Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 08:10 - 16/10/2021
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Partiamo dalla rivista La difesa della razza nata a seguito delle leggi sulla difesa della razza del 1938.
Il fondatore e direttore era l ideologo Telesio Interlandi.

Giorgio Almirante , delfino .....
RALLY

L’ufficialità è arrivata dopo il Rally Città di Pistoia, ultima manche a calendario.

CALCIO A 5

Due serate all’insegna del divertimento e della passione calcistica. Sono questi gli ingredienti che hanno caratterizzato le due serate della 2° edizione del “Trofeo delle associazioni”.

HOCKEY

Sarà un weekend con molte gare all'Hockey Stadium Andrea Bruschi di Montagnana, un ottimo motivo per vedere e conoscere l'hockey su prato.

CALCIO A 5

L’Atletico Pistoia Calcio a 5 saluta la Coppa Toscana di Serie C2 dopo i due match disputati nel triangolare del primo turno della competizione.

HOCKEY

Arancioni vincenti a Cernusco sul Naviglio in una gara tiratissima dove i lombardi, matricola del torneo, hanno cercato in tutti i modi la vittoria cedendo nel finale gara.

BASKET

Una partita bellissima, come da pronostico. Alla Toscanini, tornata a riempirsi dopo due anni, si è disputato un derby vero, giocato con grande ritmo e grande intensità.

PODISMO

Non numerosa la partecipazione alla quarantesima edizione<< Attraverso il Verde dei Vivai Pistoiesi>> dove hanno preso il via oltre 200 concorrenti fra i competitivi e partecipanti alla gara ludico motoria.La gara che era organizzata dalla Polisportiva Ramini sulla distanza di km 6 a cronometro attraversando il verde dei vivai pistoiesi interamente pianeggiante.

BASKET

Prima partita casalinga e prima vittoria per la Gema Montecatini, che festeggia il ritorno davanti al pubblico amico (Nell'occasione ingresso gratis) con un bel successo per 85-64 contro lo Spezia Basket Club. 

none_o

E' stata arricchita di documenti e foto su alcuni caduti chiesinesi e uzzanesi.

none_o

Consigli di lettura di Maria Valentina Luccioli.

Sono piccoli, sono grandi,
sono tanti;
son di questi o di .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti

Viene considerato uno degli esponenti più significativi della Scuola Pistoiese.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti

La parabola umana e artistica di Leda Rafanelli abbraccia tutto il Novecento.

cerco bilocale affitto 300 o 350 euro zona Pescia, grazie arredato. .....
cerco casa in affitto euro 300 350 al mese
 1
Sono disponibili 14 articoli in archivio:
 [1] 
AVVERTENZA: In caso di risposta a un articolo già presente nel forum, si invita i lettori ad usare il comando RISPONDI. Usando questo comando la risposta dell'utente ottiene una maggiore visibilità, perchè viene collocata automaticamente in due spazi diversi. Viene inserita infatti 1) nella prima pagina del forum in successione temporale, come tutti gli altri interventi; 2) viene inserita anche nel riquadro dei DIBATTITI IN CORSO, dove gli articoli rimangono un tempo maggiore.
Il primo lettore che risponde a un tema già presente nel forum e adopera il comando RISPONDI attiva automaticamente un dibattito. Il comando RISPONDI consente di sviluppare dibattiti su temi specifici.
Qui si discute su: La (finta) battaglia sullo ius soli

AUTORE: Giancarlo Fioretti
email: -

18/3/2021 - 10:55

Sono passati pochi giorni dall' insediamento in streaming del nuovo Segretario del PD Enrico Letta. E, come primo fatto politico della sua Segretaria, abbiamo assistito al posizionamento dello 'ius soli' al primo posto della sua agenda politica.
Ora i casi sono due: o Letta vuol passare per un condottiero senza macchia e senza paura disposto a tutto per una giusta causa, oppure Letta sta usando lo ius soli in funzione del suo disegno politico di ricompattare la Sinistra intorno al PD.
Scartata come semplicistica la prima ipotesi, resta in piedi la seconda che, purtroppo, implica la cosciente consapevolezza che lo ius soli non venga considerato come un traguardo di Civiltà, bensì come mero strumento di lotta partitica.
Letta non sarà una cima in fatto di tattica. Palmiro Togliatti, il Migliore, era ben altra cosa...
Ma restringendo il campo ai segretari del PD degli ultimi anni, il professore rientrato dalla Francia per salvare le sorti della Ditta, è senz'altro una delle menti più fini.
Letta sa benissimo che il clima politico nel Paese non consente una discussione civile riguardo allo ius soli che, ribadiamo, è un autentico principio di Civiltà. Con l' economia al collasso causa Covid , con il numero di indigenti salito a livelli del Dopoguerra, con le partite Iva annichilite dalle chiusure e dai mancati ristori, parlare adesso di ius soli significa andare incontro ad una sonora bocciatura.
E questo Letta lo sa. E bene.
Quello che appunto irrita in questa vicenda è che un provvedimento così importante, che concederebbe la cittadinanza italiana a chi nasce in Italia da genitori stranieri, venga usato per fini strumentali.
Il neo segretario PD sa bene che questo provvedimento non fa parte dell'agenda governativa, che lo stesso PD ha contribuito a stilare. Sa bene peraltro che, nel Parlamento, non esiste ad oggi una maggioranza orientata in tal senso.
Del resto, neppure il precedente governo Conte Bis, il più 'a sinistra' della storia repubblicana, è riuscito a varare questo sacrosanto disegno di legge.
Com' è quindi possibile che Letta si immagini che lo ius soli abbia, oggi, delle reali possibilità di essere approvato?
Letta sa benissimo di condurre, in nome dello ius soli, una battaglia identitaria.
Dispiace soltanto che, così facendo, questo traguardo di Civiltà si allontani sempre più anziché avvicinarsi.
Un provvedimento del genere va gettato nell'agone politico quando l' economia gira al massimo e quando nel Paese tornerà quel clima di fiducia che faccia tacitare i più riottosi.
Per giungere allo ius soli, bisogna prima metterci il Covid alle spalle, inaugurare una stagione di riforme e cogliere i frutti di un progresso economico che coinvolga ampi strati della popolazione.
Allora sì, il clima sarà propizio per questo provvedimento. Che io stesso, auspico.
----------------  RISPONDI





In risposta a: Veramente... del 25/3/2021 - 14:03
Psicologia del cavolo
AUTORE: didimo chierico
email: -

27/3/2021 - 9:53

carissimi Gabriello , avevo compilato un pezzettino in cui , probabilmente sbagliando , giudicavo tutto il tuo livore contro tutto e tutti come una problematica famigliare.

La tentazione di identificare in certi comportamenti la sindrome del bambino "maltrattato" non mi ha convinto .

Allora ho riletto i tuoi interventi per dimostrare che tutto è male e tutti rappresentano il male

Le tue tirate senza indicare soluzioni se non bastonando , abbandonando , dubitando , avrebbero potuto avere radici più vicine nel tempo .

Allora ho spostato la mia attenzione sulla figura del "famigliare" maltrattato .

Ma nemmeno questo mi ha convinto appieno .

Anche concludendo che le tue manifestazioni presuppongono una profonda frustrazione , sono ancora dubbioso .
----------------  RISPONDI





In risposta a: Vade Retro Gabriele del 24/3/2021 - 18:33
Veramente...
AUTORE: Gabriele
email: -

25/3/2021 - 14:03

In realtà mi diverte, ma solo per un po', poi diventi noioso e ripetitivo.

Ovviamente sei capace solo di gettare fango ma, non potendo poi corroborare alcunché, cambi discorso...

Sono cattivo? Forse si, e allora?

Come detto altrove, stiamo di nuovo monopolizzando il forum con i nostri battibecchi senza utile, per cui...

Cuoci nel tuo brodo.
----------------  RISPONDI





In risposta a: Ne hai ben donde... del 24/3/2021 - 13:29
Vade Retro Gabriele
AUTORE: buonista
email: -

24/3/2021 - 18:33

Certo che ti brucia vedere punto punto rinfacciarti tutte le tue cattiverie . Capisco .

Quelli come te che dicono di voler essere padroni a casa propria , da quel che e come raccontano per me non sono nemmeno padroni in famiglia e questo spiega tante cose.

Sei solo malignità e cattiveria .

Avvicinare le tue sconclusionate tesi a passati regimi totalitari sarebbe noioso

La verità è che nemmeno la Meloni porta avanti le tue tesi .

Un buon consiglio :
Vatti a studiare il Giansenismo . Dubito poi che la Grazia riuscirà a recuperarti alla socialità

PERDIMI DI VISTA
----------------  RISPONDI





In risposta a: Gabriele il dimenticone del 23/3/2021 - 17:31
Ne hai ben donde...
AUTORE: Gabriele
email: -

24/3/2021 - 13:29

Di vergognarti, ma per le tue castronerie.

Non ho intenzione di andare a caccia di farfalle per te, se fai un'affermazione corroborala, altrimenti taci.

Asociale perché non accetto estranei in casa mia? Ebbene si.

Continua così che vai forte.
----------------  RISPONDI





In risposta a: Mah...? del 22/3/2021 - 19:01
Gabriele il dimenticone
AUTORE: vincenzo
email: -

23/3/2021 - 17:31

Gabriele . per fortuna in questo blog c'è un archivio consultabile . Datti da fare .

Per lo Ius soli ?

Certo che trovo indecente che non sia stato già realizzato .

I male informati pensano che non sia in effetti se non una piccola variazione alla legislazione corrente .

Vadano a consultare la normativa attuale per il riconoscimento della cittadinanza da parte di chi nasce in Italia da genitori stranieri .

Comunque , caro Gabriele , abbiti i miei sensi di disistima per te e la categoria asociale che rappresenti .

Nel tempo hai inanellato una serie di "cattiverie" contro tutto e tutti che mi fa vergognare per te.
----------------  RISPONDI





In risposta a: Sed libera nos a Gabrielo del 22/3/2021 - 18:24
Mah...?
AUTORE: Gabriele
email: -

22/3/2021 - 19:01

Fanfan mi sembra proprio adeguato, si.

Per lo ius soli non hai risposto niente, hai cambiato argomento come tuo solito quando non hai niente di ragionevole da dire.

Inoltre ti sfido a trovare un mio intervento su pandemia, mascherine od altro di attinente, perché io non ne ricordo.

Alias, sei talmente preso a contestare tutto e tutti che non ti ricordi nemmeno di che parli o con chi.

Magari con dei farmaci...
----------------  RISPONDI





In risposta a: Strano... del 22/3/2021 - 14:00
Sed libera nos a Gabrielo
AUTORE: Fanfan la Tulipe
email: -

22/3/2021 - 18:24

Per lo Ius soli , ti hanno già risposto .

Per la pandemia e le vaccinazioni sei da ricovero . Per fortuna poi la gente non ti ascolta , altrimenti altro che centomila morti .

Nel dettaglio : ci hai rotto e sei fuori dal tempo .
----------------  RISPONDI





In risposta a: Speriamo che Gabriele evacui una volta per tutte del 22/3/2021 - 12:26
Strano...
AUTORE: Gabriele
email: -

22/3/2021 - 14:00

...Ero convinto di aver parlato di cittadinanza!

Come sempre fischi per fiaschi... Oppure vuoi darla anche al virus?

Continua così che sei forte!
----------------  RISPONDI





In risposta a: Civilissima Roma antica... del 20/3/2021 - 17:32
Speriamo che Gabriele evacui una volta per tutte
AUTORE: didimo chierico
email: -

22/3/2021 - 12:26

Ci resta solo la speranza che , una volta per tutti , i nostri compagni di viaggio non siano della tua categoria .

Certo che invoco il "DUCE" , perché in un periodo in cui abbiamo avuto 100 mila ,ci sono personaggi tipo Gabriele , che vogliono egualmente emergere perché loro sono più forti e più importanti del virus .

Io li paragono a San Jacopo col cappotto in estate . Poveretti che farebbero lo stesso pur di stare al centro . Contro è il loro credo .

Anche se da eliminare i tuoi discorsi ed atteggiamenti si potesse salvare anche un essere umano , sarebbe un grosso vantaggio .


Vergogna
----------------  RISPONDI





In risposta a: Gabriele non perde mai occasione del 19/3/2021 - 18:00
Civilissima Roma antica...
AUTORE: Gabriele
email: -

20/3/2021 - 17:32

Non avevo dubbi sul non richiesto intervento dell’onnipresente ed onnisciente Alias, il moderno occhio di Dio, che tutto vede e tutto sa…
Grazie, quando avrò bisogno di un commento strumentale, falso e, perché no, lassativo saprò a chi chiedere…

Personalmente posso fare a meno dei giudizi morali da parte di chi parla sempre di “fucilatori della RSI” mentre invoca il dittatore (pro tempore? E chi lo stabilisce il tempore se non lui?) purché non di destra ovviamente, ed accusa gli altri di essere razzisti e non democratici.
La democrazia va bene solo quando sei d’accordo tu, come sempre.
A far rispettare le ordinanze emesse dal tuo novello Soviet ci penseranno gli associati senza contraddittorio?

Monotono, arrogante ed egocentrico, convinto di essere l’unico a possedere il ben della ragione, non ti accorgi nemmeno delle castronerie che dici mentre inciti il resto dei commentatori ad “accendere il cervello”…
Forse dovresti provare davanti ad uno specchio, se non li hai già oscurati tutti con i tuoi espettorati, nei rari momenti di lucidità.

Ti ricordo che nella “civilissima” Roma esisteva anche la schiavitù e che per Il furtum manifestum, qualora il ladro fosse un libero la pena consisteva nella fustigazione, se il ladro era un servo la pena era capitale e comportava la fustigazione e la morte per caduta dalla rupe Tarpea.
Se il ladro avesse tentato di difendersi con le armi o avesse commesso il furto di notte, il derubato, invocata la testimonianza dei vicini, avrebbe potuto ucciderlo.
Prima ancora, la repressione del furtum era affidata alla vendetta del pater familias, il quale poteva uccidere o fare suo schiavo colui che lo avesse derubato.
Proprio come hai sempre predicato…

In secondo luogo affermi il falso, come sempre:
Quella di cui parli tu è la legge attuale, e mi sembra abbastanza adeguata, anche se aggiungerei un esamino per vedere se conosce almeno la lingua e le usanze civili...

Oggi infatti la legge sulla cittadinanza, introdotta nel 1992 prevede una unica modalità di acquisizione automatica, chiamata “ius sanguinis”: un bambino è italiano se almeno uno dei genitori è italiano.
Un bambino nato da genitori stranieri (di qualunque nazionalità, foss’anche norvegese), anche se partorito sul territorio italiano, può chiedere la cittadinanza solo dopo aver compiuto 18 anni e se fino a quel momento abbia risieduto in Italia “legalmente e ininterrottamente”.
Il che escluderebbe tutti i tuoi protetti, nella quasi totalità illegalmente in Italia.

lo ius soli chiede altro, ossia di allentare i cordoni ed agevolare la cittadinanza automatica, anche senza domanda, al solo fine di acquisire nuovi cittadini raccogliticci, nella speranza di guadagnarne i voti.

Quello di cui parlo io è il diritto di uno Stato sovrano di decidere a chi dare la cittadinanza ed i suoi relativi diritti (e doveri) e tu, che sei un sostenitore dei partigiani, che hanno dato la vita ed il sangue (anche se spesso non il loro…) per difendere la Patria, dovresti riuscire a capirlo.
Dovresti, se ne avessi lo strumento…

Ma tu continua pure con i tuoi interventi, quando non c’è niente in TV e non ho voglia di un buon libro leggere i tuoi commenti mi rimette di buon umore.

Ci risentiamo alle prossime elezioni… Nel frattempo, chiudi la boccuccia
----------------  RISPONDI





In risposta a: Ius soli... Cui prodest? del 19/3/2021 - 13:59
Gabriele non perde mai occasione
AUTORE: didimo chierico
email: -

19/3/2021 - 18:00

una frase del tipo :

"Perché estenderla automaticamente a chi non ha mezzi di sostentamento LEGALI? Od anche a chi ha precedenti penali?"

è il frutto di una mente in confusione se non di un razzismo vergognoso .

Si parla di riconoscimento al compimento del diciottesimo anno di chi nasce abita stabilmente e ha studiato in Italia , figlio di genitori stranieri , della cittadinanza italiana .


Per sostenere la tua tesi , parti dallo sventolare la legge attuale , non tenendo conto che chi sostiene lo ius soli , cerca di cambiarla .

Poi a sostegno della tua cattiveria ci infili il pericolo nero di salviniana memoria -
Delinquenti e assassini che verranno premiati con la cittadinanza ....
Ma dove leggi queste cose ? Forse mentre ponzi sul wc da stitico patologico ?

Gabriele , tra l'altro . in questo momento le posizioni del tuo tipo non vengono abbracciate nemmeno dalla Meloni .

Sei vergognosamente fuori tempo .
----------------  RISPONDI





In risposta a: La (finta) battaglia sullo ius soli del 18/3/2021 - 10:55
Ius soli... Cui prodest?
AUTORE: Gabriele
email: -

19/3/2021 - 13:59

Cito, dal sito del Ministero dell'Interno:
********************************
Il termine cittadinanza indica il rapporto tra un individuo e lo Stato, ed è in particolare uno status, denominato civitatis, al quale l’ordinamento giuridico ricollega la pienezza dei diritti civili e politici. In Italia il moderno concetto di cittadinanza nasce al momento della costituzione dello Stato unitario ed è attualmente disciplinata dalla legge 5 febbraio 1992, n. 91.

La cittadinanza italiana si acquista iure sanguinis, cioè se si nasce o si è adottati da cittadini italiani. Esiste una possibilità residuale di acquisto iure soli, se si nasce sul territorio italiano da genitori apolidi o se i genitori sono ignoti o non possono trasmettere la propria cittadinanza al figlio secondo la legge dello Stato di provenienza.

La cittadinanza può essere richiesta anche dagli stranieri che risiedono in Italia da almeno dieci anni e sono in possesso di determinati requisiti. In particolare il richiedente deve dimostrare di avere redditi sufficienti al sostentamento, di non avere precedenti penali, di non essere in possesso di motivi ostativi per la sicurezza della Repubblica.

Si può diventare cittadini italiani anche per matrimonio. La 'cittadinanza per matrimonio' è riconosciuta dal prefetto della provincia di residenza del richiedente.
****************************

Non si capisce quindi a che pro parlare di Ius Soli, dal momento che chiunque, IN POSSESSO DEI REQUISITI DI LEGGE, ha diritto già adesso ad acquisirla...
Perché estenderla automaticamente a chi non ha mezzi di sostentamento LEGALI? Od anche a chi ha precedenti penali?

A chi può giovare se non ai delinquenti ed a chi li sostiene ed incoraggia a venire in Italia, magari con cane o gatto al seguito, anch'essi sfuggiti a terribili persecuzioni immagino...
----------------  RISPONDI





In risposta a: La (finta) battaglia sullo ius soli del 18/3/2021 - 10:55
Diritto di cittadinanza
AUTORE: didimo chierico
email: -

18/3/2021 - 14:19

Viene allora da domandarsi , con quale argomento il PD può ritrovare una identità che non è mai stata univoca dal fallimento del matrimonio con i boy scout .

Siamo al "dicci qualcosa di sinistra"

Forse è da troppo tempo che non sentiamo niente del genere ed una bandiera ci vuole .

La tragedia sia del governo come del pd in questo momento è il falso consenso plebicitario sia dei parlamentari per il primo , come dei compagni per il secondo .
----------------  RISPONDI





Sono disponibili 14 articoli in archivio:
 [1]