Valdinievole OGGI La Voce di Pistoia
  • Cerca:
  • 09:05 - 21/5/2024
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Buongiorno, tramite la Vostra redazione vorremmo ringraziare tutto il personale dell'hospice La Limonaia di Spicchio a Lamporecchio per l'assoluta dedizione con cui si prendono cura dei loro ospiti e .....
JUDO

Sabato 11 maggio si è svolto a Incisa Valdarno il "18 ° Trofeo A. Macaluso" di  judo.

RALLY

Parla “straniero”, il 41° Rally degli Abeti e dell’Abetone, terza prova della Coppa Rally di zona 7, corso in questo week end abbracciato dal rigoglioso verde della Montagna Pistoiese.

CALCIO

Dopo sette lungi anni di interruzione torna per volontà dell’assessore allo sport Fulvio Rosellini, il Torneo dei Rioni a Ponte Buggianese.

BASKET

A.S. Estra Pistoia Basket comunica che, in occasione della gara-2 dei quarti di finale Playoff UnipolSai Lba, il play-guardia Lorenzo Saccaggi ha raggiunto un traguardo molto importante all’interno della storia del club. 

PODISMO

In clima di festa si e disputa nella località di Valdibrana all’estrema periferia di Pistoia la edizione numero due della staffetta 3x 2,400 km in memoria di Paolo Piccardi, organizzata dalla locale Pro Loco con la collaborazione tecnica della Pistoia Atletica 1983 e l’egida dei giudici della Uisp Pistoia.

BOXE

Il prossimo 18 maggio la boxe Giuliano organizza il quinto memorial Rudy. La riunione sarà divisa in due orari separati. Dalle 16 ci saranno incontri dilettanti e dalle 21 ci saranno incontri sempre dilettanti e due di  professionisti.

BASKET

Nella giornata di mercoledì 15 maggio, Legabasket ha ufficializzato importanti riconoscimenti per la stagione sportiva 2023/24. Fra questi quello di “Lba Executive of the Year”, ovvero il premio al miglior dirigente di club.

BASKET

La stagione del Pistoia Basket Junior è tutt’altro che finita e, anzi, è in arrivo un altro nuovo importante appuntamento a livello nazionale dopo la disputa, a fine aprile, delle finali Under19 Eccellenza.

none_o

In uscita "Cavallette a colazione. I cibi del futuro tra gusto e disgusto", dell’antropologa culturale Gaia Cottino.

none_o

Domenica 19 maggio alle ore 17 al Museo della città e del territorio, nell'antica Osteria dei Pellegrini.

Ferragosto nella valle
quanto caldo che mi assale.

La grande .....
ZODIACO
di Sissy Raffaelli

Oroscopo maggio 2024

IL SEGNO DEL MESE
di Sissy Raffaelli

Segno del mese

Con l’evento tenutosi oggi 22 marzo presso la filiale di Cascina .....
L'agenzia formativa e per il lavoro Cescot Pistoia ricerca addetto/ .....
VALDINIEVOLE
Lotta all'inquinamento, bando da 800mila euro per i cittadini della Valdinievole e della Lucchesia

5/11/2022 - 15:50

Tornano i contributi della Regione per aiutare i cittadini residenti nella Piana lucchese e pistoiese a combattere le emissioni di Pm10 legate alla combustione delle biomasse. Obiettivo del provvedimento è diminuire queste emissioni, aiutando i residenti dell’aria a dotarsi di generatori di calore meno inquinanti e favorendo i possessori di terreni agricoli che rinunciano all’abbruciamento dei residui vegetali e scelgono di utilizzare gli scarti per produrre concime in loco.
La Regione Toscana ha messo a disposizione dei residenti dei 14 Comuni oggetto della sentenza della Corte di giustizia europea del novembre 2020 (Altopascio, Capannori, Lucca, Porcari, Buggiano, Chiesina Uzzanese, Massa e Cozzile, Montecatini Terme, Monsummano Terme, Montecarlo,Pescia, Pieve a Nievole, Ponte Buggianese, Uzzano) ben 800.000 euro per l’annualità 2022, di questi 500.000 euro per la sostituzione dei vecchi generatori di calore e 300.000 euro per l’acquisto di biotrituratori, macchinari che triturano gli scarti vegetali e legnosi trasformandoli in concime riutilizzabile.
Dal 21 novembre tramite la piattaforma di Sviluppo Toscana i cittadini residenti nell’area indicata potranno chiedere il rimborso delle spese sostenute per la sostituzione, o la riqualificazione, di vecchi generatori di calore alimentati a biomasse con classe emissiva 3 stelle o inferiore (inclusi i focolari aperti), con altri apparecchi meno inquinanti e di classe emissiva superiore o uguale a 4 stelle, oppure con apparecchi a metano ad alta prestazione energetica.
Invece i proprietari di terreni ad uso agricolo, le aziende agricole ed i coltivatori diretti con sede legale negli stessi 14 Comuni, potranno chiedere il rimborso per l’acquisto di un biotrituratore dal 2023.
Per entrambe le misure saranno ammesse a rimborso le spese a decorrere dal 1° ottobre 2022
I contributi saranno gestiti a sportello da Sviluppo Toscana fino ad esaurimento delle risorse disponibili. Per la sostituzione o la riqualificazione dei generatori di calore saranno ammissibili richieste di rimborso fino a 3000 euro, mentre per l’acquisto di biotrituratori sarà rimborsato fino al 60% della spesa (o ad un tetto massimo di 2.000 euro) ai privati e fino al 50% (o ad un tetto massimo di 1000 euro) alle aziende agricole. 
Si ricorda che il divieto di accensione di generatori di calore con classe energetica inferiore a 3 stelle è conseguenza di una condanna della Corte di giustizia europea, la cui sentenza deve necessariamente essere applicata, anche perché riguarda un problema di salute pubblica.
La Regione Toscana, consapevole dei possibili effetti economici in un periodo così delicato, sta accompagnando e sostenendo il percorso dei 14 Comuni della Piana con finanziamenti ed azioni volte a neutralizzare o ridurre gli effetti economici su famiglie e imprese. Ne sono un esempio questi incentivi, attivati con 800.000 euro di risorse regionali,  ma anche il bonus metano, in discussione con il Governo, per coprire il periodo necessario ad adeguare i propri impianti, nuovi bandi attualmente in via di definizione per finanziare l’installazione di pannelli solari e pompe di calore. Grazie a questi finanziamenti straordinari, l’attuale criticità potrà tramutarsi in opportunità, per un rinnovo complessivo degli impianti per la produzione di calore, e non solo.  
L’avvio del bando per la sostituzione dei generatori di vapore e l’acquisto dei biotrituratori sarà accompagnato da una campagna informativa sulla qualità dell’aria. A partire dal 10 novembre nei mercati settimanali dei Comuni della Piana lucchese saranno allestiti dei presidi informativi gestiti dall’Ecoistituto delle Cerbaie. Il primo si terrà ad Altopascio giovedì 10, a seguire a Lucca (16 e 26 novembre al mercato Don Baroni), poi a Ponte Buggianese (25 novembre e 2 dicembre), a Buggiano (6 dicembre). Da confermare Capannori (il 17 a Marlia e il 18 novembre nel capoluogo) e altri Comuni della Piana.

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




9/11/2022 - 20:59

AUTORE:
Opata

Caro Carlo , con gente che tutto sa e niente dice , non c'è partita

Ma chi pensi di essere per giudicare non dicendo niente ?
Dici che:

tu non sai , tu non capisci , ma di cosa stai parlando. Ripeti sempre le stesse cose . Non sai niente delle ragioni di i quinamento della piana etc etc .

Ma veramente è questo il tuo rispetto per gli altri .

L egocentrismo è una brutta patologia che è accettabile solo in età puberale .
Non invidio chi ti sta vicino .

E se vuoi accendere il caminetto e questo ti fa sentire forte , fallo pure

Sono uso argomentare sempre quel che affermò .

I poveretti pensano di non averne bisogno perché nascono corredati dell' aver ragione a prescindere .

Un modo di ragionare , dopo le elezioni , tornato in auge prepotentemente

E ora: Perdimi di vista

9/11/2022 - 13:55

AUTORE:
Carlo

Non sei nemmeno spiritoso , ripeti sempre le stesse cose , non puoi fare a meno di fare polemica , hai imparato a memoria le frasi , i problemi dell' inquinamento sono tanti in Valdinievole e accendere il camino è come la goccia che fa' traboccare il vaso , confermo che sono nettamente contrario alla non accensione dei camini , se è democrazia esprimo con fermezza il mio parere e te fai come ti pare.

8/11/2022 - 19:52

AUTORE:
Opata

Io dico che lAmministrazione mi impone di non bruciare legna quando ho altri sistemi di riscaldamento e con questo salvaguarda la mia salute.
Inoltre mi mette a disposizione contributi per migliorare i miei sistemi di riscaldamento .
Questo mi dice che la norma esiste e pensare che sia punitiva a prescindere da pareri di uffici preposti , mi racconta anche di pochezza di chi la contesta perché rappresenta una parte marginale delle cause di inquinamento .
Vivo in UK e attraverso la strada con molta attenzione .
Trovo idiota che la circolazione avvenga a sinistra .E siccome la trovo idiota , mi diverto a tenere la destra e attraversando guardo a sinistra .
Per le pratiche inquinanti nella piana , mi aspetto vederle almeno accennate da chi spocchiosamente sa e non dice .
Potrei citarne diverse a partire , non so , dalle Cartiere , dal Glifosato ed altre delizie , dall' amianto ancora presente e poi e poi .
Quindi facciamola finita con le posizioni tipo no a tutti i costi spesso per ragioni ideologiche .
Critichiamo il non fatto e teniamo spenti i caminetti senza far le bizze come i bambini .

8/11/2022 - 14:13

AUTORE:
Carlo

Opata sei il difensore delle cause perse ,spiegaci le cause di inquinamento della Valdinievole, se sei capace è...........

8/11/2022 - 10:44

AUTORE:
Opata

Cittadino , giriamo sempre intorno al particolare e non alm geneale ?
Certo che l inquinamento è una parola che contiene tante cause e tipologie , da riempire le pagine di una enciclopedia .

Tutte le cause hanno il loro peso piccolo o grande , ma lo hanno .

Quindi snobbare dei dispositivi delle amministrazioni , considerandoli foglie di fico , non è giusto

Se vuoi parlare di inquinamento dell' aria , delle falde acquifere , di quello luminoso, dei fiumi , del terreno etc etc ,datti da fare .

Prendi una tipologia e comincia a scrivere .

Il problema è sempre accusare l'universale senza partire dal particolare .

Allora solo belle parole .

7/11/2022 - 19:57

AUTORE:
Opata

Per Luciano ....

Bisogna fare attenzione e distinguere .
C 'e' chi accusa la Regione rossa e chi il nuovo governo .

Per il carbone , accuserei chi per tanto tempo ha prodotto con costi del gas a prezzi stracciati .

Da prima della pandemia , il costo della energia aumentava , anche per ridurre l eccedenza di beni prodotti .

Il nuovo governo parla di produzione di gas tramite nuove concessioni .
Fra tempi lunghi e quantità previste , una barzelletta .

Mi aspetto a breve un carnevale su tutti i media circa il nucleare che funzionerebbe fra 10 o più anni .

I problemi delle micro polveri è gravissimo e non contrastarlo in nome di altre fonti , lo trovo sciocco se non peggio .

Per le temperature massime , il controllo può essere possibile laddove esista un responsabile terzo .
Condomini , stabilimenti , edifici pubblici che verranno controllati Più di quanti si pensa .

7/11/2022 - 19:37

AUTORE:
Cittadino

Sarebbe stato meglio dibattere sulle problematiche che creano inquinamento in valdinievole di cui non parliamo , anche te non ne fai cenno, più facile creare polemiche inutili e ironia offensiva e fuori luogo. Dispiace che si cerchi in tutti i modi di aggirare il problema e cercare di snobbare chi prova a parlare dei problemi inquinanti, evidentemente dà fastidio chi mettere bocca in questi argomenti , evidentemente ci sono imbarazzi e grosse difficoltà. Pazienza...

7/11/2022 - 13:41

AUTORE:
Luciano

Ma chi è il genio che ha tirato fuori una scemenza simile ? Il nuovo governo ha deciso di aumentare la produzione di energia tramite le centrali a carbone e poi vuole che i cittadini non accendano i caminetti o le stufe a legna?
Poi hanno deciso che le temperature non devono essere superiori a 19 gradi, io personalmente non arrivo a 18, ma poi chi dovrebbe controllare casa per casa ? Buffoni

7/11/2022 - 12:23

AUTORE:
Opata

Buon cittadino ....

L aria che respiriamo , è monitorata da strutture preposte .

Se hai curiosità e preparazione , trovi montagne di elementi per capire cosa è perché questo sta succedendo .

Fai con altri una stupida polemica sui caminetti , che sinceramente è il segno della pochezza di chi vorrebbe tenerli accesi .

Per provocazione e capire cosa sia un caminetto per scaldarsi nelle case di oggi .

Immaginate di porvi , nudi davanti al caminetto con fiamma molto viva .
Avreste il risultato di un bel culo ghiaccio da paura .

Questo è il camino come riscaldamento .

Per le stufe è altro , ma queste non accendono la fantasia .

6/11/2022 - 10:52

AUTORE:
Cittadino

Accendere il camino tradizionale ,il fuocolare della famiglia, fa' male e crea tanti problemi quindi avete vietato di accenderlo ,non avete provato a pensare che siamo proprio messi male e siamo alla frutta....?????
Ora che l inquinamento ci sia è indubbio , la sola causa non è il camino questa è l' ultima razio , quindi le vere cause sono altre e molto più serie.
Perché non dite ai cittadini tutta la verità su questo inquinamento ? Quali sono le altre cause di inquinamento ?
Potevano esserci altre soluzioni ? Potevano essere meno invasive per tante famiglie ? Nessuno si è provato ad aprire un dibattito su questo grave e importante problema , nemmeno i Sindaci.
I problemi andrebbero spiegati bene al popolo e renderli comprensibili... così sembra che ci siano cose nascoste e assurde , semplice dire "non si accendono i camini ".
Il Presidente della Regione dovrebbe sobbalzare sulla poltrona.....