Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 06:10 - 16/10/2021
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Partiamo dalla rivista La difesa della razza nata a seguito delle leggi sulla difesa della razza del 1938.
Il fondatore e direttore era l ideologo Telesio Interlandi.

Giorgio Almirante , delfino .....
RALLY

L’ufficialità è arrivata dopo il Rally Città di Pistoia, ultima manche a calendario.

CALCIO A 5

Due serate all’insegna del divertimento e della passione calcistica. Sono questi gli ingredienti che hanno caratterizzato le due serate della 2° edizione del “Trofeo delle associazioni”.

HOCKEY

Sarà un weekend con molte gare all'Hockey Stadium Andrea Bruschi di Montagnana, un ottimo motivo per vedere e conoscere l'hockey su prato.

CALCIO A 5

L’Atletico Pistoia Calcio a 5 saluta la Coppa Toscana di Serie C2 dopo i due match disputati nel triangolare del primo turno della competizione.

HOCKEY

Arancioni vincenti a Cernusco sul Naviglio in una gara tiratissima dove i lombardi, matricola del torneo, hanno cercato in tutti i modi la vittoria cedendo nel finale gara.

BASKET

Una partita bellissima, come da pronostico. Alla Toscanini, tornata a riempirsi dopo due anni, si è disputato un derby vero, giocato con grande ritmo e grande intensità.

PODISMO

Non numerosa la partecipazione alla quarantesima edizione<< Attraverso il Verde dei Vivai Pistoiesi>> dove hanno preso il via oltre 200 concorrenti fra i competitivi e partecipanti alla gara ludico motoria.La gara che era organizzata dalla Polisportiva Ramini sulla distanza di km 6 a cronometro attraversando il verde dei vivai pistoiesi interamente pianeggiante.

BASKET

Prima partita casalinga e prima vittoria per la Gema Montecatini, che festeggia il ritorno davanti al pubblico amico (Nell'occasione ingresso gratis) con un bel successo per 85-64 contro lo Spezia Basket Club. 

none_o

E' stata arricchita di documenti e foto su alcuni caduti chiesinesi e uzzanesi.

none_o

Consigli di lettura di Maria Valentina Luccioli.

Sono piccoli, sono grandi,
sono tanti;
son di questi o di .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti

Viene considerato uno degli esponenti più significativi della Scuola Pistoiese.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti

La parabola umana e artistica di Leda Rafanelli abbraccia tutto il Novecento.

cerco bilocale affitto 300 o 350 euro zona Pescia, grazie arredato. .....
cerco casa in affitto euro 300 350 al mese
PIEVE A NIEVOLE
Lupori (Centro Destra per Pieve): "Inferno quotidiano in auto a causa dei lavori al raddoppio ferroviario"

23/8/2021 - 8:47

Lupori (Centro Destra per Pieve) scrive: "Chiediamo quindi se la Polizia Municipale del Comune di Pieve a Nievole sia al corrente dei forti disagi alla viabilità in Via Roma per i lavori del raddoppio ferroviario, disagi ormai purtroppo leit motiv di ordinaria follia di quest’importante arteria stradale.


I veicoli sono letteralmente intrappolati in quel girone infernale che è diventata Via Roma.
Di qui l’esasperazione di chi si trova a percorrere quel tratto della Strada Regionale 436 Francesca.
In ambo le direzioni la situazione del traffico è irragionevole e anche eventuali mezzi di soccorso che dovessero passare da Via Roma non potrebbero che rimanere imbottigliati nel traffico, con tutte le immaginabili ripercussioni, tra cui ovviamente eventuali pazienti a rischio della propria vita.


A questo si aggiungono anche diversi episodi in cui purtroppo più di un veicolo non rispetta le prescrizioni semaforiche.
All’altezza della strada che costeggia il parcheggio lungo le verghe (dietro il Ristorante Pizzeria Capri, n.d.r.) qualche veicolo vuole svoltare sulla SR 436 ma nel punto di confluenza ci sono in fila sia le macchine sulla SR 436 sia quelle che da questa traversa devono immettersi sulla SR 436.
Ed è caos totale nel traffico impazzito di chi cerca vie di fuga improbabili…


I cartelli segnaletici presenti a nostro modestissimo avviso segnalano le possibili alternative non nel modo consono per cui tanti automobilisti di fatto capiscono la gravità della situazione soltanto una volta intrappolati nell’ingorgo, quando non rimane loro altra scelta che quella di aspettare pazientemente.
Perché sul posto non si vedono mai gli agenti della Polizia Municipale ?
La rabbia che serpeggia tra i forzati delle code è altissima. Sui social networks i cittadini pubblicano posts che dimostrano che a Pieve a Nievole si è sull’orlo di una crisi di nervi collettiva.


Da tempo questa grave situazione sta paralizzando la nostra comunità, pendolari, famiglie ed operatori economici senza alternativa alcuna.
Perché non si è approfittato del lockdown per fare questi lavori ?
Perché le Autorità dei massimi sistemi a suo tempo non hanno pianificato adeguatamente facendo sì che inevitabilmente la situazione sarebbe diventata ingestibile ?
Perché l’Amministrazione Comunale è sorda alle richieste dei cittadini di essere ascoltati ?


C’è chi di fronte alle difficoltà agisce in modo reattivo, chi cerca una strategia da applicare, chi cerca una mediazione e chi si nasconde evitando di accettare le proprie responsabilità. Tanti modi di reagire ognuno dei quali produce conseguenze che possono ripercuotersi sugli altri oltre che su se stessi. A volte chi si nasconde è proprio chi invece dovrebbe dirigere l’azione: il risultato? Un disastro.
Nell’immaginario collettivo si comporta come lo struzzo quella persona che fa finta di non vedere le difficoltà per cercare di evitarle e per non assumersi così le proprie responsabilità.
“Fanno lo struzzo” persone che sono tendenzialmente accondiscendenti, che faticano a vedere i difetti degli altri o la pericolosità di certe situazioni e di certe relazioni. Questo può derivare da un carattere particolarmente malleabile, poco incline al confronto, debole di fronte alle scelte; un carattere che ha grandi insicurezze e che ha la necessità costante di creare consenso unanime intorno a sé.


Altre volte, invece, “facciamo gli struzzi” perché c’è un fermo rifiuto di tutto ciò che è legato al senso di responsabilità personale e sociale, una sorta di scantonamento da ogni impegno e implicazione che può derivare. Il risultato è un continuo rimpallo di responsabilità, di azioni, di decisioni.
In entrambi i casi è certo che il comportamento dello struzzo non aiuta anche se può sembrare la soluzione migliore di fronte ad un clima d’ incertezza e instabilità. Cosa accade nella mente di chi “fa lo struzzo”? Cosa spinge le persone a comportarsi in questo modo? Quali sono le conseguenze di questo modo di agire?
Il primo pensiero è che i problemi vadano evitati. In questa logica il nostro “struzzo” cerca consensi tra chi lo circonda. La prima fase prevede un attento vaglio di chi lo potrebbe sostenere e come. La modalità è spesso quella di un vittimistico compiacimento nel quale si cerca di “smorzare gli animi” o sminuire la grandezza o gravità del problema. Atteggiamento che potrebbe rivelarsi vincente soprattutto se aprisse a un confronto che però, nel nostro caso, spesso è assente o, addirittura, evitato opportunamente.


In questa fase si cerca di colpevolizzare le situazioni creando un senso di fatalità: è come se i problemi crollassero addosso al “povero struzzo”e non fossero una logica conseguenza di comportamenti poco illuminati.
Il nostro “struzzo” è al centro di questo vortice e anziché promuovere e sostenere azioni proattive evita di parlarne, non vuole sentire le ragioni del malessere diffuso o, se investito di autorità, sospende ogni giudizio e defenestra la persona che solleva il problema.
Nella sua logica pensa che questo sia il comportamento più appropriato, ma la rimozione spesso porta alla luce malcontenti più profondi che sono stati precedentemente rimandati e che alla fine fomentano ulteriormente le situazioni. Nel gestire il consenso e nel non agire per paura di perderlo o non ottenerlo lo “struzzo” perde di credibilità. Di solito reagisce in modo energico, ma autoritario, allontanandosi così dalla persuasione propositiva tipica dei leader.


A poco serve la determinazione in questo contesto, ormai il danno è tale che la impopolarità raggiunta diventa evidente e sfocia in disistima, abbandono totale del campo o della persona,  comportamenti di repulsione aperti e ulteriori conflitti molto difficili da superare.
La fase successiva lo vede impegnato nel tentare di scansare l’ammutinamento in corso.


Qui il nostro “struzzo” adotta una nuova strategia dimostrandosi apparentemente aperto al dialogo, e incolpando agli altri interlocutori di non voler affrontare i dissidi e le incomprensioni.
Di solito è pura apparenza; basta esaminare come gli atteggiamenti corporei siano tutti ad indicare una lontananza totale dall’ascolto attivo e proattivo e dimostrino invece passività mista a vittimismo e mancanza assoluta dell’accoglimento delle proprie responsabilità.

La colpa è dunque sempre dell’altro che non vuole capire, che non si dimostra aperto, che ha pregiudizio: peccato che il nostro “struzzo” adduca ad altri colpe che sono principalmente sue e in una sorta di “reflecting” rigiri abilmente il problema su chi gli sta di fronte.
L’ultima fase è la più terribile: la resa dei conti.
In qualsiasi struttura, sia essa semplice o complessa, dobbiamo sempre rispondere delle nostre azioni. L’evitare i problemi porta soltanto alla diffusione del malcontento e di una continua “mormorazione” che diventa devastante.


Il vero intento dello “struzzo” è tenere tutto sotto controllo: azione tipica di chi è altamente insicuro e non vuole lasciare spazi di libertà personale a nessuno.
Tutti ben sappiamo che è impossibile realizzare un tale piano se non attraverso fiducia, responsabilità personali molto alte, senso della condivisione e spirito di iniziativa collaborativo e aperto, qualità delle quali lo “struzzo” difetta ampiamente. Il suo pensiero che affonda le radici nella logica comune è che è più facile “spegnere” gli incendi dolosi sul nascere anziché affrontare le motivazioni del “piromane”.
Come evitare l’atteggiamento dello struzzo e, soprattutto quali strategie adottare?

Imparare ad accettare le sfide anche se difficili come delle opportunità di crescita

Condividere i successi ed anche gli errori con semplicità e spirito di condivisione

Evitare di accentrare o di delegare troppo e solo ad alcuni

Ascoltare in modo attivo, senza pregiudizi o timori

Vivere le proprie responsabilità come una prospettiva di crescita comune e non come un peso

Non avere timore delle differenze di opinioni, vederle come momenti per imparare

Continuare a cercare il consenso per la crescita comune e non per il successo personale (che ne è invece una logica conseguenza)

Chiedere aiuto apertamente e non temere le critiche: meglio sembrare indecisi nel chiedere che dimostrare di esserlo nel non fare niente

Ricordarsi sempre che ognuno di noi è chiamato a compiere “miracoli” attraverso le nostre piccole azioni: non agire o evitare di farlo è un torto a se stessi.

Per il bene di tutti, chi ha orecchie per intendere, intenda !"

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




23/8/2021 - 10:09

AUTORE:
Pievarino

Alla Pieve le soluzioni hai vari problemi di viabilità se le chiedessero ai bambini dell'asilo forse sarebbe meglio.
Il sindaco ha pubblicato su facebook che il divieto di svolta a sinistra al semaforo di via Roma ( per chi viene da Montecatini in direzione Monsummano) è momentaneamente sospeso, quando l'ha pubblicato il 22/08/2021 quando è più di una settimana che hanno messo le transenne nella vecchia via Roma per non parlare del fatto che il semaforo è lampeggiante ed entrare nella via è anche pericoloso.
Per andare in via Nova da sopra verga non basta neanche il navigatore, la cosa più veloce forse è passare dal Balducci ma per chi da via Nova vuole andare sopra verga non ci sono tante opzioni, Balducci, via Fonda e Colonna almeno che non vogliamo girare a sinistra dopo il Balducci anche se c'è il senso vietato, hanno cambiato la viabilità intorno alla stadio, tutto per aggiungere 2 fermate dell'autobus, con l'apertura della scuola vedrete che file tra la misericordia e l'incrocio del Minnetti, per non parlare di tutti quelli che gireranno verso Pistoia all'incrocio in fondo a via Cosimini (senso vietato), dal 4 settembre tornano i treni e considerando che i problemi ci sono già ora per chi lavora o porta i figli a scuola ecc è bene che considerano i 15 minuti in più di traffico, neanche fossimo a Roma e le cose possono solo peggiorare e alla fine anche per il raddoppio o per le nuove viabilità intorno alla stadio succederà come per il semaforo alla colonna spesi un monte di soldi per poi capire dopo 3 giorni che forse era meglio lasciare tutto come era.

Ps. tra 2 anni si Vota ma alla Pieve non cambia nulla