Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 03:11 - 20/11/2019
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Meglio le rane delle zecche che con un buon antiparassitario scompaiono.
Le zecche non le vuole più nessuno.
BOXE

Ultimi giorni di allenamento prima della partenza per Miguel Bachi dove si vedrà protagonista ai campionati italiani che svolgeranno a Roseto degli Abruzzi in data 22 novembre.

PODISMO

La Polisportiva Circolo Arci Tamburini di Cerbaia di Lamporecchio organizza per domenica 24 nella località del Montalbano, la trentesima edizione del ‘’Trofeo della Contea delle Cerbaie’’.

BASKET

Ben 50 minuti di gioco ci sono voluti per decretare il vincitore di questa splendida partita che ha visto i ciabattini capitolare al PalaEinaudi.

KARATE

Avrà inizio il prossimo venerdì 22 novembre alle ore 14 per concludersi domenica nel tardo pomeriggio la rassegna sportiva organizzata dalla Fesik (Federazione educativa sportiva italiana karate) presso il Palaterme.

TIRO A SEGNO

Dall’8 al 10 novembre si sono svolti presso il poligono di Tiro a segno di Napoli il Trofeo delle Regioni e la “fase nazionale” del Campionato Giovanissimi.

BOCCE

Non chiamatelo sport per pensionati: praticare uno sport significa passione, impegno e una dose non indifferente di sacrificio, questo vale sia per gli sport che vanno per la maggiore come il calcio, sia per i cosiddetti sport minori fra i quali le bocce.

VOLLEY

Stupendo inizio di campionato per Montebianco che batte 3 a 1 la giovane ma già molto competitiva compagine di Prato

BOCCE

Al termine di una prestazione generale al limite della sufficienza. Con alcuni atleti sottotono, ai termali è mancata la concentrazione e grinta agonistica, pur senza togliere i meriti agli atleti anconetani, alcuni punti buttati al vento, nel corso dell’incontro, avrebbero potuto marcare con più risalto il divario con le altre formazioni del girone”.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori è dedicata a un libro di Francesco Sole.

none_o

Il quarantennale di attività creativa di un artista come Franco Del Sarto non può certo rimanere inosservato.

Soffioni

Impalpabili infiorescenze di sambuco
soavi di luce .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Altopascio, 16.000 abitanti, è da considerare parte integrante della Valdinievole.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Ricordi dell'associazione dilettantistica calcio Montecatini.

Cercasi coinquilina studentessa solo ragazze
Appartamento sito .....
SCUOLA di BALLO e DANZA ACCADEMICA
asd " ENERGY LATIN DANCE .....
QUARRATA
Bacino del Falchereto ridotto a una pozzanghera: grido d'allarme di Legambiente e liceo Petrocchi

16/10/2019 - 12:04

Un grido d’allarme dalle sponde del bacino “Falchereto”,  da Manetti Daniele presidente di  Legambiente  Quarrata ed  Elisabetta Pastacaldi  preside del liceo artistico Petrocchi.

 

"Terra crepata, cambiamenti climatici e ripercussioni sull’ambiente nel territorio quarratino. Legambiente è intervenuta varie volte con i suoi volontari, in clima di collaborazione con ufficio ambiente del Comune, per ripulire dai rifiuti le sponde del bacino Falchereto e la piazzetta circostante al bacino. Dalle sponde del  bacino del Falchereto, posto spettrale con tutta la terra crepata e riarsa dal sole, utilizzato per riserva idrica per l’acqua potabile, Manetti e Pastacaldi hanno lanciato le loro proposte tecniche per cercare di migliorare una situazione in continuo degrado 

Come sempre è importante partire da un problema ambientale specifico del nostro territorio quarratino, per arrivare al grande problema che coinvolge la Regione Toscana, la nostra nazione e il mondo intero e mostrarle anche con immagini che rendono l’idea della gravità della situazione.


Il  bacino del Falchereto è ormai ridotto a una pozzanghera e dalla terra crepata Legambiente Quarrata  e liceo artistico Petrocchi lanciano  un messaggio per  iniziare, in clima di collaborazione e partecipazione, a fare qualcosa che sia utile ad arginare il problema della siccità, dell’inquinamento chimico  e della scarsità di riserve d’acqua.


E’ evidente ormai che c’è un cambiamento climatico in corso  e Legambiente propone, come già detto dall’Agenzia Europea per l’ambiente delle soluzioni, infatti il cambiamento climatico è una minaccia anche per la nostra agricoltura.


Infatti occorre non solo razionalizzare l’uso della risorsa irrigua, ma  aumentare i siti di accumulo, con una strategia diversificata che si affianchi i a nuovi invasi, di piccole e medie dimensioni sui torrenti e fossi, consentendo il ricarico di lunghi tratti delle aste fluviali , soprattutto durante il periodo estivo, con enormi benefici anche per le falde.


Per i bacini del Falchereto e delle Due Forre, amministrazione comunale, Legambiente e Publiacqua, nella riunione del 4 luglio 2018, hanno concordato di valutare assieme la possibilità di rendere questi due invasi fruibili a fini didattici e di visita all’associazione ambientalista, almeno per quanto riguarda gli spazi prospicenti lo specchio d’acqua e considerati tutti i vincoli posti a questa attività dall’utilizzo in sicurezza e a fini idropotabili degli stessi.

 

Oltre a ciò Publiacqua e Legambiente hanno confermato l’interesse a collaborare, assieme a Water Right Foundation, su un progetto di didattica ambientale rivolta al liceo artistico Petrocchi e ad altre strutture scolastiche del territorio. Un progetto che potrebbe prevedere di “adottare” tali bacini da parte del liceo e di Legambiente e poi, tra le altre cose, interventi in aula ma anche visite ai principali impianti acquedottistici gestiti dall’azienda come ad esempio l’impianto di potabilizzazione dell’Anconella e l’Invaso di Bilancino e di fare progetti per nuovi piccoli bacini ed invasi nel territorio quarratino per aumentare i siti di accumulo per l’acqua potabile e tenerla sotto controllo con analisi chimiche e microbiologiche mirate.

 

E’ importantissimo  ed  essenziale tenere sotto controllo i terreni circostanti e le acque dei bacini con gli enti pubblici interessati e responsabili delle analisi, infatti tali analisi sono necessarie per monitorare e mantenere incontaminate le sue acque".

Fonte: Legambiente
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: