Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 12:10 - 20/10/2021
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Partiamo dalla rivista La difesa della razza nata a seguito delle leggi sulla difesa della razza del 1938.
Il fondatore e direttore era l ideologo Telesio Interlandi.

Giorgio Almirante , delfino .....
JU JITSU

Lo scorso  16 ottobre al Palatorrino di Roma si sono svolti i campionati italiani di Brazilian Ju Jitsu della Federazione Italiana Grappling Mixed Martial Arts, dove  ha partecipato l'iscritto al Sap Manuel Loiacono, 24enne.

HOCKEY

Fine settimana vincente per la società pistoiese.

BASKET

Ha dovuto rimontare almeno due volte la Gema, ma lo ha fatto nel momento clou della partita vinta a Pontassieve 68-75 con un allungo nell’ultima frazione da 26 punti segnati e appena 16 subiti.  

BASKET

Torna il Campionato a Monsummano ed è debutto casalingo per la Gioielleria Mancini che affronta il Basket Calcinaia per l’incontro valevole per la seconda giornata di campionato.

BASKET

Dopo la sconfitta patita nel derby contro San Giovanni Valdarno nel primo turno di campionato, la Nico Basket, targata Giorgio Tesi Group, porta a casa due punti importanti contro un’altra formazione solida e quotata come Umbertide.

PUGILATO

Il borghiggiano miguel bachi nella serata di ieri sera a Firenze a disputato un match molto duro dopo sette mesi di inattività.Si trova affrontare il pugile della sempre avanti Firenze drillon thaci con molta più esperienza, match parte subito acceso da entrambi gli angoli con ritmo elevato!

RALLY

L’ufficialità è arrivata dopo il Rally Città di Pistoia, ultima manche a calendario.

CALCIO A 5

Due serate all’insegna del divertimento e della passione calcistica. Sono questi gli ingredienti che hanno caratterizzato le due serate della 2° edizione del “Trofeo delle associazioni”.

none_o

Consigli di lettura di Maria Valentina Luccioli.

none_o

Le opere della giovane pittrice pesciatina Bartò prendono la volta della Spagna.

Erano pochi, erano violenti,
gridavano “boia chi molla”, .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti

Viene considerato uno degli esponenti più significativi della Scuola Pistoiese.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti

La parabola umana e artistica di Leda Rafanelli abbraccia tutto il Novecento.

cerco bilocale affitto 300 o 350 euro zona Pescia, grazie arredato. .....
cerco casa in affitto euro 300 350 al mese
PROVINCIA
Green Pass, Corrieri (Confartigianato): "A rischio la produzione delle aziende artigiane del territorio"

14/10/2021 - 17:32

Confartigianato Imprese Pistoia rileva che con l’entrata in vigore del Green Pass sia a rischio la produzione delle aziende pistoiesi.

 

"Siamo stati e lo siamo tutt’ora - afferma Alessandro Corrieri, presidente di Confartigianato Pistoia - consapevoli che il ritorno alla normalità passa da una vaccinazione diffusa, come fin dagli albori della pandemia hanno affermato le autorità sanitarie e che condividiamo.


Premesso questo, come associazione di riferimento delle aziende artigiane pistoiesi, non possiamo sottacere le gravi difficoltà che l’entrata in vigore del Green pass comporta a tutto il mondo produttivo che rappresentiamo.


Stiamo ricevendo segnalazioni da diverse aziende – prosegue Corrieri - di dipendenti non vaccinati che non riescono a prenotare ed effettuare il tampone necessario all’ottenimento del Green pass.


Abbiamo segnalato tali difficoltà alla prefettura di Pistoia nonché ad altri soggetti pubblici al fine di individuare una soluzione a questo problema, considerato che le farmacie e i centri specializzati sono oberati anche per i tamponi di controllo da Covid19.


L’ordine dei farmacisti della Toscana, ci risulta non abbia la possibilità di incrementare la propria offerta perché già al massimo della potenzialità; abbiamo suggerito come Confartigianato un prolungamento degli orari di apertura sia feriali che festivi, ma al momento non abbiamo avuto riscontri positivi in merito.

I media riportano che i lavoratori non vaccinati sono oltre 5milioni. Siamo fortemente preoccupati – conclude Alessandro Corrieri – per questa situazione; un timore che “sembra non essere stato adeguatamente valutato dalle autorità.

 

Le ripercussioni negative - sia da un punto di vista produttivo, sia da quello sociale, a seguito dell’entrata in vigore del Green Pass - che potrebbero verificarsi sono quelle di un forte rallentamento della produzione, che in un momento di ripresa economica come l’attuale, non è affatto auspicabile". 

Fonte: Confartigianato
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




18/10/2021 - 23:08

AUTORE:
MASSIMO 2

Sono d'accordo con tutti i commenti sull'articolo : salvo con l'articolo stesso e quello del Bassetti.
Eli ha centrato il problema !
Spero che questa gentaglia non si debba pentire, troppo tardi, l'errore che stanno facendo !

18/10/2021 - 12:58

AUTORE:
Eli

...I ricatti li stanno facendo, chi in questi mesi, di emergenza sanitaria, non si sono voluti fare il vaccino!
...Per ignoranza?, per menefreghismo?, per paura?...sinceramente non mi interessa!
Quello che invece mi interessa, è che la maggior parte dei cittadini italiani se lo è fatto, e stando così le cose ne hanno beneficiato tutti.
E infatti i risultati si vedono!

Non è forse per questo motivo che hanno riaperto i Cinema, i Teatri e le Discoteche?
Problemi per le ditte e a rischio la produzione?...Ma fatemi il piacere!
Se tutti si fossero vaccinati quando lo dovevano fare, a parte naturalmente le persone fragili, non
ci sarebbe stato nessun problema.
...E non venitemi a parlare di libertà!...Martin Luther King disse:
"la mia libertà si ferma dove comincia la vostra"!, ma per certe persone non sembra essere così, vero???

18/10/2021 - 11:47

AUTORE:
bibi

Leggo un intervento che indica la soluzione molto simile a quella che il ,Biondo inglese ha realizzato nella perfida Albione (UK per chi ignora la storia).

In proiezione annuale si tratta di circa 60 Milà morti e ricoveri e sofferenze.oltre i costi di chi si ammala e di chi magari sarà vittima di postumi della malattia.

Ed allora, aboliamo il green pass e ignoriamo tutto e tiriamo diritto.

Uno disse tanto tempo fa rispetto alla libertà ....

Non sono d' accordo ma darei la vita per garantire la tua libertà.

Ma se la libertà mette in pericolo la società , un altro disse che arbitrio e libertà non sono la stessa cosa.

Erano filosofi dei secoli passati che già avevano chiaro ciò che oggi sfugge .

Anche da noi che tutto sembra risolto, con la somma che fa il totale , la nostra proiezione di mortalità per anno, si avvicina a 20 km di bare per covid.

Toccherà sempre agli altri ?

18/10/2021 - 11:46

AUTORE:
Gabriele

Dai riapriamo tutto, tanto un ce n'é covidde!

Guarda nel Regno Unito come stanno bene, dopo aver abolito tutte le restrizioni!

18/10/2021 - 10:44

AUTORE:
bibi

Se in pandemia (consultare qualsiasi dizionario) mettiamo avanti l economia alla salute, siamo di fronte al dubbio di Taranto .
Continuare a lavorare e morire di cancro oppure morire di fame ?

Sembra la stessa cosa ma non è così.

La soluzione di Taranto , solo il nostro venditore di bibite itinerante nello stadio ed ora importante ministro si affaccio al baconcino annunciando ...risolto...
Per la vaccinazione per tutti si tratta di una serie di motivazioni che comunque tutte nuocciono all economia.

Mi domando alla fine se la vaccinazione sia percepita da chi la rifiuta, come una forma di slealtà .

Perché in fabbrica chi è vaccinato
Se difende la salute sua e degli altri. debba lavorare gomito a gomito con chi non offre altrettanto sia giusto ?

Penso che in questo momento , per molti , valga il fascistissimo ME NE FREGO.

E questo mi sembra troppo

17/10/2021 - 0:47

AUTORE:
Bassetti

Le parole di Corrieri dovrebbero servire per spingere per fare pressioni verso il governo affinché la tessera verde venga abolita come stanno facendo altri paesi europei. È stato un errore introdurla per il lavoro.
50 anni fa gli italiani avrebbero ribaltato il parlamento.
Oggi chi dovrebbe stare al fianco di imprese e lavoratori gli marcia contro.
Corrieri fatti sentire, basta ricatti.