Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 17:06 - 14/6/2021
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Certo è un bel disagio, ma se abitassi in zona andrei ha manifestare davanti il Municipio per settimane, scandaloso. . . . . pio la colpa morì fanciulla.
CALCIO

Una cavalcata lunga vent'anni con solo...quattro allenamenti saltati. Questa è la straordinaria carriera di mister Ciro Mucedola.

CALCIO

In occasione della partita di campionato di serie C, girone C, fra Pistoiese e Bologna ( conclusasi con la vittoria delle arancioni per 5-2), si è tenuta, allo stadio Melani di Pistoia, un giornata dedicata allo sport declinato al femminile.

BOCCE

Nel campionato italiano di promozione di prima categoria delle bocce, porta di accesso all’A2 oggi è cominciato il girone di ritorno.

RALLY

Terzo impegno stagionale in Romania per PAVEL GROUP nel Campionato Nazionale di rally. Oggi, la Skoda Fabia R5 del Team, in gara con Sebastian Barbu, e Bogdan Iancu ha chiuso al secondo posto la quinta prova di Campionato.

CALCIO

Nella splendida location della Fattoria Il Poggio di Montecarlo di Lucca si è tenuta la prima riunione del Consiglio dell' AD Valdinievole Montecatini della stagione 2021-2022.

CICLISMO

Domenica 13 giugno si terrà a Pescia la 5° edizione della Randonnée di Pinocchio dedicata agli appassionati delle due ruote. Quest’anno sono previsti ben 4 tracciati.

BASKET

Con l’approdo di Luca Andreoli a Le Mura Lucca, il presidente Massimo Nerini ha promosso Francesco Nieddu capoallenatore della prima squadra.

CALCIO

"E’ già trascorso ormai un mese dal comunicato del presidente Orazio Ferrari, con il quale annunciava le proprie dimissioni dalla presidenza della Pistoiese, e oltre una settimana dal sit-in della tifoseria arancione, ma in sostanza la situazione appare a oggi invariata".

none_o

Consigli di lettura per bambini di Ilaria.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori è dedicata a un libro di Laura Imai Messina.

Una grande fattoria,
assomiglia a uno stivale,
contornata .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti

La parabola umana e artistica di Leda Rafanelli abbraccia tutto il Novecento.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giulio Cozzani

Storia e curiosità del comune di Buggiano.

Selezioniamo infermieri laureati iscritti all'albo per nuovo .....
Sono un “maturo” chitarrista della Valdinievole e cerco un .....
none_o
Sentenza durissima per Oreste Giurlani: pena di 6 anni e 7 mesi e interdizione dai pubblci uffici

7/1/2021 - 18:45

PESCIA - E' durissima la condanna comminata a Oreste Giurlani dal tribunale di Firenze. All'ex presidente dell'Uncem Toscana sono stati infatti dati 6 anni e 7 mesi per peculato e abuso d'ufficio per reati che avrebbe compiuto durante il periodo in cui è stato alla guida delle comunità montane.


Il pm Tommaso Coletta aveva chiesto una pena di 5 anni e 3 mesi, ma questa è aumentata in sede di sentenza.

 

Forti anche le ripercussioni che questa vicenda potrà avere nel suo ruolo di primo cittadino. La sentenza è stata infatti trasmessa alla prefettura di Pistoia affinché valuti un'eventuale sospensione dall'incarico di sindaco, in quanto sono state accolte anche le istanze dell'accusa riguardanti una interdizione perpetua dai pubblici uffici. Confiscati anche beni per un totale di 580mila euro. Giurlani è stato invece assolto perché il fatto non sussiste dall'accusa di traffico di influenze.

 

Secondo quanto accertato dalla finanza, tra il 2005 e il 2016 Giurlani si sarebbe appropriato di denaro appartenente all'Uncem, 'autoliquidandosi' oltre 300mila euro senza alcuna giustificazione di spesa e altri 240mila creando giustificazioni contabili fittizie. Inoltre avrebbe ricevuto dall'Uncem compensi per 143mila euro per consulenze da lui effettuate a seguito di incarichi autoconferiti.

 

Di seguito il commento del sindaco Oreste Giurlani.
"Finalmente il percorso della giustizia è entrato nel merito delle accuse mosse a mio carico. Siamo alla prima fase, che si è conclusa con una condanna, i cui elementi mi riservo di valutare con calma, insieme ai miei legali.
Ma è solo la prima fase. La Costituzione Italiana (articolo 27) stabilisce che "L'imputato non è considerato colpevole sino alla condanna definitiva".

Con tutta evidenza la presunzione di innocenza e il principio di non colpevolezza devono indurci a evitare di fare processi fuori dalle aule di giustizia. Delle accuse si è parlato a lungo, come pure delle mie ragioni di discolpa.
Voi cittadini mi avete confermato la vostra fiducia, sia quando in 4.000 avete sottoscritto la richiesta perché mi candidassi a sindaco nel 2017, sia quando mi avete eletto nel 2018.

Ora vi chiedo di continuare ad avere fiducia. Aspettiamo i tre gradi di giudizio e le somme le tireremo insieme alla fine. Ho detto e confermo che il mio comportamento è sempre stato corretto e che sono certo della mia innocenza.

 

Confermo la mia fiducia nella giustizia e nella squadra che sta governando Pescia".
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




9/1/2021 - 11:17

AUTORE:
vincenzo

A me sembra che tu rappresenti la prima che scrivi con l'aggiunta della seconda senza il no.

Stiamo parlando di condanna penale di una persona che si presume innocente e che in tale veste vede la sua esistenza comunque "scardinata" .

Un po' di pazienza e prudenza e aggiungerei rispetto ?

Il sadico piacere di vedere il nemico sofferente comunque e condannato definitivamente prima del tempo , è la becera concezione del diritto delle Marianne che facevano la calza sotto la ghigliottina.

Naturalmente sarò accusato come difensore del "mostro" e non del diritto , ma me ne faro' una ragione .
I ragli degli asini .....

9/1/2021 - 11:11

AUTORE:
Devis

Grazie per il chiarimento

8/1/2021 - 20:16

AUTORE:
vincenzo

per DEVIS

Quasi nessuno in caso di tamponamento percorre la via Penale limitandosi ad accordarsi extragiudizialmente con la assicurazione.

Si tratta di un grosso errore concettuale .

La responsabilità penale è personale e le cause possono essere due . L'una penale e l'altra civile . Corrono parallelamente e non dipendono l'una dall'altra . Il danneggiato può aver ragione in sede penale e non in sede civile o viceversa. Se ha ragione in tutti e due sceglie il rimborso a lui più favorevole (non tutti e due hihihi)

Dunque il fatto della corte dei conti , non entra nel processo penale per cui il Sindaco sospeso può benissimo essere assolto in sede penale .

Non a caso il nostro sistema prevede la magistratura contabile , quella civile e quella penale che sono indipendenti le une dalle altre Anche se le prove siano le stesse , non è automatica la stessa valutazione in altra sede .

Sono miei ricordi veramente "vecchi" ma non credo che nel frattempo le regole siano cambiate.

8/1/2021 - 13:56

AUTORE:
Devis

Vorrei ricordare che è già stato condannato in via definitiva dalla corte dei conti (e quindi l'illecito dovrebbe essere già stato dimostrato). Quindi se venisse in seguito assolto dalla magistratura, cosa succederebbe con 2 sentenze in contrasto? Chiedo lumi a chi ne sa di più

8/1/2021 - 13:44

AUTORE:
Marco Marco

per Giurlani personalmente non provo pena e se dovessi giocarmi un soldo me lo giocherei sulla sua colpevolezza.
Ma questo non toglie che i gradi di giudizio siano 3 e quindi una condanna in primo grado non è definitiva per buona pace dei manettari.
E' anche vero che nel sistema giudiziario si necessita di denaro per sostenere la propria innocenza e spesso tanti si devono fermare al patteggiamento o alla prima condanna per mancanza di risorse.
Non dovrebbe però essere il caso di Giurlani.

8/1/2021 - 12:55

AUTORE:
buoni si, scemi no

Giurlani giustifica come faceva a fare 11.000 km IN UN MESE per consulenze per la comunità montana e gli si abbuona tutto.

gli si abbuona i regali comprati con i soldi pubblici per motivi "di rappresentanza".

gli si abbuona le autoassegnazioni di incarichi tecnici che in Italia solo lui poteva fare e a cifre non proprio da amico.

ecc ecc.

Se vi garba passare da fessi.
In Italia, con la camicia fuori dai pantaloni che fa così "amichevole", piace.

8/1/2021 - 10:38

AUTORE:
vincenzo

Sei sicura della tua affermazione e che i lavoratori perdano i benefici in maniera definitiva ?

Gioire per una condanna non è poi il massimo (non mi riferisco al tuo commento) , ma un po' di prudenza nel giudicare definitivamente , non sarebbe male .

Si tratta di una questione complessa di cui occorrerebbe prudenza in attesa della sentenza tombale della magistratura a cui solo compete il giudizio .

Capisco come il garantismo sia cosa ostica per chi giudica la giustizia giusta quando ti da ragione e lenta e farraginosa quando non ti contenta .

Si tratta delle vita di una persona che da anni vive in disagio e che ancora per molto tempo continuerà a viverlo e che sta già di fatto subendo una condanna forse peggiore della definitiva.

Crucifige non appartiene alla nostra civiltà .

8/1/2021 - 9:25

AUTORE:
Valentina

Cari seguaci, a volte la condanna definitiva è maggiore , mettetevi nei panni di quei dipendenti a cui non sono stati versati i contributi.

7/1/2021 - 22:34

AUTORE:
Maurizio

Visti i fatti che aspetta a dimettersi?

7/1/2021 - 19:56

AUTORE:
luciano

A Pescia c'è già chi canta vittoria e giosce per la condanna, ma si dimentica che fino al terzo grado di giudizio la sentenza non verrà applicata, dato che potrebbe essere modificata.
Sicuramente verrà sospeso dalla carica di sindaco, per effetto della legge Severino, ma non andrà in carcere, nè verrà interdetto dai pubblici uffici.
Certo sarebbe stato meglio che prima di candidarsi a sindaco avesse risolto i suoi problemi giudiziari, ma l'hanno votato i cittadini, anche perchè, evidentemente l'alternativa non piaceva....

7/1/2021 - 19:50

AUTORE:
ALESSANDRA

La sentenza è stata davvero durissima, ma siamo al primo grado! Speriamo che possa provare la sua innocenza nei gradi successivi. La nostra comunità ha bisogno di un sindaco valido come lui, che si impegna al 100% per la gente di Pescia. Forza, tieni duro!

7/1/2021 - 19:16

AUTORE:
Diegundo

Dura lex sed lex

7/1/2021 - 18:58

AUTORE:
pesciatino

Se il PD pensa di poter tornare , dopo la sentenza , al potere , se lo scordi, piuttosto il commissariamento. Costoro sono molto peggio del virus, Dio ce ne scampi... e liberi.