Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 10:01 - 16/1/2021
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Quello che in apparenza è un problema di oggi , e cioè di questi sacchi rossi che identificano l"APPESTATO" non è cosa nuova . Nei Promessi Sposi , la vedova con figli si raccomando' a Renzo perché .....
CALCIO

La Cf Pistoiese 2016 ha ricevuto il rifiuto da parte della Torres di rinviare la partita di recupero prevista per domenica prossima a Sassari, nonostante avesse offerto agli isolani libertà di scegliere una data anche infrasettimanale.

BASKET

Gli zero punti in classifica di Virtus Cagliari non devono assolutamente trarre in inganno.

CALCIO

La Us Pistoiese 1921 ha il piacere di comunicare che stamattina è stato suggellato l’accordo di sponsorizzazione tra la Pistoiese e la Fabo Spa, leader internazionale della produzione di nastri adesivi, che diventa uno dei principali sponsor del club.

RALLY

Si prospetta un 2021 di grandi manovre e certamente in grado di produrre soddisfazioni per Pavel Group.

BASKET

L’indisponibilità di Botteghi, contrattura per lei, a poche ore dal match, aveva messo in allarme la Nico, anche perché le spezzine sono avversarie di assoluto valore, ma la squadra ha saputo reagire all’ennesima difficoltà e conquistare altri due punti.

CALCIO

Lo stop ai campionati dilettantistici non ha spento l'ardore agonistico degli atleti costretti all'inattività. Ne è la prova Giulio Cipriani, esterno di belle speranze approdato al Montecatini la scorsa estate grazie anche al fiuto del direttore generale Fabrizio Giovannini.

BASKET

Terza vittoria consecutiva per la Giorgio Tesi Group Pistoia, che si rende protagonista di un altro colpo in trasferta battendo la Stella Azzurra Roma con il punteggio di 72-80.

BASKET

Nemmeno il tempo di gioire per la Giorgio Tesi Group Nico Basket, che mercoledì affronterà, di nuovo tra le mura amiche, una squadra esperta e titolata come la Cestistica Spezzina. 

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Anna Wiener.

none_o

Con la mostra L’arte c’è, si riaccendono le luci delle vetrine della biblioteca San Giorgio.

Una cosa è successa,
come esser fuor di testa,
in un paese .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti
FILATELIA
di Giancarlo Fioretti

Il Sovrano Militare Ordine di Malta rende omaggio all'arte moderna.

SCUOLA di BALLO e DANZA ACCADEMICA MARGINE COPERTA

asd " ENERGY .....
Smarrita chiavetta usb marca Lexar bianca con tappo arancione. .....
PESCIA
Caso Giurlani, l'assessore Morelli: "Le scuole di Pescia le ha messe a posto il sindaco o i vostri discorsi?"

10/1/2021 - 9:24

L'assessore di Pescia Morelli scrive: "Vedo che rimango sempre nell'interesse e nell'attenzione dell'ex assessora della giunta Giurlani uno. La cosa non può che lusingarmi perché quando qualcuno in politica ti attenziona con questa costanza vuol dire che stai facendo bene il tuo lavoro e si è preoccupati dei risultati e del consenso che né puoi ricevere, non voglio certo pensare che ci sia un po' di dispetto nei miei confronti per avere occupato il suo ex posto.
Ma prima di me, l'assessora si chiede che cosa sia venuto a fare il Giurlani a Pescia, ma che voleva questo ormai oriundo disperso sulle montagne toscane, ma che rimanesse là che a Pescia avevamo già un candidato naturale. Ora qualcuno ci dovrebbe spiegare che cosa è un candidato naturale, cos'è un candidato che ha avute le stimmate dal (qualche) Signore oppure era semplicemente il ripetersi di un rito noto a Pescia, cioè quello che qualcuno, da qualche parte, decideva tutto. E non solo le candidature. Ma poi tanto naturale non doveva essere visto che le primarie le vinse il Giurlani.
Ma non era questo il maggior peccato del Giurlani, il peccato, l'illusione, il sogno del Giurlani era quello di provare a cambiare le cose a Pescia, una politica che aveva soffocato la città e le sue energie, che sono tante. Perché qualcuno ci dovrebbe spiegare, avendo governato sia una parte che l'altra, come mai "adesso bisogna cambiare", anzi sono anni, decenni che bisognava cambiare, l'idea di sviluppo, di società, di modi e tempi del governare la città. Oh, signori e signore, ma ci eravate voi, ci eravate voi e sarà il caso che siate i primi a tirarvi da parte.
Si, il Giurlani, anche per il suo modo di essere, lavoro, lavoro, lavoro, poteva scardinare questo grumo di potere, questo ingessamento della città, ed è per questo che è stato fin da subito combattuto, anche all'interno di quello che allora era il suo Partito, troppo intraprendente, troppo concreto, troppo legato alle necessità vere dei suoi concittadini per poter essere controllato, altro che le beghe dell'Uncem.
Ma le persone l'hanno capito bene, hanno visto quello che è  stato e il sindaco ha fatto anche nel contrasto difficile agli effetti della pandemia e anche in questi giorni difficili lo stanno dicendo pubblicamente e difendono il "loro" sindaco.
È stato talmente inviso anche dai suoi ex compagni di partito che nemmeno il riconoscimento del lavoro nel Giurlani primo, parlo di cose concrete non di progetti più o meno futuribili, è stato fatto. Ma le scuole di Pescia, sapete quei luoghi dove stanno per ore i vostri figli, chi le ha messe a posto il Giurlani o i vostri discorsi, e perché erano in quello stato di abbandono, spiegatelo e soprattutto spiegatelo ai vostri concittadini.
E a proposito della coerenza, anche qui richiamata dalla exassessora, ci spieghi lei se quel candidato imposto, non dai voti della gente ma non si sa da quale nomenclautara era questo,  perché è  entrata a far parte di quel Consiglio e di quella Giunta!?
No, io non sono mai stato contro Pescia, l'ho già detto, ma sono stato e sono contro una idea che ha rinchiuso questa città in se' stessa, che ha per questo limitato anche le sue notevoli potenzialita',  che spesso l'ha portata solo a chiedere senza mai dare,che gli ha impedito di assumere il ruolo che la sua storia gli aveva lasciato in eredità, essere la "capitale" culturale e politica prima ancora che economica, pur avendo tante potenzialità, della Valdinievole.
Bene, io e gli altri vogliamo solo cercare di portare il nostro contributo, pur piccolo che sia, a questo obbiettivo".

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




11/1/2021 - 12:08

AUTORE:
Valentina

In Italia il sistema economico, giuridico, etico,morale, fa acqua da tutte le parti. Il nostro amato sindaco è il concentrato di tutto ciò.
Per i giurlaniani è doveroso difenderlo,ma smettiamola di sostenerlo, con il covid si è fatto le spalle e la bocca grande,ha fatto soltanto una parte del suo dovere, ma si vogliono sotterrare i danni economici che il signor sindaco ha fatto con i soldi non suoi? Se lo ritenete così onesto ,fategli dare le dimissioni, ci ha stufato con il suo falso moralismo, e Morelli veramente può tornare al proprio comune di residenza.

10/1/2021 - 15:43

AUTORE:
Ariete

Morelli facci un piacere...torna da dove sei venuto vaii!!!

10/1/2021 - 12:57

AUTORE:
pesciatino

Ribadisco cio' che ripeto da tempo, il silenzio a volte puo' essere assordante, la condanna inflitta al nostro sindaco , ha il sapore di " vendetta " politica, hanno voluto colpire , chi ha saputo fare di piu' e meglio di loro. Costoro sono bravi a parole , ma quando si tratta di fatti, sono come gli evasi, ben nascosti. Mi chiedo con che faccia si presentano tra noi cittadini, con quei falsi sorrisetti da sapientoni. Avete fatto il vostro tempo, avete avuto in passato modo di sistemare la citta' in meglio, e cosa abbiamo avuto tutti noi pesciatini ? Una cittadina morta come le foglie d'autunno, ogni cosa cadeva a terra e nessuno di voi ( a parte i sorrisetti falsi ) ha fatto nulla per riportala al suo splendore. Ed ho anche un pensiero cattivo che mi attanaglia...... se con la pandemia eravate voi sullo scranno..... sarei sempre vivo adesso ? Grazie Giurlani, solo per essersi preso cura di tutti noi. Il suo senso di responsabilita' per i suoi cittadini dara' i suoi frutti.