Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 06:03 - 03/3/2021
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Ho 52 anni e ho seguito ininterrottamente il Festival di Sanremo da quando avevo 10 anni, nel lontano 1978.
Ricordo perfettamente quell' edizione, presentata da Maria Giovanna Elmi, l'annunciatrice-fatina .....
BASKET

Dopo il turno di riposo, sostenuto a causa del rinvio della gara interna contro Virtus Cagliari, la Nico Basket sta lavorando duramente in palestra in vista del derby di ritorno contro Firenze, che si disputerà domenica 7 marzo a San Marcellino. 

BASKET

La Giorgio Tesi Group Pistoia torna alla vittoria, conquistando due punti pesantissimi sul parquet di Cento e mettendosi alle spalle il periodo negativo con una prestazione convincente sotto tutti i punti di vista.

SCI

Ottimo bilancio per il Criterium Interappenninico che ha portato, dal 23 al 26 febbraio, sulle piste dell’Abetone quasi 300 atleti delle categorie Children da nove comitati regionali. Il Criterium è stato organizzato quest’anno dal Comitato Appennino Toscano con gli sci club Coverciano, Lanciotto e Prato Play.

CALCIO

La Serie C, campionato nel quale milita la Pistoiese e nel quale è possibile iniziare a respirare l'aria del professionismo, è da sempre un torneo di carattere regionale ma con una competitività elevata, e che in alcuni casi ha fatto registrare presenze di squadre storiche.

CALCIO

È inutile storcere il naso. Quello con l' AlbinoLeffe va considerato un punto guadagnato, e non un punto perso.

RALLY

E’ pronto al “grande salto” verso il palcoscenico più blasonato del rallismo nazionale, Thomas Paperini.

CALCIO

La Us Pistoiese 1921 ha il piacere di comunicare di essersi assicurata il diritto alle prestazioni sportive del calciatore Simone Lo Faso, che ha da poco compiuto 23 anni.

BASKET

La gara interna della Nico Basket contro Virtus Cagliari, che si sarebbe dovuta disputare sabato 27 febbraio è stata rinviata, su richiesta della squadra ospite, a data da destinarsi.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Laura Imai Messina.

none_o

Esce il libro "Con tutto l’amore di cui siamo capaci, il  nostro modo  di essere preti".

C’è un luogo naturale
che allontana ogni male,
e trasmette .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giulio Cozzani

Storia e curiosità del comune di Buggiano.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti
SCUOLA di BALLO e DANZA ACCADEMICA MARGINE COPERTA

asd " ENERGY .....
Smarrita chiavetta usb marca Lexar bianca con tappo arancione. .....
PONTE BUGGIANESE
Giorno della memoria, studenti ealizzano grande scritta "Asche" realizzata completamente con la cenere

27/1/2021 - 19:26

Anche in questo anno particolare, l’istituto comprensivo “Don L. Milani” ha voluto regalarci un momento di riflessione silenziosa, ma al contempo forte e toccante così come fa da tempo, puntualmente, in occasione della Giornata della memoria.

 

Da stamattina campeggia, nel prato antistante la scuola secondaria di primo grado “Padre F. Cecchi” una grande scritta “Asche” (cenere) realizzata completamente con la cenere da alcuni alunni, divisi nel rispetto degli specifici protocolli e delle disposizioni anti covid, ma simbolicamente uniti per mantenere viva la memoria, per condividere insieme a tutta la popolazione valori fondamentali e per contribuire affinché tutto ciò non si ripeta. L’istallazione è stata realizzata con la supervisione del prof. di arte, Giordano Vanacore, che da anni si impegna in questo senso.


Durante la mattinata, inoltre, le classi terze delle scuole secondarie di Ponte Buggianese e Chiesina Uzzanese hanno letto, in modalità telematica, varie e toccanti testimonianze di coloro che queste drammatiche esperienze le hanno vissute davvero, in prima persona.


Tutto ciò è stato possibile grazie all’impegno sinergico degli insegnanti, degli allievi, del personale dell’Istituto “Don Milani”, della dirigente Lorenza Lorenzini e delle amministrazioni comunali di Ponte Buggianese e di Chiesina Uzzanese con le quali la collaborazione è da sempre fattiva ed efficace.

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




1/2/2021 - 10:58

AUTORE:
vincenzo

Io non mi permetto di considerare le foibe in se e nemmeno i morti di questo vergognoso momento ..

Esse sono il frutto di "vendette" assieme al desiderio di appropriazione di un territorio (espropriazionei varie)

Aggiungo anche che il momento in cui sii svolsero fu quello in cui era finita una guerra che il nostro Governo aveva voluto .

Che le vittime poi furono i civili ed i funzionari o parte della popolazione che il Governo aveva trasferito per ribadire la italianità dei territori , non sposta assolutamente i termini della tragedia .

Insisto pero' nel considerare due fatti : Il primo della pessima accoglienza delle popolazioni "sfattate" da parte dei nostri padri e nonni che erano usciti dalla guerra , e la considerazione che mettere sullo stesso piano le foibe e il piano di soppressione della razza ebraica è sbagliato .

Gli ebrei erano da sempre accusati di deicidio e vittime di persecuzioni per il loro "peccato"
Cito poi un falso storico che molto giro' nei primi 900 che è "I protocolli" e le dottrine pseudo scientifiche sulla razza "infetta".
Gli ebrei non avevano certamente compiuto tutto quanto il Regio esercito aveva compiuto in Croazia . Il si "uccide troppo poco" è realtà storica.

Detto questo , ripeto che non certamente da me , ma dalla destraccia , le foibe sono lo strumento per svilire quello che la Resistenza ha significato ancora nel nostro presente .

Troppo difficile ? Compratevi un bignami e fatela finita di parlare di quel che ignorate .

Per Giovanna che non ha letto il mio intervento , mi spiace che non abbia capito che accusavo la destra di adoperare le foibe in maniera strumentale col fine di svalutare i valori della Resistenza.

31/1/2021 - 19:17

AUTORE:
Giovanna

Abbi rispetto di chi è morto nelle Foibe e non ti permettere di usarle come strumento contro la resistenza e le destre. Una considerazione infelice di cattivo gusto.

29/1/2021 - 11:27

AUTORE:
vincenzo

Chi ha detto che i morti sono tutti uguali ?

I morti sono tutti morti e questo è certo .

Ci sono però morti e morti .

Chi ha partecipato come volontario alla conquista dell'impero è ancora osannato storicamente .

Spessissimo si è trattato di volontari che hanno servito la patria sbagliando e quindi meglio dimenticare.

Poi ci sono morti che hanno combattuto contro il Fascismo ed hanno costituito la base per cui noi tutti possiamo aprire le tastiere , senza che l'Ovra venga a prenderci .

Le foibe ? Una mostruosità nei confronti di ua etnia assieme a vendette per fatti e comportamenti non lineari .

Ricordiamo anche questa povera gente che a fine conflitto venne espulsa dalla propria terra e venne ristretta in campi di concentramento ed in seguito confinata in periferie ghetto .

Ricordo la confusione e commistione fra profughi giuliani e quelli che chiamavamo " Greci" provenienti dalle isole acquistate con la guerra del 1911 .

Attualmente sembrerebbe che le foibe servissero come revanscismo delle destracce in un tentativo di screditamento della Resistenza.

I morti son morti , ma poi non sono troppo uguali , specie per la politica.

29/1/2021 - 10:28

AUTORE:
Giovanna

Malucchi, voglio dire che la penso esattamente come Luca, aggiungo che la polemica la fai solo te e anche di cattivo gusto strumentalizzando il tutto per fini politici, bruttissima la brutalità con cui tratti le Foibe.
I morti sono morti e riposino TUTTI in pace. Saluti

28/1/2021 - 20:29

AUTORE:
Matteo

Ok buona iniziativa. Però la stessa cosa va fatta il giorno delle Foibe. I morti non hanno un colore politico e vanno trattati tutti allo stesso modo. Questo vale per tutti i rappresentanti politici e istituzionali.

28/1/2021 - 19:56

AUTORE:
Maria Malucchi

Luca, fai un po' di confusione e di polemica sterile. È stata celebrata la giornata della memoria, per quella del ricordo pensaci tu, siamo tutti con te... Forse!

28/1/2021 - 16:56

AUTORE:
vincenzo

I maro' ?

Potremmo parlarne , volendo .

Ancora dopo anni non capisco chi li avesse mandati , quali militari , a difendere gli interessi di un impresa privata .

Mi domando anche , come militari di un corpo specializzato , in una posizione dal pelo dell'acqua di una ventina di metri ( sesto o settimo piano di un edificio) abbiano sparato a dei presunti oppure pirati che avrebbero dovuto salire una scala di sette piani completamente scoperta , l'unica possibile per salire a bordo sotto il fuoco di soldati armati ed addestrati .

E i marò?

Se il riferimento era altro , me ne scuso .

28/1/2021 - 14:36

AUTORE:
Marco Marco

Luca e i marò?

28/1/2021 - 9:53

AUTORE:
Luca

Fa piacere vedere l impegno che tutti avete messo per celebrare " il Giorno del Ricordo". Bravissimi.
Vorrei vedere lo stesso impegno il giorno che si ricorda le " Foibe".
Grazie.