Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 09:06 - 25/6/2022
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Io non rimpiango i vecchi tempi, siamo andati sempre a migliorare sia come qualità che come durata della vita, quindi i vecchi tempi sembrano belli solo perché avevamo 20 anni. . .

Io rimpiango .....
BASKET

Il Pistoia Basket 2000 è lieto di comunicare di aver prolungato l’accordo in essere con l’atleta Daniele Magro.

TIRO CON L'ARCO

Il 25 e 26 giugno la Asd Arcieri del Micco organizzerà a Pistoia l'edizione 2022 della Coppa Italia Master Fitarco di tiro con l'arco presso lo stadio comunale.

TIRO A SEGNO

Al poligono di Tiro a segno nazionale sezione di Lucca nei due week end centrali del mese di giugno è andato in scena il Campionato regionale federale.

RALLY

Ha di che sorridere Masino Motorsport, guardando agli ottimi riscontri ricevuti dal 9° Rally Terra di Argil, andato in scena nel weekend appena concluso e secondo appuntamento della Coppa Rally di Zona 7.

PODISMO

Il caldo di questi giorni e la vicina gara di Montecatini ha tenuto lontano i podisti la edizione 2022 del <<Trail del Capitano di ventura Spadaforte>> che si e disputato nel borgo sopra Buggiano.

BASKET

Il Pistoia Basket 2000 è lieto di comunicare di aver acquisito il diritto alle prestazioni sportive dell’atleta Jordon Malik Varnado.

PODISMO

L’Atletica Montecatini,con il patrocinio dell’ amministrazione comunale hanno voluto ricordare Raoul Bellandi,factotum di tutte le iniziative sportive della cittadina termale,organizzando una gara podistica con relativo trofeo alla memoria,giunto alla dodicesima edizione.

PODISMO

Nonostante la serata calda e afosa 230 podisti hanno dato vita alla edizione 2022 della <<Sudatina Montalese – Trofeo Memorial Alessandro Ciani Avis Comunale>> , gara podistica competitiva di km 10 e ludico motoria di km 3,800, organizzata dalla locale società Gruppo Podistico Trekking e Cammino Croce Oro Montale

none_o

Sabato 25 giugno alle ore 10 inaugura al pubblico la mostra LibereForme. 

none_o

Nel centenario della nascita (Bologna, 1922), la Fedic dedica una mostra iconografica dedicata a Pier Paolo Pasolini.

Per te, che sei per me una fiammella,
che generasti il figlio .....
IL SEGNO DEL MESE
di Sissy Raffaelli

Il segno del solstizio d'estate.

IL MONDO IN TAVOLA
di Sissy Raffaelli

Arrosto capriccioso di tacchino

E'stato scritto e pubblicato un libro sulla presenza del grande .....
cerco bilocale affitto 300 o 350 euro zona Pescia, grazie arredato. .....
L'ANGOLO DELLE INTERVISTE
di Andrea Biagini
Sandro Sabatini: l'emozione della notizia in diretta

9/1/2011 - 9:00

Inizia da oggi "l'angolo delle interviste" una speciale rubrica dedicata allo sport e ai personaggi che hanno un forte legame con la Valdinievole.

 

di ANDREA BIAGINI 
VALDINIEVOLE - Sono gli anni ottanta, è l'epoca d'oro del nostro calcio perché l'arrivo dei più grandi giocatori del tempo, in Italia, fa sì che il campionato di Serie A diventi il più bello del mondo. Inizia proprio da lì (1984) la carriera di Sandro Sabatini che, sotto l'attenta direzione del grande Alfio Tofanelli, inizia a collaborare con la redazione giornalistica "Tuttocalcio". Sandro impara subito il mestiere e, dopo pochi anni, arriva la chimata di Tuttosport: i primi articoli riguardano proprio il primo Milan targato Berlusconi. La tv è probabilmente è già nel suo DNA, infatti, con Rete 4 inizierà una collaborazione per i servizi sportivi. Sarà il direttore Piero Dardanello, nel 1992, a nominarlo responsabile della redazione milanese di Tuttosport. La grande occasione però si chiama Inter che, dal 1994 al 2001, gli affiderà il prestigioso ruolo di addetto stampa. Negli anni successivi Antenna 3, storica emittente televisiva lombarda, lo chiama a dirigere la redazione sportiva. Nel 2004 la neonata Sky lo coinvolge nel nuovo palinsesto ed oggi è caporedattore di Sky Sport 24.

1) Partiamo da una data, il 30 Agosto 2008 inizia l'era di Skysport 24, il primo canale tv sportivo italiano all news. Cosa significa per un giornalista, condurre un notiziario con continui aggiornamenti e riuscire ad esser sempre sulla notizia?

E’ bellissimo perché è sempre nuovo, emozionante e appassionante. Quel primo giorno sembrava un’impresa impossibile: tutti ci chiedevamo come fare, come riuscire a parlare di sport per ventiquattr’ore al giorno senza essere ripetitivi. Con il tempo, credo che ci siamo riusciti. I dati d’ascolto sono ottimi, il canale 200 di Sky è diventato un punto fermo sul telecomando di tutti gli sportivi, e non solo quelli del calcio, che pure è argomento predominante nei nostri tg. L’emozione e la passione restano intatte come il primo giorno: abbiamo sempre la certezza di essere sulle notizie in tempo reale. Ed è il massimo, per chi ha la passione del giornalista.

2) Durante le tue dirette sei solito sdrammatizzare le situazioni con battute che derivano dalla tua "vena" toscana, non credi che lo sport, ma sopratutto il calcio in Italia, sia visto come un mondo che vuol difendere la propria sacralità?

Credo che sia doveroso rispettare l’umore dei tifosi: dopo certe sconfitte, non si può scherzare sulla squadra che ha appena perso. Sarebbe mancanza di rispetto nei confronti di chi ha sofferto per novanta minuti e vuole ascoltare commenti, non battute. Ma in altri momenti, per esempio durante la settimana, penso che un tg sportivo sia – per fortuna – ricco anche di spunti che possono far sorridere.

3) Sei stato responsabile della comunicazione dell'Inter, ci spieghi cosa significa ricoprire questo tipo di ruolo per un club così importante?

Significa diventare uno della squadra più che della società, perché la comunicazione avviene attraverso i giocatori e l’allenatore. Invece il presidente – non solo all’Inter, ovunque – è indipendente: ci mette i soldi e, giustamente, dice quello che vuole. Far parte della squadra, fa soffrire come un tifoso qualsiasi. E purtroppo fa dipendere anche il successo del lavoro dai risultati del campo. I miei anni all’Inter non sono stati bellissimi, in questo senso. Ma posso ricordare che nel ’98 l’Inter vinse la Coppa Uefa e quell’anno avrebbe strameritato anche lo scudetto.

4) Hai conosciuto ed intervistato grandi campioni, ma con Ronaldo è nata un bella amicizia, oltre che un rapporto professionale. Raccontaci qualcosa di più sul "Fenomeno" brasiliano, che tipo di persona è al di fuori dal campo?

Quando l’ho conosciuto aveva vent’anni ed era un ragazzo spiritoso, allegro e semplice. Simpaticamente furbetto, ma buono e generoso. Poi, col tempo è cresciuto e – inevitabilmente – anche un po’ cambiato. E’ normale: popolarità e soldi, tanta popolarità e tanti soldi, avrebbero cambiato chiunque. Non solo Ronaldo.

5) Qual è la notizia che ti ha fatto più piacere scrivere o annunciare e quella che mai avresti voluto commentare?

Le notizia che mi hanno dato sempre soddisfazione sono state quelle di calciomercato, l’argomento che piace di più ai tifosi. La notizia brutta che mi ha più choccato, in tanti anni, è stata la morte di Pantani.

6) Passando al basket e all'attualità, cosa ne pensi del ritorno di Dan Peterson a Milano?

Indipendentemente dall’esito del debutto contro Caserta, sono un po’ scettico. E mi dispiace esser scettico, perché Dan Peterson è stato un personaggio affascinante e innovativo: ma erano gli anni ottanta…

7) Il basket a Montecatini è ricominciato dalla C, dopo anni di alterne fortune tra A e B. Che ricordi ti legano allo Sporting dei mitici derby con Pistoia?

Ricordi bellissimi. Da tifoso: anche un po’ troppo esagitato! E non dimentico, a costo di andare molto indietro negli anni, neppure i derby con Pescia.

8) Tornando al calcio, in Valdinievole, il Borgo domina il campionato di serie D e potrebbe ripercorrere proprio i tempi di quando, in C2, un giovane cronista seguiva le partite dei biancocelesti del Montecatini...

Il Borgo ha una bella tradizione nel calcio. Sarei felicissimo, perché mi sembra assurdo che la Valdinievole nel calcio sia così… maledetta da non produrre almeno una squadra in Lega Pro.

9) Vivi a Milano da oltre vent'anni, ma sappiamo che Montecatini ti è rimasta nel cuore. Il momento che sta vivendo da tempo la nostra città è difficile, da dove pensi possa passare il rilancio dei nostri territori?

Risposta facile: dalle Terme.

10) I Mondiali di ciclismo 2013 che si svolgeranno a Montecatini sono quel tipo di eventi che, dalla tua profonda conoscenza del panorama sportivo, potrebbero portare nuova linfa vitale in città?

Sicuramente. Ma, solo se verranno accompagnati da un lifting ambientale, alberghiero e appunto termale.

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: