Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 02:04 - 23/4/2021
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

superlega si
tutti vogliono i migliori giocatori e di conseguenza i più pagati, allenatori compresi e poi dicono no alla superlega. facile fare il tifoso con i soldi di altri.
PATTINAGGIO ARTISTICO

Nella giornata di sabato 24 e domenica 25 aprile si svolgeranno le prove del campionato nazionale Uisp fase 2 Toscana, saranno ospitati nell’impianto di via di Valdibrana a Pistoia.

SCHERMA

Anche il secondo appuntamento con le selezioni regionali di Carrara ha regalato belle soddisfazioni alla Scherma Pistoia.

BASKET

Dopo la vittoria piuttosto facile in casa contro Bolzano, la Nico Basket dovrà superarsi per potere strappare i due punti in Sicilia contro una delle formazioni più in forma del momento.

CICLISMO

La commissione disciplinare dell'Uci ha inflitto uno stop di trenta giorni all'attività agonistica della Vini Zabu'.

RALLY

Tanta attesa, per il 36° Rally della Valdinievole e Montalbano, in programma per l’8 e 9 maggio a Larciano, con l’organizzazione curata dalla scuderia Jolly Racing Team.

SCHERMA

La scherma è finalmente ripartita. La necessità del rispetto delle norme sanitarie ha comunque imposto una sensibile rimodulazione del calendario soprattutto per consentire la disputa dei campionati italiani con un numero contingentato di atleti.

RALLY

La trasferta elbana non ha restituito il sorriso a Paolo Moricci. Il montecatinese, portacolori della Porto Cervo Racing, ha chiuso la gara fuori dalla top ten.

RALLY

Arrivano, ancora, grandi soddisfazioni dalla stagione sportiva di Jolly Racing Team.

none_o

Consigli di lettura di Valentina

none_o

Consigli di lettura di Valentina.

Cielo azzurro,
qualche nube su in collina,
il sole scalda .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti

La parabola umana e artistica di Leda Rafanelli abbraccia tutto il Novecento.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giulio Cozzani

Storia e curiosità del comune di Buggiano.

Vendo terreno edificabile Massa e Cozzile grande circa 10 000m2 .....
SCUOLA di BALLO e DANZA ACCADEMICA MARGINE COPERTA

asd " ENERGY .....
PISTOIA
Consiglio comunale, approvata la mozione sulla rigenerazione boschiva

11/2/2021 - 12:29

Il consiglio comunale, lunedì 8 febbraio, ha approvato la mozione presentata dai consiglieri di Fratelli d'Italia Daniele Vannelli, Francesco Pelagalli, Lorenzo Galligani, Gabriele Sgueglia, Francesca Capecchi, Jessica Sicari, Emanuela Checcucci e Michele Misiano sulla rigenerazione boschiva.


La mozione è passata con 27 voti favorevoli (Fratelli d'Italia, Pistoia Concreta, Forza Italia – Centristi per l'Europa, Lega per Salvini Premier, Amo Pistoia, Italia Viva, Gruppo Indipendente), 5 contrari (Pd, Pistoia Sorride, Pistoia Spirito libero, Pistoia Città di tutti) e nessuno astenuto.


La mozione impegna il sindaco e la giunta «a sollecitare Regione Toscana, Ministero ed enti competenti a intraprendere un ulteriore percorso di progettazione e pianificazione territoriale, attraverso un progetto condiviso anche con le altre amministrazioni competenti, al fine di intercettare le risorse necessarie per salvaguardare la piante da possibili attacchi di natura parassitaria e non parassitaria per la tutela, la gestione e la valorizzazione del nostro patrimonio boschivo, che ricade per la maggior parte in zone di vincolo paesaggistico e idrogeologico». Nel documento si chiede, inoltre, di «sollecitare gli enti predisposti ad arginare e contrastare fenomeni di dissesto idrogeologico con opere di riqualificazione e bonifica nel territorio boschivo, garantendo una maggiore sicurezza per la collettività e una minore spesa futura per opere di manutenzione e ripristino a seguito di calamità». Nella mozione sono presenti anche le richieste di ampliamento della viabilità forestale, l'aiuto agli imprenditori locali a superare burocrazia che non permette tutta una serie di attività, a reperire fondi europei da destinare alla cura e sviluppo della montagna attraverso la Regione.


La mozione è stata presentata dal consigliere Daniele Vannelli. 
«Quando parliamo di montagna parliamo di ambiente, ecosistema, opere pubbliche, infrastrutture viabilità, turismo, cultura, tradizione, prodotti tipici, attività economiche locali e di persone che quotidianamente, con sforzo e sacrificio, svolgono il loro lavoro con passione e coraggio e continuano a tenere vivo il territorio montano. E' solo grazie a loro se ancora oggi tutti possiamo continuare a apprezzare e valorizzare ciò che offre la montagna e il suo patrimonio boschivo. Proprio per questo sarebbe importante un ricambio delle piante giunte al termine del loro ciclo vitale. Ciò permetterebbe una maggiore tutela di ecosistema e biodiversità, favorendo al tempo stesso il contenimento della vegetazione arborea spontanea e delle piante infestanti».


«Un altro aspetto su cui riflettere – ha proseguito Vannelli – è la necessità di un censimento arboreo delle aree boschive oltre a un censimento fitosanitario, aspetti che si legano al taglio delle piante in lotti adatti solo per grandi aziende e quindi con affidamenti esterni a ditte che non tengono conto di regole ben precise per la tenuta del bosco e del terreno. Queste mancate valutazioni possono essere una concausa di frane e cedimenti, problemi legati all'assetto idrogeologico con danni all'ambiente, alle infrastrutture e soprattutto alla collettività. Il territorio montano è messo a dura prova anche da eventi eccezionali e calamità naturali, territorio che avrebbe bisogno della presenza costante dell'uomo non agevolata da risorse economiche insufficienti a intraprendere percorsi di tutela e riqualificazione, e da una burocrazia che non agevola le piccole aziende locali come quelle del comparto del legno».


«Infine – ha concluso il consigliere Daniele Vannelli - la questione dei cambiamenti climatici deve essere sempre più all'attenzione delle amministrazioni di tutta la Toscana per avere un contatto sempre più stretto con la Regione e il governo nazionale. Intraprendere e perseguire la strada della tutela e salvaguardia del patrimonio boschivo può solo portare benefici all'ambiente, all'ecosistema e una maggiore maggiore sicurezza».


Al termine della presentazione della mozione sono intervenuti alcuni consiglieri comunali tra i quali la capogruppo di Pistoia Spirito libero Tina Nuti.
«Il testo della mozione è complesso, ambizioso con numerosi punti tanto da sembrare un programma di governo. Chi frequenta il territorio montano sa che tutte queste richieste sono importanti. Mi chiedo, però, se il gruppo dei firmatari sa che a livello provinciale dal 2012 esiste il primo Distretto Rurale Forestale d’Italia. Il sindaco sicuramente sa perché l’ho informato a voce e per iscritto a pochi giorni dal suo insediamento. Il Distretto, istituito da una legge regionale, si avvale di un Piano economico territoriale che è il programma dello stesso Distretto rurale forestale, in parte contenuto nella mozione e che gli amministratori, Tomasi in primis, sono chiamati a realizzare in collaborazione con la Regione Toscana».


«Il Comune di Pistoia – ha proseguito Nuti - vuole esercitare il suo ruolo all'interno del distretto rurale forestale come già fatto in passato o no? E' necessario andare a parlare con gli operatori, andare in Regione dove portare le proposte ed i bisogni ed orientare i finanziamenti europei! Oppure ci si limita a fare una mozione per scaricare responsabilità altrove, dopo il nulla di questi anni? La Regione ha già messo in atto numerose questioni elencate nella mozione, sarebbe quindi importante essere presenti ai tavoli istituzionali per portare le istanze della montagna. Pertanto reputo questa mozione assolutamente superata».

Fonte: Comune Pistoia
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




12/2/2021 - 8:24

AUTORE:
mario

Intanto fareste bene a guardare a casa vostra; nelle vostre proprietà. Per esempio, che fa il Comune di Pistoia, la Giunta comunale, nel legato Antonini di proprietà del Comune di Pistoia e fino a 2 anni orsono fatto gestire all'Unione dei Comuni montani dell'Appennino Pistoiese? Direi che da 2 anni è tutto abbandonato! Eppure è una proprietà importante sotto ttti i punti di vista, anche quello economico!