Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 11:10 - 20/10/2021
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Partiamo dalla rivista La difesa della razza nata a seguito delle leggi sulla difesa della razza del 1938.
Il fondatore e direttore era l ideologo Telesio Interlandi.

Giorgio Almirante , delfino .....
JU JITSU

Lo scorso  16 ottobre al Palatorrino di Roma si sono svolti i campionati italiani di Brazilian Ju Jitsu della Federazione Italiana Grappling Mixed Martial Arts, dove  ha partecipato l'iscritto al Sap Manuel Loiacono, 24enne.

HOCKEY

Fine settimana vincente per la società pistoiese.

BASKET

Ha dovuto rimontare almeno due volte la Gema, ma lo ha fatto nel momento clou della partita vinta a Pontassieve 68-75 con un allungo nell’ultima frazione da 26 punti segnati e appena 16 subiti.  

BASKET

Torna il Campionato a Monsummano ed è debutto casalingo per la Gioielleria Mancini che affronta il Basket Calcinaia per l’incontro valevole per la seconda giornata di campionato.

BASKET

Dopo la sconfitta patita nel derby contro San Giovanni Valdarno nel primo turno di campionato, la Nico Basket, targata Giorgio Tesi Group, porta a casa due punti importanti contro un’altra formazione solida e quotata come Umbertide.

PUGILATO

Il borghiggiano miguel bachi nella serata di ieri sera a Firenze a disputato un match molto duro dopo sette mesi di inattività.Si trova affrontare il pugile della sempre avanti Firenze drillon thaci con molta più esperienza, match parte subito acceso da entrambi gli angoli con ritmo elevato!

RALLY

L’ufficialità è arrivata dopo il Rally Città di Pistoia, ultima manche a calendario.

CALCIO A 5

Due serate all’insegna del divertimento e della passione calcistica. Sono questi gli ingredienti che hanno caratterizzato le due serate della 2° edizione del “Trofeo delle associazioni”.

none_o

Consigli di lettura di Maria Valentina Luccioli.

none_o

Le opere della giovane pittrice pesciatina Bartò prendono la volta della Spagna.

Erano pochi, erano violenti,
gridavano “boia chi molla”, .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti

Viene considerato uno degli esponenti più significativi della Scuola Pistoiese.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti

La parabola umana e artistica di Leda Rafanelli abbraccia tutto il Novecento.

cerco bilocale affitto 300 o 350 euro zona Pescia, grazie arredato. .....
cerco casa in affitto euro 300 350 al mese
PROVINCIA
Coronavirus, nuovi casi con numeri da paura: 1.302 in Toscana, 138 in provincia di Pistoia

11/3/2021 - 14:41

Sono 1.302 i positivi in più rispetto a ieri (1.252 confermati con tampone molecolare e 50 da test rapido antigenico). Dall’inizio dell’epidemia in Toscana sono 169.047 i casi di positività al Coronavirus. I nuovi casi sono lo 0,8% in più rispetto al totale del giorno precedente. L'età media dei 1.302 nuovi positivi odierni è di 45 anni circa (il 18% ha meno di 20 anni, il 20% tra 20 e 39 anni, il 37% tra 40 e 59 anni, il 18% tra 60 e 79 anni, il 7% ha 80 anni o più).


I guariti crescono dello 0,6% e raggiungono quota 141.273 (83,6% dei casi totali). Oggi sono stati eseguiti 15.975 tamponi molecolari e 9.615 tamponi antigenici rapidi, di questi il 5,1% è risultato positivo. Sono invece 13.177 i soggetti testati oggi (con tampone antigenico e/o molecolare, escludendo i tamponi di controllo), di cui il 9,9% è risultato positivo. Gli attualmente positivi sono oggi 22.897, +1,8% rispetto a ieri. Le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti Covid oggi sono complessivamente 1.488 (32 in più rispetto a ieri, più 2,2%), 208 in terapia intensiva (stabili rispetto a ieri).


Oggi si registrano 20 nuovi decessi: 15 uomini e 5 donne con un'età media di 81,2 anni. Relativamente alla provincia di residenza, le persone decedute sono: 6 a Firenze, 4 a Prato, 2 a Pistoia, 5 a Massa Carrara, 2 a Lucca, 1 a Pisa.


Alcuni dei decessi comunicati agli uffici della Regione nelle ultime 24 ore si riferiscono a morti avvenute nei giorni precedenti.Questi i dati - accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste della Protezione Civile Nazionale - relativi all'andamento dell'epidemia in regione.

 

Di seguito i casi di positività sul territorio con la variazione rispetto a ieri (1.252 confermati con tampone molecolare e 50 da test rapido antigenico). Sono 45.676 i casi complessivi ad oggi a Firenze (270 in più rispetto a ieri), 14.365 a Prato (139 in più), 15.910 a Pistoia (138 in più), 10.367 a Massa (42 in più), 17.490 a Lucca (143 in più), 21.511 a Pisa (147 in più), 12.789 a Livorno (95 in più), 15.487 ad Arezzo (127 in più), 9.203 a Siena (117 in più), 5.694 a Grosseto (84 in più). Sono 555 i casi positivi notificati in Toscana, ma residenti in altre regioni. Sono 592 i casi riscontrati oggi nell'Asl Centro, 382 nella Nord Ovest, 328 nella Sud est.

 

La Toscana si trova al 13° posto in Italia come numerosità di casi (comprensivi di residenti e non residenti), con circa 4.541 casi per 100.000 abitanti (media italiana circa 5.184 x100.000, dato di ieri). Le province di notifica con il tasso più alto sono Prato con 5.565 casi x100.000 abitanti, Pistoia con 5.429, Massa Carrara con 5.346, la più bassa Grosseto con 2.579.


Complessivamente, 21.409 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi (368 in più rispetto a ieri, più 1,7%). Sono 40.068 (865 in meno rispetto a ieri, meno 2,1%) le persone, anche loro isolate, in sorveglianza attiva, perché hanno avuto contatti con persone contagiate (Asl Centro 15.944, Nord Ovest 15.417, Sud Est 8.707).


Le persone complessivamente guarite sono 141.273 (882 in più rispetto a ieri, più 0,6%): 0 persone clinicamente guarite (stabili rispetto a ieri), divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all'infezione e 141.273 (882 in più rispetto a ieri, più 0,6%) dichiarate guarite a tutti gli effetti, le cosiddette guarigioni virali, con tampone negativo.


Sono 4.877 i deceduti dall'inizio dell'epidemia cosi ripartiti: 1.623 a Firenze, 343 a Prato, 379 a Pistoia, 472 a Massa Carrara, 463 a Lucca, 559 a Pisa, 339 a Livorno, 310 ad Arezzo, 206 a Siena, 115 a Grosseto, 68 persone sono decedute sul suolo toscano ma erano residenti fuori regione.Il tasso grezzo di mortalità toscano (numero di deceduti/popolazione residente) per Covid-19 è di 131,0 x100.000 residenti contro il 167,3 x100.000 della media italiana (12° regione). Per quanto riguarda le province, il tasso di mortalità più alto si riscontra a Massa Carrara (243,4 x100.000), Firenze (161,6 x100.000) e Prato (132,9 x100.000), il più basso a Grosseto (52,1 x100.000).


Alcuni dati della campagna di vaccinazione
Si è avviata dal 27 dicembre 2020 la campagna vaccinale anti-Covid. Alle 12.00 di oggi sono state effettuate complessivamente 409.409 vaccinazioni, 16.256 in più rispetto a ieri (+4,1%), tenendo presente che le Aziende del Sistema Sanitario Regionale proseguono per l'intera giornata. La Toscana è la 5° regione per % di dosi somministrate su quelle consegnate (l’89,2% delle 458.840 consegnate), per un tasso di vaccinazioni effettuate di 10.998 per 100mila abitanti (media italiana: 9.968 per 100mila).

Fonte: Toscana Notizie
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




11/3/2021 - 18:57

AUTORE:
Simo

I contagi crescono,i vaccini non arrivano,si parla di numeri importanti di dosi che starebbero arrivando ma nessuno le
vede.
Prendere l appuntamento sul portale della regione è difficile per chi si capisce di informatica.
Non tutti sanno/possono usare le tecnologie.
Gli ultraottantenni che devono essere chiamati e vaccinati dal medico di famiglia sono ancora quasi tutti da vaccinare (i medici ricevono 1 o 2 fiale di vaccino a settimana).
Con tutto questo pensare che il numero dei positivi diminuisca è pura utopia.
Semplificare sarebbe facile, in ogni comune ci sono palazzetti e palestre comunali in questo momento vuote basterebbe far convergere lì i vaccini ed organizzare degli hub con personale sanitario in cui di settimana in settimana vaccinare le varie fasce di età del comune o della zona. Ma in Italia le cose vanno fatte tutte difficili.