Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 01:06 - 16/6/2019
  • 455 utenti online
  • 29937 visite ieri
  • [protetta]

Non si era ancora insediata la nuova giunta, che subito come falchi sulla preda, si sono avventati sia il Consigliere Rucco che la sua collega De Paola, con le più banali rimostranze. Si presuppone .....
TITO CON L'ARCO

La disciplina è forse poco conosciuta ma molto appassionante. Gli arcieri di campagna si muovono nel bosco e colpiscono sagome riproducenti animali. Un modo alternativo e divertente di fare movimento competitivo.

IPPICA

Appuntamento del giovedi’ all’Ippodromo Snai Sesana che coincide anche con l’ultimo programma di corse in diurna dato che da sabato 22 giugno, e fino al 31 agosto, si accenderanno i riflettori dell’impianto del trotto montecatinese per diciotto convegni in notturna.

CICLISMO

Sabato 15 giugno - nel primo pomeriggio - arrivo della seconda tappa del giro d’Italia Under 23, in via Giovanni Amendola di Pescia.

TIRO A SEGNO

Una manifestazione paesana che ha lasciato il segno, e ogni anno è sempre più  bella.

NUOTO

Dai campionati italiani giovanili oceanici di Salvamento, svolti a Riccione, arrivano 1 argento ed un bronzo per l'Asd Nuoto Valdinievole.

VOLLEY

Il direttore tecnico Sandro Becheroni, insieme allo staff tecnico, è già al lavoro per visionare le atlete delle due società e formare così, dopo una accurata selezione, i gruppi che prenderanno parte alle categorie giovanili e ai campionati di Prima Divisione territoriale e di Serie D Regionale.

BASKET

A Chiesina Uzzanese va in scena il secondo "Memorial Marco Neri", torneo di basket rivolto alla categoria Under 14 maschile, in memoria di Marco Neri, noto imprenditore locale, scomparso nel 2017 ed ex giocatore di pallacanestro, sia nelle fila di Chiesina che in quelle di Montecatini.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Glenn Cooper.

none_o

Un viaggio intorno al mondo fatto di fotografie che esprimono sentimenti.

E si vive di ricordi, di sogni
impressi nel sinuoso corpo
dell’Ombrone .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Altopascio, 16.000 abitanti, è da considerare parte integrante della Valdinievole.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Ricordi dell'associazione dilettantistica calcio Montecatini.

BUONASERA sono in possesso di diploma di adb e oss sono attualmente .....
Buonasera a tutti per informazioni o preventivi per rimettere .....
 8
Sono disponibili 115 articoli in archivio:
 [1]   [2]   [3]   [4]   [5] 
In risposta a: del
La Madonna dell'attesa
AUTORE: M.T.D.
email: [protetta]

16/5/2015 - 21:42

Nella penombra della sacrestia
non mi sentivo del tutto a casa mia,
anzi,sola e trascurata,
mi sentivo addirittura abbandonata.
Risuonavano il canto e la preghiera
ogni giorno là, nella navata della chiesa,
ma nell'angolo nascosto dove stavo
a nessun rito io partecipavo.
Per me non c'era un fiore né un inchino
né al vespro della sera né alle lodi del mattino.
Eppure ero pur sempre la Madonna
e di vedere i figli miei avevo una gran voglia.
Scolpita in un tronco d'albero toscano,
dell'artista si vedeva la sapienza della mano,
ma risalendo la statua al settecento
l'incuria e la patina del tempo
aveano steso un velo di vecchiezza
che offuscato ne aveva la bellezza.
"Oh-speravo- prima o poi verrà qualcuno di buon cuore
che mi riporti all'antico cromatico splendore?"
Passavan gli anni e le speranze le cancellava il tempo:
per me non si prendeva alcun provvedimento;
altre cose avevan la priorità
e io a malincuore stavo là,
senza neanche l'illusione
d'andare una volta in processione.
Ma un bel giorno, dopo tanta attesa,
ecco improvvisa una sorpresa:
un bergamasco, buon restauratore,
mi osserva tutta, come fa un dottore,
e afferma con piglio e sicurezza:
"E' un'opera d'arte, con certezza!"
Così, nel suo laboratorio artigianale,
io torno come prima, al naturale,
anzi più bella col turchese del mio manto
sopra l'abito lungo, tutto bianco.
Ora sì che son contenta,
e non solo per l'imbellita mia parvenza.
Dopo lunga e impaziente attesa, finalmente mi han rimessa in chiesa,
davanti all'altar maggiore,
così guardo con tanto amore
il figlio mio Gesù,
che ricambia il mio sguardo da lassù.
(La statua della Madonna, rimasta a lungo nel dimenticatoio,è stata restaurata e da circa un mese si trova nella chiesa di Sant'Antonio a Montecatini.)




In risposta a: del
Fiori
AUTORE: M.T.D.
email: [protetta]

5/5/2015 - 11:58

Finalmente s'è dischiusa
quella crosta dura
che pareva seppellire la natura.
La bella addormentata
si è del tutto risvegliata,
ha iniziato la sua nuova vestizione
e di colori è tutta un'esplosione.
Grazie alle mille sfumature
gli spazi verdi sembrano pitture
e ogni macchia di colore
è una corolla che si apre al sole.
Ciascuna manda il suo messaggio
con la vista e pure con l'olfatto.
I fiori rossi parlano d'amore passionale,
quelli rosa d'amicizia tenera e leale,
quelli bianchi di purezza e nobiltà,
quelli gialli di gelosia e infedeltà.
Profumi tenui, delicati oppur pungenti
si lascian respirare, assai contenti
di dare a chi li guarda la certezza
che la FINE è solo un'apparenza.
Sotto una coltre di neve gelida e spumosa
si presentò la morte, spaventosa
ma non definitiva,
perché germogliava un'altra vita.




In risposta a: del
VENTO
AUTORE: Maria Teresa
email: [protetta]

8/4/2015 - 20:05

Vento, irritante e chiassoso
come i capricci di un bimbo bizzoso;
vento, leggero e intrigante
come le mani di un tenero amante;
vento, pesante e un po' fiacco
come i passi di chi è tanto stanco.
Vento...hai la stessa natura del tempo:
libero corri, inafferrabile,
imprevedibile, volubile, instabile,
e come il tempo, precario e fugace,
sempre diverso eppur sempre uguale.
E' come il tempo la tua frenesia
di spazzar la vita che veloce va via
portando con sé progetti mancati,
sogni d'amore all'alba sfumati,
risate di spensierata allegria,
momenti struggenti di malinconia.
E come il vento non si ferma con le mani,
non si sa se il tempo ci porterà il domani.




In risposta a: del
LA SETTIMANA SANTA
AUTORE: Maria Teresa
email: [protetta]

29/3/2015 - 12:23

Questi sono giorni
d'intima mestizia:
è stata fustigata la Giustizia.
Questi sono giorni
di grande sofferenza:
è stata calpestata la Sapienza.
Questi sono giorni
di profonda incoerenza:
è stata crocifissa l'Innocenza.
Questi sono giorni
d'ineffabile dolore:
è stato ucciso il nostro Salvatore.

Questi sono giorni di certezza:
per Lui avremo un giorno la Salvezza.
Questi sono i giorni del sorriso:
Lui ci aspetta di nuovo in Paradiso.
Questi sono giorni di splendore
perché risorge il nostro Redentore.

Buona Pasqua! M.T.D.




In risposta a: del
DIMISSIONI DI SAN VALENTINO
AUTORE: Maria Teresa
email: [protetta]

17/2/2015 - 10:37

Carissimi figlioli sparsi per l'intero mondo,
vi dico chiaro e tondo
perché non ci sia fraintendimento
che le vostre suppliche
stan diventando proprio un rompimento.
Lo scorso 14 febbraio
mi son trovato in un vero ginepraio:
chi la voleva cotta e chi la voleva cruda...
è stata per me una giornata molto dura.
Da secoli con competenza e con onore
degli innamorati sono il protettore
e sempre mi son dato un gran daffare
perché gli amori si coronassero all'altare.
Da un pezzo in qua la libertà si fa licenza
e piano piano si va a finir nell'indecenza.
Scusate, ma io sono un Santo
e benedico solo l'amore sacrosanto!
E poi state facendo una grande confusione
scambiando i posti ai ruoli e alle persone:
le coppie si frantumano e s'allargan a dismisura
come se sposarsi fosse solo un'avventura,
come se la famiglia fosse un torpedone
dove si sale e si scende senza esitazione.
Forse mi dovrei modernizzare
ma per me non è semplice passare
dalla concezione dell'amore romantico e pudico
a quello disinvolto e disinibito,
da quello unico, per l'eternità,
a quello transeunte "domani si vedrà".
E poi c'è chi dell'amore capisce poco o niente
e crede sia sesso solamente,
c'è chi lo crede fonte inesauribile di gioia
e dopo pochi sorsi subito s'annoia.
Insomma, fate tutti un bel casino,
parola di San Valentino,
per cui grazie della vostra devozione
ma non aspettate più alcuna intercessione.
Però un consiglio ve lo voglio dare perché l'amore giusto ciascun di voi possa trovare:
impegno, sentimento, condivisione
e la vita a due sarà sempre un'emozione.
Nelle mani vostre sarà il destino
e non in quelle di San Valentino!




In risposta a: del
NATALE 2014
AUTORE: Maria Teresa
email: [protetta]

21/12/2014 - 15:33

Delle feste rieccoci a ridosso.
Gente al verde
notti in bianco
conti in rosso:
un tricolore per chi, senza speranze,
non ci può far
neppure le mutande.
Ma via, i pensieri
lasciamoli in disparte,
arriva l'anno nuovo
e si riparte.
Con coraggio e di gran lena
s'arriverà forse alla meta.
Per ora godiamoci il Natale,
che, in fin dei conti,
non andrà poi tanto male.
Per fare un bel presepe
del resto poche son le spese:
abbiam già la "mangiatoia"
politica, che tutto quanto ingoia;
di "bestiario" c'è un ricco assortimento:
basta andare in Parlamento;
sgomenti e delusi gli elettori
potrebbero fare i poveri "pastori";
le "pecore" poi sono milioni:
i cittadini, ingreggiati
con gli agnelli ed i caproni.
Oh...ma si accende una luce
sulla capannella!
Vuoi veder che anche per noi
brillerà,prima o poi,
la "buona stella"?
Con questo auspicio, auguri di buone feste a Valdinievole Oggi e ai suoi lettori.




In risposta a: del
LIBERTA'
AUTORE: DANIELA LORENZINI
email: [protetta]

16/9/2014 - 12:37

Sotto le mie piume pongo il capo stanco...
nascondo gli occhi alla visione del mondo...
sconfitta...? violentato...?
Hanno calpestato le mie ali ...
Hanno fermato il mio volo...
Hanno usurpato le mie libertà...
E adesso...?
Adesso mi nascondo nel fango...
ignorando le ferite...
ripensando al candore scomparso delle mie piume...
Sognando mare...vento ...cieli azzurri.




In risposta a: del
Il Cielo sopra Parigi
AUTORE: Giuseppe Marangoni
email: -

5/6/2014 - 8:50

Quanti invernali giorni
Rue Gay Lussac
scalcinato hotel
imparziale ospite
d'uomini e scarafaggi

Nel sottotetto misera cameretta
appena adorna di letto e lavandino
e al lucernaio un vecchio piccione
reclamava briciole di pane
e il plumbeo dei tetti, dell'aria
zavorra per un'inquieta anima

.... e poi carezze di primavera
dono per un ragazzo
che abitava al cielo




In risposta a: del
L'APICE DEL SENSO
AUTORE: Simone Magli
email: [protetta]

12/12/2013 - 8:49

Dove ci porterà
quest'incessante lavorìo
che si danna a cercare
grovigli di universo
sempre nuovi?
Nel ventre del tempo
ogni giorno è diverso
e non saranno poi
tante vite alla fine,
ma la loro intensità
è l'attimo prima
che il cuore si fermi:
l'apice del senso.

www.simonemagli.blogspot.it




In risposta a: del
ETERNO
AUTORE: Simone Magli
email: [protetta]

10/12/2013 - 12:00

Camminerò al buio sui tuoi passi
finché non si volterà il tuo sorriso
a confermarmi che
non è stato tutto vano.

www.simonemagli.blogspot.it




In risposta a: del
"voci nella pineta"
AUTORE: marcello cerri
email: [protetta]

22/11/2013 - 11:58

ieri 21 novembre ricorreva la festa degli alberi, so che ci sono dei nuovi arrivati nella nostra bella pineta, però circolano alcune voci, e mentre passeggiavo tranquillo.....


Marcello..,Marcellooo,mi sentii chiamare
mi voltai di scatto, ma non vidi niente
girai un po’ intorno,riprovai a guardare,
veniva da laggiù,dal Salice piangente.

Lì per lì pensai, son diventato matto,
alberi che mi chiamano per nome?
Feci un sorriso, forse mi son distratto
e prima là ci stavano persone.

La mia era stanchezza,forse solo apparente,
per questo passeggiavo sopra quei prati,
per ritemprar lo spirito con niente,
solo ,con il ricordo dei bei tempi andati.

Fu allora che ,con curiosità mi avvicinai,
per vedere e sentire meglio ,da vicino,
il salice esclamò” siamo nei guai”
aiutaci ,come facesti da bambino!

Feci un balzo all’indietro, spaventato
guardai meglio quell’albero imponente,
sul tronco , nascosto e un po’ cancellato
vidi il mio nome , mi vacillò la mente.

Vedi, mi disse il Salice, io ti conosco,
per tanti anni noi siamo qui restati.
ora voglion tagliarci,rinvigorire il bosco,
ma noi nel bosco non ci siam mai stati.

Più avanti troverai il Larice un po’ scosso,
ha già i suoi anni, però li porta bene,
vogliono spezzettarlo, a più non posso
ma non si sa perché, forse conviene?

“A chiiii” tuonò una voce poderosa,
a chi conviene questo scempio arcano,
era la Quercia, che un po’ più su riposa
accanto al Tiglio ,a destra dell’Ontano.

Amici miei, un tempo miei custodi,
che mi nascondevate, un po’ per gioco
ci proverò , di voi infioccherò le lodi,
però purtroppo potrò far ben poco.

Il pino ,che fino ad allora,non avea parlato
sembrò che si muovesse,scosse la chioma,
ti prego , provaci mi disse inginocchiato,
quelli di noi non comprendono l’idioma.

A loro non ho detto che non so parlare,
solo con gli occhi abbiamo chiacchierato,
però io l’ho promesso quindi devo provare
a far qualcosa ,lo scempio va fermato.

Vien detto:”molti di loro sono ammalati”,
secondo me tagliare ,non è la soluzione,
penso che invece andrebbero curati,
vuoi metter te …che soddisfazione.!!




In risposta a: del
La signora in blu
AUTORE: Agostino Saviano
email: [protetta]

17/10/2013 - 10:21

LA SIGNORA IN BLU
Viaggio nel profumo delle onde delle spighe bionde di grano.

Lontano si sente una vibrarazione del cuore.

Perché mi streghi così?

Ti dirò tutto quello che vuoi.

E’ il susurro di tutto il verde di questo prato costellato di fiorellini blu.

Non mi guardare negli occhi, ché trema tutto me stesso.

Non voglio il tuo ricordo, voglio fiorire con te.

Una voce mi accarezza in un ricordo ovattato di melodia.

Ripeti il tuo motivo che ha in sé il cielo azzurro nell’infinito del mio pensiero
in cui brilla la luce della tua anima,
o signora dall’abito blu.

Rimani con me con i tuoi toni alti e modulati
come il sussurro del grano accarezzato dal vento dell’est.
                                                Agostino Saviano




In risposta a: del
La torre del silenzio
AUTORE: Giuseppe Marangoni
email: -

28/4/2013 - 13:41

Dolce amico dell'età migliore
compagno d'avventure sognate e poi svelate

Ombra della mia ombra
passi sui tuoi passi nell'incedere leggero
e poi avanti
Amai ciò che tu amavi:
"oh quanta bellezza dispersa"

Mai m'accosi allora
mai prima ebbi il tuo vero nome
Tu ed io in simbiosi: tempo
fiamma quasi ora consunta
nell'oro d'autunno
in una torre di silenzio




In risposta a: del
Prolblema impettente(il depuratore)
AUTORE: patrizia nannini
email: [protetta]

15/4/2013 - 14:49

Cari paesani,
mi rivolgo a voi, perchè il problema è impellente
e riguarda da vicin tutta la gente:
poiché si continua a bere ed a mangiare
è molto importante , pure evacuare.
Già, ma tutto cio’ che noi espelliamo,
vi sieti chiesti dove lo buttiamo?
Occorre mettersi intorno ad un tavolino
E decidere dove mandar tutto il bottino!!
Qualcuno avea detto di fare una buca in Grande Prato
poi questo progetto è stato accantonato
E d’uopo, allor trovare un altro sito
che alla maggioranza sia pero’ gradito
Si è parlato, anche di un Tubone
Optato si è invece, poi per il Piaggione!
Ma ai pesci e agli uccelli è stato chiesto il permesso?
Non metteranno mica un cartello con “ DIVIETO D’ACCESSO”!!
Immaginate come alle cicogne ed agli aironi
Tutto questo, farebbe girar loro “i maroni”?
Penso già alle anguille con il raffreddore
Le si tapperebbe il naso per il cattivo odore!
Quindi se l’ambiente va salvaguardato
Un altro modo per risolver la questione, va trovato:
Poiché, pero’ nel frattempo non si è fatto niente
Sentite un po’ cosa mi è venuto in mente:
Perché non teniamo il vaso sotto al letto
Ed al mattino versiamo “tutto” in mega sacchetto
Intanto cerchiamo una soluzione efficiente
Per risolvere, finalmente il Problema Impellente!




In risposta a: del
Primavera
AUTORE: Nina Paunovic
email: [protetta]

1/4/2013 - 17:43

Primavera


Le gocce di illusioni
frammentate da niente
e celeste sogno di lui.
Io proiettata sopra il vento
abbagliata inconsapevolmente.
O primavera,
manda mi la foglia
del gelsomino e il fiore
bianco che gli somiglia.
Porta via le sue ombre
dal viso,
vola dal pensiero
dalla sua fronte
e togli i confini che ha messo
davanti.
O primavera bugiarda
dammi un cenno,
dammi speranza celeste
Avvolta nel profumo
Dei gelsomini bianchi.
Ti lodo, o tempo
Dei risvegli,
Ti canto infinita bellezza,
Passa da lui,
Lontano e assente,
Sfiora lo sguardo
Sotto l’universo.
Vola e canta,
Amalo immensamente.
Cielo e terra e venti,
Fiori e ogni cosa
Si svegli
E l’ami,
Anche se lui
Non vuole amarmi più.




In risposta a: del
"speranza "
AUTORE: anna maria
email: [protetta]

26/3/2013 - 10:32

PER VOI NIPOTI POCHE COSE: QUALCHE CORSA ALL'IMPROVVISO QUANDO LA MAMMA NON CE LA FA' PIU'. POCHE PAROLE, POCHI DISCORSI, POCHI NINNOLI ED INTERVENTI, POCO DI TUTTO SIAMO PRIMI MA SECONDI, NOI NONNI. E' GIUSTO COSI'. ALLORA... VI LASCIO I MIEI SORRISI, IL MIO SGUARDO COMPLICE E CONSAPEVOLE. LA MIA BUONA VOLONTA', ANCHE QUANDO FISICAMENTE NON POSSO. IL TEMPO STRINGE QUANDO LAVORO, QUANDO SONO ASSENTE, QUANDO SIAMO OGNUNO A CASA POPRIA. VI VEDO OGNI VOLTA PIU' GRANDI MA VI TROVO SEMPRE... BASTA UN GESTO UN SORRISO...ED ECCOCI A GIOCARE ...SIAMO TUTTI, MA PROPRIO "TUTTI": BAMRINI.




In risposta a: del
Il Padule....
AUTORE: patrizia nannini
email: [protetta]

6/3/2013 - 16:05

Ricordo che quando ero una bimbetta
Il babbo, mi portava in Padule con la bicicletta
Nell’acqua del Canale ci si potea specchiare
mentre i ranocchi si sentiva gracidare
Nel cielo si vedea volar, germani, bozzoletti, beccaccini
uccelli, che conoscevan bene i nostri Padulini.
Ora che sono “una vecchietta”
vado, da sola in padule con la bicicletta
Sento, pero’ l’odore dei diserbanti
proveniente dai numerosi vivai circostanti
I ranocchi non ci sono più
I gamberi killer, sono arrivati quaggiù
Del PADULE, lo so, si parla molto ancora
Ma non tornera’ purtroppo, più quello di allora




In risposta a: del
voi ladri che non sapete cosa fare
AUTORE: sabrina
email: [protetta]

23/2/2013 - 12:02

voi ladri , stupidi truffatori rubate cose che non appartengono a voi.
pure alle scuole ANDREOTTI senza pietà avete rubato .
piccola curiosità quanto è vergognoso fare il ladro ??
forse non ci pensate ma la polizia a cercarvi è impegnata e quando vi troverà
non bene vi farà
..........




In risposta a: del
IL LINGUAGGIO DEI FIORI
AUTORE: patrizia
email: [protetta]

16/2/2013 - 16:00

Ti ho visto, eri li nel mio giardino
esile, piccolo, ma profumato
ti ho messo in un vaso sul tavolino
pero’ eri solo ed anche spaesato
Il vaso era grande , Tu piccolino
E dopo un pò il tuo bel capo, hai chinato
Allora ho cercato di rimediare
l’acqua dentro il vaso era da cambiare



Il mattino, fuori dovevo andare
ma d’improvviso, ho sentito un rumore
come uno che mi volesse chiamare
ho avuto l’impressione, fosse il fiore
che sciocca, ho detto” lui non sa parlare”!
quello che emette è solo un buon odore
Mi sono preparata e sono uscita
Ma cosa era quella” che avevo udita?


Poi ripensandoci bene , ho capito
forse era la voce del fiordaliso
che pian piano, come fosse un vagito
ma dolce, come di un bimbo il sorriso
dicea. “preferisco il campo fiorito
ed essere vicino ad un narciso”
Io non capivo il linguaggio dei fiori
Gioivo, sol del profumo e dei colori




In risposta a: del
i politici
AUTORE: patrizia
email: [protetta]

11/2/2013 - 14:42

i politici

i politici appaiono lindi e ordinati
i loro abiti saran pure firmati
Temo, pero', che i pantaloni abbiano un difetto
d'altr parte, non tutto puo' essere perfetto!
ma, nel posteriore la "svista" è stata grossolana
si nota, anche nelle donne, che portan la sottana
SI!, proprio in quel punto, di colla c'è un eccesso
e vediamo, appunto, quello che è successo:
quando un posto in Parlamento si sono assicurati
ci restan finchè all'alòtro mondo non sono richiamati




In risposta a: del
Stranezze
AUTORE: Mino
email: [protetta]

27/1/2013 - 18:36

Mi capita,sovente,d'ammirare
nelle notti stellate il firmamento
e lo sguardo,da tempo,va a fissare
una luce che stacca sopra cento,
come se fosse nuova di tal posto
e che sempre mi segue...ad ogni
costo
Da principio rimasi esterrefatto
d'esser seguito,ognor,da quel bagliore,
che fosse un UFO? Via non esser matto!
Allor? Cento domande con stupore.
Or ho capito,forse,e l'ho censita
col nome di mia madre:MARGHERITA!




In risposta a: del
DEVOLUTION
AUTORE: Mino
email: [protetta]

27/1/2013 - 12:18

Temp'indietro,quand'ero ragazzino,
c'era tanto rispetto fra la gente,
a passeggio,incontrando un tuo vicino
gli stringevi la mano...fortemente
era un segno di stima,un'effusione
ma,sopratutto,buona educazione.
Oggi,purtroppo,in piena evoluzione,
il mal rispetto,ohime,regna sovrano
chi passeggia,dribland'uno spintone
non ha più l'occasion di dar la mano
neppur al suo vicin,ma c'è rimedio?
perchè,per salutar,ei mostra il MEDIO!!!!!!




In risposta a: del
L'anno che verrà
AUTORE: mino
email: [protetta]

2/1/2013 - 20:53

Non voglio,nè per celia nè davvero
far concorrenza a chi,prima di me
dettò in modo certo e veritiero
musicando parole e rime,fè
ciò che nessuno mai si scorderà
e LUCIO fece:"L'Anno che verrà"
Or,mi domando,non saran certo rose
i fiori che c'aspettano...ed i temi
che tutt'il mondo,ahimè,ci pose,
mi sembrano,piuttosto,crisantemi
si,proprio i fiori c he noi potiam'a morti
faran da sfondo a queste tristi sorti!
Voi dite che son troppo pessimista?
Bisogna non puntarsi come un mulo?
Chi ci governa,dico,a prima vista
mi sembra voglia metterlo nel culo
a chi,per esser probo cittadino
passera sempre e solo per..cretino!




In risposta a: del
A te ANGELO !!
AUTORE: Francesca
email: [protetta]

27/12/2012 - 15:29

In una notte fredda te ne sei andata fra le mie braccia ....
quanto dolore e rimorso ho per non essere arrivata in tempo e per strigerti a me cara Mamma , a te che ora sei un ANGELO chiedo solo che tu mi guiderai e che mi starai vicina.....
A te mamma dedico questo TVTB piccolo Angelo nel paradiso !!




In risposta a: del
A Caccia
AUTORE: Manuela
email: [protetta]

24/12/2012 - 12:42

Malidetto quer giorno che ci vienze
il desiderio di tornare a caccia!
Si preparò'l barchino e le licenze
pregustando l'odore di beccaccia!
Quande senttii lo sparo dissi"Allora
cos'hai preso da mette nel carniere?"
"Vieni a vedè,mi disse lacrimoso
dalla borza mi sembra un ragioniere!"




Sono disponibili 115 articoli in archivio:
 [1]   [2]   [3]   [4]   [5]