Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 11:10 - 20/10/2021
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Partiamo dalla rivista La difesa della razza nata a seguito delle leggi sulla difesa della razza del 1938.
Il fondatore e direttore era l ideologo Telesio Interlandi.

Giorgio Almirante , delfino .....
JU JITSU

Lo scorso  16 ottobre al Palatorrino di Roma si sono svolti i campionati italiani di Brazilian Ju Jitsu della Federazione Italiana Grappling Mixed Martial Arts, dove  ha partecipato l'iscritto al Sap Manuel Loiacono, 24enne.

HOCKEY

Fine settimana vincente per la società pistoiese.

BASKET

Ha dovuto rimontare almeno due volte la Gema, ma lo ha fatto nel momento clou della partita vinta a Pontassieve 68-75 con un allungo nell’ultima frazione da 26 punti segnati e appena 16 subiti.  

BASKET

Torna il Campionato a Monsummano ed è debutto casalingo per la Gioielleria Mancini che affronta il Basket Calcinaia per l’incontro valevole per la seconda giornata di campionato.

BASKET

Dopo la sconfitta patita nel derby contro San Giovanni Valdarno nel primo turno di campionato, la Nico Basket, targata Giorgio Tesi Group, porta a casa due punti importanti contro un’altra formazione solida e quotata come Umbertide.

PUGILATO

Il borghiggiano miguel bachi nella serata di ieri sera a Firenze a disputato un match molto duro dopo sette mesi di inattività.Si trova affrontare il pugile della sempre avanti Firenze drillon thaci con molta più esperienza, match parte subito acceso da entrambi gli angoli con ritmo elevato!

RALLY

L’ufficialità è arrivata dopo il Rally Città di Pistoia, ultima manche a calendario.

CALCIO A 5

Due serate all’insegna del divertimento e della passione calcistica. Sono questi gli ingredienti che hanno caratterizzato le due serate della 2° edizione del “Trofeo delle associazioni”.

none_o

Consigli di lettura di Maria Valentina Luccioli.

none_o

Le opere della giovane pittrice pesciatina Bartò prendono la volta della Spagna.

Erano pochi, erano violenti,
gridavano “boia chi molla”, .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti

Viene considerato uno degli esponenti più significativi della Scuola Pistoiese.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti

La parabola umana e artistica di Leda Rafanelli abbraccia tutto il Novecento.

cerco bilocale affitto 300 o 350 euro zona Pescia, grazie arredato. .....
cerco casa in affitto euro 300 350 al mese
VILLE DEL TERRITORIO
di Giovanni Torre
Storia, abitanti e vicende della villa medicea quarratina "La Magia"

26/3/2017 - 12:58

La villa medicea La Magia era già preesistente ai tempi del Granducato di Toscana. Fu infatti la famiglia pistoiese dei Panciatichi che volle costruirla nel XIV secolo in una posizione collinare alle pendici settentrionali del Montalbano nella valle del torrente Ombrone. Nel 1581 i Panciatichi subirono un fallimento che determinò la vendita della villa ai Medici, in particolare fu il Granduca Francesco I che volle ampliare le proprietà terriere della famiglia nella zona del Montalbano.


L’architetto di corte Bernardo Buontalenti ebbe l’incarico di ristrutturarla con variazioni che la rendessero più semplice nei confronti con le altre ville medicee. Rivisitò il loggiato interno, rialzò la colombaia e il cortile fu lastricato, progettò anche un lago quadrato con capanno utile alla pesca ed alla caccia di uccelli acquatici, detti lavori finirono nel 1585. Due anni dopo Francesco I morì ed il fratello, suo successore Ferdinando I, la destinò a Don Antonio figlio avuto dalla relazione di Francesco con Bianca Cappello. Di un altro avviso fu il figlio Ferdinando II che la vendette a Pandolfo Attavanti nel 1645: i suoi discendenti abbellirono la villa con interventi mirati sia al giardino che all’interno, in particolare Amerigo Attavanti volle un giardino all’italiana fatto con siepi geometriche e parterre con fontana centrale circolare. All’interno della villa stucchi ed affreschi eseguiti da celebri pittori.

Nel 1752 gli Attavanti si estinsero e la villa passò ai Ricasoli che la tennero per soli 14 anni rivendendola al nobile pistoiese Giulio Giuseppe Amati. Egli volle ristrutturare ancora la villa con interventi di ricostruzione della limonaia e la modifica del parco romantico oltre a ricostruire la cappella in stile neogotico e l’ingresso monumentale in stile neoclassico. Nel 1863 Giovanni Tommaso Amati, ultimo discendente della famiglia,lasciò in eredità i suoi beni a Giulio Cellesi, questo fino al 2000 quando fu acquistata dal comune di Quarrata diventando Patrimonio dell’umanità con protezione Unesco.  

 

di Giovanni Torre                                                  

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




28/3/2017 - 12:33

AUTORE:
roberto ferroni

Signor Torre, La ringrazio per la precisazione e, more solito, non posso che invidiare la Sua estesa conoscenza della cultura, fosse anche solo quella storica, per le evidenze che Lei fornisce.

27/3/2017 - 23:52

AUTORE:
Giovanni Torre

Sig.Ferroni trattasi di due famiglie omonime,quella fiorentina si estinse nel 1752 mentre quella della marchesa immortalata da Puccini era originaria di Colle Val D'Elsa.

27/3/2017 - 14:15

AUTORE:
roberto ferroni

Allora c'é un clamoroso errore, o se si vuole licenza poetica, nella Tosca musicata da Puccini, la dove l'autore del libro e/o il librettista illustra Floria Tosca che riconosce nell'immagine femminile, dipinta dal Caravadossi, la marchesa Attavanti. L'ambientazione è chiaramente da metà circa XIX secolo e se gli Attavanti si erano estinti a metà del XVIII° ......