Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 00:08 - 18/8/2022
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Penso proprio di essere fascista !

Infatti oltre che pensare intimamente e graniticamente di possedere la verità assoluta, ho una profonda disistima di chi si affanna a discutere con me , cercando .....
PODISMO

Sabato 20 agosto in occasione della 43^ edizione della <<Marcia del Padule di Fucecchio>> gli amici del gruppo podistico Ponte Buggianese, vogliono  ricordare il loro  presidente e factotum Tullio Cardelli organizzando un gara e a carattere ludico motorio sulle distanze di km 2,500-6-10.

CICLISMO

L’associazione dilettantistica ciclistica Borgo a Buggiano, affiliata alla Federazione ciclistica italiana, organizza per il 18 agosto la gara ciclistica “Coppa Pietro Linari”.

IPPICA

Con il Ferragosto guastato dal maltempo, e la conseguente sospensione di metà riunione di corse, all’Ippodromo Snai Sesana di Montecatini Terme si è tornati in pista nella serata di martedì.

BASKET

Mtvb Herons comunica di avere tesserato, con la formula del prestito, Matteo Lorenzi, ala-guardia del 2004, 194 cm, proveniente dalla Cestistica Audace Pescia.

BASKET

Coach Barsotti è pronto a plasmare il nuovo gruppo a sua immagine e somiglianza, come sempre. Nel suo staff, a fianco del confermato Gabriele Carlotti, è stato inserito Filippo Barra mentre il preparatore atletico sarà Matteo Finizzola.

CALCIO

E' previsto per il pomeriggio di giovedì 18 agosto alle ore 17:30 il ritrovo della Larcianese per il periodo di preparazione alla stagione sportiva 2022/2023. Ricordiamo che la società viola è stata inserita nel girone "A" del Campionato di Promozione, che inizierà domenica 25 settembre.

PODISMO

Dobbiamo chiamare il ‘’re della montagna’’ il pistoiese Massimo Mei, portacolori della società bianco verde dell’Atletica Castello Firenze che si aggiudica la dodicesima edizione della <<Corsa in montagna a Frassignoni>> che si è svolta nella località di Frassignoni, frazione del comune di Sambuca Pistoiese.

IPPICA

All’Ippodromo Snai Sesana trotto di Montecatini Terme è tutto pronto per la serata di Ferragosto e per la 70a edizione del 'Gran Premio Città di Montecatini'.

none_o

Premio di poesia Maria Maddalena Morelli "Corilla Olimpica" - Città di Pistoia, giunto alla sua V Edizione.

none_o

Al via una mostra inedita di opere tratte dal taccuino di un villeggiante inglese.

Per te, che sei per me una fiammella,
che generasti il figlio .....
IL MONDO IN TAVOLA
di Sissy Raffaelli

La ricetta dei carciofi spettinati

ZODIACO
di Sissy Raffaelli

Oroscopo di agosto

E'stato scritto e pubblicato un libro sulla presenza del grande .....
cerco bilocale affitto 300 o 350 euro zona Pescia, grazie arredato. .....
none_o
L'orrrore della guerra in Bosnia, a pochi km dall'Europa unita

30/11/2021 - 15:40

Nel 1992 Jovanotti cantava allegramente  (e noi con lui) "Estate 1992, anno dell'Europa unita delle tue delle mie vacanze..." e, mentre in spiaggia era tutto un susseguirsi di abbronzature, costumi all'ultimo grido, storie d'amore e canzoni e sulla carta Rimini veniva istituita come provincia distaccandosi da Forlì-Cesena, al di là della sua costa la capitale bosniaca subiva l'inizio di quello che sarebbe stato il più lungo assedio nella storia bellica della fine del XX secolo.

 

L'assedio di Sarajevo fu il più catastrofico della storia della città con oltre dodicimila morti e cinquantamila feriti. E' in questi giorni di bombardamenti con la gente che corre sotto il tiro dei cecchini appostati ovunque, alla ricerca di un sole che sembra non saper tornare, che è ambientata una parte di un romanzo doloroso, emblematico come una parabola, nel quale l'assedio di Sarajevo diventa quello di ogni personaggio comune che lo popola.

 

"Venuto al mondo" di Margaret Mazzantini tocca le corde delicate dell'animo umano con un linguaggio carico di metafore, con una forza e una determinazione agghiaccianti e con uno stile schietto e poetico. Un libro pieno zeppo di sentimenti che racconta la storia di Gemma, una donna che cerca disperatamente la maternità, la perde, la ritrova, la mercanteggia, mentre intorno a lei la guerra uccide ma anche genera.Vi travolgerà l'amore puro del "fotografo delle pozzanghere", la tenerezza del padre di Gemma, la forza di Gojco, la rabbia e la determinazione di Aska, ma soprattutto vi travolgeranno le parole, i colori, i profumi, le sensazioni, dei quali non sarete mai sufficientemente sazi.

 

Non vi posso raccontare questo libro, avete il dovere di leggerlo. Per tutte le donne - tra le 20 e le 50 mila - violentate nell'indifferenza, per tutte le vittime innocenti morte nei campi di concentramento per musulmani, ricordiamoci che dal 1992 al 1996 (non cento anni fa), si è celebrato il più vile degli orrori proprio mentre noi ci lamentavamo per il caldo con Jovanotti che cantava "ma che caldo fa in questa città".

 

A sabato con i consigli di lettura di Ilaria; il nostro prossimo appuntamento tra le pagine vi aspetta puntuale martedì prossimo.

 

di Maria Valentina Luccioli

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




2/12/2021 - 16:07

AUTORE:
ILA

Un libro commovente che affronta temi molto delicati e difficili da raccontare con una delicatezza infinita, esattamente come la tua recensione Valentina; cogli sempre l'essenza di ogni libro.

1/12/2021 - 10:38

AUTORE:
Valentina

Un periodo storico impossibile da dimenticare per gli orrori e l'atrocità commesse.
Un massacro, una violenza inaudita.
Un romanzo crudo e struggente dal fortissimo impatto emotivo.
Un libro travolgente che tutti abbiamo il dovere di leggere!
Una recensione toccante e bellissima. Parole dalla potenza indescrivibile che mi sono arrivate dritte al cuore.
E' eccezionale come tu Valentina, riesca attraverso la scrittura, a trasmettere con trasparenza le tue emozioni e farcene dono.
Un grazie grandissimo!

1/12/2021 - 4:28

AUTORE:
Lettrice contenta

Mi ricordo le immagini che passavano i tg di una Sarajevo devastata dalla guerra, ma come hai scritto tu, Valentina, ci preoccupavamo per problemi inesistenti e superficiali. Bisognerebbe sempre guardare ed aiutare chi è davvero in difficoltà, a chi la vita ha tolto tutto ma va avanti anche in mezzo alle tragedie, proprio come durante questa guerra. In tutto questo orrore, oltre a tutte le persone barbaramente uccise,ciò che mi colpisce al cuore è la violenza bestiale subita da tante, tantissime donne. Quelle donne, quelle che sono sopravvissute, vivranno per sempre con ferite nell'anima, "uccise dentro", umiliate e devastate nel cuore. E quegli occhi si chiudevano mentre subivano il più infame dei delitti: la privazione dell'essere donna, della propria dignità, del rispetto. Mi piace però pensare che nel libro c'è posto anche per l'amore infinito e la speranza di un futuro migliore.
Valentina... mi sento di scriverti che ogni singola parola del tuo articolo fa riflettere molto su questa bruttissima pagina della nostra storia più recente. Una recensione che mi ha fatto trattenere il fiato mentre l'ho letta e mi ha trasmesso le voci di quella grande sofferenza umana. La tua grande potenza delle parole, riesce a far entrare letteralmente il lettore dentro al libro prima ancora di averlo letto. Riesci con tanta maestria e bravura a far diventare dolce e delicato anche un libro forte e di grande impatto emotivo come questo. Brava. Davvero bravissima per ciò che trasmetti. Grazie di cuore, Valentina.

30/11/2021 - 18:50

AUTORE:
Stefano Cannistrà

"Da questa collina gli sniper sparavano, giocavano con le loro vittime, colpivano una mano, un piede... Alcuni miravano ai testicoli, a una tetta, avevano tutto il tempo di uccidere, così prima si divertivano un po'. Per me era come sparare sui conigli, disse uno di loro in un'intervista. Non si sentiva colpevole, non capiva nemmeno perché ci fosse tutto quell'interesse intorno a lui, non era pazzo o sadico o altro. Aveva semplicemente perso il senso della vita. La pietà muore insieme al primo che uccidi. Era morto anche lui, per questo sorrideva. "
Ho preso in prestito questa frase tratta dal libro, per incorniciare la toccante descrizione di Valentina con lo stile diretto, pungente, a volte freddo come una lama, della Mazzantini, nel descrivere una storia di guerra e di pace. Ma sullo sfondo di una tragedia oltraggiosa, il lettore si perderà in momenti di emozionante poesia grazie al talento di questa grande scrittrice nel rendere potente il senso estremo della morte... e della vita che viene al mondo.