Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 06:01 - 22/1/2022
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Presidente in quota Forza Italia.

Per capire il personaggio ed il suo rapporto col caimano , si trova abbondante materiale e penso anche dagli atti parlamentari , l appoggio alla tesi della nipote .....
BASKET

Mtvb Herons Basket comunica che sono state rinviate a data da destinarsi, causa Covid, le seguenti gare di campionato.

BASKET

A distanza di un mese dalla partita contro Vigarano, la Giorgio Tesi Group è tornata finalmente in campo.

HOCKEY

Finalmente arancione anche in campo femminile assoluto, dopo oltre un decennio una formazione di Pistoia torna alle competizioni e con buone prospettive future.

SCHERMA

Davide Cutillo ha staccato il biglietto per la finale dei campionati italiani under 17 di fioretto che si disputeranno nel prossimo mese di maggio a Catania.

BASKET

Tredicesima vittoria consecutiva per la Gema Montecatini, che dopo un mese di stop in campionato (causa pausa natalizia e poi le prime due giornate rimandate dal covid) ha dimostrato di non avere affatto ruggine o scorie addosso.

SCHERMA

Prima grande soddisfazione nel circuito europeo under 17 per Fabio Mastromarino. 

SCHERMA

Un azzurro per due.

BASKET

Ventinove giorni dopo l'ultima volta, Gema Montecatini è pronta a tornare in campo per una partita ufficiale. Il 17 dicembre, giorno della dodicesima vittoria consecutiva a Prato, sembra però ormai lontanissimo.

none_o

Consigli di lettura di Maria Valentina Luccioli.

none_o

Inaugurazione il 19 gennaio alle 18,30, nei locali della Federazione provinciale di Rifondazione Comunista di Pistoia.

La signora in blu
Viaggio nel profumo delle .....
IL SEGNO DEL MESE
di Sissy Raffaelli

Segno di Terra, Cardinale, domiciliato in Saturno ed esaltato in Marte.

ZODIACO
di Sissy Raffaelli

L'oroscopo di gennaio

E'stato scritto e pubblicato un libro sulla presenza del grande .....
cerco bilocale affitto 300 o 350 euro zona Pescia, grazie arredato. .....
PROVINCIA
Coronavirus, numeri mai così alti da diversi mesi: 894 nuovi casi in Toscana, 156 in provincia di Pistoia

11/2/2021 - 14:28

In Toscana sono 141.159 i casi di positività al Coronavirus, 894 in più rispetto a ieri (857 confermati con tampone molecolare e 37 da test rapido antigenico). I nuovi casi sono lo 0,6% in più rispetto al totale del giorno precedente. I guariti crescono dello 0,4% e raggiungono quota 125.415 (88,8% dei casi totali). Oggi sono stati eseguiti 12.306 tamponi molecolari e 7.116 tamponi antigenici rapidi, di questi il 4,6% è risultato positivo. Sono invece 9.940 i soggetti testati oggi (con tampone antigenico e/o molecolare, escludendo i tamponi di controllo), di cui il 9% è risultato positivo. Gli attualmente positivi sono oggi 11.361, +4% rispetto a ieri. I ricoverati sono 808 (7 in meno rispetto a ieri), di cui 120 in terapia intensiva (5 in più). Oggi si registrano 7 nuovi decessi: 3 uomini e 4 donne con un'età media di 87,6 anni.


Questi i dati - accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste della Protezione civile nazionale - relativi all'andamento dell'epidemia in regione.


Si è avviata dal 27 dicembre 2020 la campagna vaccinale anti-Covid. Alle 12.00 di oggi sono state effettuate complessivamente 164.599 vaccinazioni, 4.057 in più rispetto a ieri (+2,5%), tenendo presente che le Aziende del Sistema Sanitario Regionale proseguono per l'intera giornata. La Toscana è la 9° regione per % di dosi somministrate su quelle consegnate (il 97,1% delle 169.530 consegnate), per un tasso di vaccinazioni effettuate di 4.421 per 100mila abitanti (media italiana: 4.598 per 100mila).


L'età media dei 894 nuovi positivi odierni è di 45 anni circa (il 15% ha meno di 20 anni, il 22% tra 20 e 39 anni, il 37% tra 40 e 59 anni, il 19% tra 60 e 79 anni, il 7% ha 80 anni o più).


Di seguito i casi di positività sul territorio con la variazione rispetto a ieri (857 confermati con tampone molecolare e 37 da test rapido antigenico). Sono 39.112 i casi complessivi ad oggi a Firenze (223 in più rispetto a ieri), 11.903 a Prato (63 in più), 12.229 a Pistoia (156 in più), 8.974 a Massa-Carrara (58 in più), 14.408 a Lucca (86 in più), 18.778 a Pisa (112 in più), 10.998 a Livorno (61 in più), 12.693 ad Arezzo (36 in più), 6.750 a Siena (70 in più), 4.759 a Grosseto (29 in più). Sono 555 i casi positivi notificati in Toscana, ma residenti in altre regioni.


Sono 468 i casi riscontrati oggi nell'Asl Centro, 291 nella Nord Ovest, 135 nella Sud est.


La Toscana si trova al 13° posto in Italia come numerosità di casi (comprensivi di residenti e non residenti), con circa 3.792 casi per 100.000 abitanti (media italiana circa 4.429 per 100.000, dato di ieri). Le province di notifica con il tasso più alto sono Massa-Carrara con 4.627 casi per 100.000 abitanti, Prato con 4.611, Pisa con 4.446, la più bassa Grosseto con 2.155.

 

Complessivamente, 10.553 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (445 in più rispetto a ieri, più 4,4%).Sono 24.729 (885 in più rispetto a ieri, più 3,7%) le persone, anch'esse isolate, in sorveglianza attiva perché hanno avuto contatti con persone contagiate (ASL Centro 9.079, Nord Ovest 9.839, Sud Est 5.811).Le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti COVID oggi sono complessivamente 808 (7 in meno rispetto a ieri, meno 0,9%), 120 in terapia intensiva (5 in più rispetto a ieri, più 4,3%).Le persone complessivamente guarite sono 125.415 (449 in più rispetto a ieri, più 0,4%): 340 persone clinicamente guarite (31 in meno rispetto a ieri, meno 8,4%), divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all'infezione e 125.075 (480 in più rispetto a ieri, più 0,4%) dichiarate guarite a tutti gli effetti, le cosiddette guarigioni virali, con tampone negativo.


Oggi si registrano 7 nuovi decessi: 3 uomini e 4 donne con un'età media di 87,6 anni.


Relativamente alla provincia di residenza, le persone decedute sono: 5 a Firenze, 1 a Arezzo, 1 a Grosseto.


Sono 4.383 i deceduti dall'inizio dell'epidemia cosi ripartiti: 1.474 a Firenze, 298 a Prato, 320 a Pistoia, 436 a Massa-Carrara, 412 a Lucca, 507 a Pisa, 307 a Livorno, 278 ad Arezzo, 178 a Siena, 110 a Grosseto, 63 persone sono decedute sul suolo toscano ma erano residenti fuori regione.


Il tasso grezzo di mortalità toscano (numero di deceduti/popolazione residente) per Covid-19 è di 117,7 per 100.000 residenti contro il 153,3 per 100.000 della media italiana (11° regione). Per quanto riguarda le province, il tasso di mortalità più alto si riscontra a Massa-Carrara (224,8 per 100.000), Firenze (146,8  per 100.000) e Pisa (120,1 per 100.000), il più basso a Grosseto (49,8 per 100.000).

Fonte: Toscana Notizie
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




11/2/2021 - 17:38

AUTORE:
Non ha importanza

Toscana in zona “arancione” da Domenica prossima. Indice Rt sopra 1, non ci sono margini di dubbio. Dai calcoli (dati: Corriere della Sera), la Toscana ha al momento 112 nuovi contagi a settimana ogni 100 mila abitanti, con la tendenza all’aumento, contro i 78 che erano stati raggiunti a metà gennaio. Aumentano il numero dei pazienti Covid ed i posti occupati in terapia intensiva.

Secondo la Fondazione Gimbe (Fonte: Corriere della Sera), a far aumentare i contagi in Toscana è la situazione epidemiologica delle province di Pistoia, Siena, Massa Carrara e Livorno, che hanno i più alti tassi di contagi in rapporto alla popolazione e il maggior incremento di crescita dell’epidemia.

Le dichiarazioni delle associazioni di categoria (ancora citando il Corriere della Sera) sono di preoccupazione: “Il ritorno in zona arancione sarebbe drammatico. Siamo fortemente preoccupati. La questione non è più solo economica, ma anche psicologica: alzare il bandone e chiudere con questa frequenza, con un valzer estenuante di colori, sta diventato stressante e disarmante. Si rischia di perdere davvero la speranza nel futuro”.

A vedere le cose vergognose che succedono davanti a tanti bar, verrebbe da dire che ve lo meritate. Siete voi, i primi, a non far rispettare ai vostri clienti quanto richiedono le regole, e più che altro il buonsenso. Con il buonsenso e il rispetto delle regole, seppur con difficoltà, non ci sarebbe bisogno di aprire e chiudere in continuazione.

I regolamenti servono a chi non si sa regolare, e voi dimostrate che vi servono. E non poco. E rigidi.

Pensateci per le prossime riaperture (purtroppo credo lontane), e cominciate a smetterla di lamentarvi. Una buona parte di questa situazione a “yoyo” dipende anche da voi. E i cittadini che le regole faticosamente le rispettano ne iniziano ad avere le tasche piene di chi, peraltro pochi ma sufficienti per creare questa situazione, con il loro comportamento scellerato e con colpevole negligenza perpetrano comportamenti lesivi per tutta la società.