Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 16:04 - 17/4/2021
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Ho finito le energie e mi sto veramente sdando .

Il sindaco è il vostro . E' stato eletto regolarmente .
Chi ha vinto ha vinto e chi ha perso ha perso . Salvo incidenti particolari , se ne riparla .....
BASKET

Dopo l’amara trasferta di Cagliari, c’è grande desiderio di rivincita in casa Nico Basket, targata Giorgio Tesi Group, che nel fine settimana incontrerà un’altra formazione affamata di punti determinanti in chiave salvezza.

HOCKEY

Sarà una partita di vertice tra sardi e toscani che attualmente occupano il primo e secondo posto nel girone, una gara difficile per gli arancioni che troveranno un Cus Cagliari in piena forma dopo aver strapazzato Brescia in trasferta e motivatissimo a tenersi la prima posizione.

RALLY

L’Automobile Club Pistoia torna a proporre l’iniziativa, dedicata ai propri licenziati sportivi, del campionato provinciale Aci Pistoia – “Memorial Roberto Misseri”, riservato ai soci titolari di licenza Aci Sport.

CICLISMO

La Vini Zabu' ha annunciato ufficialmente la sua rinuncia alla partecipazione al prossimo Giro d'Italia.

CALCIO

Il 13 aprile scorso Romolo Tuci ha spento 90 candeline. Per i più giovani, questo nome dal sapore arcaico forse non significa nulla. I più attempati, invece, lo ricordano con affetto, magari col soprannome di ‘Cagnolo’.

RALLY

Nuovo impegno per Pavel group, nel fine settimana che sta arrivando, al 54° Rallye Elba, prima prova del Campionato Italiano Wrc.

HOCKEY

Prosegue il buon cammino in serie A2 dell‘Hockey Club Pistoia che conquista un punto al Lamacchi –Tosoni di Villafranca ma torna in Toscana con qualche recriminazione.

CICLISMO

La Fattoria il Poggio entra nel mondo del ciclismo che conta, e lo fa stringendo un accordo di partnership con Amore e vita.

none_o

Consigli di lettura di Valentina.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libraria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro candidato al Premio Strega.

Palle ferme e nervi saldi
o si diventa tutti matti,
e alla .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti

La parabola umana e artistica di Leda Rafanelli abbraccia tutto il Novecento.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giulio Cozzani

Storia e curiosità del comune di Buggiano.

Vendo terreno edificabile Massa e Cozzile grande circa 10 000m2 .....
SCUOLA di BALLO e DANZA ACCADEMICA MARGINE COPERTA

asd " ENERGY .....
PROVINCIA
Sei gradi sotto zero, vitigni bruciati dal gelo: persa oltre la metà della produzione di uva nel pistoiese

8/4/2021 - 13:09

L’uva sangiovese in particolare, ma pure gli altri vitigni sono stati gelati dalle temperature sottozero che hanno caratterizzato le ore notturne nella campagna pistoiese. “Non è ancora finita, perché anche la prossima nottata potrebbe gelare. Già da una prima ricognizione si prevede un calo della produzione in percentuali ben oltre il 50% - spiega Coldiretti Pistoia -, con punte del 90% per quanto riguarda i vitigni di sangiovese, che erano già germogliati”. 
 
I danni, rilevantissimi, riguardano tutte le zone della provincia. Dalle colline pistoiesi, a quelle del Montabano (versante Quarrata e versante Larciano-Lamporecchio) si snoccialono dati e considerazioni preoccupanti, raccolte dai tecnici Coldiretti tra i produttori: una gelata mai vista qui a Pistoia, con la colonnina che in piena notte segnava 6 gradi sottozero.
 
“Per i viticoltori si tratta una perdita ‘consolidata’ – spiega Coldiretti Pistoia -. Anche se le viti colpite dovessero germogliare di nuovo non si avrebbe produzione di grappoli e quindi di vino. Un danno ingente che si aggiunge all’incertezza del settore dovuta alla chiusura di ristoranti, agriturismi e altri canali di somministrazione”.
 
La gelata ha danneggiato alberi da frutto e pure le piante ornamentali, ma l’entità delle perdite o comunque dei maggior costi da sostenere per rendere vendibili photinie, evonimi e allori si vedranno tra qualche giorno. Come previsto, purtroppo il gelo ha ‘bruciato’ le piante da orto anche quelle sotto serra.


“Le piante di pomodori e zucchini trapiantate da settimane si sono ‘afflosciate’ – spiega Coldiretti - e solo nei prossimi giorni si conoscerà la percentuale di quelle che si riprenderanno. A una primissima stima il 50% delle piante di pomodoro andranno perse, anche nel caso di quelle che erano in serra non riscaldata”.
 
“Valuteremo nei prossimi giorni l’entità dei danni subiti e le possibili azioni per sostenere i produttori agricoli. Certamente – spiega Coldiretti Pistoia - la primavera già problematica per l’emergenza covid, è iniziata in salita, soprattutto per i produttori di vino”.

 

Produzioni ortofrutticole completamente perse in provincia di Firenze e Pistoia a causa della gelata dell’ultima notte, con temperature fino a meno 5 gradi sotto lo zero. Gravi danni inoltre nei vigneti nelle colline fiorentine e pratesi, considerato che le viti sono in fase di germogliazione.

 

A sottolinearlo è anche la Cia Toscana Centro, che si fa portavoce dei danni subiti dalle proprie aziende, e chiede che venga riconosciuto lo stato di calamità con ristori immediati per le aziende.

 

Colpiti frutteti e ortaggi nella zona empolese, da Vinci a Certaldo e Cerreto Guidi, fino alla Piana fiorentina: distrutte coltivazioni di fragole, ‘bruciati’ dal gelo baccelli, piselli, carciofi e asparagi.  Vigneti in provincia di Firenze, Prato e Pistoia nella zona di Lamporecchio e Larciano.

 

«La situazione – commenta Sandro Orlandini, presidente Cia Toscana Centro – è molto difficile in tutta la provincia di Firenze, sia per quanto riguarda i vigneti, ma anche per frutteti ed ortaggi, proprio perché la fase di fioritura a questo punto della primavera è già avviata, dopo anche le ultime settimane di temperature elevate».

 

Molti agricoltori fiorentini che prevedendo questa situazione, hanno trascorso la notte incendiando balle di fieno e legname per provare ad alzare le temperature nei vigneti. Un metodo antico talvolta efficace: «In qualche caso è servito – prosegue Orlandini – ma laddove le temperature sono state sotto lo zero per molte ore i danni alle produzioni, vanno dal 50 all’80%; mentre per l’ortofrutta i danni arrivano fino al 100%».

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




11/4/2021 - 23:02

AUTORE:
Devis

Scusami Marco, ma 2 settimane fa le temperature erano da fine maggio. 25° nel pomeriggio, molto superiori alle medie stagionali. A quelle temperature si mettono in campo poponi e cocomeri..e saremmo stati in ritardo

Chi ha messo i pomodori o le zucchine lo ha fatto perché "ha visto un guadagno anticipato"

E Madre Natura ci ha messo lo zampino

10/4/2021 - 20:01

AUTORE:
Marco Marco

ma come è stato possibile trapiantare "DA SETTIMANE", come si legge nel comunicato, pomodori e zucchine quando poco più di due settimane fa le temperature erano spesso sotto la media del periodo?
Ma cosa gli danno a queste piante?

9/4/2021 - 21:53

AUTORE:
Devis

Mi colpisce molto il fatto che pomodori e zucchine fossero stati trapiantati da settimane...

E mi colpisce molto vedere gente che, dopo la gelata dell'altra notte, non crede, o crede in parte, ai danni alle colture.

In Valdinievole faceva -2...in collina non lo so. Ma per qualsiasi germoglio sono temperature fatali. E meno male che gli olivi non avevano ancora fiorito...

9/4/2021 - 9:25

AUTORE:
Andrea F

Quella dei sei sotto zero può andar bene per la sagra della bugia ...alle Piastre

8/4/2021 - 18:41

AUTORE:
Lukaku

Il più delle volte questi dati sono ingigantiti a giustificare aumenti di prezzi e per ottenere finanziamenti a fondo perduto di cui una parte ne usufruirà e un’altra parte la sperpererà