Valdinievole OGGI La Voce di Pistoia
  • Cerca:
  • 22:05 - 24/5/2024
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Se la famiglia era "numerosa" qualcuno la mamma se la poteva tenere a casa anziché abbandonarla in un ospizio .
BASKET

Il Cda di A.S. Pistoia Basket 2000 Srl prende atto della lettera di dimissioni del vicepresidente Francesco Giuseppe Cioffi e lo ringrazia per il lavoro svolto in questi anni al fianco della società con passione e senso di appartenenza.

PODISMO

La Silvano Fedi prosegue nel proprio magic moment, confermandosi protagonista sulle strade del podismo toscano.

BASKET

Si è tenuta nella serata di lunedì 20 maggio, la festa di fine stagione per società, squadra e staff tecnico dell’A.S. Estra Pistoia Basket 2000 che, lo scorso venerdì, ha chiuso il proprio campionato dopo aver perso gara-3 dei quarti di finale playoff UnipolSai Lba contro la Germani Brescia.

BASKET

I giovani biancorossi guidati in panchina da coach Eduardo Perrotta, hanno ottenuto tre sconfitte in altrettante uscite ma combattendo alla pari.

JUDO

Sabato 11 maggio si è svolto a Incisa Valdarno il "18 ° Trofeo A. Macaluso" di  judo.

RALLY

Parla “straniero”, il 41° Rally degli Abeti e dell’Abetone, terza prova della Coppa Rally di zona 7, corso in questo week end abbracciato dal rigoglioso verde della Montagna Pistoiese.

CALCIO

Dopo sette lungi anni di interruzione torna per volontà dell’assessore allo sport Fulvio Rosellini, il Torneo dei Rioni a Ponte Buggianese.

BASKET

A.S. Estra Pistoia Basket comunica che, in occasione della gara-2 dei quarti di finale Playoff UnipolSai Lba, il play-guardia Lorenzo Saccaggi ha raggiunto un traguardo molto importante all’interno della storia del club. 

none_o

60 scatti fotografici dell’antropologo e fotografo Marco Aime.

none_o

Nei locali della galleria d'arte Casa Venio in piazza IV Martiri una originale mostra di pittura e scultura.

Ferragosto nella valle
quanto caldo che mi assale.

La grande .....
IL SEGNO DEL MESE
di Sissy Raffaelli

Il segno del mese.

ZODIACO
di Sissy Raffaelli

Oroscopo maggio 2024

L'agenzia formativa e per il lavoro Cescot Pistoia ricerca addetto/ .....
Skillman. eu Secretariat offre un contratto di lavoro dipendente .....
PISTOIA
Al Funaro un Romeo e Giulietta con i...cellulari

21/2/2024 - 11:15

Va in scena in prima regionale venerdì 23 febbraio, alle ore 20.45 al Piccolo Teatro Mauro Bolognini, nell’ambito della Stagione “La via del Funaro” di Teatri di Pistoia (e il 22 e 23 febbraio, in mattinée per gli studenti nell’ambito del progetto “A scuola di Teatro), Romeo e Giulietta opera ibrida, di Maurizio Patella, con Luigi Aquilino, Mariano Arenella, Erica Camiolo, Elena Ferrari, Claudio Pellerito, Alberto Pirazzini, Matteo Sangalli.


Che cosa sarebbe accaduto se ci fossero stati i cellulari nella Verona del 1300? Come li avrebbe utilizzati alla fine del 1500 William Shakespeare nel suo testo e dal vivo, a teatro? Certamente ne avrebbe dovuto tenere attentamente conto così come oggi, nella platee e nelle case si prende atto che si tratta di oggetti – estensioni delle nostre esistenze, da cui si fa fatica a staccarsi anche durante il tempo di uno spettacolo, che orientano le nostre scelte e la percezione della realtà.


In Romeo e Giulietta, l’opera originale due bande rivali di adolescenti lottano e si uccidono con delle armi vere e alla fine i protagonisti si suicidano. Nello spettacolo – vietato ai minori di 14 anni, al quale è necessario portare il proprio smartphone con auricolari – i personaggi non usano spade o pistole, ma semplicemente hanno in mano un telefonino che usano impropriamente come un’arma. Si è provato a immergere i protagonisti della più nota storia di amore tragico di tutti i tempi nella cronaca nera dei giornali, nelle chat, nei selfie, in quel mondo di adolescenti fatto di zainetti, challenge e cyberbullismo. Sono stati mischiati i linguaggi: quello teatrale e quello degli smartphone, dove reale e virtuale sono sullo stesso piano, dove ci si parla di persona quanto da uno schermo, dove un emoticon fa la differenza e gli abbracci, quando ci sono, stupiscono perché “veri”. È un mondo in cui gli eventi, anche la condivisione di un video, possono finire per stritolarti. Giulietta conosce Romeo ad una festa organizzata da suo padre, l’Ingegner Capuleti, in occasione del lancio della piattaforma virtuale “Heaven”. I due giovani si conoscono e si “riconoscono” nelle loro paure e nelle loro fobie. Romeo quelle legate al sesso. Giulia quelle legate al cibo e all’autolesionismo. L’amore, in questa storia, nasce così. E poi con una condivisione: Giulietta invia a Romeo un video dove mostra i tagli che si infligge. Un video innocente: lei, quasi nuda, imbarazzata e purissima, sorride in camera, felice di aver trovato qualcuno a cui mostrare la parte più intima di sé. Romeo torna dai suoi amici Mercuzio e Benvolio – sempre più immersi nella spirale autodistruttiva delle challenge estreme – e mostra loro il video di Giulia. I due gli strappano il telefono e lo condividono sui social. “Perché l’hai fatto, Mercuzio?” urla Romeo. “Non lo so, per provare.” Poche ore e il video diventa virale, si scatena l’odio degli haters, centinaia di migliaia di visualizzazioni. Giulietta disperata si trincera in camera sua. Suo padre, convinto che quella condivisione sia un tentativo del padre di Romeo – il Montecchi – di rovinargli definitivamente la reputazione, convince istituzioni e forze dell’ordine che questi sia un deviato, un soggetto pericoloso, che ha plagiato sua figlia e che merita un castigo esemplare.Ormai il meccanismo è scattato e non lascerà scampo a nessuno. Intanto in città si scopre che un’intera generazione di adolescenti è da tempo coinvolta in una chat degli orrori. È la fine.Per i “nati sotto una cattiva stella” non c’è fuga che possa salvarli, posto dove nascondersi. Non rimane che una tragica scelta, da prendere nella solitudine della propria cameretta alla luce di uno smartphone. 
 
In Romeo e Giulietta Opera Ibrida lo smartphone è anche il deus ex machina. Indiscusso protagonista della grande rivoluzione antropologica di fine millennio, in questo spettacolo è stato deciso di introdurlo nel rapporto col pubblico: lo spettatore non viene solo invitato, bensì “obbligato” ad usarlo, invece che proibire di usarlo come normalmente avviene. Chi guarda, dotato del proprio telefonino e cuffie sceglie chi spiare, quale ramo della storia seguire, cosa escludere, è complice attivo in una vicenda che esplode attorno ad un video condiviso tra migliaia di haters sconosciuti. Gli attori e le attrici reciteranno alcune scene in spazi non visibili e saranno seguiti da cameramen e trasmessi in diretta streaming. Il palco non è più solo di fronte alla platea, ma nei camerini, nei corridoi, negli edifici e le strade attorno al teatro. Lo spettatore sfonda la quintatura e guarda dove prima non era possibile guardare, ha quella stessa sensazione di controllo che proviamo ogni giorno accarezzando il nostro smartphone. Siamo apparentemente ovunque, in contatto con tutti. È davvero così? 
 
Lo spettacolo fa parte del percorso dedicato al pubblico sotto i 30 anni Dream and Drama, che con Giovani Giovani Card Teatri di Pistoia e Carta dello Studente della Toscana garantisce l’ingresso a € 8. Per Romeo e Giulietta Opera Ibrida biglietti a € 8 anche accedendo al sito Play the culture di Unicoop Firenze.

Fonte: Teatri di Pistoia
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: