Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 18:01 - 24/1/2021
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Quello che in apparenza è un problema di oggi , e cioè di questi sacchi rossi che identificano l"APPESTATO" non è cosa nuova . Nei Promessi Sposi , la vedova con figli si raccomando' a Renzo perché .....
BASKET

Col risultato finale di 82-61, tra l’altro la Nico Basket ha ribaltato la differenza canestri (all’andata era stata sconfitta di tredici lunghezze), che potrebbe essere utile per un posto migliore nei playoff in caso di arrivo alla pari in classifica.  

CALCIO

Dopo mesi e mesi trascorsi nella vana speranza che qualcosa si muova all'orizzonte, le Società iscritte ai campionati regionali di Eccellenza hanno deciso di passare all' azione. Per questo abbiamo sentito uno dei più apprezzati e stimati dirigenti sportivi della Toscana, il Direttore Generale del Montecatini Fabrizio Giovannini.

CALCIO FEMMINILE

Colpo della Pistoiese! Ecco il centrale ErriquezEleonora Erriquez, nata il 31/01/2001 arriva in arancione in prestito dall'AudaxRufina.

BASKET

Prestazione da incorniciare per la Giorgio Tesi Group Pistoia, che infligge la prima sconfitta stagionale alla capolista Forlì dopo un secondo tempo da urlo.

BASKET

Un’altra puntata del derby tra la Giorgio Tesi Group Nico Basket e la Bruschi Basket Galli San Giovanni Valdarno è previsto per sabato 23 gennaio, al Pala Pertini di Ponte Buggianese. Palla a due alle ore 21.

BASKET

L’ala-pivot di origini lituane Laura Zelnyte è stata una delle sorprese più piacevoli di questa prima parte di stagione della Gtg Nico Basket.

SPORT

Si è svolta lunedi 18 gennaio nel salone del circolo Acli di Masiano l’assemblea ordinaria elettiva valida per il rinnovo delle cariche del consiglio provinciale Csi di Pistoia.

BASKET

La Giorgio Tesi Group Pistoia cala il poker mandando al tappeto la capolista Ferrara al termine di una prestazione di grande intensità e furore agonistico, decisa solo dopo un tempo supplementare.

none_o

La galleria Me Vannucci è lieta di partecipare ad Artefiera Playlist.

none_o

Esce a gennaio Anima liquida, terzo capitolo del progetto Breaking Book.

Valle squisita,
Valle incantata,
Valle laterale al bacino .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti
FILATELIA
di Giancarlo Fioretti

Il Sovrano Militare Ordine di Malta rende omaggio all'arte moderna.

SCUOLA di BALLO e DANZA ACCADEMICA MARGINE COPERTA

asd " ENERGY .....
Smarrita chiavetta usb marca Lexar bianca con tappo arancione. .....
PISTOIA
#stelleincorsia a Pistoia, il dono di Coldiretti ad infermieri e medici dell’ospedale San Jacopo

28/11/2020 - 14:39

Rosse, bianche e benauguranti Stelle di Natale sono state donate stamattina a medici ed infermieri dell’Ospedale San Jacopo di Pistoia. L’iniziativa #stelleincorsia a Pistoia è uno dei tanti appuntamenti di Coldiretti negli ospedali toscani. Alla presenza di Lucilla Di Renzo, direttrice sanitaria Presidio ospedaliero pistoiese in rappresentanza degli operatori sanitari, di Marco Niccolai, consigliere regionale, il presidente di Coldiretti Pistoia Fabrizio Tesi ha dichiarato: “Le stelle di Natale sono una delle eccellenze del polo floricolo di Pescia, che daranno calore a chi è in prima linea e alle proprie famiglie. Un segno tangibile della gratitudine del mondo agricolo a chi in questi lunghi mesi di emergenza covid lavora nel comparto più delicato dell’emergenza, la sanità ospedaliera. L’iniziativa #stelleincorsia si tiene grazie alla generosità del nostro florovivaismo, settore che sta pagando come tutti la crisi dovuta all’emergenza covid”.
 
In tutta la Toscana sono state donate migliaia di Stelle Di Natale – riferisce Coldiretti Toscana, specificando che la regione è la capitale nazionale della pianta natalizia con oltre 5 milioni di stelle natalizie tra piante in vaso ed in forme diverse.
Il 2020 è un anno da dimenticare per il florovivaismo toscano a causa dell’emergenza Coronavirus che sta mettendo in ginocchio uno dei settori più belli e amati del made in Italy, quello del florovivaismo – denuncia Coldiretti Toscana - con un miliardo di fiori e piante che sono appassiti e andati distrutti con il divieto di cerimonie come battesimi, matrimoni, lauree e funerali ma anche per il blocco della mobilità e le difficoltà nelle esportazioni.
Niente fiori per gli innamorati, per la mamma, per i propri cari nei cimiteri che in molti casi restano chiusi e ora - aggiunge Coldiretti Toscana - è a rischio anche il Natale con le limitazioni alle aperture di garden, ambulanti, negozi al dettaglio di fiori e piante mette a repentaglio i circa 8 milioni di alberi di Natale veri e di Stelle di Natale made in Toscana che ogni anno trovano spazio nelle case in occasione delle feste, secondo una tradizione consolidata.
“Le limitazioni alle attività d’impresa devono prevedere un adeguato sostegno economico e iniezioni di liquidità per il settore florovivaistico – lancia l’allarme Coldiretti Toscana – perché da tutelare c’è il futuro di un comparto chiave del Made in Italy, con il valore della produzione toscana di fiori e piante stimato in 940 milioni di euro grazie a quasi 3.500 imprese che ora si trovano in gravissime difficoltà, con il fatturato delle aziende crollato in media del  59.5% in Toscana.
In Toscana durante il primo lockdown causato dal Coronavirus – riferisce Coldiretti Toscana – sono crollati gli acquisti di fiori recisi, di fronde e fiori in vaso, le produzioni tipiche della primavera e si sono fermate anche le vendite e l’export di alberature e cespugli, in un periodo in cui per molte aziende si realizza oltre il 75% del fatturato annuale, grazie ai tanti appassionati dal pollice verde che con l’aprirsi della stagione riempiono di piante e fiori case, balconi e giardini.
“A rischio anche le festività natalizie, con piante, alberi e fiori che stanno subendo un ingiustificato blocco nelle vendite. La Toscana è la capitale nazionale dell’abete naturale – ricorda Coldiretti Toscana - con oltre 3 milioni di esemplari coltivati concentrati tra il Casentino, Valtiberina e Pistoia, mentre tra la Versilia e la provincia di Massa Carrara si producono circa 4 milioni di stelle natalizie, con un fatturato tra i 15 ed i 17 milioni di euro, i due terzi del totale della produzione toscana che si attesta intorno ai 5 milioni di esemplari tra piante in vaso ed in forme diverse, dalle versioni mini a quella di diametro 10 fino al cespuglio e agli alberelli.
“Occorrono provvedimenti che tutelino e facciano da volano al settore florovivaistico toscano, con piante fiori e semi, che conta 3500 aziende, il 30% della produzione agricola lorda vendibile ed il 15% del florovivaismo nazionale”, conclude Coldiretti Toscana.
Coldiretti Toscana lancia un appello alla grande distribuzione, ai mercati e a tutti i punti vendita affinché promuovano la vendita di fiori e piante Made in Toscana, perché fiori e piante tricolore aiutano a vincere la paura e portano felicità nelle case, nelle vite e rendono certamente più gioiose le festività natalizie che quest’anno risentiranno delle distanze imposte anche tra familiari dall’emergenza Covid.

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




29/11/2020 - 15:31

AUTORE:
Simo

Dispiace che quando si parla di sanità pistoiese si parli solo dell ospedale San Jacopo,sicuramente un presidio importante ma dimenticandosi o facendo passare in 2° piano il Ss Cosma e Damiano di Pescia.
È un ospedale più piccolo ma che funziona benissimo con personale sanitario prepaeatissimo e se il personale di Pistoia si è meritato, giustamente, le stelle di natale perché quello di Pescia no?

28/11/2020 - 18:17

AUTORE:
CHIARA

Complimenti per l'iniziativa. Però, vorrei far notare che l'articolo mette in evidenza: “Le stelle di Natale sono una delle eccellenze del polo floricolo di Pescia" e che sono state donate per i medici e gli infermieri del San Jacopo. Mi rincresce che anche questa volta l'ospedale di Pescia passi in secondo piano, ingiustamente, avendo portata avanti tutta l'attività sanitaria no covid correlata nella prima ondata. Nella seconda ondata si è allestito un reparto covid anche a Pescia. Nell'articolo si parla solo di medici e di infermieri, l'ospedale è fatto da tantissime figure professionali che fanno la loro parte per mandare avanti il meccanismo sanità e che spesso sono dimenticate.