«Ora ok ne hanno catturati e rimessi nel loro habitat 16. E tutti gli altri? Cari Rossi e Remaschi, diciamo stop alla politica spot», conclude Marchetti.

Fonte: Forza Italia
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




14/11/2019 - 10:18

AUTORE:
GIOVANNI GORINI

certo Devis. Ho vissuto troppi anni in campagna in una casa colonica isolata , e conosco sia nel testo sia nella pratica , la caccia al cinghiale. Le squadre di cacciatori costituite , cui la legge attribuisce la gestione venatoria del territorio assegnato , evidentemente non svolgono appieno la funzione di contenimento dello sviluppo dei cinghiali . Le cacciate cui per legge possono partecipare etc etc .. (andatevi a leggere la LR) fanno "vento". La verità è che la politica ha paura da sempre di toccare i cacciatori . I cacciatori sono una forza coesa e trasversale e perdere voti terrorizza tutte le forze politiche , specie ora che per un pugno di voti si vincono o perdono le elezioni. Purtroppo poi i mezzi di informazione riportano "quadretti" allegri o preoccupanti , non capendo assolutamente quali sia il problema.
Non ultimo l'idea delle povere bestioline che a differenza di altri esseri umani , ci stanno colonizzando .

13/11/2019 - 11:28

AUTORE:
Devis

Hai ragione. Non avevo letto bene. Il calcolo che ho fatto è comunque valido su tutti gli ungulati. Sono d'accordo sul fatto che i danni più grossi li fanno i cinghiali. Il problema però rimane. Se i catturati si rimettono in libertà, torneranno a far danni. L'unica soluzione che riesco a vedere è la caccia. Perché si possono usare tutti i metodi di contenimento che si vuole, ma gli ungulati continueranno a crescere di numero. I cacciatori hanno creato il problema e i cacciatori dovrebbero risolverlo

12/11/2019 - 23:43

AUTORE:
domenico60

Hanno spostato alcuni caprioli che vivevano ALL'INTERNO del recinto autostradale. Qual'è il problema della Lega? Gli altri ungulati vivono anche loro nei recinti autostradali? Se si, come fanno a causare l'85 % dei danni all'agricoltura? Insomma sanno solo denigrare, odiare, parlare male.... ma una critica costruttiva la sapranno fare?

12/11/2019 - 18:58

AUTORE:
GIOVANNI GORINI

Un giorno Collodi mise in bocca a Pinocchio una frase "geniale"

Sai leggere ?,la domanda . Pinocchio titubava e poi " si , ma oggi non mi sento.
400 mila è il totale stimato di ungulati . 180 mila erano stimati nel 2018 (fonte regione toscana) i caprioli . I danni all'agricoltura da parte di ungulati , è contenibili mediante artifici abbastanza economici . Il problema che sembra essere più importante è comunque quello di quei maialacci detti cinghiali , che sono stati introdotti nel dopoguerra dai cacciatori .
Questi paladini della natura , per sparare a qualcosa , liberarono anche il coniglio domestico che rappresento' un problema serissimo . Per loro fortuna la mixomatosi risolse tutto . Solo una diversa legge sulla caccia svincolata dallo strapotere trasversale dei cacciatori , può migliorare la situazione. Altrimenti la cattura di 16 caprioli è una barzelletta.

12/11/2019 - 14:40

AUTORE:
Lopi Nionista

Ahahahahahahahaah !!!!

12/11/2019 - 13:39

AUTORE:
Nicola

Caro Marchetti, ti vedo ultimamente molto ondivago. Difendi il centro di ricerca del Padule e poi sei contrario ad operazioni di “messa in sicurezza” dei caprioli... . Noi siamo a tutela dell’ambiente sempre. Non a fasi alterne in attesa delle prossime elezioni regionali. È palese che la campagna elettorale è già iniziata ....

12/11/2019 - 11:59

AUTORE:
Devis

La superficie della Toscana è circa 23000 kmq. Se la matematica non è un'opinione, con 400000 caprioli abbiamo un rapporto di circa 17 caprioli per kmq. Ne hanno presi 16 solo lungo l'autostrada. Non mi sembra così male. Il problema semmai è che vengono rimessi in libertà e possono sempre tornarci.

12/11/2019 - 8:06

AUTORE:
mauro

Finalmente qualcuno che dice la verita',fanno passare per successi fallimenti senza precedenti,Regione e atc tutti a casa.