Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 07:01 - 22/1/2022
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Presidente in quota Forza Italia.

Per capire il personaggio ed il suo rapporto col caimano , si trova abbondante materiale e penso anche dagli atti parlamentari , l appoggio alla tesi della nipote .....
BASKET

Mtvb Herons Basket comunica che sono state rinviate a data da destinarsi, causa Covid, le seguenti gare di campionato.

BASKET

A distanza di un mese dalla partita contro Vigarano, la Giorgio Tesi Group è tornata finalmente in campo.

HOCKEY

Finalmente arancione anche in campo femminile assoluto, dopo oltre un decennio una formazione di Pistoia torna alle competizioni e con buone prospettive future.

SCHERMA

Davide Cutillo ha staccato il biglietto per la finale dei campionati italiani under 17 di fioretto che si disputeranno nel prossimo mese di maggio a Catania.

BASKET

Tredicesima vittoria consecutiva per la Gema Montecatini, che dopo un mese di stop in campionato (causa pausa natalizia e poi le prime due giornate rimandate dal covid) ha dimostrato di non avere affatto ruggine o scorie addosso.

SCHERMA

Prima grande soddisfazione nel circuito europeo under 17 per Fabio Mastromarino. 

SCHERMA

Un azzurro per due.

BASKET

Ventinove giorni dopo l'ultima volta, Gema Montecatini è pronta a tornare in campo per una partita ufficiale. Il 17 dicembre, giorno della dodicesima vittoria consecutiva a Prato, sembra però ormai lontanissimo.

none_o

Consigli di lettura di Maria Valentina Luccioli.

none_o

Inaugurazione il 19 gennaio alle 18,30, nei locali della Federazione provinciale di Rifondazione Comunista di Pistoia.

La signora in blu
Viaggio nel profumo delle .....
IL SEGNO DEL MESE
di Sissy Raffaelli

Segno di Terra, Cardinale, domiciliato in Saturno ed esaltato in Marte.

ZODIACO
di Sissy Raffaelli

L'oroscopo di gennaio

E'stato scritto e pubblicato un libro sulla presenza del grande .....
cerco bilocale affitto 300 o 350 euro zona Pescia, grazie arredato. .....
 5
Sono disponibili 176 articoli in archivio:
 [1]  ...  [4]   [5]   [6]   [7]   [8] 
In risposta a: del
L'emigrante al figlio
AUTORE: Torre Giovanni
email: -

8/11/2011 - 13:55

Quando sarai laureato,che tu sia ingegnere oppure dottore,non ti dimenticare di coloro che ti hanno dato tanto,non ti dimenticare di chi ti ha cullato con amore,non ti dimenticare di chi ha zappato,versando lacrime e sudore e,sopratutto non ti vergognare di papà e mamma che hanno saputo lavorare anche per te. Fonte i Toscani di Montreal.




In risposta a: del
La signora in blu
AUTORE: Agostino Saviano
email: [protetta]

3/11/2011 - 6:28

La signora in blu
Viaggio nel profumo delle onde delle spighe bionde di grano.

Lontano si sente una vibrarazione del cuore.
 Perché mi streghi così?

Ti dirò tutto quello che vuoi.

E’ il susurro di tutto il verde di questo prato costellato di fiorellini blu.

Non mi guardare negli occhi, ché trema tutto me stesso.

Non voglio il tuo ricordo, voglio fiorire con te.

Una voce mi accarezza in un ricordo ovattato di melodia.

Ripeti il tuo motivo che ha in sé il cielo azzurro nell’infinito del mio pensiero
in cui brilla la luce della tua anima,
o signora dall’abito blu.

Rimani con me con i tuoi toni alti e modulati come il sussurro del grano accarezzato dal vento dell’est.




In risposta a: del
La resa
AUTORE: Bosio
email: -

30/10/2011 - 19:16

Come fine ed impalapabile pioggia d'estate
che sussurrando invade lo spazio

così il battito lento del mio cuore
affogato nel ritmo del dolore
lentamente rintocca il tempo rimasto/

costringendoti alla resa
su questa spiaggia ormai deserta/




In risposta a: del
MARTEDI' GRASSO
AUTORE: Giuseppe Marangoni
email: -

20/9/2011 - 9:01

Sfida al tempo siamo:
pietre miliari di un arcobaleno
su secoli mai finiti, mai incominciati.

Strana coppia
di un Pierrot e Arlecchino
che nella sera
perpetriamo i nostri sogni
in affabular di eterna commedia,
e il surclassar è
il vanto.

Quando il sipario cala
mestamente andiamo
"a diversi porti per lo gran mar dell'essere"
grevi tocchi di Cezane.




In risposta a: del
NOTTE A MAGGIO
AUTORE: Giuseppe Marangoni
email: -

17/9/2011 - 7:37

Selenica luce irrora le tue rose
ho alato Maggio,
foriero di nuovi amori.

Sotto questo cielo
si librano verdi occhi
divino dono ad alimentar il mio canto.

E da vate,
del tuo profondo vo raccontando
e il tuo sorrico e il tuo profumo
che han uguale nei gelsomini
dolci mi guidan nei miei sogni
breve la notte e poi gli albori
in canto di usignoli




In risposta a: del
Viaggio Totale
AUTORE: GiuseppeMarangoni
email: -

6/9/2011 - 8:58

La bellezza alimentò l'onirico
del viaggiatore totale
nel suo profondo io.

Incantato nei meandri
sulla via del divenire,
in alterne stagioni,
tra arsure e gelo,
(essere e nulla)
fu lavico e fuoco
che mai si spense
nel diabolico logo del tempo




In risposta a: del
FILAMENTI VERDI
AUTORE: Massimiliano Antonucci
email: -

1/9/2011 - 7:27

Mando tutto all’aria: sedie tavoli
ed uomini
inizio a vestirmi
perché ho giurato che ti verrò incontro
a mangiarti il cuore
e ti assalirò per il bisogno estremo di riscaldarmi
e per una fame vecchia di mille generazioni
la tua dolcezza si espande sulla faccia
scaricando lacrime gentili
e l’aria diventa insopportabile
come il vestito che porti indosso
troverai fondi di bottiglia nei miei occhi
e lucciole ancora accese
tram affollati di gente
pazzi illuminano
i piani disarticolati della mia esistenza
ora che ti fulmino dal cielo o dalla terrazza di casa mia
in un giorno poco buono per tutti
scaraventandoti tuoni bagnati di pioggia
e filamenti verdi
che continuano a cadere
fitti fitti
sopra questo mondo di merda.
Ti immagino mentre ti spogli
e t’immagino mentre ti rivesti all’indomani
quando sederemo con mani calde
per nutrirci dei nostri occhi
e per andare avanti
con o senza gli altri.

Altre poesie nel sito:
www.massimilianoantonucci.it




In risposta a: del
Di opposti significati
AUTORE: bosio
email: -

11/8/2011 - 22:07

Alla morte apparente,neurologica

rispondo

con i veti incrociati
di vite spente,mai nate,
crocifisse nella polvere,
(e piene di angoscia nel divenire).

Di città chiuse
in giganteschi confini,
gonfie di pensieri esauriti.




In risposta a: del
TU SI'
AUTORE: Paola Bonetti
email: -

4/8/2011 - 7:06

Tu sì
tu sì che sei un poeta

Per notti e notti
fino all’ora dell’allodola
ho trascritto i tuoi sensi
sulle pagine dei miei singhiozzi

Oggi
ne bevo il nettare e il veleno
Io
ventre custode di memorie
vaso innamorato
dei tuoi petali
e del profumo di mele bianche
io,
oggi,
stringo tutto sul petto
e bacio
gli inchiostri e i fogli




In risposta a: del
DA SOLO
AUTORE: Giovanni S.
email: -

17/7/2011 - 9:50

Lento come il tuo respiro
vado per strada
da solo

rimpiango il mio passato
di poeta infranto

i fiumi scorrono sull’asfalto
e brillano
sotto i lampioni rotti

l’urlo della sirena
mi sveglia

è un brutto sogno
quello che faccio
ogni notte




In risposta a: del
Risvegli
AUTORE: bosio
email: -

6/7/2011 - 22:19

Al risveglio
morderò le mie labbra per sentirmi vivo,
nessun tipo di rimpianto mi confonderà
la di lei espressione
che in verità era già senza contorni,
lascerà il posto ad un solo vero ed inequivocabile pensiero/immagine;
Al riscatto ,se mai ci sarà,
di una esistenza al buio per troppo tempo,
in balia di mostri e demoni notturni.




In risposta a: del
150: liberi e uniti
AUTORE: Gino
email: [protetta]

5/7/2011 - 22:14

Centocinquanta or la gente canta.
Altrettanto non faceva se il borbone l'opprimeva. A Garibaldi siamo grati, visto che ci ha liberati da quel gioco maledetto, che a subir ci aveva costretto.
Fu cacciato lo straniero e il paese tornò intero. Da Bolzano a Siracusa, oggigiorno non c'è scusa; tutti quanti siam fratelli, poeri ricchi brutti e belli.
Senza i nostri grandi eroi, oggi non potremmo noi dilettarci allo sbaraglio senza urto ne bavaglio ne sfidarci tra rioni, ne gustar le cibagioni testè offerte in abbondanza proprio per placar la panza! non possiamo noi scordarci chi ha lottato per salvarci, chi ha lottato per la vita, che la sua non si è goduta, sì dobbiamo divertirci!
Ma troviamo il mo' di dirci quanto è bello sto' paese!Oggi non badiamo a spese ma domani lavoriamo, testa alta, cuore in mano, perchè questo si conservi, mai più schiavi mai più servi!




In risposta a: del
DA SOLO
AUTORE: Giovanni S.
email: -

2/7/2011 - 8:13

Lento come il tuo respiro
vado per strada
da solo

rimpiango il mio passato
di poeta infranto

i fiumi scorrono sull’asfalto
e brillano
sotto i lampioni rotti

l’urlo della sirena
mi sveglia

è un brutto sogno
quello che faccio
ogni notte




In risposta a: del
INDIFFERENZA
AUTORE: G. B.
email: -

26/6/2011 - 14:45

Schegge di marmo
inerti.

Questo siamo.

Gelidi grani
che neppure il Vento
smuove




In risposta a: del
Vivere "Domani"
AUTORE: Bosio
email: -

23/6/2011 - 19:50

Gli occhi al sole,
illuminavano la sua cecità,
sapeva parlarmi di ciò che all'anima non bisogna nascondere;

Imparai da Lei a seguire i profumi,
i rumori,i sospiri capivo senza chiedere,
una mattina senza un perchè,
si ribellò alla sua natura,
andò sul balcone e leggera come piuma,
neppure salutandomi,
si addormentò per sempre
finalmente riuscii a vedere il suo tormento;

Anni dopo cercai,rivoltandomi nel creato,
una sola risposta al suo amore,
ma la mia ossessione
trovò solo domande e rimase lì
nel mio pensiero ...
confine alla pazzia.




In risposta a: del
SPERANZA
AUTORE: Adriana
email: -

22/6/2011 - 9:15

Come il vento gelato
dell'inverno
spoglia i lunghi rami verdeggianti
del melo
così tu hai violato
la mia anima
ormai nuda
senza più il dolce
tepore della speranza.




In risposta a: del
Illusione notturna
AUTORE: Bosio
email: -

16/6/2011 - 19:41

Sensi attesi,
divisi tra noi,
gesti imprevisti di mani leggere
lasciati per niente
da pensieri perversi,

lanciati di notte su strade affollate,
senza pudore con tanta paura
immaginarsi insieme lontani da qui
lontani nel vento,

svenduti alla vita,
sulla terra riversi uniti per sempre.




In risposta a: del
DI FRONTE ALLA NOTTE INIZIALE
AUTORE: Autore sconosciuto (inserita da Franca)
email: -

13/6/2011 - 12:59

Oggi è martedì
Un altro martedì di maggio
l'ultimo martedì di questo mese che sta finendo
in un anno che ha molta fretta.

Siamo nei giorni posteriori del millennio
alla fine dell'ultimo secolo di quest'era
e abbiamo le stesse domande
dei nostri nonni
le stesse che si fece
di fronte alla notte iniziale
- sotto stelle ancora ignote -
il primo uomo che interrogò il futuro.

Con le stesse parole
che servirono da epitaffio
a secoli precedenti
si definisce questo secolo che si conclude:
un secolo che è appena esistito.

Dietro alle bombe intelligenti di oggi
continua ad esserci la pietra
e l'acuto legno avvelenato.

La parola è arrivata al suo limite
di perfezione
ma nel più recondito della lingua
c'è il grugnito, la prima caverna
il sapore del sangue sottomesso.

E per il giorno di domani
per mercoled' prossimo
per i Maggi successivi
ci sarà qualche risposta?

Potrò stare io, di fronte alla notte
dell'avvenire
sotto stelle ignote ancora
scrivendo un poema d'amore
scoprendo, nel cuore della pietra
l'origine dell'acqua
odorando nell'acuta punta dei roveri
l'inizio della primavera?

Solamente so che oggi è martedì
l'ultimo martedì di questo mese che sta finendo
in un secolo che ha avuto troppa fretta




In risposta a: del
Una Canzone Eterna
AUTORE: bosio
email: -

8/6/2011 - 19:29

Alla Madre

Vorrei saper suonare uno strumento eterno,
affacciato all'infinito,
senza appoggi in equilibrio,
senza svegliarti,

vorrei saper suonare
una melodia sconosciuta
nel vapore delle nuvole,
attraverso le anime sbiadite
per ricordarti...

tenendoti per mano.




In risposta a: del
VORREI
AUTORE: G.M.
email: -

5/6/2011 - 18:38

Vorrei lasciare
tra le tue dita
una parte di me
la più piccola parte di me,
la più indifesa, smarrita.

La parte di me
che ha paura del buio
e dei sogni cattivi,
che spesso s'illude
di avere le ali
e di prendere il volo.

Vorrei lasciare
tra le tue dita
quel poco di me
che tu non comprendi
che tu non conosci.




In risposta a: del
NON CAMBIARE CANALE
AUTORE: Giulia Antonelli
email: -

2/6/2011 - 20:50

Dove vanno a morire i ricordi
quando la mente ne è piena
come una spugna di mare
che gonfia flaccida e inutile
ammara sulla spiaggia stanca di onde.

Quando si ammala il cuore
per il troppo passato alle spalle
denso di pianto per la vita strappata.

I ricordi s’infrangono sugli occhi vuoti
dei sopravvissuti delle stragi di mafia
del terrorismo di ogni colore
mentre il conduttore guarda la camera
e dallo schermo trafigge lo stanco ascoltare.

Passami il sale e azzera quest’audio
che fa solo male e distrae
il già faticoso vivere delle nostre case.

Dove vanno i ricordi
dietro la fila di date e di luoghi
che scorrono anonimi
sul video lattiginoso per non disturbare
le cene afone di chi ha troppo ascoltato.

Passami il pane
versami il vino
ma non cambiare canale.




In risposta a: del
ESTATE
AUTORE: Red
email: -

30/5/2011 - 9:09

Cammino
la sabbia infuocata
è ricordo
di estati più dolci
quando bambino
il mare era premio

I monti lontani
i pini raccolti
vegliavano
i dolci ricordi
di quando mia madre
vestita di festa
sorrideva felice
negli anni più dolci

Il mare era calmo
sembrava sentire
la pace, il silenzio
i progetti ambiziosi
di un piccolo uomo
che viveva felice
nel piccolo mondo
cullato dal sogno

Mia madre rideva
felice del sogno
il giorno era luce
di mille colori
la sabbia era calda
tremolante lontano
mi prese la mano
e mi baciò piano piano




In risposta a: del
UTOPIA
AUTORE: Sconosciuto (inserita da Roberto)
email: -

26/5/2011 - 15:41

Di che colore può essere domani il giorno.

Siamo in estate
se ti fermi a pensare
se metti insieme tutte le ore della tua vita
forse riuscirai ad immaginare gli odori dell'alba
il canto di qualche uccello smarrito
gli occhi di colui che verrà a bussare alla tua porta.

Nessun giorno è uguale e tu lo sai
ma vuoi che domani
e tutti i domani di domani
si assomiglino a un giorno di tempo fa
magari non per tutto il giorno, neanche per un'ora
solamente per quel minuto, il secondo preciso,
in cui hai potuto vedere, come in un sogno
l'azzurro intoccabile di quell'Isola




In risposta a: del
UN' ALTRA VOLTA SAPREI
AUTORE: Izet Sarajlic (inserita da Roberto)
email: -

26/5/2011 - 15:39

Troppo poco ho goduto gli scroscri primaverili e i tramonti del sole

Troppo poco mi sono dilettato della bellezza delle vecchie canzoni e
delle passeggiate al chiaro di luna

Troppo poco mi sono inebriato del vino dell'amicizia
anche se al mondo quasi non c'è paese dove avevo almeno due amici.

Troppo poco tempo ho dedicato al mio amore
io che all'amore avevo consacrato tutto il mio tempo.

Un'altra volta saprei incomparabilmente di più godere la vita.

Un'altra volta saprei




In risposta a: del
Tu ci sei?
AUTORE: Amalia
email: -

24/5/2011 - 8:05

Cautamente svelo il mio animo,
mi avvicino perché ti sento fragile
come me,
mi avvicino perché ho letto sofferenza
in quegli spazi bianchi,
come me,
mi avvicino perché … perché
il tacere era essere capiti.
Condividere le risate,
il gioco,
la derisione,
la solitudine tra la gente.
Poi … è accaduto l’imprevedibile,
no, forse era tutto prevedibile.
La lontananza ha travolto gli animi nella quotidianità,
ha portato confusione,
trascinando ogni pensiero nella voragine dell’oblio.
Nell’incedere inesorabile della vita
tu non hai i mezzi per aiutarmi..
ma è sufficiente che tu ci sia.
Tu ci sei?




Sono disponibili 176 articoli in archivio:
 [1]  ...  [4]   [5]   [6]   [7]   [8]