Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 18:01 - 23/1/2021
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Quello che in apparenza è un problema di oggi , e cioè di questi sacchi rossi che identificano l"APPESTATO" non è cosa nuova . Nei Promessi Sposi , la vedova con figli si raccomando' a Renzo perché .....
CALCIO

Dopo mesi e mesi trascorsi nella vana speranza che qualcosa si muova all'orizzonte, le Società iscritte ai campionati regionali di Eccellenza hanno deciso di passare all' azione. Per questo abbiamo sentito uno dei più apprezzati e stimati dirigenti sportivi della Toscana, il Direttore Generale del Montecatini Fabrizio Giovannini.

CALCIO FEMMINILE

Colpo della Pistoiese! Ecco il centrale ErriquezEleonora Erriquez, nata il 31/01/2001 arriva in arancione in prestito dall'AudaxRufina.

BASKET

Prestazione da incorniciare per la Giorgio Tesi Group Pistoia, che infligge la prima sconfitta stagionale alla capolista Forlì dopo un secondo tempo da urlo.

BASKET

Un’altra puntata del derby tra la Giorgio Tesi Group Nico Basket e la Bruschi Basket Galli San Giovanni Valdarno è previsto per sabato 23 gennaio, al Pala Pertini di Ponte Buggianese. Palla a due alle ore 21.

BASKET

L’ala-pivot di origini lituane Laura Zelnyte è stata una delle sorprese più piacevoli di questa prima parte di stagione della Gtg Nico Basket.

SPORT

Si è svolta lunedi 18 gennaio nel salone del circolo Acli di Masiano l’assemblea ordinaria elettiva valida per il rinnovo delle cariche del consiglio provinciale Csi di Pistoia.

BASKET

La Giorgio Tesi Group Pistoia cala il poker mandando al tappeto la capolista Ferrara al termine di una prestazione di grande intensità e furore agonistico, decisa solo dopo un tempo supplementare.

BASKET

Oltre ai due punti conquistati, c'è grande soddisfazione in casa Nico Basket per l'esordio della giovanissima Giada Modini, che ha pure realizzato due tiri liberi con la freddezza di un'adulta. Nota negativa invece l'infortunio alla caviglia di Sofia Frustaci, che ci auguriamo non sia grave.

none_o

La galleria Me Vannucci è lieta di partecipare ad Artefiera Playlist.

none_o

Esce a gennaio Anima liquida, terzo capitolo del progetto Breaking Book.

Valle squisita,
Valle incantata,
Valle laterale al bacino .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti
FILATELIA
di Giancarlo Fioretti

Il Sovrano Militare Ordine di Malta rende omaggio all'arte moderna.

SCUOLA di BALLO e DANZA ACCADEMICA MARGINE COPERTA

asd " ENERGY .....
Smarrita chiavetta usb marca Lexar bianca con tappo arancione. .....
none_o
"A Natale, Dio diventa un volto": il messaggio del vescovo per il Santo Natale 2020

24/12/2020 - 9:55

PESCIA - Ecco gli auguri di Natale del vescovo Roberto Filippini.

 

"Forse perché, in questi tempi di Natale targato Covid, siamo costretti a nascondere il volto e le maschere d’ordinanza ci rendono tutti inespressivi, velando i sorrisi e le malinconie, ho sentito quanto mai adeguati questi versi di Didier Rimaud S.J. 
 
Fino a quando Signore potrai dimenticarmi?
Fino a quando mi nasconderai il tuo volto? 
Fino a quando avrò l’animo in pena
e ogni giorno, un cuore senza gioia?
            Non essere più           
            soltanto una parola, o Dio: 
            diventa un volto per noi!
Guarda e rispondimi, Signore!
Lascia che i miei occhi vedano la luce.
Salvami dal sonno della morte;
che i miei nemici non ridano di me.
            Non essere più           
            soltanto una parola, o Dio: 
            diventa un volto per noi!
Io me ne sto al sicuro nel tuo amore,
il mio cuore è in festa, perché tu mi salvi;
canterò, canterò al Signore
per tutto il bene che mi ha voluto.
            Non essere più           
            soltanto una parola, o Dio: 
            diventa un volto per noi!
 
Non è certo un’impresa da poco mettersi in gara con i salmi biblici, ma al gesuita francese, liturgista e poeta, non è mancato l’ardimento e ha superato la prova con finezza ed estro. Ha ripreso dal salterio lo schema frequente del lamento-invocazione-lode, e genialmente ha proposto un ritornello che sorprende il lettore e dopo un attimo di spiazzamento, lo conquista. Desta stupore e cattura, quel rivolgersi a Dio per chiedergli di non essere solo una parola!


Dio, parola invocata all’infinito in formule rituali o gridata in esclamazioni disperate, usata e abusata in prediche e in conferenze; una parola che unisce e che divide miliardi di persone, che fornisce identità contrapposte micidiali, senza sapere alla fin fine quale sia il suo significato reale e addirittura se vi sia veramente una realtà che le corrisponda. Dio è soltanto una parola? È una cifra misteriosa che dovrebbe spiegare il senso di tutto ciò che è, oppure è un suono vuoto che camuffa l’abisso pauroso del nulla?


Con questo inquietante dilemma, l’Antico Testamento è tutto attraversato dal desiderio di vedere il volto di Dio e di trovarsi alla sua presenza, di continue richieste perché non lo nasconda, sdegnato del suo popolo (Dt 31,17; 32,20; Is 8,17) e perché invece lo mostri, misericordioso e benevolo. Il devoto ebreo fa di tutta la sua vita una costante ricerca del volto del Signore (Sal 27,8): “cercate sempre il suo volto” si legge nel Salmo 105,4, nonostante si abbia il timore di esserne folgorati (Es 3,6;), nella consapevolezza che nessuno può contemplarlo direttamente e rimanere vivo (Ez 1,28)!  Allo stesso Mosè che poteva presentarsi davanti a Lui in colloquio amichevole, Dio concede tutt’al più di mostrargli le spalle (Es 33,23)!


“Dio nessuno lo ha mai visto: il Figlio unigenito, che è Dio ed è nel seno del Padre, è lui che lo ha rivelato” (Gv 1,18). La conclusione del prologo giovanneo ribadisce il mistero e l’enigma divino, ma proclama con gioia squillante chi lo ha risolto: Dio non è più soltanto una parola, è diventato un volto! Anzi, sempre secondo Giovanni, in Gesù “la parola si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi”: Gesù, la parola divina dal volto umano. È ciò che celebriamo a Natale. Dio esce dalla nube oscura ed accecante della sua gloria impenetrabile e si fa incontrare nell’uomo di Nazareth, il Figlio eterno che nella sua esistenza terrena ci ha narrato tutto del Padre, sul cui volto si è specchiato il volto di Dio: “Chi ha visto me, ha visto il Padre” (Gv 14, 9). Fissiamo dunque lo sguardo su di Lui: è’ il volto divino della tenerezza e della misericordia di chi ha perdonato persino i suoi persecutori, è il volto della compassione e della speranza di chi si è chinato sui malati e gli agonizzanti, è il volto della condivisione e della gratuità di chi ha spezzato il suo pane e la sua vita per rendere tutti gli uomini fratelli. Carissimi in questa notte triste senza volti, contempliamo il volto di Gesù Bambino, è il volto dell’amore che ci offre il suo sorriso e la sua pace. 

Buon Natale a tutti voi!".

Fonte: Diocesi di Pescia
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: