Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 18:01 - 24/1/2021
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Quello che in apparenza è un problema di oggi , e cioè di questi sacchi rossi che identificano l"APPESTATO" non è cosa nuova . Nei Promessi Sposi , la vedova con figli si raccomando' a Renzo perché .....
BASKET

Col risultato finale di 82-61, tra l’altro la Nico Basket ha ribaltato la differenza canestri (all’andata era stata sconfitta di tredici lunghezze), che potrebbe essere utile per un posto migliore nei playoff in caso di arrivo alla pari in classifica.  

CALCIO

Dopo mesi e mesi trascorsi nella vana speranza che qualcosa si muova all'orizzonte, le Società iscritte ai campionati regionali di Eccellenza hanno deciso di passare all' azione. Per questo abbiamo sentito uno dei più apprezzati e stimati dirigenti sportivi della Toscana, il Direttore Generale del Montecatini Fabrizio Giovannini.

CALCIO FEMMINILE

Colpo della Pistoiese! Ecco il centrale ErriquezEleonora Erriquez, nata il 31/01/2001 arriva in arancione in prestito dall'AudaxRufina.

BASKET

Prestazione da incorniciare per la Giorgio Tesi Group Pistoia, che infligge la prima sconfitta stagionale alla capolista Forlì dopo un secondo tempo da urlo.

BASKET

Un’altra puntata del derby tra la Giorgio Tesi Group Nico Basket e la Bruschi Basket Galli San Giovanni Valdarno è previsto per sabato 23 gennaio, al Pala Pertini di Ponte Buggianese. Palla a due alle ore 21.

BASKET

L’ala-pivot di origini lituane Laura Zelnyte è stata una delle sorprese più piacevoli di questa prima parte di stagione della Gtg Nico Basket.

SPORT

Si è svolta lunedi 18 gennaio nel salone del circolo Acli di Masiano l’assemblea ordinaria elettiva valida per il rinnovo delle cariche del consiglio provinciale Csi di Pistoia.

BASKET

La Giorgio Tesi Group Pistoia cala il poker mandando al tappeto la capolista Ferrara al termine di una prestazione di grande intensità e furore agonistico, decisa solo dopo un tempo supplementare.

none_o

La galleria Me Vannucci è lieta di partecipare ad Artefiera Playlist.

none_o

Esce a gennaio Anima liquida, terzo capitolo del progetto Breaking Book.

Valle squisita,
Valle incantata,
Valle laterale al bacino .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti
FILATELIA
di Giancarlo Fioretti

Il Sovrano Militare Ordine di Malta rende omaggio all'arte moderna.

SCUOLA di BALLO e DANZA ACCADEMICA MARGINE COPERTA

asd " ENERGY .....
Smarrita chiavetta usb marca Lexar bianca con tappo arancione. .....
ABETONE CUTIGLIANO
Giani: "Giani favorisca l’apertura degli impianti sciistici, in ballo il posto di lavoro di molte persone”

30/11/2020 - 14:43

“Siamo assolutamente d’accordo - affermano Elisa Montemagni, Luciana Bartolini e Alessandro Barachini, rispettivamente consiglieri regionali della Lega e il sindaco reggente di Abetone-Cutigliano - riguardo alla pressante richiesta venuta dagli assessori delle regioni del Nord-Italia, in merito alla necessità di aprire gli impianti di sci.”

 

“Pensiamo - proseguono Montemagni, Bartolini e Barachini - che adottando misure adeguate in termini di sicurezza, garantendo, quindi, un ragionevole contingentamento sulle piste, sia doveroso, dunque, permettere ai tanti operatori del settore di poter lavorare in vista delle prossime festività.”

 

“La quasi totalità di loro - precisano i rappresentanti della Lega - traggono, infatti, il loro sostentamento annuale, dai pochi mesi d’attività invernale e quindi precludergli tale possibilità sarebbe come infliggere un colpo mortale a tutto questo importante segmento economico.”

 

“Sono svariate, infatti - sottolineano gli esponenti leghisti - le realtà imprenditoriali coinvolte, tra cui le scuole di sci, chi noleggia le attrezzature, le aziende di trasporto, gli hotel ed ovviamente chi gestisce funivie e cabinovie.”

 

“E’ impensabile e inaccettabile - insistono Montemagni, Bartolini e Barachini - dopo tutti gli sforzi fatti per essere pronti ad accogliere gli ospiti, a seguito di una meticolosa azione di messa a punto degli standard di sicurezza, ricevere un secco e definitivo no da parte del governo.”

 

“A tal proposito - concludono Elisa Montemagni, Luciana Bartolini e Alessandro Barachini - redigeremo una missiva da inviare al presidente Giani e all’assessore competente in cui chiederemo che si facciano portavoci, verso l’Esecutivo, delle forti e naturali richieste di apertura degli impianti, da noi condivise, provenienti da tutto il sistema turistico montano della Toscana.”

Fonte: Lega
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




6/12/2020 - 15:48

AUTORE:
Valdinievolino

Con dolore ed a malincuore devo dire che questa volta Vincenzo ha un po di ragione. Ormai l'imprenditoria turistica di un tempo non c'è più. Adesso assistiamo ad un fare impresa che tende a vivacchiare su alcune caratteristiche peculiari del territorio, senza pensare al domani oppure ad alternative per i periodi di bassa stagione. Circa tre anni fa un viareggino mi disse che loro erano abituati a lavorare 3 mesi l'anno e con il guadagno di quei tre mesi dovevano viverci per tutto l'anno. Paradossalmente in quel periodo, che era dicembre, andai in Spagna, sulla costa Brava. Gli alberghi erano aperti e parlando con un dirigente turistico del luogo mi spiegò che i prezzi degli alberghi in inverno erano bassissimi per attrarre turisti da tutta Europa. Anche se gli hotel lavoravano con margine di guadagno a zero questo permetteva ai negozi, bar e ristoranti di lavorare.
Poi due anni fa sono andato a Venezia. A parte Piazza S. Marco il resto della città non è altro che intonaci di facciate che stanno crollando. I traghetti erano sempre quelli di trent'anni fa. I bagni pubblici erano tutti gestiti da romeni o cinesi col prezzo di 2 euro a pisciata, e naturalmente tenuti come latrine medioevali. Nei ristoranti, bar e negozi lo scontrino non sapevano neanche cosa fosse...in albergo mi dissero che se volevo la ricevuta dovevo anche pagare la tassa di soggiorno di 6 euro a persona. Senza ricevuta non mi facevano pagare la tassa. Insomma la colpa è di un intero paese che non funziona, non ha idee, prospettive. Siamo tutti contro tutti,...l'unione europea ci multa tutti gli anni perchè non applichiamo la direttiva sulle concessioni delle spiagge...la multa la paghiamo tutti i cittadini ma il vantaggio è solo dei gestori dei bagni. Che la multa se la paghi chi ne trae vantaggio, come la sanzione europea per la non corretta applicazione sulla sicurezza sui luoghi di lavoro. Sono anni e anni che la paghiamo tutti i cittadini, ma il vantaggio è solo di alcuni imprenditori. Insomma ci sono troppe cose che non vanno. Non cìè più senso dello stato, ognuno cerca di accaparrarsi quello che può ...e per il domani qualcuno si arrangerà. Ripeto secondo me questa volta Vincenzo ha ragione. Ma solo questa volta.

3/12/2020 - 15:24

AUTORE:
Trebbio

E invece il rispetto, non dico per i morti e per le categorie più a rischio (medici, infermieri, ecc), per tutti coloro che sono ancora chiusi da febbraio? Credete di essere gli unici con i posti di lavoro a rischio?

2/12/2020 - 11:12

AUTORE:
vincenzo

Sono troppo vecchio per non ricordare l'approccio degli abetonesi , ai turisti della domenica .

Si diceva un tempo che per loro esisteva solo la necessità di incassare magari con un vaglia da parte di chi non doveva venire a rompere .

Le piste , i servizi , le Zeno sempre chiuse e gli ski pass con il percorso troncato da tratti slegati .

Ora leggiamo che questi "poveretti" vivono un anno intero sullo sci . E per il resto dell'anno ?

Ricordo anche la mancanza dell'acqua potabile , quando con i nuovi cannoni non si penso' che avrebbero consumato acqua .

Ricordo l'incuria per le piste e terribili strettoie .

Ricordo lo slittone , simile al carro del demonio che portava i dannati all'inferno .

Ricordo il catinozzo con una risalita attaccati ad una fune e troppe altre cose .

Ora , dopo gli ski pass di favore della primavera scorsa (ed il casino seguente) , ci riprovano i nostri eroi , ben appoggiati dai difensori della patria leghisti .

State a casa . State a casa . State a casa