Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 16:02 - 27/2/2021
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Il signor Fioretti scrive bene e pensa a mio giudizio , meno bene.

Per Lui , qualunque cosa venga fatta , è sempre meno di quanto si sarebbe potuto fare .

I 600 euro ? Certo , per molti rappresentano .....
RALLY

E’ pronto al “grande salto” verso il palcoscenico più blasonato del rallismo nazionale, Thomas Paperini.

CALCIO

La Us Pistoiese 1921 ha il piacere di comunicare di essersi assicurata il diritto alle prestazioni sportive del calciatore Simone Lo Faso, che ha da poco compiuto 23 anni.

BASKET

La gara interna della Nico Basket contro Virtus Cagliari, che si sarebbe dovuta disputare sabato 27 febbraio è stata rinviata, su richiesta della squadra ospite, a data da destinarsi.

RALLY

Sarà un debutto in piena regola, quello di Riccardo Baroncelli sui fondi sterrati del Rally Terra Valle del Tevere, appuntamento in programma nel fine settimana sulle strade della provincia di Arezzo.

TIRO A SEGNO

Il Tiro a segno Pescia già pronto per 1° gara Federale regionale con tutte le disposizioni del Dpcm e il comitato regionale Uits ha presentato le nuove strategie di allenamento “on line” per i tiratori toscani.

SCI

Un notevole sforzo organizzativo, che sta portando a organizzare competizioni importanti e che sta contribuendo a sostenere in maniera concreta le attività e gli operatori della montagna.

BASKET

Non è una prima fortunata, quella della Giorgio Tesi Group Pistoia al PalaCarrara.

CALCIO

Desiderio non solo di salvezza, ma anche di dare un senso a questa stagione che, attualmente, 'un senso non ce l' ha'.Senza Romagnoli, Valiani e Chinellato, ospiti dell' infermeria, e Simonetti squalificato, Mister Riolfo si è visto costretto a fare di necessità virtù, inventandosi una formazione che, alla prova dei fatti, è apparsa alquanto convincente. 

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Laura Imai Messina.

none_o

Esce il libro "Con tutto l’amore di cui siamo capaci, il  nostro modo  di essere preti".

C’è un luogo naturale
che allontana ogni male,
e trasmette .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giulio Cozzani

Storia e curiosità del comune di Buggiano.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti
SCUOLA di BALLO e DANZA ACCADEMICA MARGINE COPERTA

asd " ENERGY .....
Smarrita chiavetta usb marca Lexar bianca con tappo arancione. .....
PISTOIA
Covid, l'associazione Palomar: "Dalla Usl tante rassicurazioni, ma i numeri dicono che esiste un 'caso Pistoia'"

20/2/2021 - 9:26

Associazione Palomar: "Leggiamo con piacere i comunicati rassicuranti della USL, del Sindaco di Pistoia, di alcuni consiglieri regionali. Tutti si affannano a dire che siamo in una situazione del tutto sotto controllo, ma dimenticano il banale, minimo richiamo al fatto che il controllo del contagio si realizza prima di tutto con comportamenti individuali corretti: mascherina, distanziamento, lavaggio delle mani. Anzi, si affida la soluzione a “VACCINI E RISTORI”, cioè a quanto devono fare “altri”, continuando nell’azione di deresponsabilizzazione individuale e collettiva.


Bene, stiamo ai fatti. Ai numeri nudi e crudi, non alle “interpretazioni” più o meno di comodo.


La USL si dilunga sul dato della “incidenza cumulata”, per dire che la Provincia di Pistoia, su questo parametro, è la terza in Toscana. E’ bene sapere che questo dato valuta l’incidenza dei casi in un territorio DALL’INIZIO DELL’EPIDEMIA (MARZO 2020) AD OGGI. Perciò è un parametro assolutamente inutile, anzi del tutto fuorviante, per avere indicazione “di tendenza” nel breve periodo.
Allora vediamo i dati dell’ultimo mese, da metà gennaio al 12 febbraio, visto che per la settimana attualmente in conclusione i dati non sono ancora disponibili. L’incidenza si valuta in numero di casi alla settimana per 100000 abitanti, in modo da avere un dato sempre confrontabile per qualsiasi territorio e per qualsiasi periodo, smorzando gli effetti delle variazioni quotidiane. Le fonti dei dati che riportiamo sono la Protezione civile nazionale e la Regione Toscana, cioè fonti pubbliche.

Regione Toscana: dal 15 gennaio al 12 febbraio la crescita del dato di incidenza è in crescita costante, e passa da circa 75 casi a circa 125 (casi/settimana per 100000 abitanti)

Provincia di Pistoia: settimana 8-14 gennaio, circa 50 casi; crescita con incremento costante fino alla settimana 5-11 febbraio, 198 casi, cioè un incremento di quattro volte in quattro settimane

Zona Pistoiese, settimana 5-11 febbraio: 235 casi, il doppio della media regionale. Da questi dati è evidente che esiste un “caso Pistoia”. Come si intende gestirlo?

Dopo un anno di pandemia, di provvedimenti di contenimento, di chiusure parziali o totali, le persone (e le attività economiche) sono sicuramente esauste. Le istituzioni hanno però il dovere di dare rassicurazioni fondate su dati e fatti reali, non nascondendo la realtà dei fatti, quasi che il cittadino sia un bimbo incosciente che “non può capire” quindi è bene che non sappia. La trasparenza è un pre-requisito di democrazia. Perciò:
Il Servizio Sanitario Regionale si impegni per assicurare un tracciamento efficace e tempestivo, per circoscrivere rapidamente i contagi, educare a comportamenti corretti, attivare una campagna di vaccinazione efficace, rapida, diffusa, facilmente accessibile.


Le amministrazioni locali si impegnino nell’opera di educazione sui corretti comportamenti individuali e collettivi, e svolgano un’efficace azione di controllo e di contrasto, in tutti quei casi in cui questo è necessario: controlli diffusi, non solo sugli esercizi fuori dal centro storico pistoiese (chissà perché?), gestione degli assembramenti e di tutte le situazioni critiche locali.


E’ bene capire che quando la situazione peggiora, questo non avviene per maledizione divina ma per azioni od omissioni di qualcuno: di noi tutti e di chi ci amministra.
Si esce da questa situazione con azioni tempestive, concrete, con responsabilità. Non fingendo che i problemi non esistono".

Associazione Palomar

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




22/2/2021 - 16:41

AUTORE:
vincenzo

Simo , quando leggo commenti circa "dittatura sanitaria" e simili , mmi cascano le braccia .

Certi personaggi sono mescolati e bisogna stare in campana.

I leoni da tastiera godono ad essere contraddetti e assumono posizioni che li pongono al centro del discorso .
Più li contrasti o li offendi e più godono .

Saranno poi i primi a correre per farsi il vaccino .

Poi ci sono quelli che non son contenti se non sono eccessivi .

Tutto è bianco o nero .

Mai un dubbio , solo certezze . Hanno orecchiato che le fibre fanno bene alla salute e comprano i fagiolini verdi da pulire e sfilare.

Sono pericolosissimi e contribuiscono fattivamente ad uccidere 7000 persone al mese e ospedalizzare un buon numero di sfortunati (loro compresi per fortuna) oltre i danni all'economia , alle quarantene e casini vari .

Mi ripeto : siamo in guerra ed in guerra i nemici si fanno prigionieri e si rinchiudono in campo di concentramento .

Nessuno ha il diritto di uccidermi

22/2/2021 - 14:48

AUTORE:
Simo

Sig.Collinare ma secondo lei cosa dovrebbe fare il governatore della regione?
Lui come altri provano ad arginare la situazione ma poi sta ad ognuno di noi mettere in atto ciò che ormai sappiamo e di cui parliamo ormai da 1 anno. Mascherine distanziamento. Altro non si può fare. Non si può certo inchiodare le porte come ai tempi della peste a Milano. Non si può certo chiudere nuovamente tutto perché allora non si morirà di Covid 19 ma si morirà di fame.
Sta ad ognuno di noi RESPONSABILMENTE agire e mettere in pratica tutti gli accorgimenti per riuscire a venirne fuori insieme alla vaccinazione.

22/2/2021 - 13:31

AUTORE:
vincenzo

Luciano imperversa e si fa la domanda classica.

Ma con tutti i provvedimenti adottati , la situazione è stata risolta ?

Certamente ! Infatti se controlli i dati (ma a te non interessano , sai già tutto ) di prima delle ferie , vedrai che la situazione non era male .
Poi quelli che "morivano di fame" sono andati al mare , a far gli aperitivi , al bar , al ristorante , etc etc e siamo ritornati al punto di partenza.

Non capire che l'andamento dei contagi , dei ricoveri di vario tipo , e delle morti , dipende dai comportamenti è veramente demenziale .
In Italia , nessuno muore di fame da molto tempo e già il nuovo governo che ha sostituito quello "inutile" secondo renzi , , per dar ragione ai Luciani , dice che si salvaguarderanno le aziende con un domani . ( e delle altre ???)

21/2/2021 - 21:02

AUTORE:
luciano

Ma chiudendo tutto hanno risolto qualcosa ? Non mi pare, anzi , quì fra poco aumenterà ancora il numero delle persone che non hanno più i soldi per fare la spesa e allora vorrò vedere.

21/2/2021 - 11:38

AUTORE:
vincenzo

Sono vecchio , sto volentieri in casa e la chiusura di Primavera non mi ha fatto né caldo né freddo .

Ho assistito a polemiche e forse errori scusabili o meno da parte di tecnici e politici ma giudicare a posteriori è troppo facile ed ingeneroso .

Eravamo in zona gialla , poi i dati ci hanno portati in zona arancio e forse nel futuro in rosso .

Mi domando allora se sia possibile ed accettabile la chiusura totale di ogni attività .

Per me niente come ho già detto .

Ma per gli altri ? Certo , una riduzione di morti e di infettati .

Poi come questa estate , cominciamo a riaprire . E tutto comincia da capo come prima e peggio di prima

Per l'economia non ne parliamo nemmeno che è meglio .

Ma nessuno si è accorto che il giallo porta all'arancione e questo al rosso ?

Ma la colpa di chi è ? Di Giani , del sindaco di Pistoia di altro colore , oppure di Gesù Bambino . Oppure di Noi tutti ?

Smettiamola con questo infantilismo dell'altrui colpa e siamo seri .

Stare alle regole ed aspettare il vaccino . Non c'è altro

20/2/2021 - 11:14

AUTORE:
Collinare

Mai avrei pensato di dover dare ragione a Palomar, ma la situazione mi pare stia davvero sfuggendo di mano. La cosa che più mi avvilisce è vedere le istituzioni immobili, dai sindaci del territorio fino al presidente della Regione, che passa la giornata a incensarsi su Facebook. Anche oggi la nostra provincia sfiora i 160 casi, ma cosa dobbiamo aspettare per prendere i provvedimenti del caso? Dobbiamo ancora raccontarci la farsa che la scuola è innocente, oppure sarà il caso di mettere in DaD la maggior parte degli istituti? Cosa si aspetta ancora a interrompere tutti i mercati e manifestazioni varie? La situazione è grave e richiede un immediato intervento, chi non se ne assume la responsabilità sta commettono una sciocchezza di enorme gravità.