Valdinievole OGGI La Voce di Pistoia
  • Cerca:
  • 08:05 - 21/5/2024
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Buongiorno, tramite la Vostra redazione vorremmo ringraziare tutto il personale dell'hospice La Limonaia di Spicchio a Lamporecchio per l'assoluta dedizione con cui si prendono cura dei loro ospiti e .....
JUDO

Sabato 11 maggio si è svolto a Incisa Valdarno il "18 ° Trofeo A. Macaluso" di  judo.

RALLY

Parla “straniero”, il 41° Rally degli Abeti e dell’Abetone, terza prova della Coppa Rally di zona 7, corso in questo week end abbracciato dal rigoglioso verde della Montagna Pistoiese.

CALCIO

Dopo sette lungi anni di interruzione torna per volontà dell’assessore allo sport Fulvio Rosellini, il Torneo dei Rioni a Ponte Buggianese.

BASKET

A.S. Estra Pistoia Basket comunica che, in occasione della gara-2 dei quarti di finale Playoff UnipolSai Lba, il play-guardia Lorenzo Saccaggi ha raggiunto un traguardo molto importante all’interno della storia del club. 

PODISMO

In clima di festa si e disputa nella località di Valdibrana all’estrema periferia di Pistoia la edizione numero due della staffetta 3x 2,400 km in memoria di Paolo Piccardi, organizzata dalla locale Pro Loco con la collaborazione tecnica della Pistoia Atletica 1983 e l’egida dei giudici della Uisp Pistoia.

BOXE

Il prossimo 18 maggio la boxe Giuliano organizza il quinto memorial Rudy. La riunione sarà divisa in due orari separati. Dalle 16 ci saranno incontri dilettanti e dalle 21 ci saranno incontri sempre dilettanti e due di  professionisti.

BASKET

Nella giornata di mercoledì 15 maggio, Legabasket ha ufficializzato importanti riconoscimenti per la stagione sportiva 2023/24. Fra questi quello di “Lba Executive of the Year”, ovvero il premio al miglior dirigente di club.

BASKET

La stagione del Pistoia Basket Junior è tutt’altro che finita e, anzi, è in arrivo un altro nuovo importante appuntamento a livello nazionale dopo la disputa, a fine aprile, delle finali Under19 Eccellenza.

none_o

In uscita "Cavallette a colazione. I cibi del futuro tra gusto e disgusto", dell’antropologa culturale Gaia Cottino.

none_o

Domenica 19 maggio alle ore 17 al Museo della città e del territorio, nell'antica Osteria dei Pellegrini.

Ferragosto nella valle
quanto caldo che mi assale.

La grande .....
ZODIACO
di Sissy Raffaelli

Oroscopo maggio 2024

IL SEGNO DEL MESE
di Sissy Raffaelli

Segno del mese

Con l’evento tenutosi oggi 22 marzo presso la filiale di Cascina .....
L'agenzia formativa e per il lavoro Cescot Pistoia ricerca addetto/ .....
REDAZIONALE
Che cos’è l’alta gioielleria rigenerata e perché piace agli stylist

19/4/2024 - 13:01

Dare nuova vita agli oggetti, riciclare, riutilizzare le cose vecchie, non buttare oggetti che ancora possono avere valore. In qualsiasi modo la si voglia chiamare, quella del riuso è diventata una vera e propria arte. Non tutti ne riconoscono il valore, ma chi riesce a farlo ha intuito l’enorme potenziale di riportare all’originario splendore quello a cui si guardava come vecchio, come usato.


E se questo concetto lo si applica all’alta gioielleria, il valore di un gioiello che già di per sé è alto, aumenta ancora di più. E diventa anche sostenibile.


I gioielli sfilano in passerella, ma con sostenibilità


Il tema della sostenibilità ambientale, finalmente, sta dominando quasi tutti i settori. Dalla tecnologia all’edilizia, dall’automotive ai trasporti pubblici, dalla ristorazione alla coltivazione, fino a giungere ai settori di lusso come quello dell’alta moda e dell’alta gioielleria.


Questi due settori sono spesso complementari, perché i gioielli, così come l’abbigliamento, seguono i trend del mercato e le varie mode che si susseguono nel corso degli anni. Ed entrambi sfilano insieme in passerella. Perché ogni modella che indossa la nuova collezione da mostrare a una sfilata, indossa anche dei gioielli che impreziosiscono lo stile del brand, pur non essendo gli attori protagonisti della sfilata. Ma i cultori dell’alta moda butteranno più di un occhio anche ai gioielli.


Gli stylist cercano, dunque, di trovare il marchio firmato che meglio si sposi con la loro collezione, che permetta di esaltare al meglio gli abiti e di farli brillare anche della luce lussuosa dell’alta gioielleria. E molti stilisti hanno scelto di far indossare alle loro top model l’alta gioielleria rigenerata.


Alta gioielleria ricondizionata: il trend (anche) delle passerelle


L’economia circolare è la più grande alleata della sostenibilità ambientale e questa collaborazione piace anche agli stylist che scelgono di utilizzare in passerella l’alta gioielleria rigenerata per contribuire alla riduzione della creazione di nuovi prodotti, il cui impatto sull’ambiente è spesso molto alto.
Non soltanto gli stilisti, però, hanno compreso quanto sia importante intraprendere questo cambio di rotta per favorire l’usato, ma anche moltissimi consumatori scelgono ogni giorno il mercato del ricondizionato. È cresciuta, infatti, la vendita di device tech ricondizionati nel mercato italiano negli ultimi anni. Ma a crescere è stata in primis la consapevolezza dei consumatori in merito all’impatto ambientale del settore produttivo della tecnologia. E anche della gioielleria.


Gioielli ricondizionati di marca: il lusso per tutti


Scegliere l’alta gioielleria ricondizionata vuol dire acquistare dei gioielli realizzati dalle grandi maison di alta gioielleria italiana e internazionale, ma nella loro versione di gioielli usati e rigenerati. Si tratta di una pratica sostenibile che consiste nel dare nuova vita a un gioiello firmato che è stato indossato per molti anni ma che, per qualsiasi motivo, non lo si vuole più possedere.


Ed è grazie alla rigenerazione se molte persone possono permettersi di acquistare un gioiello che per tanti anni si è desiderato ma, per via del costo molto consistente, non ci si è mai potuti permettere. I gioielli ricondizionati, infatti, hanno un prezzo inferiore a quelli acquistati nuovi in gioielleria, ma sono belli, originali e di valore allo stesso modo della loro versione ex novo.


L’alta gioielleria rigenerata di ReLusso domina indisturbata questo campo, al punto da aver brevettato un metodo di rigenerazione tra i migliori in circolazione di cui a breve si parlerà.


Indossare un gioiello ricondizionato permette a tutti di indossare il lusso, di sfoggiare un’eleganza senza tempo che molti gioielli di stile sanno possedere, di accentuare la propria personalità e mostrare anche la sensibilità nei confronti dell’ambiente.


Non ci sono più limiti di accessibilità all’alta qualità grazie ai dispositivi tecnologici rigenerati, e finalmente non ci sono più limiti nemmeno all’arte e all’unicità dell’alta gioielleria.


Quanto vale l’alta gioielleria ricondizionata? Tanto, grazie al giusto metodo 
Risparmiare dal punto di vista economico non vuol dire doversi accontentare. Anche perché rigenerato non è semplicemente usato ma è ri-nato, è godere degli stessi pregi e dello stesso valore di un gioiello nuovo, con tanto di certificazioni di autenticità.


L’alta gioielleria rigenerata non mostra difetti da qualsiasi angolazione si guardi la questione, perché la pratica di rigenerazione che riporta il gioiello alle sue condizioni originali è meticolosa, sicura, non invasiva e, come già abbondantemente detto, sostenibile.


Il metodo LuxuRigen™ ideato dall’alta gioielleria ReLusso di Roma permette ai gioielli di ritornare al loro splendore originale, mantenendone l’autenticità e la qualità. Si tratta di una rigenerazione a doppia sterilizzazione distribuita in 5 fasi, ognuna delle quali è necessaria all’eliminazione di qualsiasi segno di usura e all’igienizzazione dei gioielli.


Si inizia con una prima sterilizzazione del gioiello utilizzando una soluzione a base di acqua e liquido igienizzante, che serve ad eliminare le prime impurità, per poi spazzolare il gioiello se ci sono impurità più resistenti. Poi si esegue un lavaggio a ultrasuoni che permette di rimuovere le impurità più nascoste.


Adesso l’orafo specializzato in rigenerazione controlla accuratamente il gioiello per assicurarsi della completa pulizia e per rincassare eventuali pietre preziose, per poi procedere con la lucidatura (per gioielli in oro giallo) o la rodiatura (per gioielli in oro bianco), che elimina eventuali graffi o opacità sulla superficie del gioiello. L’ultima fase consiste in una seconda sterilizzazione a raggi UV che igienizza alla perfezione il gioiello.


A questo punto, non resta che provare a sfidare un amante dei gioielli: anche il più attento non riuscirà a distinguere un gioiello nuovo da uno rigenerato.

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: