Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 03:06 - 04/6/2020
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

È vero bibbi sono poverino , ma non mi devi abbandonare per questo.
Ci provo a far ridere ma non riesco mai ad eguarglirti. Tu sei irraggiungibile bibbi. Tu sei il mio punto di riferimento, il mio .....
CALCIO

La società Larcianese comunica di aver raggiunto l’accordo con il l’allenatore che guiderà la squadra nella prossima stagione sportiva.

RALLY

Motori accesi al 1° Virtual Rally Valdinievole e Montalbano. Dal 1° giugno e per tutta la settimana, le strade della provincia di Pistoia saranno proiettate in un confronto che ha richiamato un plateau di partecipanti di assoluto livello. 

BASKET

La prima novità in casa Nico è la collaborazione con l’Associazione “Anna Maria Marino”, avvenuta già a fine della scorsa stagione grazie alla Dottoressa Jacqueline Magi che ne è Presidente Onorario. 

RALLY

Sull’onda dell’entusiasmo riscontrato dal primo approccio “virtuale” di molte delle realtà motoristiche più importanti a livello nazionale, le scuderie Jolly Racing Team e Art Motorsport 2.0 hanno deciso di organizzare il 1° Virtual Rally della Valdinievole e del Montalbano.

BASKET

Scegli il rossoblu di sempre. Quanto sei attaccato ai colori rossoblu? Chi è il giocatore che ti ha fatto sognare? È arrivato il momento di eleggere il giocatore rossoblu italiano di sempre.

CICLISMO

Dieci candeline, oltre 30 000 euro donati in beneficenza e tante soddisfazioni e emozioni. Parliamo dell’Avis Bike Pistoia, società ciclistica amatoriale e organizzatrice della Gran Fondo Edita Pucinskaite.

RALLY

Jolly Racing Team e Laserprom 015 annunciano che il 36° Rally della Valdinievole, anticipato al 2 e 3 maggio dalla data di origine di una settimana dopo nel calendario sportivo, viene rinviato a data da destinarsi.

BASKET

Pur essendo nell’aria ormai da settimane, la notizia della chiusura anticipata dei campionati è stata una bella botta su un duplice piano: sanitario, poiché ha denotato che la situazione sanitaria anziché migliorare stava peggiorando.

none_o

La recensione della settimana da parte della libreria Mondadori è dedicata a un libro di Matteo Bussola.

none_o

Copit ha presentato, presso la sua sede di Pistoia, il volume “Archivio storico della Ferrovia Alto Pistoiese - Appendice”.

Oggi il popolo decide
col suffragio universale
quale sia la .....
FILATELIA
di Giancarlo Fioretti

Il valore filatelico sarà presentato il 24 maggio.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Tutto ebbe inizio il 10 aprile 1912 con la partenza del Titanic dal porto di Southampton.

Smarrita chiavetta usb marca Lexar bianca con tappo arancione. .....
cerco qualsiasi mansione x impegno mia giornata sono dinamico .....
LARCIANO
Il ricordo di due artigiani delle erbe palustri: intrecciavano cesti e impagliavano sedie

29/12/2010 - 15:45

Il Padule di Fucecchio non è fatto solo di paesaggi, piante e animali rari, ma anche di storie e tradizioni: dalle vicende legate alle grandi famiglie dei Medici e dei Lorena alle attività degli uomini che fino ai nostri giorni hanno vissuto il Padule e le sue risorse.
Per questo vogliamo concludere l’anno ricordando Leopoldo Cecchi e Maggiorino Papini, due fra gli ultimi artigiani delle erbe palustri, che sono scomparsi nel giro di pochi mesi lasciando un vuoto incolmabile di memorie ed esperienze del Padule.
Personaggi diversi e a loro modo unici, entrambi collaboravano con il Centro di Ricerca, ed erano fra i protagonisti della Festa delle Erbe Palustri ma anche degli incontri sull’intreccio ed impagliatura organizzati con gli adulti e con le classi scolastiche.
Oltre a tante immagini, ci hanno lasciato lunghe interviste raccolte dal Centro e parzialmente pubblicate alcuni anni fa nel libro “Uomini del Padule”; grazie a queste interviste, li possiamo oggi ricordare attraverso le loro stesse testimonianze.
Leopoldo Cecchi, classe 1920, era specializzato nel “rinvestire” le sedie con il “sarello”, una delle più caratteristiche piante palustri; era nato in una famiglia dove “si lavorava da contadini e poi quando arrivava l’estate, per farsi una camicia s’andava in Padule a lavorare al sarello” ed aveva imparato a fare le seggiole da uno zio e osservando gli altri “sarellai” che venivano da fuori.
Un’arte, quella di impagliare le sedie, che Leopoldo tramandava con grande passione, sempre pronto a condividere le proprie conoscenze con tutti gli interessati, e al tempo stesso con l’umiltà di chi ha sempre qualcosa di nuovo da imparare.
D’altra parte, come diceva, a tanti “gli garberebbe rinvestì le sedie ma si credano che rinvestì una seggiola sia un lampo, come mangià un gelato”; bastava vedere la qualità delle sedie impagliate da Leopoldo per capire quanto avesse ragione.
Maggiorino Papini, classe 1926, intrecciava cesti utilizzando salici, “gaggìe” ed altri arbusti che crescono ai margini della palude; anche lui figlio di contadini, aveva imparato da uno zio a fare ceste e panieri da ragazzo, negli anni trenta, quando i vivaisti venivano a prendere al Cintolese le ceste di salice per invasare, e non aveva mai smesso, neppure quando lavorava in cava.
Istrionico e sempre pronto alla battuta, Maggiorino mentre lavorava era sempre un fiume in piena, ritenendo che chi lo osservava dovesse essere reso partecipe non soltanto delle tecniche di intreccio, ma anche della sua personale visione del mondo.
“Io penso che ci sia dei lavori che siano peggio – sosteneva Maggiorino - dicevano che il peggio era il padule, ma per l’aria, per la respirazione dell’aria e per tutto, era troppo meglio, ora t’infilano in una fabbrica, tu stai lì par che tu sia un robotte”.
Con la morte di Leopoldo e Maggiorino abbiamo perso molto, ma la loro grandezza sta anche nell’essere riusciti, negli ultimi anni, a trasmettere le proprie esperienze ad alcuni allievi che per fortuna potranno tramandare nel tempo l’arte delle erbe palustri.

Fonte: Centro Documentazione Padule di Fucecchio
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: