Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 16:04 - 17/4/2021
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Ho finito le energie e mi sto veramente sdando .

Il sindaco è il vostro . E' stato eletto regolarmente .
Chi ha vinto ha vinto e chi ha perso ha perso . Salvo incidenti particolari , se ne riparla .....
BASKET

Dopo l’amara trasferta di Cagliari, c’è grande desiderio di rivincita in casa Nico Basket, targata Giorgio Tesi Group, che nel fine settimana incontrerà un’altra formazione affamata di punti determinanti in chiave salvezza.

HOCKEY

Sarà una partita di vertice tra sardi e toscani che attualmente occupano il primo e secondo posto nel girone, una gara difficile per gli arancioni che troveranno un Cus Cagliari in piena forma dopo aver strapazzato Brescia in trasferta e motivatissimo a tenersi la prima posizione.

RALLY

L’Automobile Club Pistoia torna a proporre l’iniziativa, dedicata ai propri licenziati sportivi, del campionato provinciale Aci Pistoia – “Memorial Roberto Misseri”, riservato ai soci titolari di licenza Aci Sport.

CICLISMO

La Vini Zabu' ha annunciato ufficialmente la sua rinuncia alla partecipazione al prossimo Giro d'Italia.

CALCIO

Il 13 aprile scorso Romolo Tuci ha spento 90 candeline. Per i più giovani, questo nome dal sapore arcaico forse non significa nulla. I più attempati, invece, lo ricordano con affetto, magari col soprannome di ‘Cagnolo’.

RALLY

Nuovo impegno per Pavel group, nel fine settimana che sta arrivando, al 54° Rallye Elba, prima prova del Campionato Italiano Wrc.

HOCKEY

Prosegue il buon cammino in serie A2 dell‘Hockey Club Pistoia che conquista un punto al Lamacchi –Tosoni di Villafranca ma torna in Toscana con qualche recriminazione.

CICLISMO

La Fattoria il Poggio entra nel mondo del ciclismo che conta, e lo fa stringendo un accordo di partnership con Amore e vita.

none_o

Consigli di lettura di Valentina.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libraria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro candidato al Premio Strega.

Palle ferme e nervi saldi
o si diventa tutti matti,
e alla .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti

La parabola umana e artistica di Leda Rafanelli abbraccia tutto il Novecento.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giulio Cozzani

Storia e curiosità del comune di Buggiano.

Vendo terreno edificabile Massa e Cozzile grande circa 10 000m2 .....
SCUOLA di BALLO e DANZA ACCADEMICA MARGINE COPERTA

asd " ENERGY .....
PISTOIA
Asl: “Piuttosto che lasciare pazienti in ambulanza, costretti ad aumentare capacità ricettiva del pronto soccorso"

6/4/2021 - 20:10

La Asl replica al sindacato Nursind (leggi qui).

 

"Da circa 10 giorni il numero degli accessi nel pronto soccorso dell’ospedale San Jacopo è leggermente aumentato, passando da una media di 85 accessi al giorno  a circa 100.


Dal 27 marzo al 5 aprile gli accessi sono stati 1012 (media giornaliera di 101); i ricoveri totali 282 (media di circa 28 ricoveri/die).


Alla direzione sanitaria del presidio ospedaliero non risultano attese medie così lunghe prima del ricovero, come quelle denunciate dal Nursind: a volte si può verificare una maggiore attesa per il paziente se l'inquadramento diagnostico non è cosi chiaro da indirizzare al sicuro ricovero.

La direzione sanitaria del presidio ospedaliero insieme alla direzione infermieristica effettuano un monitoraggio continuo ed in tempo reale, della situazione degli accessi in pronto soccorso, ed proprio perchè venerdi 2 aprile si sarebbe potuto verificare il fenomeno del boarding, le direzioni hanno provveduto a rimodulare in tempo reale gli spazi del Pronto Soccorso, rendendo disponibile un ulteriore ambulatorio a servizio del settore No Covid.

La situazione dell'ospedale San Jacopo, in un periodo di curva pandemica ancora sostenuta, è simile a tutti gli altri ospedali, con momenti di boarding in pronto soccorso e momenti in cui si riesce a gestire in tempo reale il ricovero nei reparti di degenza.

E' ovvio che l'attesa in pronto soccorso, non solo per chi è destinato a ricovero, ma anche per chi è in attesa di concludere l'inquadramento diagnostico, è su barelle (normale dotazione dei ps) tranne che nel settore obi ovid, dove, proprio per superare la criticità dei tempi più lunghi dettati dall'attesa del tampone, il setting è allestito con letti e non barelle.

I tempi di attesa delle risposte del tampone sono contenuti, dal momento che gli esami vengono effettuati h24 dal laboratorio, e a seguito dell'esito, i pazienti vengono indirizzati verso il proprio percorso, senza alcun incrocio.

Tutti gli operatori sanitari stanno svolgendo un ottimo lavoro di squadra e ovviamente tutti cerchiamo di rispettare le indicazioni, anche in merito al numero massimo di persone presenti in ps; è evidente che in alcuni momenti di iperafflusso, piuttosto che far aspettare i pazienti dentro le ambulanze, si è costretti ad aumentare la capacità ricettiva; in ogni caso vengono incontro, in queste situazioni,  l'applicazione di corrette ed adeguate modalità organizzative che riescono a far superare i momenti di maggiore criticità.

La professionalità dei nostri operatori non è mai mancata, così come il loro spirito di abnegazione, e questo a dimostrazione del basso numero di contagi che possono essere stati intercettati, a seguito degli screening intraospedalieri, all'interno dei setting di degenza.

E' questo un fenomeno purtroppo abbastanza diffuso in questa terza ondata in quanto siamo di fronte alle varianti che hanno una maggiore velocità di circolo e conseguentemente di contagio: non è infrequente purtroppo il verificarsi di riscontro di positività anche in soggetti entrati con ricovero programmato (quindi non passando da Ps) con una negatività all'ingresso".

Fonte: Asl
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




7/4/2021 - 10:50

AUTORE:
Laura

È ovvio che l'ASL nega sempre le evidenze e fanno passare da falsi e bugiardi gli operatori sanitari che lavorano al limite della sicurezza mettendo a rischio la propria salute e quella dei pazienti.
Analoga la situazione del PS di Pescia, pazienti costretti a positivizzarsi per la promiscuità dei ricoveri.
Oltre tutto i dipendenti debbono subire e stare zitti.