Valdinievole OGGI La Voce di Pistoia
  • Cerca:
  • 10:07 - 22/7/2024
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Ieri passeggiando intorno casa ho notato con grande piacere che i lavori di rifacimento dei marciapiedi di Via Boccaccio sono terminati. Un bene soprattutto perché la parte intorno al "centro diurno .....
TAEKWONDO

Dopo il Kim e liu del Nord e il Kim e Liu di Roma la società sportiva Kin Sori Taekwondo asd si conferma prima delle toscane nel taekwondo e 3 nel parataekwondo italiano.

IPPICA

All’Ippodromo Snai Sesana di Montecatini Terme un altro bel sabato di sera di trotto e di festa per tutto il pubblico presente, circa 1400 presenze. 

BASKET

Si è conclusa la quinta edizione del Pistoia Basket Project Camp, il grande camp di pallacanestro organizzato dal Pistoia Basket Junior che attira sull’appennino tosco-emiliano, nello specifico a Fanano in provincia di Modena, un numero sempre più elevato di ragazzi.

ATLETICA

Italiani individuali e di società master da applausi per l’Atletica Pistoia. La società del presidente Remo Marchioni ha raccolto allori e soddisfazioni sia nella kermesse capitolina, la prima, sia in quella tenutasi a San Biagio di Callalta, in provincia di Treviso, la seconda. 

BASKET

Fabo Herons Montecatini ha il piacere di annunciare l’ingaggio di Matteo Aminti, un'ala-centro del 2005, proveniente dalla Virtus Siena, che completerà il roster della prima squadra per il campionato di Serie B Nazionale 2024-25.

IPPICA

Il mercoledì sera di corse all’Ippodromo Snai Sesana di Montecatini Terme è stato incentrato su uno dei personaggi più famosi al mondo, Pinocchio e, in particolare, sul Parco policentrico di Collodi.

BASKET

A.S. Estra Pistoia Basket 2000 è lieta di annunciare di aver raggiunto un accordo di durata triennale con Dante John Calabria che sarà il nuovo capo allenatore della nostra prima squadra in vista del campionato 2024/25 di Lba.

CALCIO

Il ds della Larcianese Gabriele Cerri presenta il nuovo arrivato in casa viola, giocatore di qualità ed esperienza che rinforzerà il centrocampo della squadra, si tratta di Cosimo Lenzini.

none_o

Per tutto il mese di agosto, fino al 9 settembre, è visitabile nelle vetrine esterne e nello spazio espositivo interno.

none_o

Domenica 14 luglio la mostra si è chiusa a Palazzo Buontalenti. L’esposizione, curata da Walter Guadagnini, ha presentato 70 opere.

Ferragosto nella valle
quanto caldo che mi assale.

La grande .....
ZODIACO
di Sissy Raffaelli

Oroscopo luglio 2024.

IL SEGNO DEL MESE
di Sissy Raffaelli

Segno del mese.

Se avete Perdite occulte sulle vostre tubazioni, abbiamo sempre .....
L'agenzia formativa e per il lavoro Cescot Pistoia ricerca addetto/ .....
SAMBUCA P.SE
Incidente mortale in Porrettana, Niccolai (Pd): "La misura è colma. Subito un tavolo istituzionale sul tema"

7/6/2020 - 19:39

Purtroppo ieri è avvenuto un altro tragico incidente lungo la Porrettana: un ragazzo di nemmeno 18 anni, residente a Quarrata, è deceduto dopo aver perso il controllo della moto mentre affrontava una curva.

"Esprimendo il massimo rammarico e la massima vicinanza ai familiari della vittima in questo momento drammatico - dichiara Marco Niccolai, consigliere regionale del PD - mi preme sottolineare che la Porrettana da troppi anni è diventata una strada pericolosa, che conta numerosi incidenti di motociclisti.

Se la situazione va avanti così ogni sabato e domenica, il numero delle vittime rischia di diventare enorme. Trasformando la Porrettana in un vero e proprio cimitero. Ogni sabato e domenica quel tratto si riempie di motociclisti, e dobbiamo assolutamente risolvere questa situazione insostenibile, per garantire la sicurezza dei nostri cittadini: sia dei motociclisti sia degli automobilisti sia degli abitanti dei paesi lungo la Porrettana.  

Oggi mi sono confrontato con il sindaco di Sambuca, e credo che la via da percorrere, rapidamente, sia solo una: la Prefettura deve assolutamente convocare un tavolo istituzionale, con le forze dell'ordine e i comuni di Sambuca e di Pistoia e Anas per fare un'analisi della situazione e fermare una situazione che va avanti da troppi anni, seminando dolore e tragedie."

*Nella foto in allegato: il consigliere Niccolai, sulla sinistra, con il sindaco di Sambuca, Fabio Micheletti.

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




9/6/2020 - 11:23

AUTORE:
Chapman

Leggo i vari interventi che hanno un denominatore comune : la preoccupazione per gli incidenti , mortali e no , che riguardano i motociclisti .
Una cosa che accomuna tutti i commentatori è poi l'assoluta mancanza di conoscenza di cosa sia un motociclo e la necessaria prudenza nell'uso .
Forse si ignora che il corpo umano che corre a piedi ed a testa bassa il direzione di un muro , ha diverse probabilità di morire .
Una caduta da tre metri , è stata spesso mortale .
Quindi , escludiamo la possibile velocità del mezzo che in campo motociclistico ha un impatto relativamente basso . Altri sono i casi di gravità , quali lo scontro con altro veicolo , la fuoriuscita in una curva "difficile" , la presenza di problemi alla pavimentazione , sostanze ed alcol o gare con altri motociclisti ed altro -

9/6/2020 - 11:00

AUTORE:
gonzales

Capisco il discorso di fondo . Le strade con tante curve , sono sempre state la passione di chi va in moto . Altrettanto chi va in moto dovrebbe conoscere i pericoli nell'uso di questo mezzo .
Certamente non c'è possessore di moto . dal vecchio mosquito anni 40 ad una 1200 , che non abbia il brivido ad affrontare le curve in una strada di montagna. Manutenzione assente , scavi per allacciamenti malamente coperti , segnaletica "antica" e mancanza di controlli fanno il quadro dek pericolo ..
Ridurre le cilindrate delle moto ?
Un pensiero in libertà .
Viaggiano ancora le 125 senza il limite degli 11 cw per cui quelle ancora circolanti hanno velocità oltre 160 km/ora.
Va considerato poi , se si ha esperienza di moto e non di chiacchiere , che sulle strade di montagna , le fuoriuscite di strada avvengono a velocità moderate , (ma sufficienti ad ammazzarsi) e sono indipendenti dalle prestazioni della moto , ma solo dalle capacità e prudenza del conduttore . Si consideri poi che gli incidenti accadono per il 75% in città . Quindi ? Più prudenza e più controlli e più cura della strada .

9/6/2020 - 7:10

AUTORE:
Federico

Da motociclista dico che percorrere la Porrettana è un rischio continuo. Di per sé è una strada con troppe insidie sia per la qualità dell'asfalto, che per altri fattori dovuti alle cause più svariate, dagli attraversamenti pedonali fuori dalle strisce che spesso non ci sono o da manovre dei residenti che pensano di essere nel cortile di casa propria, e anche dai camion che la percorrevano fino a che non è crollata la strada a Pavana. Credo che per salvaguardare la vita di tutti e visti i comportamenti che molti motociclisti tengono e che lo considerano una tappa del Tourist Trophy, sia meglio vietare il transito ai motoveicoli da 150cc in su durante il finesettimana permettendolo ai soli residenti nei mesi estivi.

8/6/2020 - 13:57

AUTORE:
Simo

Tutte le soluzioni proposte da chi ha commentato prima di me sono valide ma come ben sappiamo qualunque dispositivo può essere disattivato o eluso.
Le moto sono in mano a chi le guida e chi le guida ha una testa che non dovrebbe servire solo x indossare il casco, sono loro che dovrebbero pensare a quello che fanno e a limitare la velocità in base alle strade che stanno percorrendo anche perché molte volte a rimetterci sono proprio loro.
130 Kmh in autostrada??
Ma sapete cosa rimane di una persona cadendo o impattando a tale velocità con una moto???

8/6/2020 - 12:31

AUTORE:
Anonimo

Oggi esistono delle tecnologie che permettono di autolimitare le velocità, basterebbe equipaggiare TUTTI I VEICOLI di strumenti adatti a riconoscere i limiti di velocità della strada che si sta percorrendo (gps ad esempio) ed il gioco è fatto. I nuovi veicoli sarebbero equipaggiati in fabbrica i vecchi o li si adegua o non si può circolare, se si manomette il dispositivo o si circola senza, sequestro e DISTRUZIONE.
Finiti così gli agguati con autovelox, comuni che fanno cassa e tutti rispettano i limiti.

8/6/2020 - 1:33

AUTORE:
Sport

Finchè fabbricheranno moto-missili non ci sarà rimedio...io metterei un limitatore di velocità a 80 km/h su tutte le moto con possibilità di sbloccarlo solo in autostrada a 130 km/h che è la massima velocità consentita. Sanzioni di migliaia di euro, sequestro del mezzo e ritiro patente per moto per sempre a chi non rispetta le regole.