Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 15:01 - 22/1/2020
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Se tu sei il rappresentante tipo della volontà popolare , siamo del gatto .
Durante il Regno , l'esercizio del voto era almeno collegato a certe caratteristiche : Una istruzione minima oppure una .....
BASKET

Nona vittoria stagionale, su 11, per gli Augies Montecatini nel campionato di A1 Uisp del comitato di Pistoia-Prato.

BASKET

Il campionato di serie D è al giro di boa e la Gioielleria Mancini ospita il forte Cus Pisa che all’andata inflissero una sconfitta ai ciabattini nella partita di esordio in campionato.

BOCCE

Le 3 star dell’alta classifica, Civitanovese-Cofer Metal Marche e Oikos Fossombrone continuano a non perdere colpi e hanno tutte pareggiato rimandando l’assegnazione della prima piazza al 29 febbraio prossimo.

PODISMO

Grande succeso, sia organizzativo che di partecipazione, ha ottenuto la terza edizione della ‘’Montecatini Half Marathon’’.

CALCIO

Il Valdinievole Montecatini coi suoi 23 punti ospita alle 14,30 al Mariotti la Pontremolese (20 punti).

DANZA SPORTIVA

Sabato 18 e domenica 19 gennaio il Palaterme torna a essere al centro della danza sportiva mondiale.

BOCCE

Bocciofila Montecatini chiamata a vincere e convincere. Mancano 4 turni alla fine di questo interessante campionato tosco-marchigiano.

BOCCE

A Scandicci si disputa la Coppa città di Scandicci, gara regionale individuale che vede ai nastri di partenza 154 formazioni.

none_o

Più ispirato che mai, Fabio Genovesi torna a farci sognare con la sua scrittura unica.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Jeffrey Archer.

Soffioni

Impalpabili infiorescenze di sambuco
soavi di luce .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Altopascio, 16.000 abitanti, è da considerare parte integrante della Valdinievole.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Ricordi dell'associazione dilettantistica calcio Montecatini.

Cerco elettricista x piccolo lavoro di manutenzione citofono .....
Cercasi coinquilina studentessa solo ragazze
Appartamento sito .....
LARCIANO
Il ricordo di due artigiani delle erbe palustri: intrecciavano cesti e impagliavano sedie

29/12/2010 - 15:45

Il Padule di Fucecchio non è fatto solo di paesaggi, piante e animali rari, ma anche di storie e tradizioni: dalle vicende legate alle grandi famiglie dei Medici e dei Lorena alle attività degli uomini che fino ai nostri giorni hanno vissuto il Padule e le sue risorse.
Per questo vogliamo concludere l’anno ricordando Leopoldo Cecchi e Maggiorino Papini, due fra gli ultimi artigiani delle erbe palustri, che sono scomparsi nel giro di pochi mesi lasciando un vuoto incolmabile di memorie ed esperienze del Padule.
Personaggi diversi e a loro modo unici, entrambi collaboravano con il Centro di Ricerca, ed erano fra i protagonisti della Festa delle Erbe Palustri ma anche degli incontri sull’intreccio ed impagliatura organizzati con gli adulti e con le classi scolastiche.
Oltre a tante immagini, ci hanno lasciato lunghe interviste raccolte dal Centro e parzialmente pubblicate alcuni anni fa nel libro “Uomini del Padule”; grazie a queste interviste, li possiamo oggi ricordare attraverso le loro stesse testimonianze.
Leopoldo Cecchi, classe 1920, era specializzato nel “rinvestire” le sedie con il “sarello”, una delle più caratteristiche piante palustri; era nato in una famiglia dove “si lavorava da contadini e poi quando arrivava l’estate, per farsi una camicia s’andava in Padule a lavorare al sarello” ed aveva imparato a fare le seggiole da uno zio e osservando gli altri “sarellai” che venivano da fuori.
Un’arte, quella di impagliare le sedie, che Leopoldo tramandava con grande passione, sempre pronto a condividere le proprie conoscenze con tutti gli interessati, e al tempo stesso con l’umiltà di chi ha sempre qualcosa di nuovo da imparare.
D’altra parte, come diceva, a tanti “gli garberebbe rinvestì le sedie ma si credano che rinvestì una seggiola sia un lampo, come mangià un gelato”; bastava vedere la qualità delle sedie impagliate da Leopoldo per capire quanto avesse ragione.
Maggiorino Papini, classe 1926, intrecciava cesti utilizzando salici, “gaggìe” ed altri arbusti che crescono ai margini della palude; anche lui figlio di contadini, aveva imparato da uno zio a fare ceste e panieri da ragazzo, negli anni trenta, quando i vivaisti venivano a prendere al Cintolese le ceste di salice per invasare, e non aveva mai smesso, neppure quando lavorava in cava.
Istrionico e sempre pronto alla battuta, Maggiorino mentre lavorava era sempre un fiume in piena, ritenendo che chi lo osservava dovesse essere reso partecipe non soltanto delle tecniche di intreccio, ma anche della sua personale visione del mondo.
“Io penso che ci sia dei lavori che siano peggio – sosteneva Maggiorino - dicevano che il peggio era il padule, ma per l’aria, per la respirazione dell’aria e per tutto, era troppo meglio, ora t’infilano in una fabbrica, tu stai lì par che tu sia un robotte”.
Con la morte di Leopoldo e Maggiorino abbiamo perso molto, ma la loro grandezza sta anche nell’essere riusciti, negli ultimi anni, a trasmettere le proprie esperienze ad alcuni allievi che per fortuna potranno tramandare nel tempo l’arte delle erbe palustri.

Fonte: Centro Documentazione Padule di Fucecchio
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: