Valdinievole OGGI La Voce di Pistoia
  • Cerca:
  • 03:03 - 04/3/2024
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Esiste per me una domanda che occorrerebbe fare per sapere chi hai davanti .

A seconda della risposta , puoi confrontarti , o tirar di lungo perché perdi il tuo tempo .

La domanda è :

Quanti .....
SCHERMA

La Scherma Pistoia – Chianti Banca torna sul tetto d’Europa grazie al proprio alfiere Fabio Mastromarino.

ATLETICA

L’Atletica Pistoia si conferma tra le grandi realtà master italiane. Ai Campionati italiani individuali indoor master, tenutisi al Pala Casali di Ancona, la società pistoiese ha conquistato 3 medaglie d’oro, 12 d’argento e 9 di bronzo; quinto posto tra le donne e tredicesimo fra gli uomini.

TIRO A SEGNO

La sezione di Tsn pisana, sprovvista momentaneamente dell’impianto di Bersaglio mobile, ha chiesto e ottenuto solo per questa disciplina la collaborazione del Tiro a segno nazionale di Pescia.

CALCIO

Importante riconoscimento consegnato dal presidente Alessandro Dami ad Andrea Guarisa.

BASKET

Non si ferma la corsa della Butera Clinic Nico Basket, che centra il tredicesimo successo consecutivo in trasferta contro Academy Spezia, con il risultato di 48-73.

RALLY

Era tra i più attesi, al circuito di Pomposa (Ferrara), dopo la performance dello scorso dicembre, per la prima prova del Campionato “Race in Circuit” 2024, disputata nel fine settimana passato ed una volta in gara ha confermato le aspettative.

BASKET

Due vittorie, nello scorso weekend, per le formazioni giovanili della Butera Clinic Nico Basket.

BASKET

Dodicesima vittoria consecutiva per la Butera Clinic Nico Basket, che riesce a espugnare un campo ostico come quello di Prato, con il risultato di 56-62.

none_o

Inaugura sabato 2 marzo, presso la galleria del Centro* Montecatini.

none_o

La mostra “Vecchi posti di provincia" è una raccolta di circa quaranta acquerelli.

Ferragosto nella valle
quanto caldo che mi assale.

La grande .....
ZODIACO
di Sissy Raffaelli

Oroscopo marzo 2024 

IL SEGNO DEL MESE
di Sissy Raffaelli

Il segno del mese.

L'agenzia formativa e per il lavoro Cescot Pistoia ricerca addetto/ .....
Skillman. eu Secretariat offre un contratto di lavoro dipendente .....
VALDINIEVOLE
Necci, lo snack made in Pistoia è diventato rarità, senza castagne soffrono i produttori e la nostra dieta

15/10/2014 - 14:40

Anche quest'anno il neccio pistoiese sarà una rarità. La produzione di castagne è ridotta all'osso dal cinipide, un insetto killer che ha falciato del 90% la quantità di raccolto. E i violenti temporali di questi giorni non migliorano la situazione. Il neccio tradizionale pistoiese è un sano 'snack' da servire accompagnato da ricotta, che piace anche ai bambini, una tradizione a rischio.


I castagni sono l'albero d'alto fusto più diffuso sulla montagna pistoiese e i castagneti ossigenano l'aria e prevengono frane e dissesti del territorio, ma il cinipide e il clima fatto di frequenti e devastanti scrosci d'acqua, aumenta il rischio abbandono. In provincia di Pistoia rischiano circa 1500 ettari di castagneto da frutto, funestati dal cinipide da 10 anni; 21 mila, invece, gli ettari complessivi nel pistoiese di boschi di castagno, compresi cedui, ecc. (dati provincia, basati sull'ultimo inventario regionale disponibile).


A risentirne oltre al reddito dei produttori, e a cascata di mulini, forni e pasticcerie, è la nostra dieta che in questo periodo si arricchisce degli elementi nutritivi che una volta era la base dell'alimentazione sulla montagna pistoiese.


Qualcosa sta cambiando, l'azione degli insetti antagonisti (Torymus sinsensis) che distruggono le uova del cinipide iniziano a produrre effetti, ma siamo solo all'inizio. "I produttori stanno cercando di tenere bassi i prezzi della farina di castagne pistoiese - dichiara Vincenzo Tropiano, direttore provinciale di Coldiretti (in foto) -, per evitare che la tradizione venga spazzata via da prodotti provenienti dall'estero”.


I produttori si ritrovano con perdite del raccolto, anche del 90%, ed il prezzo della farina di castagne inevitabilmente è aumentato negli ultimi anni, “da 6 a 9 euro al chilogrammo”, spiega Sonia Vellutini, produttrice di San Marcello Pistoiese, che come da tradizione usa il metato per essiccare le castagne prima di portarle al mulino. I metati sono costruzioni rustiche nei pressi dei luoghi di raccolta: sul pavimento arde un fuoco lento che secca le castagne poste su un'impalcatura di legno.
 
“Occorre che le istituzioni valorizzino l'attività dei produttori -continua Tropiano- che mantengono i castagneti e le tradizioni, senza praticamente guadagnare nulla. In attesa di tempi migliori va riconosciuto loro un premio in denaro per ogni ettaro di castagneto da frutto". Coldiretti sta lavorando affinché questo venga previsto nel prossimo Piano di sviluppo rurale, in via di definizione in Toscana.

Fonte: Coldiretti
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: