Valdinievole OGGI La Voce di Pistoia
  • Cerca:
  • 00:04 - 18/4/2024
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Sono diversi giorni che mi capita di passare da Corso Matteotti verso le ore 18 e trovarmi fermo in fila . Succede che ogni sera due grandi bus, del prestigioso turismo internazionale che ci onora della .....
BASKET

Lunedì 22 aprile si celebra il “World Earth Day”, ovvero la Giornata Mondiale di sensibilizzazione sui temi legati alla salvaguardia del pianeta.

PODISMO

Domenica 14 aprile alla Prato Half Marathon la Montecatini Marathon Asd ha ottenuto il titolo di quarta squadra con più iscritti alla gara e 3 campioni toscani nelle varie categorie.

RALLY

Il 48° Trofeo Maremma ha regalato grandi soddisfazioni alla divisione sportiva dell’azienda La T Tecnica. Doppio impegno, al 48. Trofeo Maremma, anche per AutoSole 2.0.

BASKET

Mercoledì 17 aprile, ore 12, all'Auditorium dell’Antico Palazzo dei Vescovi (piazza Duomo), si terrà la presentazione della Special Edition Jersey dell’Estra Pistoia Basket in occasione del World Earth Day.

SCHERMA

Le qualificazioni regionali ai campionati italiani gold di spada hanno regalato una splendida vittoria per Sabrina Becucci (a destra nella foto) che conquista il suo primo successo nella sua nuova arma.

MOUNTAIN BIKE

Domenica 14 aprile si svolgerà una competizione di mountain bike denominata “Toscano Enduro Series 2024 Pistoia” organizzata dalla Asd Young Riderz Pistoia Mtb School.

BASKET

Appuntamento consueto di inizio mese nella sala principale del Caffè Valiani Bellagio di via Enrico Fermi a Sant’Agostino per la consegna del “Florence One Mvp”.

BASKET

Green Le Mura Spring Lucca – Butera Clinic Nico Basket  43-62

none_o

Si terrà venerdì 19 aprile, alle 17.30 nelle Sale affrescate del Palazzo comunale l’inaugurazione di "Donne forti".

none_o

Rubrica Raccontami un libro - Consigli di lettura di Valentina

Ferragosto nella valle
quanto caldo che mi assale.

La grande .....
IL MONDO IN TAVOLA
di Sissy Raffaelli

Ricetta per un risotto goloso

ZODIACO
di Sissy Raffaelli

Oroscopo di aprile.

Con l’evento tenutosi oggi 22 marzo presso la filiale di Cascina .....
L'agenzia formativa e per il lavoro Cescot Pistoia ricerca addetto/ .....
VALDINIEVOLE FESTIVITA'
Dal vescovo Monsignor Giovanni De Vivo gli auguri di Natale e l’invito a scoprirne il vero significato

25/12/2011 - 9:43


MONSIGNOR GIOVANNI DE VIVO, VESCOVO DI PESCIA

 

Alla televisione ne vediamo e sentiamo di tutte. E magari con intenzione buona, senza alcuna malizia, ma con non piccole dosi di superficialità. All’inizio del periodo dell’Avvento, quando si stavano accendendo le luci degli alberi e dei negozi, una signora rispondeva, al giornalista che l’interrogava: «Quest’anno il Natale solo per i bambini». Detto così, sembra la cosa più normale, più innocente e più logica... Ma lo è veramente? Vengono in questo periodo organizzate iniziative che vedono come protagonisti e fruitori i bambini. Il loro sorriso è la gioia degli adulti. Quando si promuovono iniziative, occorre capirne il significato e la portata. Ma se gli adulti non lo capiscono, cosa dobbiamo pensare? Forse i bambini riusciranno dal comportamento ambiguo degli adulti a interiorizzare il senso del Natale? Dispiace andare contro corrente, ma purtroppo gli adulti mostrano forti contraddizioni.

La domanda fondamentale che dobbiamo porci è questa: gli adulti sanno veramente che cosa è il Natale? E solo quando gli adulti ne comprendono il senso si può essere tranquilli che anche per i bambini il Natale sarà vero e, non una semplice occasione per far festa. Il corrispondente dagli Stati Uniti ha riportato in questi giorni una frase di Obama: «Il Natale è la festa di tutte le religioni». Concediamo nella frase un pizzico di verità, ma dobbiamo anche affermare che di simili approssimazioni e superficialità preferiamo fare a meno. Che dire poi del commento della tv di stato, quando, riferendo che è caduta abbondante neve il Val d’Aosta, ha concluso: ora si può celebrare il Natale! E si potrebbe continuare! Su questo tema vi sono altri interrogativi che non possiamo fare a meno di porci. Nelle scuole pubbliche non mancano insegnanti che, per motivi di falso multiculturalismo, preferiscono non parlare del Natale, trasformando tutto in una grigia e fredda festa dell’inverno. A scuola la festa dell’inverno, in famiglia il rito dei regali, all’esterno illuminazioni, da cui si dovrebbe dedurre che stiamo celebrando il Natale... Il tutto dietro la scusa del Natale per i bambini? Così lo celebriamo per loro? Se è solo “per i bambini” finirà per essere una cosa “da bambini”: il passo è breve. Certamente ai bambini è dato un modo privilegiato per entrare in questa verità così fondamentale per i cristiani. È l’inno di giubilo in cui esplode Gesù: «Ti rendo grazie Signore del cielo e della terra perché hai nascosto queste cose ai sapienti e agli intelligenti e le hai rivelate ai piccoli». Sì, certo, i bambini hanno lo spirito giusto per entrare in sintonia col Natale, ma niente è automatico. I più piccoli vivono delle certezze degli adulti, ma se gli adulti vengono a mancare nelle loro convinzioni fondamentali? Dobbiamo cambiare registro e renderci conto che il Natale è soprattutto per gli adulti. È a loro che si rivolge il messaggio forte dell’Incarnazione. È su questo mistero che siamo invitati a confrontarci. Riporto le frasi illuminanti di tre autori folgorati da questo mistero. «Tutto il mistero di Cristo è nella sua Incarnazione. E non credo di disubbidire ai più sicuri principi della teologia, quando dico che qui sta l’alfa e l’omega di tutto il cristianesimo e che se uno si rendesse conto di questo grande mistero, tutto il resto gli verrebbe dato in più» (Daniel Rops). Più chiaro di così! «Ecco il Cristianesimo, amico mio, il centro e il nodo, l’asse e il fulcro, l’articolazione maestra del cristianesimo. Un uomo-Dio, un Dio-uomo» (Charles Péguy). E una grande filosofa ebrea, convertita al cattolicesimo, morta martire ad Auschwitz e elevata agli onori degli altari da Giovanni Paolo II (Santa Teresa Benedetta della Croce): «Ho sempre pensato - e forse è un azzardo - che il mistero dell’Incarnazione sia più grande di quello della Risurrezione. Perché un Dio che si fa bambino, e poi ragazzo, e poi uomo, quando muore non può che risorgere» (Edit Stein). Se manca questa luce che viene dal Natale, le nostre luci produrranno solo un momentaneo chiarore, come un fiammifero, evidenziando ancor di più l’ombra del nostro quotidiano.

Con l’augurio sincero di essere veramente illuminati da Gesù, luce del mondo.




 

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: