Valdinievole OGGI La Voce di Pistoia
  • Cerca:
  • 22:07 - 23/7/2024
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Ieri passeggiando intorno casa ho notato con grande piacere che i lavori di rifacimento dei marciapiedi di Via Boccaccio sono terminati. Un bene soprattutto perché la parte intorno al "centro diurno .....
BASKET

A.S. Estra Pistoia Basket 2000 comunica di aver raggiunto un accordo, di durata biennale, con Giuseppe Valerio che sarà il secondo assistente di coach Dante Calabria.

TAEKWONDO

Dopo il Kim e liu del Nord e il Kim e Liu di Roma la società sportiva Kin Sori Taekwondo asd si conferma prima delle toscane nel taekwondo e 3 nel parataekwondo italiano.

IPPICA

All’Ippodromo Snai Sesana di Montecatini Terme un altro bel sabato di sera di trotto e di festa per tutto il pubblico presente, circa 1400 presenze. 

BASKET

Si è conclusa la quinta edizione del Pistoia Basket Project Camp, il grande camp di pallacanestro organizzato dal Pistoia Basket Junior che attira sull’appennino tosco-emiliano, nello specifico a Fanano in provincia di Modena, un numero sempre più elevato di ragazzi.

ATLETICA

Italiani individuali e di società master da applausi per l’Atletica Pistoia. La società del presidente Remo Marchioni ha raccolto allori e soddisfazioni sia nella kermesse capitolina, la prima, sia in quella tenutasi a San Biagio di Callalta, in provincia di Treviso, la seconda. 

BASKET

Fabo Herons Montecatini ha il piacere di annunciare l’ingaggio di Matteo Aminti, un'ala-centro del 2005, proveniente dalla Virtus Siena, che completerà il roster della prima squadra per il campionato di Serie B Nazionale 2024-25.

IPPICA

Il mercoledì sera di corse all’Ippodromo Snai Sesana di Montecatini Terme è stato incentrato su uno dei personaggi più famosi al mondo, Pinocchio e, in particolare, sul Parco policentrico di Collodi.

BASKET

A.S. Estra Pistoia Basket 2000 è lieta di annunciare di aver raggiunto un accordo di durata triennale con Dante John Calabria che sarà il nuovo capo allenatore della nostra prima squadra in vista del campionato 2024/25 di Lba.

none_o

Dopo Santiago di Compostela, Pistoia e Roma, l’allestimento fotografico è stato ospitato a Napoli.

none_o

Confermata anche nel 2024 la presenza dell’associazione pistoiese Culturidea sul palco del Porretta Soul Festival.

Ferragosto nella valle
quanto caldo che mi assale.

La grande .....
IL SEGNO DEL MESE
di Sissy Raffaelli

Il segno del mese.

ZODIACO
di Sissy Raffaelli

Oroscopo luglio 2024.

Se avete Perdite occulte sulle vostre tubazioni, abbiamo sempre .....
L'agenzia formativa e per il lavoro Cescot Pistoia ricerca addetto/ .....
VALDINIEVOLE
Provincia, tagli di 7 milioni di euro nel bilancio 2013

5/12/2012 - 18:25

Sono stati presentati questa mattina, nel corso di una conferenza stampa presso l’ufficio di presidenza, i dati relativi al bilancio provinciale, alla luce dei tagli pesantissimi della spending review, del DL 95/2012, per il 2012 e il 2013. 
E’ stata anche l’occasione per fare il punto sul lavoro di subentro nel bilancio della Comunità Montana, che si è sciolta lo scorso 30 novembre secondo la legge regionale.
Erano presenti il presidente della Provincia di Pistoia, Federica Fratoni, e l’assessore provinciale al bilancio Lidia Martini (in foto). 
La manovra di assestamento generale di bilancio 2012-14 e la ratifica della variazione di bilancio della Comunità Montana sono state approvate a maggioranza dal consiglio provinciale nel corso della seduta di giovedì 29 novembre.
 
Verifica straordinaria degli equilibri e assestamento generale di bilancio dell’ente 2012-14 a seguito del taglio della spending review.
 
La manovra di assestamento generale di bilancio 2012 della Provincia di Pistoia recepisce un taglio alle risorse finanziarie locali di circa 3,5 milioni di euro per l’annualità 2012 e di oltre 7 milioni nel 2013, per effetto dei tagli della Spending Review del DL 95/2012.
Gli effetti sono disastrosi, in quanto gli stanziamenti di bilancio contenenti risorse sia per servizi che per  infrastrutture vengono in parte azzerati e in parte fortemente ridotti
 
In particolare per l’annualità 2012 il taglio di 3.500.000,00 della spending review è finanziato:
 
-        con tagli alla parte corrente di bilancio per circa € 900.000,00 (di cui solo € 400.000,00 sono tagli alla spesa di personale e oltre € 120.000,00 tagli per spese di funzionamento dell’Ente);
-         con tagli alle spese di investimento per oltre 2 milioni di euro;
-        con altre maggiori entrate di carattere straordinario ed economie di bilancio.
 
Le difficoltà sono state di intervenire su una struttura di bilancio già pesantemente penalizzata dai tagli delle annualità precedenti, a due mesi e poco più dalla chiusura del bilancio, in cui l’attività e gli impegni dell’Ente erano pressoché conclusi.
 
Contestualmente nel 2012 questa Amministrazione ha impiegato circa 4,5 milioni di euro di risorse per la riduzione dei debiti mediante l’ estinzione di alcuni mutui precedentemente contratti. Questa operazione è propedeutica all'impostazione del bilancio 2013 e alla sua “compatibilità” finanziaria rispetto ai tagli attesi e al momento stimati per oltre 7 milioni di euro.
 
Il taglio sull'annualità 2013 è stato finanziato in bilancio tramite l’individuazione di:
 
-        620.000 euro mediante economie di spesa di parte corrente derivanti dalla riduzione del debito;
-        Ulteriore diminuzione delle spese di funzionamento per oltre € 345.000,00 rispetto all'annualità 2012 già fortemente contratta, fra cui si segnalano l’azzeramento delle spese di funzionamento dei gruppi consiliari, del consiglio, delle spese di parcheggio assessori, di tutte le spese di rappresentanza e degli abbonamenti relativi ai quotidiani (tot. circa € 70.000), la riduzione delle spese per le pulizie, spese telefoniche, di cancelleria, posta toner ecc… (tot. Circa € 120.000)
-        Ulteriori (rispetto all'annualità 2012) € 612.000 economie derivanti da spese di personale;
-        riduzione di € 600.000 relativa alla quota di co-finanziamente del trasporto pubblico locale (per i quali è in corso una trattativa con la Regione Toscana)
-        quasi totale azzeramento del piano delle opere pubbliche (per un totale di € 1.702.000) e inoltre riduzione delle spese di manutenzione sulle strade (circa € 90.000), sui lavori pubblici (circa € 74.000);
-        azzeramento delle risorse provinciali per i servizi legati al Turismo, Pianificazione e promozione territoriale, cultura, sviluppo economico, cooperazione internazionale, politiche sociali, pari opportunità, protezione civile.
 
Nonostante tutto quanto sopra, la struttura dei bilancio della Provincia si prospetta in grado di far fronte ai costi obbligatori derivanti dal personale, dai mutui e dai contratti in essere e non presenta un rischio finanziario di dissesto immediato.
I tagli tolgono, comunque, l’autonomia di scelta e la possibilità di esercizio delle funzioni istituzionali assegnate, producendo inevitabili effetti sui cittadini, attraverso la riduzione dei servizi pubblici erogati, ma anche sul sistema dell’economia e sull’occupazione locale per effetto della riduzione di alcune spese di funzionamento.


“Anche se non c’è, allo stato attuale, il pericolo di un dissesto finanziario, perché la Provincia per ora è in grado di far fronte ai costi obbligatori, ovvero personale, mutui e contratti in essere, la situazione è drammatica e rischia di aggravarsi ulteriormente, compromettendo l’autonomia funzionale dell’ente, con serie ripercussioni sulla gestione dei servizi alla comunità – sottolinea il presidente Federica Fratoni -  Basti pensare che nel biennio 2010 – 12 il bilancio provinciale ha subito tagli dal Governo e dalla Regione per 14 milioni di euro, a fronte di un bilancio libero di parte corrente di 25 milioni. Con la spending review, sul 2012, ci sono stati tagliati 3 milioni e mezzo di euro e ci siamo trovati nell’emergenza di reperire queste risorse in una fase terminale dell’esercizio finanziario, con tutte le difficoltà già derivanti dai tagli precedentemente applicati, intervenendo in modo drastico sulle spese di funzionamento e su quelle di investimento. Per il 2013 i tagli alle Province, a livello nazionale, ammontano a 1,2 miliardi di euro e sul bilancio provinciale, usando lo stesso criterio adottato per il 2012 in base ai consumi intermedi, abbiamo stimato un taglio di quasi 7 milioni di euro. In sostanza, potremo solo garantire le spese obbligatorie e siamo costretti a rinviare tutta una serie di investimenti importanti sul territorio per le opere pubbliche. A questo, poi, si aggiunge la questione del patto di stabilità: abbiamo fermi più di  20 milioni di euro, ma non possiamo utilizzarli per il rispetto del vincolo imposto. Siamo in attesa di conoscere l’esito parlamentare del decreto sul riordino delle Province, ma, di fatto, questi tagli rendono impossibile  l’esercizio delle funzioni dell’ente e la capacità concreta di offrire servizi alla collettività. Ci auguriamo che non si voglia in questo modo impedire alle Province di arrivare alla fase del riordino in salute, certo è che ridurre così le risorse significa impoverire tutto un  territorio e diventa sempre più difficile parlare di ripresa”.
 
Comunità Montana: variazione di bilancio a seguito dell’estinzione dell’ente.
 
In base alla normativa regionale, che ha imposto tempi strettissimi per l’estinzione della comunità Montana (1 dicembre 2012), il lavoro di subentro nei dati dell’Ente è stato impostato perseguendo due obbiettivi:
 
-          riportare la previsione sul bilancio dell’Amministrazione, al fine di far fronte agli impegni assunti dalla Comunità Montana;
-          riportare le previsioni della Comunità Montana al momento esistenti (previsione iniziale 2011) per consentire la possibilità di gestire l’esercizio provvisorio 2013.
 
Contemporaneamente sono state effettuate una serie di operazioni contabili direttamente sul bilancio della Provincia al fine di adeguare le iscrizioni delle entrate e delle uscite derivanti dalla Comunità Montana ai principi contabili e al fine di dare adeguata copertura finanziaria a alcune voci di spesa.
 
Queste operazioni hanno “generato” una maggiore entrata pari a euro 1.743.000, circa, di cui € 943.000, circa corrispondente al fondo di cassa al 22 novembre 2012.
E’ importante sottolineare che questa entrata accantonata per intero al Fondo svalutazione crediti, non corrisponde ad un’entrata certa in quanto sulla gestione della Comunità Montana manca un lavoro di riaccertamento delle poste di entrata e di spesa in merito alla loro veridicità e attendibilità.
Inizierà pertanto un lavoro di verifica sulle poste contabili di bilancio scaturenti dalla Comunità Montana, tramite costituzione di un gruppo di lavoro specificatamente dedicato coordinato nell’ambito dei servizi finanziari della Provincia.



Fonte: Provincia di Pistoia
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: