Valdinievole OGGI La Voce di Pistoia
  • Cerca:
  • 22:05 - 24/5/2024
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Se la famiglia era "numerosa" qualcuno la mamma se la poteva tenere a casa anziché abbandonarla in un ospizio .
BASKET

Il Cda di A.S. Pistoia Basket 2000 Srl prende atto della lettera di dimissioni del vicepresidente Francesco Giuseppe Cioffi e lo ringrazia per il lavoro svolto in questi anni al fianco della società con passione e senso di appartenenza.

PODISMO

La Silvano Fedi prosegue nel proprio magic moment, confermandosi protagonista sulle strade del podismo toscano.

BASKET

Si è tenuta nella serata di lunedì 20 maggio, la festa di fine stagione per società, squadra e staff tecnico dell’A.S. Estra Pistoia Basket 2000 che, lo scorso venerdì, ha chiuso il proprio campionato dopo aver perso gara-3 dei quarti di finale playoff UnipolSai Lba contro la Germani Brescia.

BASKET

I giovani biancorossi guidati in panchina da coach Eduardo Perrotta, hanno ottenuto tre sconfitte in altrettante uscite ma combattendo alla pari.

JUDO

Sabato 11 maggio si è svolto a Incisa Valdarno il "18 ° Trofeo A. Macaluso" di  judo.

RALLY

Parla “straniero”, il 41° Rally degli Abeti e dell’Abetone, terza prova della Coppa Rally di zona 7, corso in questo week end abbracciato dal rigoglioso verde della Montagna Pistoiese.

CALCIO

Dopo sette lungi anni di interruzione torna per volontà dell’assessore allo sport Fulvio Rosellini, il Torneo dei Rioni a Ponte Buggianese.

BASKET

A.S. Estra Pistoia Basket comunica che, in occasione della gara-2 dei quarti di finale Playoff UnipolSai Lba, il play-guardia Lorenzo Saccaggi ha raggiunto un traguardo molto importante all’interno della storia del club. 

none_o

60 scatti fotografici dell’antropologo e fotografo Marco Aime.

none_o

Nei locali della galleria d'arte Casa Venio in piazza IV Martiri una originale mostra di pittura e scultura.

Ferragosto nella valle
quanto caldo che mi assale.

La grande .....
IL SEGNO DEL MESE
di Sissy Raffaelli

Il segno del mese.

ZODIACO
di Sissy Raffaelli

Oroscopo maggio 2024

L'agenzia formativa e per il lavoro Cescot Pistoia ricerca addetto/ .....
Skillman. eu Secretariat offre un contratto di lavoro dipendente .....
PESCIA
Governo Meloni individua Veneri sede di Centro permanenza e rimpatrio migranti, il no di liste di sinistra e Mandara

14/4/2023 - 15:32

“Dico no al Centro di permanenza e rimpatrio per i migranti che il Governo ipotizza di collocare a Pescia nella struttura che avrebbe dovuto ospitare il carcere. Si persiste nell’errore. Così come fa Sinistra Civica Ecologista, in cui mi riconosco, mi oppongo e mi opporrò fermamente alla scelta scellerata di continuare ad investire in questi centri, di fatto luoghi di detenzione dove vengono recluse persone solo perché devono essere rimpatriate, ma che non hanno commesso alcun reato. In questi centri non ci sono diritti garantiti né tutele. Inoltre sono molto costosi, ma hanno servizi ridotti al minimo, dato che mancano i controlli ed i gestori privati tendono a massimizzare i profitti. Sono luoghi in cui facilmente nascono disperazione, abusi e criminalità”.


Non usa mezzi termini, Cristiana Inglese (in foto), candidata alle amministrative di Pescia del 14 e 15 maggio prossimi nella lista civica “Una nuova storia. Riccardo Franchi sindaco di Pescia” ed esponente di Sinistra Civica Ecologista.


“L’attuale Governo – spiega Cristiana Inglese - ha individuato Pescia come uno dei siti possibili per l'apertura di uno di questi centri. Sinistra Civica Ecologista ed io manifestiamo tutta la nostra contrarietà e rilanciamo invece il sistema di accoglienza diffusa che in Toscana ha dimostrato di funzionare e che rappresenta un modello per tutta l’Italia. Solidarietà, integrazione, tutela dei diritti e delle libertà, sono valori fondanti la nostra comunità e a cui Pescia non intende rinunciare. Non potrà essere quindi la nostra città ad ospitare realtà che di fatto favoriscono la violazione dei diritti umani, come quella dei Centri di permanenza per il rimpatrio”.

 

Sullo stesso tema intervengono anche Pescia a Sinistra e Pescia in Movimento.

"Il bel regalo del governo Meloni e della destra ai pesciatini è arrivato usando, come al solito, la pelle dei più deboli. Dopo 40 anni di oblìo si sono ricordati di un luogo ormai fatiscente che doveva essere un carcere e mai è stato funzionante e, pensando di risparmiare, hanno deciso che il Cpr previsto in Toscana (di cui il sindaco Pd di Firenze, Nardella, ha sostenuto la necessità si, ma non a casa sua) si faccia a Pescia"

 

“E' una cosa vergognosa - sostiene la candidata a sindaco Sabrina Lazzerini - non sono possibili mediazioni, quel centro non si ha da fare né qui, né altrove e gli altri, peraltro inutili anche per lo scopo per cui vengono proposti, debbono essere chiusi. Colpisce anche l’atteggiamento del Giurlani, tra il pilatesco e il furbesco (pensa ai soldi che deriveranno all’amministrazione comunale?) che dichiara che nulla può fare il Comune. Falso! Il Comune può e deve costruire opposizione formale, istituzionale e sociale con mille azioni diverse e insieme a tanti soggetti sociali, culturali, religiosi e politici a una scelta crudele come quella di incarcerare senza alcun processo (perché i Cpr sono galere non alberghi) gente fuggita da guerre, epidemie, fame e morte. E’ ridotta così male la capacità di governo di Giurlani? Che si destinino i fondi che il Governo Meloni ha destinato al loro potenziamento, 42,5 milioni di euro, a garantire accoglienza dignitosa e ad uscire da quella che chiamano emergenza ma in realtà è un immenso business. Un business in cui fra centro-sinistra e destra non si scorgono differenze sostanziali. Noi di Pescia a Sinistra e di Pescia in Movimento, pensiamo che una città come Pescia meriti una svolta reale nel governo locale, una svolta che indichi anche la via dell’accoglienza e dell’integrazione sociale come metodo di governo per una città, come per l’intera Italia, più giusta".

 

Pubblichiamo anche l'intervento di Giancarlo Mandara.

"In relazione all’indiscrezione di apertura di un Centro di permanenza per i rimpatri (Cpr) nel carcere di Veneri, come candidato sindaco alla guida di una coalizione di liste civiche (Voltiamo Pagina, Conforti per Mandara, Un’altra Pescia e Pescia Solidale) esprimo la mia netta contrarietà. Innanzitutto, perché la frazione di Veneri non merita questo ennesimo regalo da parte della politica, con tutte le problematiche da decenni irrisolte. Questa frazione rimane ancora quello che un vecchio parroco in una lettera indirizzata circa vent’anni fa all’amministrazione comunale definì “paese di frontiera”, ai margini di qualsiasi concreta ipotesi di rilancio. Inoltre, questa collocazione si scontra con la promessa riqualificazione della struttura delle carceri, oggi ben lontana dall’essere attuata, visto che vi sono stati trasferiti i magazzini comunali e si ipotizza, appunto, la creazione un centro di permanenza temporaneo, similare a una struttura detentiva. Non possiamo accettare soluzioni che penalizzino ancora una volta il nostro territorio".

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: