Valdinievole OGGI La Voce di Pistoia
  • Cerca:
  • 19:03 - 04/3/2024
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Quando si legge quel che non c è .
Ognuno è libero di esprimere le proprie idee , ma non di essere giudice di qualcosa . Il giudizio soggettivo con il patetico complesso che rappresenti oggettività .....
JUDO

Una domenica piena di soddisfazioni per il Judo Valdinievole Montecatini. 

BASKET

Dopo quasi un mese di assenza di partite da via Fermi, l’Estra Pistoia Basket riparte alla grande conquistando la vittoria nella 21° giornata di Lba battendo 84-71 la Bertram Derthona Tortona e si prende due punti fondamentali nella lotta per la salvezza.

SCHERMA

La Scherma Pistoia – Chianti Banca torna sul tetto d’Europa grazie al proprio alfiere Fabio Mastromarino.

ATLETICA

L’Atletica Pistoia si conferma tra le grandi realtà master italiane. Ai Campionati italiani individuali indoor master, tenutisi al Pala Casali di Ancona, la società pistoiese ha conquistato 3 medaglie d’oro, 12 d’argento e 9 di bronzo; quinto posto tra le donne e tredicesimo fra gli uomini.

TIRO A SEGNO

La sezione di Tsn pisana, sprovvista momentaneamente dell’impianto di Bersaglio mobile, ha chiesto e ottenuto solo per questa disciplina la collaborazione del Tiro a segno nazionale di Pescia.

CALCIO

Importante riconoscimento consegnato dal presidente Alessandro Dami ad Andrea Guarisa.

BASKET

Non si ferma la corsa della Butera Clinic Nico Basket, che centra il tredicesimo successo consecutivo in trasferta contro Academy Spezia, con il risultato di 48-73.

RALLY

Era tra i più attesi, al circuito di Pomposa (Ferrara), dopo la performance dello scorso dicembre, per la prima prova del Campionato “Race in Circuit” 2024, disputata nel fine settimana passato ed una volta in gara ha confermato le aspettative.

none_o

Inaugura sabato 2 marzo, presso la galleria del Centro* Montecatini.

none_o

La mostra “Vecchi posti di provincia" è una raccolta di circa quaranta acquerelli.

Ferragosto nella valle
quanto caldo che mi assale.

La grande .....
ZODIACO
di Sissy Raffaelli

Oroscopo marzo 2024 

IL SEGNO DEL MESE
di Sissy Raffaelli

Il segno del mese.

L'agenzia formativa e per il lavoro Cescot Pistoia ricerca addetto/ .....
Skillman. eu Secretariat offre un contratto di lavoro dipendente .....
PESCIA
Giornata nazionale degli alberi a Collodi: consorzio KilometroVerdeParma dona gelsi al parco di Pinocchio

30/11/2023 - 16:24

In occasione della Giornata nazionale degli alberi, il consorzio forestale KilometroVerdeParma ha raggiunto negli scorsi giorni Collodi per l’iniziativa di forestazione “Pinocchio pianta con noi”, in collaborazione con la Fondazione nazionale Carlo Collodi.
 
Il consorzio KilometroVerdeParma, impresa sociale nata con l’obiettivo di creare aree verdi e boschi permanenti, ha donato al Parco di Pinocchio le piante di gelso che contribuiranno all’arricchimento del bosco esistente, piante che sono state collocate nel terreno con il coinvolgimento di circa 150 alunni della scuola primaria “Attilio Mussino”.
 
La cerimonia si è svolta alla presenza del presidente della Fondazione Carlo Collodi, Pier Francesco Bernacchi, e del segretario generale, Davide Battistini, nonché dei rappresentanti del consorzio forestale KilometroVerdeParma. Per il Comune erano presenti l’assessore alla cultura e pubblica istruzione, Alina Coraci, e il consigliere comunale Matteo Leggio, che hanno portato i saluti e l’apprezzamento all’iniziativa da parte dell’amministrazione comunale.
 
La scelta del luogo per l’attività di piantagione ha un valore simbolico legato alla celebre favola di Pinocchio, il burattino nato proprio da un tronco d’albero. “Molto spesso gli alberi hanno un ruolo fondamentale nelle fiabe – ha affermato l’assessore Coraci – proprio a partire da quella di Pinocchio; parallelamente, gli alberi e gli spazi verdi sono indispensabili per la vita delle comunità e il benessere delle persone. È questo il messaggio vogliamo trasmettere e per il quale – conclude Coraci – ringrazio sentitamente il presidente della Fondazione Collodi, Pier Francesco Bernacchi, i responsabili di KilometroVerdeParma, gli educatori, gli insegnanti e i bambini che hanno partecipato a questa splendida iniziativa”.

Fonte: Comune Pescia
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




2/12/2023 - 15:09

AUTORE:
Manriko

Preso da curiosità , mi leggo qualche articolo sulle patologie del gelso
Nel suo intervento giustamente si parla di tramonto della bachicoltura familiare , con la presenza dei fitofarmaci.
La scelta di una industria dei fiori che collide con una produzione della massaia , mi pare una scelta al momento obbligata .
Quello che incuriosisce circa 150 piante di gelso in bosco , l elenco delle patologie di tale essenza e le necessità di trattamenti, riscontrabile da diversi articoli sul web e coincidenti .
Insomma una pianta non troppo adatta al rimboschimento .
Non ultima nota :
Il nostro Lorenzini , quando parla di alberi , si riferisce ad un legno da catasta e non certamente ad un albero cui era correlato un piccolo ed importante reddito .

2/12/2023 - 13:35

AUTORE:
Giangi

Che la bachicoltura domestica fosse una fonte di reddito nella società contadina , è storia .
Ho recuperato e vissuto un quarto di secolo in una colonica . Davanti casa c era un enorme gelso .
Che poi il gelso sia la migliore essenza oltre che per la foglia che credo mangiassero anche i conigli , altra fonte di proteine e piccoli guadagni per la massaia, sia l essenza più resistente nel mondo di oggi , spero sia vero .
Grazie per il garbato intervento e buona domenica Giangiacomo .

1/12/2023 - 11:11

AUTORE:
Noemi

Il gelso è stato una pianta presente e prolifera nel territorio pesciatino per la produzione del baco da seta . Pescia è stato al primo posto per importanza dato la qualità e produzione di seta fino all'i traduzione selvaggia della floricoltura, che i pesticidi usare senza normative fecero cadere drasticamente la produzione dei bachi, ed incrementare le patologie legate ai fitofarmaci.il tutte le famiglie contadine del territorio le donne si coltivavano i propri bachi , dando luogo ad u a piccola , ma importante econia familiare. Si sono preferiti i garofani al gelso amato anche dal nostro caro Carlo Lorenzi .

30/11/2023 - 20:28

AUTORE:
Giangi

Mi incuriosisce la scelta del gelso.
Chissà se faranno le more bianche o nere e se qualcuno le apprezzerà.