Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 08:11 - 28/11/2020
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Io a queste considerazioni metafisiche sulla condotta umana degli eletti , ci ho sempre creduto poco .

Se la Costituzione prevede che il rappresentante eletto rappresenti l'elettore pur non essendone .....
CALCIO

Che la sorte di Frustalupi fosse fortemente in bilico, era la classifica stessa a dirlo.

CALCIO

Una cosa ci teniamo a dirla: noi di Valdinievole Oggi non siamo osservatori imparziali. Siamo sportivi, ci mancherebbe altro. Ma siamo tifosi della Pistoiese e soffriamo tantissimo quando vediamo la nostra squadra arrancare in questo modo.

RALLY

Si è conclusa sull’ultima pedana d’arrivo del Campionato Italiano Rally la stagione sportiva di Simone Baroncelli e Donato Bartilucci, portacolori della scuderia Jolly Racing Team impegnati sulle strade dell’ultimo appuntamento del Tricolore 2020.

CALCIO

I campionati non si vincono né si perdono a novembre. Ma per la Pistoiese non è più tempo di lasciare punti preziosi agli avversari. Come, purtroppo, è accaduto nella scorsa gara di campionato con l' Olbia che, con tutto il rispetto per la formazione sarda, non è certo un fulmine di guerra.

RALLY

Novantadue chilometri di prove speciali, le più attese della stagione, quelle che incoroneranno i campioni nazionali.

RALLY

Ha confermato il ruolo di assoluta protagonista, la scuderia Jolly Racing Team. Il sodalizio di Larciano si è infatti congedato dall’asfalto del Rally di Pomarance con il primato conquistato nel confronto tra le scuderie partecipanti.

SPORT

Autodemolizioni Dolfi, azienda leader del settore di demolizione e smaltimento dei veicoli a motore, entra nel calcio maschile e nella pallavolo femminile, supportando Sporting Casini e Progetto Volley Bottegone.

BASKET

Durante la settimana sono state riscontrate alcune positività al Covid-19. Pertanto la gara interna contro il Jolly Livorno, che si sarebbe dovuta disputare sabato 14 novembre, è stata rinviata a data da destinarsi.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Valerio Massimo Manfredi.

none_o

Il libro «Videomodeling e autismo. Descrizione di un intervento educativo», è stato pubblicato da Erickson Live.

Vivevo la vita,
che non è infinita,
senza l’offesa
del .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti

Un argomento 'scomodo' e per certi aspetti 'scabroso' per la memoria collettiva.

FILIATELIA
di Giancarlo Fioretti

Dal 10 novembre è possibile acquistare il francobollo.

SCUOLA di BALLO e DANZA ACCADEMICA MARGINE COPERTA

asd " ENERGY .....
Smarrita chiavetta usb marca Lexar bianca con tappo arancione. .....
 6
Sono disponibili 9 articoli in archivio:
 [1] 
AVVERTENZA: In caso di risposta a un articolo già presente nel forum, si invita i lettori ad usare il comando RISPONDI. Usando questo comando la risposta dell'utente ottiene una maggiore visibilità, perchè viene collocata automaticamente in due spazi diversi. Viene inserita infatti 1) nella prima pagina del forum in successione temporale, come tutti gli altri interventi; 2) viene inserita anche nel riquadro dei DIBATTITI IN CORSO, dove gli articoli rimangono un tempo maggiore.
Il primo lettore che risponde a un tema già presente nel forum e adopera il comando RISPONDI attiva automaticamente un dibattito. Il comando RISPONDI consente di sviluppare dibattiti su temi specifici.
Qui si discute su: Ma a chi danno fastidio le prostitute?

AUTORE: Alberto
email: -

20/2/2011 - 14:48

Leggendo la cronaca rilevo che quasi tutti i giorni vengono multate prostitute e clienti in ottemperanza a un'ordinanza del Comune. Mi chedo se è utile e giusto accanrsi in questo modo sugli ultimi, come credo debbano essere considerate le prostitute. Vorrei sapere a chi danno fastidio. Mi pare che siano scelte di tipo moralistico. Non si colpiscono, perchè commettono qualche reato (non ci sono infatti reati in quello che fanno), ma semplicemente si colpiscono perchè offendono la cosiddetta morale, inventandosi norme e leggi che fanno a pugni con le norme più basilari del diritto.
E' una tipica forma di cultura vetero-femminista che spinge a colpire queste persone. E' l'odeologia cartto- comunista che prevale nei nostri amministratori. Non sarebbe meglio utilizzare i soldi di tutti i cittadini per colpire i veri reati e rendere le città più sicure?
----------------  RISPONDI





In risposta a: Prostitute, solo falso moralismo del 7/4/2011 - 8:25
io sono nessuno
AUTORE: tonio
email: -

12/4/2011 - 13:09

il problema sostanziale non è quello che "queste signorine" possano o "meno esercitare il loro diritto d'uso di beni privati" ma che lo esercitino a casa loro. Poi ci sarebbe da chiedere perchè io paghi le tasse e loro no ma questa è un altra storia.
Tornando al discorso di Franco, ti ringrazio per paragonarmi al mitico Ulisse,
IO SONO NESSUNO.
----------------  RISPONDI





In risposta a: prostitute= delinquenza del 4/4/2011 - 13:19
Prostitute, solo falso moralismo
AUTORE: Franco
email: -

7/4/2011 - 8:25

L'accanimento contro le prostitute non è dettato da motivi di ordine pubblico, ma solo da un falso moralismo. Salvo alcuni casi, la maggior parte fa questo lavoro per libera scelta, e non dà fastidio a nessuno. Ci sono reati ben più gravi da perseguire che non le prostitute, che tra l'altro non commettono alcun reato. Le ordinanze dei sindaci sono illegittime perchè multano chi esercita la prostituzione, che incvece per legge non è vietata
----------------  RISPONDI





In risposta a: Ma a chi danno fastidio le prostitute? del 20/2/2011 - 14:48
prostitute= delinquenza
AUTORE: tonio
email: -

4/4/2011 - 13:19

a chi danno fastidio le prostitute? a tutti quelli che cercano di dare valori alla famiglia o coppia che sia!! la prostituzione di strada non solo è un reato ma è la porta di ingresso della delinquenza. noi per strada troviamo "una donna" ma dietro ci sono uomini che ce la mandano e la sfruttano, da una parte "maiali" da l'altra schiavisti o comunque gente non perbene.
Se Voi ritenete che la prostituzione sia lecita resta solo da capire se siete di una parte o dell'altra. sinceramente mi son rotto del tutto va bene o del perbenismo.
----------------  RISPONDI





In risposta a: a chi danno fastidio le prostitute del 24/2/2011 - 15:02
aspirina o niente?
AUTORE: andrea f.
email: [protetta]

24/2/2011 - 18:00

Concordo pienamente con l'analisi
del fenomeno prostituzione fatta da Giovanni ed anche la soluzione da lui proposta penso sia largamente maggioritaria nel nostro Paese.Ma intanto? Lui paragona le azioni messe in opera dalle Autorità comunali alla somministrazione di un aspirina ad un malato di tumore , io dico che l'aspirina è un antinfiammatorio,non guarisce sicuramente il tumore, ma è molto,
ma proprio molto meglio di niente.
----------------  RISPONDI





In risposta a: Ma a chi danno fastidio le prostitute? del 20/2/2011 - 14:48
a chi danno fastidio le prostitute
AUTORE: Giovanni
email: -

24/2/2011 - 15:02

Al di là del limite che la decenza impone, credo che sia anche un problema di cultura; la prostituzione è un fenomeno che esiste da sempre e nessuno mai, a mio avviso, riuscirà a cancellarlo.
Io, pur non facendo un discorso moralistico, credo che oggi la prostituzione a Montecatini sia un grosso problema che andrebbe affrontato e regolamentato; e sicuramente non serviranno i provvedimenti comuncali a risolverlo; è come cercare di guarire il cancro somministrando dell'aspirina.
Il problema deriva da un fatto di scelte: l'Italia ha fatto la propria quando nel 1958 con la legge 75, la famosa e famigerata legge Merlin, si decise di chiudere le case di tolleranza.
dopo oltre 50 anni il risultato è questo; la prostituzione in Italia esiste sempre, ed esiste sempre il suo sfruttoamento; e ancora peggio, esiste un mercato fiorente di prostitute baby straniere che vengono prelevate dai loro paesi con l'inganno di un lavoro sicuro e remunerativo e invece vengono costrette a battere il marciapiede e nessuno prende provvedimenti seri, se non quei palliativi costituiti dalle sanzioni sporadiche alle cosiddette "passeggiatrici" ed ai loro clienti. Qualche anno fa si provò anche a fotografare i clienti ritenendo che ciò fosse un deterrente per coloro che si accostavano alle meretrici; non ha fatto effetto anzi, con l'aumentare del traffico cittadino e delle prostitute sulle strade, il risultato è che provare a percorrere la sera dopo le dieci via Leonardo da Vinci, via Ugo Bassi, via Manin, via Pistoiese a Montecatini è come fare una corsa ad ostacoli; a volte sembra di essere in centro a Firenze nelle ore di punta.
Io personalmente, pur non essendo un "utente", proporrei il modello tedesco che prevede case di tolleranza pubbliche e private, controllate dal punto di vista igienico e sanitario, in regola con le normative tributarie ed eliminando quindi totalmente la possibilità di sfruttamento.
Forse queste sono le risposte giuste alla domanda "a chi danno fastidio le prostitute".
----------------  RISPONDI





In risposta a: Ma a chi danno fastidio le prostitute? del 20/2/2011 - 14:48
Prostituzione
AUTORE: Mario.
email: -

23/2/2011 - 8:55

Vieni nella mia strada, la notte.
200 mt da Piazza del Popolo.
E ti faccio capire, come ,ed a chi danno Fastidio!
Oltre una certa ora, devo chiedere il premesso , per poter avvicinarmi alla porta ,ed entrare in casa!
Non ho niente in contrario con la professione,e se e' legale come dici te, rimettiamole in casa ,cosi danno meno fastidio.
----------------  RISPONDI





In risposta a: provocazione o cecità del 20/2/2011 - 15:57
MCT
AUTORE: Giack
email: [protetta]

21/2/2011 - 14:59

Basta vedere cosa scrivono i giornali e valutare cosa succede la notte .Tutti vedono ma non sentono,e il benessere?Ma chi deve controllare ?Non so quale sia la verita ,,ma chi deve decidere???Il popolo ????O chi per lui???
----------------  RISPONDI





In risposta a: Ma a chi danno fastidio le prostitute? del 20/2/2011 - 14:48
provocazione o cecità
AUTORE: andrea f.
email: [protetta]

20/2/2011 - 15:57

Non so distinguere nell'intervento
di Alberto l'intenzione ultima.
Perchè se la sua intenzione è quella di provocare un dibattito,
allora può andar bene se invece si
tratta di convinzioni autentiche
gli consiglio una visita al reparto di oculistica dell'ospedale di Pescia , dove potrebbe trovare un medico in gamba che lo potrebbe aiutare.
Basta un giro in città , nelle ore diurne per rendersi conto che in città prosperano organizzazioni
malavitose dedite allo sfruttamento della prostituzione , allo spaccio di droga e che queste organizzazioni
cercano di impadronirsi di certe zone della città,cercando di farne una sorta di zona franca del vizio.Una fetta sostanziosa degli introiti di queste organizzazioni è costituita dalla prostituzione ed alimenta una serie di attività collaterali come
il traffico di stupefacenti,il gioco d'azzardo,il prestito ad usura,il mercato dei fitti al nero,il riciclaggio di denaro sporco e potrei continuare una giornata.Talvolta poi si sentono storie di segregazione e riduzione in schiavitù oppure mi par di ricordare anche che ci siano stati degli omicidi legati a storie di prostituzione.Quindi
tutto quello che può essere fatto per disencintivare il fenomeno è
benedetto ed è degno di plauso,
se si vuol bene a questa città.
Vorrei poi sapere da Alberto come si sentirebbe vedendo passeggiare sua figlia lungo la strada,con una macchina che rallenta e la affianca per chiederle il prezzo!
Dimenticavo che non vede e non sente molto bene.
----------------  RISPONDI





Sono disponibili 9 articoli in archivio:
 [1]